Per favore, salviamo la lingua italiana!

DI CARLO BERTANI

carlobertani.blogspot.com

La lingua, come percezione diffusa, non viene considerata patrimonio, bensì mezzo. Ed è un grosso errore poiché, se pur vero che è il mezzo per comunicare, quando si sedimenta costituisce l’involucro, il contenitore di una cultura, il “pozzo” da cui attingere per sapere chi siamo, chi eravamo. E, per certi aspetti – come una moneta – la lingua coincide con una popolazione: è una sorta di “presentazione” sul palcoscenico internazionale.

La lingua più antica della Terra, tuttora in uso, è il cinese mandarino, chiamato anche lingua sino-tibetana: sarà un caso che la più antica lingua ancora in uso della Terra si presenti oggi sulla scena come il futuro deus ex machina del Pianeta?

E come sta la lingua italiana?

Sta, ma non sta troppo bene, e qui voglio chiarire subito che non si tratta delle nuove espressioni gergali – ad esempio, l’onnipresente “tipo” del linguaggio giovanile – che, in realtà, rendono viva una lingua: si tratta di come si presenta sul proscenio del Pianeta.

La lingua dell’Italia non ha mai superato l’amputazione del Latino: del resto, essere i padroni del mondo antico e poi perderlo, qualche sconquasso lo crea. Vi faccio solo notare una curiosità linguistica: nel mondo latino, tutto ciò che era inerente alla guerra aveva la radice bellum: da questo l’italiano bellico, bellicoso, belluino. Ma il bellum, come sostantivo, non è “passato” dal Latino all’Italiano ed è stato sostituito da guerra, che proviene dal basso sassone, werra, poi war (GB) e Wehr (D): perché?

Poiché lo “spettacolo” che si presentò agli italiani dell’epoca – le invasioni dei barbari – non era codificabile nei termini antecedenti, quando il massimo disastro era stato Teutoburgo: una catastrofe militare immane, ma che avvenne a duemila miglia da Roma. Il fenomeno era nuovo – …semirutarum urbium cadavera…(trad: i cadaveri (delle) rovine nelle città) scriveva Ambrogio, vescovo di Milano – la distruzione era giunta nelle città italiane: era cambiato tutto, e cambiò anche la lingua.

Mi viene la voglia di darvi subito la classifica degli autori italiani più venduti nel mondo, ma è meglio che ci riflettiate un attimo: se volete, potete sempre scorrere avanti, ma non servirà a nulla. Perché?

Poiché, se pensiamo alle lingue come contenitori di cultura (in tutti i sensi: romanzesca, scientifica, saggistica, ecc) ci rendiamo conto che noi italiani (ma anche i tedeschi ed i francesi) viviamo in un microcosmo culturale: chi ha mai letto Dostoevskji in russo? E Shakespeare in inglese? Se non c’è la traduzione, ciccia. Ergo, una lingua – intesa come contenitore culturale di un insieme d’individui – si presenta nel mondo solo con una traduzione. I tentativi di “monocultura linguistica” planetaria fallirono, purtroppo, con l’esperanto – curiosità: uno dei grandi sostenitori di quel tentativo fu Giuseppe Pinelli, l’anarchico “defenestrato” nel 1969 – che non era poi tanto male per come era stata progettata, ma si sa: nessuno, che vince economicamente nel Pianeta, si conforma ad una lingua altrui.

Gli unici che ci riuscirono, a radere alla radice e rinnovare la loro lingua, furono gli Ebrei, ma che gli Ebrei abbiano (nel bene e nel male) una marcia in più lo sappiamo tutti: detto fatto, buttato l’aramaico e sostituito con l’Ebraico Moderno. Punto.

Se suddividiamo il Pianeta per aree di comprensione della lingua scritta, ci troviamo di fronte – pressappoco – a questa “geopolitica della cultura”:

1) Area islamica: circa 2,6 miliardi di persone, alfabetizzazione medio-bassa

2) Area cinese: circa 1,3 miliardi di persone, alfabetizzazione molto alta

3) Area indiana: circa 800 milioni di persone, alfabetizzazione medio-alta

4) Area ispanica: circa 500 milioni di persone, alfabetizzazione medio alta

5) Area anglofona, circa 500 milioni di persone, alfabetizzazione molto alta

6) Area slava: circa 300 milioni di persone, alfabetizzazione molto alta.

Il resto, come ricordava Benigni in un celebre film, parlando del prete, del farmacista e del medico in un piccolo paese, “è lì pe’ figura”.

