Qualche info su Mattia Santori, leader delle Sardine

DI AUGUSTO DE SANCTIS

facebook.com

Nel manifesto delle Sardine c’è un riferimento alla bellezza. Sacrosanto.
Poi leggo che il cosiddetto leader MattiaSantori è uno degli autori del mitico “Coesistenza tra Idrocarburi e Agricoltura, Pesca e Turismo in Italia”, scritto con i petrolieri (Assomineraria) per sdoganare le trivelle in Italia.
Noi abruzzesi lo conosciamo bene questo testo in quanto nella lotta contro il megaprogetto petrolifero Ombrina Confindustria locale lo usò a piene mani per sostenere la compatibilità dell’intervento che avrebbe reso l’Abruzzo nero petrolio. Ora grazie a quella lotta abbiamo la ciclabile costiera e un mare, almeno in quel tratto, sgombro (giacché parliamo di pesci) da piattaforme.
Lo stesso Santori è autore di diversi altri illuminanti pezzi sul petrolio (due tra gli altri: “Sblocca Italia e trivellazioni. Novità, rivendicazioni, dati di fatto” e “Non solo Nimby, in Basilicata c’è chi dice sì”) che la dicono lunga sulla “giovinezza” e “leggerezza” del soggetto, in piena epoca di cambiamenti climatici.
Vecchio dentro, mi verrebbe da dire.


Tra l’altro, e non credo sia un omonimo visti i sostenitori (è un allievo del prof. Clò), fece appello contro il sì al referendum sulle trivelle. Un testo da leggere, oggi, con la crisi dei cambiamenti climatici che sta massacrando il nostro paese (https://formiche.net/…/referendum-no-triv-17-aprile-idroca…/).
Vedremo se gli altri sostenitori del neonato movimento (con il massimo rispetto per chi si mobilita) avranno le stesse posizioni o meno sul tema ambiente, se considereranno una forma di “bellezza” una grande trivella piazzata nel nostro mare.

 

Augusto De Sanctis

Fonte: www.facebook.com

Link: https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10218469235495092&set=a.1487028728609&type=3&theater

26.11.2019

8 Comments
  1. Davide says

    Petrosardine – i trascorsi trivellisti della sardina Santori. Pesci petrolizzati nella Basilicata dove per il capo-sardina servono più trivelle.

    Le sardine sono una garanzia a 360 gradi. Non si fanno e non ci fanno mancare niente. Sono ecumenici, come “il manifesto”: dagli operai della Whirlpool alla Hillary Clinton del linciaggio della Libia e di Gheddafi. Pensate cosa ha scoperto il Professore di Diritto Costituzionale di Teramo, Enzo Di Salvatore, leader del movimento anti-idrocarburi No Triv (lo trovate da me intervistato anche sul docufilm “O la Troika o la vita”), oltre alle già note ascendenze renzian-piddine del caposardina fiorentino, Bernard Dika. Tre delle quattro sardine che hanno dato vita al fiancheggiamento dell’ultradestra PD-Italia Viva nelle prossime elezioni, lavorano con, o hanno a che fare con le compagnie dell’energia. Di cui poco agli anti-idrocarburi Fridays For Future sembra calare. Non vale a compremettere l’unità anti-populisti e anti-sovranisti.

    Mattia Santori, subcomandante bolognese, nel 2014 si entusiasmò per lo Sblocca Italia di Renzi, culmine di ogni devastazione ambientale, più trivelle nella martoriata Basilicata e dappertutto, inceneritori e impianti energetici a gogò e militarizzati come strategici. Chi le contrasta è un disertore. Nel 2016 sostenne il sabotaggio del referendum contro le trivelle che squarciano Italia e Adriatico e a manetta per TAP e Grandi Opere. Un vero eroe della devastazione ambientale al servizio dei Grandi e Grossi. Non per nulla impazza in tv su onde di banalità sloganiste e vuoti politici e “il manifesto” gli ha lubrificato un’intervista degna di Rockefeller-Exxon, o George Soros (ve ne daremo conto prossimamente)-

    Fulvio Grimaldi
    Fonte: https://fulviogrimaldi.blog
    Link: https://fulviogrimaldi.blog
    29.11.2019

    Estratto da:

    Rivolte dei signori(ni): tra le rose del clima e le viole di Hong Kong anche le
    petrosardine ci stan bene —- MES NAZIONICIDA ED ELEZIONI CAPESTRO: I
    5STELLE DA BENE MAGGIORE A MALE MINORE

  2. Edoxxx says

    Una volta li chiamavano organici al potere, perché adesso nessuno usa questi vocaboli?

