Psicosi di massa: come creare un’epidemia di malattia mentale

 

Dr. Joseph Mercola – 18 agosto 2021

 

Il video di 20 minuti qui sotto, “Mass Psychosis – How an Entire Population Becomes Mentally Ill,” creato da After Skool e Academy of Ideas (1), è un’affascinante illustrazione di come sia possibile indurre la psicosi di massa.

La psicosi di massa è definita come “un’epidemia di follia” che si verifica quando una “grande parte della società perde il contatto con la realtà e scende nel delirio”.

Un classico esempio storico di psicosi di massa è la caccia alle streghe che si verificò nelle Americhe e in Europa durante i secoli XVI e XVII, quando decine di migliaia di persone, soprattutto donne, furono torturate, affogate e bruciate vive sul rogo. L’ascesa del totalitarismo nel 20° secolo è un esempio più recente di psicosi di massa.

 

 

Il peggior nemico dell’uomo

Come si nota nel video:

“Le masse non hanno mai avuto sete di verità. Si allontanano dall’evidenza che non è di loro gusto, preferendo divinizzare l’errore, se l’errore le seduce. Chiunque possa fornire loro delle illusioni è facilmente il loro padrone; chi cerca di distruggere le loro illusioni è sempre la loro vittima”.

Questa è una citazione attribuita a Gustave Le Bon, uno psicologo sociale francese famoso per il suo studio delle folle. Il suo libro “The Crowd: A Study of the Popular Mind” (La folla: uno studio della mente popolare) (2) scava profondamente nelle caratteristiche delle folle umane e di come, quando sono riunite in gruppo, le persone tendano a rinunciare alla deliberazione cosciente in favore di un’azione inconscia della folla. Allo stesso modo, lo psicologo Carl Jung una volta affermò:

“Non sono le carestie, non i terremoti, non i microbi, non il cancro, ma l’uomo stesso il più grande pericolo per l’uomo, per la semplice ragione che non esiste una protezione adeguata contro le epidemie psichiche, che sono infinitamente più devastanti della peggiore delle catastrofi naturali”.

Quando una società sprofonda nella follia, i risultati sono sempre devastanti. Jung, che ha studiato le psicosi di massa, ha scritto che gli individui che compongono la società colpita “diventano moralmente e spiritualmente inferiori“. Diventano “irragionevoli, irresponsabili, emotivi, erratici e inaffidabili“.

Peggio ancora, una folla psicotica si impegna in atrocità che qualsiasi individuo solitario all’interno del gruppo normalmente non prenderebbe mai in considerazione. Eppure, attraverso tutto questo, le persone colpite rimangono inconsapevoli della loro condizione e non possono riconoscere l’errore nei loro modi.

 

Quali sono le cause della psicosi di massa?

 Per capire come sia possibile portare un’intera società alla follia, bisogna prima capire cosa spinge un dato individuo alla follia. A parte l’abuso di droghe o alcol, o una lesione cerebrale, la psicosi è tipicamente innescata da fattori psicogeni, cioè da influenze che hanno origine nella mente.

Uno dei fattori psicogeni più comuni che possono scatenare la psicosi è un’ondata di emozioni negative, come la paura o l’ansia, che portano la persona in uno stato di panico. Quando si è nel panico, l’inclinazione naturale è quella di cercare sollievo. Un individuo psicologicamente resiliente può adattarsi affrontando la sua paura e alla fine sconfiggerla.

Un altro meccanismo di resilienza è una pausa psicotica. Come spiegato nel video, una pausa psicotica non è la discesa nel caos, ma piuttosto un riordino del proprio mondo esperienziale in un modo che mescola fatto e finzione, realtà e illusioni, in modo tale da ripristinare un senso di controllo viene ripristinato e porre fine al panico. Le fasi psicogene che portano alla follia possono essere riassunte come segue:

  1. Fase del panico: l’individuo comincia a percepire il mondo intorno a sé in un modo diverso e si spaventa per questo. C’è una minaccia percepita, che sia reale, inventata o immaginata. La confusione cresce poiché non riesce a trovare un modo per spiegare razionalmente gli strani avvenimenti che si verificano attorno a lui.
  2. Fase di intuizione (*) psicotica: l’individuo riesce a spiegare la sua esperienza anormale del mondo inventando un modo illogico ma magico di vedere la realtà. Si usa il termine “intuizione”, perché il pensiero magico permette all’individuo di uscire dal panico e di ritrovare un senso. Tuttavia, l’intuizione è psicotica, perché si basa su deliri. Proprio come un individuo psicologicamente debole e vulnerabile può essere portato alla follia, così grandi gruppi di persone deboli e vulnerabili possono cadere nella follia e nel pensiero magico.