  3. Holodoc says

    Ok, che si trattasse di un nuovo Regeni, di un pupillo di qualche stimato prof (il ché è sinonimo di massoneria e PD) non c’era neanche da scomodarsi a cercarlo.

    Però sulle trivelle e le infrastrutture non è che le ragioni siano tutte contro.

    Se voti NO alle trivelle in Adriatico allora il giorno dopo devi buttare via l’auto, altrimenti sei un ipocrita razzista a cui sta bene che venga inquinato il golfo persico o la Nigeria ma non casa tua.

    Lo stesso vale per le infrastrutture a prescindere. Pensare di vivere agiatamente e di pretendere “lo sviluppo” in un paese già sovrappopolato e con il territorio frastagliato come l’Italia senza riempirlo di viadotti e gallerie è doppiamente idiota e doppiamente ipocrita.
    La Calabria ha vissuto questa estate un vero e proprio boom turistico per merito del potenziamento della A2.

  4. Primadellesabbie says

    Il serpente, pardon il capitone, che si morde la coda, nell’occasione l’insulsaggine che si propone in politica con tanta arroganza che reincontra se stessa nella fase iniziale.

    E il cerchio si chiude, elegantemente.

  5. MONDO FALSO says

    Prenderà soldi dalla Elite ebraica che ci comanda ( soros ecc…. )

  6. fabio franceschini says

    Piccoli servi crescono! Non mi interessa neppure leggere l’articolo. Questo è il frutto dell’ennesimo casting politico! Minimo ce lo ritroveremo in parlamento. Non ha niente da dire e infatti neppure si prova a dirlo . Il 5s per lo meno faceva finta di essere contro il sistema di potere anche se alla prova dei fatti si sono trasformati nei pretoriani dell’ortodossia eurocratica e sorosiana! Le sardine ,dimostrando maggiore onestà ma anche disprezzo per quello che l’immenso Giulio sapelli defisce il popolo degli abissi, scendono in campo senza se e senza ma a difesa di quella stessa ortodossia. La domanda che mi faccio io è se questo movimento sia nato per sostituire i classici difensori del potere con la P maiuscola ,democratici con i loro vari cespugli e ormai i 5s, oppure affiancarli nel tentativo di mobilitare con l’effetto novità quei delusi di sx che, delusi anche dal 5s, si rifugiano nell’astensionismo? Nell’ un caso e nell’altro una cosa le sardine l’hanno capita : tra dire la sgradevole verità sulla propria natura e dire bugie con le gambe molto corte preferiscono non dire niente . Trovo l’appellativo sardine sempre più calzante a questo movimento : muti nell’esprimere idee che non hanno né potrebbero avere e costretti a vivere e muoversi in branco guidati da una sorta di intelligenza esterna (chissà di chi sarà? mah!?!)per poter avere qualche speranza di poter vivere e riprodursi!

  7. MarioG says

    Allora rivaluto le sardine!

    Ora grazie a quella lotta abbiamo la ciclabile costiera e un mare, almeno in quel tratto, sgombro

    Se la vetta delle aspirazioni politiche e pubblico-amministrative sono le “ciclabili”, allora va bene tutto, anche le sardine!

    PS. Spero almeno che si tratti di ciclabile non asfaltata. Anch’io, a parte il resto, preferisco il selciato

  8. chimbi dfe says

    ‘Sto Santori mi sembra un biscotto Bucaneve.

Comments are closed.