 

Il totalitarismo è una società costruita sui deliri

Nel 20° secolo, abbiamo visto un aumento del totalitarismo, definito dal professore e studioso di studi religiosi Arthur Versluis come:

“Il fenomeno moderno del potere statale centralizzato totale accoppiato con l’obliterazione dei diritti umani individuali: nello stato totalitarizzato, ci sono gli individui al potere e le masse oggettivate, le vittime”.

In una società totalitaria, ci sono due classi: i governanti e i governati, ed entrambi i gruppi subiscono una trasformazione patologica. I governanti sono innalzati a uno status divino in cui non possono sbagliare – una visione che porta facilmente alla corruzione e al comportamento immorale – mentre i governati sono trasformati in soggetti dipendenti, il che porta alla regressione psicologica.

Joost Meerloo, autore di “Rape of the Mind” (Lo stupro della mente), paragona le reazioni dei cittadini che vivono negli stati totalitari a quelle degli schizofrenici. Sia i governanti che i governati sono malati. Entrambi vivono in una nebbia delirante, poiché l’intera società e le sue regole sono sostenute dal pensiero delirante.

Come notato nel video, solo gli illusi regrediscono ad uno stato infantile di totale sottomissione, e solo una classe dirigente illusa crederà di possedere la conoscenza e la saggezza per controllare la società con un approccio dall’alto verso il basso. E solo una persona illusa crederà che un’élite affamata di potere, che governa una società mentalmente regredita, non porterà ad altro che alla sofferenza di massa e alla rovina finanziaria.

La psicosi di massa che è il totalitarismo inizia all’interno della classe dirigente, poiché gli individui all’interno di questa classe sono facilmente innamorati delle illusioni che aumentano il loro potere. E nessuna illusione è più grande dell’illusione di poter, e di dover – anzi, di essere destinati a – controllare e dominare tutti gli altri.

Sia che la mentalità totalitaria prenda la forma del comunismo, del fascismo o della tecnocrazia, un’élite al potere che ha ceduto alle proprie manie di grandezza si accinge a indottrinare le masse alla propria contorta visione del mondo. Per realizzare questa riorganizzazione della società basta la manipolazione dei sentimenti collettivi.

 

Uccidere la mente

Menticidio è un termine che significa “uccisione della mente”, ed è un modo antico di controllare le masse uccidendo sistematicamente lo spirito umano e il libero pensiero. È un sistema attraverso il quale l’élite al potere imprime la propria delirante visione del mondo nella società.

Una società viene preparata per il menticidio attraverso la semina intenzionale della paura. Un modo particolarmente efficace per indurre paura e panico che sfocia in psicosi è lo scatenarsi di ondate di terrore, e non importa se il “terrore” in questione è reale o fittizio. La tecnica delle onde di terrore può essere tracciata come un modello di onda crescente in cui ogni fase di paura è seguita da una fase di calma.

“Rapporti contraddittori, raccomandazioni insensate e bugie palesi sono dispiegate intenzionalmente, poiché aumentano la confusione. Più una popolazione è confusa, maggiore è lo stato di ansia, che riduce la capacità della società di far fronte alla crisi. Man mano che la capacità di far fronte alla crisi si inaridisce, maggiori sono le possibilità che si sviluppi una psicosi di massa.”

Dopo un breve periodo di calma, il livello di minaccia si alza di nuovo, con ogni fase di paure più intensa della precedente. La propaganda – notizie false e fuorvianti – viene usata per abbattere le menti delle masse e, con il passar del tempo, diventa sempre più facile controllare tutti mentre la confusione e l’ansia lasciano il posto al pensiero magico e all’intuizione psicotica, presentati dai media come soluzioni.

Rapporti contraddittori, raccomandazioni insensate e bugie palesi sono distribuiti intenzionalmente, poiché aumentano la confusione. Più una popolazione è confusa, maggiore è lo stato di ansia, che riduce la capacità della società di far fronte alla crisi. Come la capacità di far fronte alla crisi appassisce, maggiori sono le possibilità che si sviluppi una psicosi di massa.

Come notato nel video, “la confusione aumenta la suscettibilità ad una discesa nei deliri del totalitarismo“. O, come ha notato Meerloo nel suo libro:

“È possibile affrontare la logica con la logica, ma non è possibile affrontare l’illogicità. Essa confonde coloro che pensano in modo corretto. La grande menzogna e le sciocchezze ripetute monotonamente hanno più un appello emotivo … che la logica e la ragione. Mentre la gente sta ancora cercando una ragionevole controargomentazione alla prima bugia, i totalitari possono assalirla con un’altra”.

 

L’ascesa della tecnocrazia

Ciò che distingue il totalitarismo moderno dai precedenti stati totalitari è la tecnologia. I mezzi per incutere paura e manipolare il pensiero della gente non sono mai stati così efficienti ed efficaci. TV, internet, smartphone e social media sono tutte fonti di informazione al giorno d’oggi, ed è più facile che mai controllare il flusso di queste informazioni.

Gli algoritmi filtrano automaticamente le voci della ragione e del pensiero razionale, sostituendole invece con narrazioni di paura. Le tecnologie moderne hanno anche qualità che creano dipendenza, così che molti si espongono volontariamente al lavaggio del cervello. Commentando la dipendenza dell’uomo dalla tecnologia, Meerloo nota:

“Nessun riposo, nessuna meditazione, nessuna riflessione, nessuna conversazione. I sensi sono continuamente sovraccaricati di stimoli. L’uomo non impara più a interrogare il suo mondo. Lo schermo gli offre risposte già fatte”.

 

Isolamento – uno strumento per indurre la psicosi di massa

A parte l’assalto del “fearmongering” (seminare il terrore) e della falsa propaganda, lo strumento definitivo per indurre la psicosi è l’isolamento. Quando si è privati di regolari interazioni sociali e discussioni, si diventa più suscettibili ai deliri per una serie di ragioni:

a) – Si perde il contatto con le forze correttive di esempi positivi, modelli di pensiero e comportamento razionale. Non tutti sono ingannati dai tentativi di lavaggio del cervello dell’élite dominante, e queste persone possono aiutare a liberare gli altri dai loro deliri. Quando si è isolati, il potere (e l’esempio) di queste persone diminuisce notevolmente.

b) – Come per gli animali, è significativamente più facile manipolare il comportamento umano quando l’individuo è tenuto in isolamento. Come la ricerca sugli animali ha scoperto, i riflessi condizionati si sviluppano più facilmente in un laboratorio tranquillo e isolato, in cui solo un minimo di stimoli distoglie dall’indottrinamento.

Quando si vuole addomesticare un animale selvatico, è necessario isolare l’animale e ripetere pazientemente un particolare stimolo fino ad ottenere la risposta desiderata. Gli esseri umani possono essere condizionati nello stesso modo. Sola, confusa e colpita da ondate di terrore, una società in cui le persone sono tenute isolate l’una dall’altra discende nella follia mentre il pensiero razionale viene cancellato e sostituito dal pensiero magico.

Una volta che una società è saldamente nella morsa della psicosi di massa, i totalitari sono liberi di fare l’ultimo, decisivo passo: Possono offrire una via d’uscita, un ritorno all’ordine. Il prezzo è la vostra libertà. Dovete cedere il controllo di tutti gli aspetti della vostra vita ai governanti, perché se non verrà loro concesso il controllo totale, non saranno in grado di creare l’ordine che tutti desiderano.

Questo ordine, però, è patologico, privo di ogni umanità. Elimina la spontaneità che porta gioia e creatività nella vita, esigendo una stretta conformità e una cieca obbedienza.

E nonostante la promessa di sicurezza, una società totalitaria è intrinsecamente paurosa. È stata costruita sulla paura ed è anche mantenuta da essa. Quindi, rinunciare alla propria libertà per la sicurezza e un senso di ordine porterà solo a più della stessa paura e ansia che ha permesso in primo luogo ai totalitari di ottenere il controllo.

 

Come si può invertire la psicosi di massa?

 

Si può prevenire il totalitarismo? È possibile invertire gli effetti della psicosi di massa? Sì, ma proprio come l’approccio menticida è multiforme, così deve essere la soluzione. Per aiutare a restituire la sanità mentale a un mondo folle, prima bisogna centrare se stessi e vivere in modo tale da fornire ispirazione agli altri per seguire. Come notato da Jung:

“Non per niente la nostra epoca invoca la personalità redentrice, colui che può emanciparsi dalla morsa della psicosi collettiva e salvare almeno la propria anima, che accende un faro di speranza per gli altri, proclamando che qui c’è almeno un uomo che è riuscito a liberarsi dalla fatale identità con la psiche del gruppo”.

Successivamente, è necessario condividere e diffondere la verità – il contraltare della propaganda – il più lontano possibile. Poiché la verità è sempre più potente delle bugie, il successo della propaganda si basa sulla censura della verità. Un’altra tattica è quella di usare l’umorismo e il ridicolo per delegittimare l’élite al potere.

Una strategia proposta da Vaclav Havel, un dissidente politico che divenne presidente della Cecoslovacchia, è chiamata “strutture parallele”. Una struttura parallela è qualsiasi tipo di attività, organizzazione, tecnologia, movimento o ricerca creativa che si adatta a una società totalitaria pur essendone moralmente al di fuori.

Una volta create abbastanza strutture parallele, nasce una cultura parallela che funziona come un santuario di sanità mentale all’interno del mondo totalitario. Havel spiega questa strategia nel suo libro “Il potere dei senza potere”.

Ultimo, ma non meno importante, per prevenire la discesa nella follia totalitaria, è necessario che quante più persone possibile intraprendano un’azione sana e razionale. Le élite totalitarie non se ne stanno sedute a girarsi i pollici, sperando e bramando di aumentare il proprio potere e controllo. No. Stanno attivamente operando per consolidare la propria posizione. Per difendersi da loro, gli aspiranti governati devono essere altrettanto attivi e risoluti nella loro controspinta verso la libertà.

Tutto questo può essere estremamente impegnativo quando le persone intorno a te soccombono alla psicosi collettiva. Ma. come disse una volta Thomas Paine:

“La tirannia, come l’inferno, non è facile da sconfiggere, ma noi abbiamo questa consolazione, che più duro è il conflitto, più glorioso è il trionfo”.

 

Link: https://articles.mercola.com/sites/articles/archive/2021/08/19/mass-psychosis.aspx?ui=59ed2e7639939da92ff0e3fd8a4becd1e38e467e8312fec7760fac1ab9753aaf&sd=20210422&cid_source=dnl&cid_medium=email&cid_content=art1HL&cid=20210819&mid=DM969267&rid=1239773929

 

Scelto e tradotto da Arrigo de Angeli per ComeDonChisciotte

 

 

Notifica di
13 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Mealuirao
Utente CDC
21 Agosto 2021 12:50

Qui di seguito i passaggi nel pensiero logico di chi si è vaccinato.

Problema: Esiste un virus pericoloso.
Soluzione: Esiste il vaccino per sconfiggere il virus.
Fine del ragionamento.

Considerazione del vaccinato:
Chi non si vaccina (dato il loop precedente) deve essere necessariamente stupido.
Si, stupido o pazzo. Perchè mette a rischio la salute delle persone care e gli sforzi fatti fino ad ora. 
Fine del ragionamento.

Predator.999
Utente CDC
21 Agosto 2021 13:12

La chiave per reagire alla psicosi di massa è tutta da ricercare in:

“È possibile affrontare la logica con la logica, ma non è possibile affrontare l’illogicità. Essa confonde coloro che pensano in modo corretto. La grande menzogna e le sciocchezze ripetute monotonamente hanno più un appello emotivo … che la logica e la ragione. Mentre la gente sta ancora cercando una ragionevole controargomentazione alla prima bugia, i totalitari possono assalirla con un’altra”.

Bisogna smetterla di cercare ragioni logiche ad azioni il cui fondamento è la pazzia criminale.

halak
Utente CDC
21 Agosto 2021 14:19
  1. Fase del panico: l’individuo comincia a percepire il mondo intorno a sé in un modo diverso e si spaventa per questo. C’è una minaccia percepita, che sia reale, inventata o immaginata. La confusione cresce poiché non riesce a trovare un modo per spiegare razionalmente gli strani avvenimenti che si verificano attorno a lui.


Minchia! Questo è capitato anche a me. Quello che non deve aver funzionato, è che non ho mai avuto paura del virus, ma delle misure contro il virus!

JA
Utente CDC
21 Agosto 2021 14:58

Per quanto apprezzi gli interessantissimi articoli medici del Dr Mercola, nella sua analisi politica mi pare invece più facilone. Tanto per cominciare, e restando solo in Italia, non riesco a vedere l’uomo (donne ancora meno) in grado di prendere in mano la situazione come i “dittatori” del passato. Hitler e Mussolini con meno voti di pagliacci impolitici come Berlusconi o Salvini, rivoltarono il loro paese da dentro a fuori, queste due comiche moderne furono voltati fuori dal governo senza colpo ferire. Nell’ingenua speranza in un voto futuro che, con gli attuali sondaggi, verrà rimandato per emergenza sanitaria. Quanto agli italiani, in Inghilterra, per mooolto meno della nostra tassa sul conto corrente, il più grande leader moderno (la Thatcher) perse il posto di governo. Per non parlare del fatto che, da 10 anni, siamo governati da sinistri governi abusivi e negli ultimi due da una dittatura sanitaria a suon di DCPM e non si sente voce tranne i blablati di una velleitaria opposizione “centroculista”. In altre nazioni (anche in quelle dove crediamo d’insegnare) già da anni ci sarebbe stata una rivolta in difesa della libertà ed il diritto e invece da noi anche i migranti illegali ci vengono a comandare nella… Leggi tutto »

Tito
Tito
21 Agosto 2021 17:02

L’essere umano vuole le comodità ed è disposto a cedere parte delle proprie libertà. Penso spesso che cederei parte delle mie comodità per avere in cambio maggior libertà. Non è facile a farsi considerando che sono nato in un’epoca di benessere e per giunta in occidente dove siamo abituati a non fare sacrifici. In realtà già da prima che arrivasse tutto sto schifo ho sempre pensato che mi sarebbe piaciuto fare un salto nel passato, quando la vita scorreva piu lenta e ci si avvaleva dei propri istinti per valutare il mondo e le situazioni. Penso anche che questa situazione abbia un lato positivo che è quello di spingere le persone verso la direzione in cui stanno già andando: chi andava verso il baratro ci si ritrova all’orlo.. chi voleva fare un passo indietro forse è arrivato il momento di farlo chissà.. Mio padre mi dice sempre che ho troppa fantasia e immaginazione.. forse ha ragione lui!

Ultimo aggiornamento 1 mese fa effettuato da Tito
emilyever
Utente CDC
21 Agosto 2021 17:23

Stamattina al telefono ragionavamo con lady dodi su questo interessante articolo e riferendolo alla situazione italiana lei ipotizzava però che almeno metà delle persone si sia vaccinata non perchè folle, ma perchè costretta, sia dall’obblogatorietà per legge sia dalla pressione dei colleghi di lavoro.Quindi ci sia, dietro la loro scelta, una presa in considerazione dei rischi, ma anche della necessità, per esempio, di mantenersi e mantenere una famiglia. Ci vuole coraggio e temerarietà per inventarsi un altro lavoro quando per tutta la vita si è fatto il medico, penso anch’io. Per chi ha scelto di vaccinarsi, invece, non per necessità economica, nessuna pietà, invece, secondo dodi

IlContadino
Utente CDC
Risposta al commento di  emilyever
22 Agosto 2021 7:15

A volte ritornano. Guarda un po’ se stamattina dovevo imbattermi sulle ipotesi della Siura de Berghem!! Cara Emily porta i miei omaggi all’esclusa, dille che chi si vaccina non lo fa per un qualsiasi motivo, se sapesse trovare una motivazione non lo farebbe, non esiste valida ragione per sottoporsi a questo esperimento. Non si danno conto di cosa stanno facendo, l’esperimento viene chiamato vaccino, e già qui ne freghi un po’, è incolore e inodore, ne freghi un altro po’, lo fanno tutti, quindi perché no?! te lo consigliano politici, medici e religiosi, ne prendi un’altra fetta, poi la truffa lavoro, sport e svago, ne aggiungi ancora, così via fino a riempire il calderone. Tutti coloro che si sono vaccinati non stanno osservando dalla giusta angolazione, non ce n’è uno che veda la cosa per quello che è, girano in tondo smarriti, ovattati all’esistenza. Ti ci puoi incazzare o li puoi compatire, cambia poco, loro hanno preso una non decisione, la tua sarà sempre una non reazione ad un non problema, solo le conseguenze saranno reali, vedi un po’ che paradosso

Ultimo aggiornamento 1 mese fa effettuato da IlContadino
Bertozzi
Utente CDC
Risposta al commento di  IlContadino
22 Agosto 2021 16:02

E la visiera di plexiglass?

arkalia
Utente CDC
21 Agosto 2021 17:52

Io vivevo piuttosto isolata prima e ho continuato a farlo /ho una certa età). Ciononostante non è che mi sia addormentata alle fandonie del potere dominante, anche perchè mi sono sempre interessata nelle letture a quel mondo “sotterraneo” che ora sembrerebbe uscito allo scoperto. Resterà nascosto: questi sono solo o lavapiatti, o camerieri o maggiordomi ecc. Comunque all’inizio stentavo a credere a una menzogna così criminale e nemmeno che i media fossero così perfettamente allineati, senza la benchè minima sbavatura. E proprio dai media ho estratto la conferma che la faccenda era particolarmente pericolosa, non per il covid, come si sgolavano a inculcare nella mente degli ignari ascoltatori , ma per la nostra libertà. E allora ho spento la televisione senza pietà. E’ incredibile ma, purtroppo, è vero che non esiste al momento in Italia (ma anche in altri stati europei) un apparato dello Stato libero. L’articolo è molto bello ed espone magnificamente la nostra realtà, purtroppo.

gix
Utente CDC
21 Agosto 2021 22:10

La paura costante, le informazioni contraddittorie edi illogiche, la confusione generale che genera ansia, certamente sono tutti elementi che contribuiscono a privare le persone deboli della propria capacità di raziocinio e del proprio senso critico, queste cose erano abbastanza note. Ma l’attenzione ai particolari, le contraddizioni apparenti e presumibilmente non gestibili, gli imprevisti non tacitati in tempo, aiutano senz’altro a capire almeno con chi si ha a che fare, cosa che serve inizialmente per ricostruire un punto di vista ragionevole ed efficace per scoprire la menzogna. Ricordo che, quando tutto è cominciato (non avendo, come tutti, alcun elemento ne particolari capacità per capire cosa stava accadendo), due elementi soprattutto mi hanno colpito. La rapidità con cui alcuni pagliacci della politica e dell’informazione passarono dall’ “abbracciamo un cinese” e “aperitivo libero con tutti e per tutti”, alla chiusura totale, senza nemmeno spiegare cosa stava realmente accadendo. Il secondo elemento fu la pressoche totale ed uniforme reazione anche negli altri paesi, subito dopo l’Italia. Ci sarebbe un terzo elemento, l’avvio del lockdown formale l’11 di marzo, data tristemente ricorrente per certe tipologie di eventi, ma ovviamente senza alcun riscontro concreto. Personalmente considero l’ironia (anche la satira, la dove permessa…) l’arma più potente… Leggi tutto »

Ultimo aggiornamento 1 mese fa effettuato da gix
RenatoT
Utente CDC
22 Agosto 2021 3:08

C’era la traduzione… ho visto prima il video. Molto bello 🙂 Grazie

13
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x