Certo, è una “figura” spesso importante, soprattutto per la creazione di cultura, pensiamo all’area francofona, germanofona, ma anche italiana. E il persiano? l’urdu? Tutte destinate a sparire?

Ci sono notizie, che viaggiano sul Web, le quali narrano di un vero e proprio amore per la lingua italiana e di molte persone che s’iscrivono ai corsi di lingua italiana. Può essere anche vero ma, quante di queste persone giungeranno a leggere Pirandello in Italiano? Pochi, ritengo, poiché l’Italiano è una lingua difficile, ostica, zeppa di mille significati contradditori.

Perciò, il vero significato dell’appressarsi alla lingua italiana ha una diversa accezione: è una sorta d’infatuazione per un Paese ed una cultura che percepiscono ricca, profonda, attraente. Una specie d’innamoramento: come, al tempo dei Latini, la lingua greca.

Esaurito il “fuoco” iniziale, gli amanti dell’Italia li vedremo in giro per Roma o Venezia, poi ceneranno nei ristoranti italiani di Los Angeles o Singapore, e finiranno, magari, col libro di un autore italiano (tradotto nella loro lingua) sul comodino.

E chi sceglieranno? Ecco la classifica (1):

1) Dante Alighieri

2) Carlo Lorenzini (detto il Collodi)

3) Carolina Invernizio (una sorta di “Liala” dell’800, maestra nel romanzo d’appendice)

4) Giovannino Guareschi

5) Andrea Camilleri

6) Oriana Fallaci

7) Umberto Eco

8) Giorgio Faletti

9) Susanna Tamaro

10) Roberto Saviano

Ci sono parecchie di queste classifiche, e ne ho scorse molte: a volte differiscono per qualche nome, ma le posizioni di testa quasi non cambiano. In alcune c’è Niccolò Machiavelli, che con il suo “Principe” contende a Sun-Tzu l’alloro della politica e della guerra, ma sono i “mancanti” che ci raccontano qualcosa.

Manzoni, ad esempio: a nessuno frega un accidente di una storia di dominazione straniera e del finale “in rosa” dovuto all’intervento della Provvidenza Divina. Non sto dicendo che Manzoni sia più o meno di altri: dico soltanto che nelle classifiche dei testi letti all’estero (e dunque tradotti) non c’è.

Non c’è Pirandello: e qui è veramente una grave lacuna, dovuta però alla profonda arguzia ed all’eleganza del grande tessitore di storie siciliano, poco comprensibile per altre culture, soprattutto dopo traduzione.

Non stupisce l’indiscussa leadership di Dante: il suo poema fu quasi la “colonna sonora” del tardo Medio Evo, al punto che se ne sentono gli effluvi anche in Huitzinga, nel suo “Autunno del Medio Evo” e, addirittura, Bob Dylan lo chiama in causa nel suo “Tangle up in blue”.

I fenomeni editoriali, a volte, sono strani e dovuti a percezioni fortunate degli editori, oppure certi autori “attecchiscono” in terre lontane per curiose assonanze culturali. Guareschi, ad esempio, fu molto noto in Cina e ci fu addirittura un dissidio giudiziario, poiché i cinesi inventarono una coppia Peppone-Don Camillo cinese e diedero il via ad una serie di avventure locali. Curiosità bibliografiche, con relativo contenzioso giudiziario.

Ciò che ci insegna questa classifica (od altre, simili) è che le posizioni di testa identificano la cultura meno appariscente ma profonda di un popolo (Maigret/Simenon sarà letto anche nel 3000, magari insieme a Rabelais), mentre le posizioni di coda rappresentano – a grandi linee – l’attualità di una cultura. Piaccia o non piaccia, così è. Dunque, la cultura letteraria di un Paese – se vuole sopravvivere come lingua (espressione di una cultura) – deve creare e pubblicizzare se stessa che, in questo caso, significa tradurre: anche le cucine sono “tradotte”, perché il piatto cinese che mangiamo in Italia non è la cucina di Shangai, così come gli spaghetti di San Francisco non assomigliano a quelli che “buttiamo” tutti i giorni.

La globalizzazione tecnologica, però, ha creato degli “standard” che regolano il mercato: costi, stampa digitale, costo della carta e distribuzione hanno “appiattito” il mondo dell’editoria. Un libro che costa 10 euro, per noi è accessibile, per un abitante medio del mondo islamico è caro, come lo può essere per un filippino, per un africano, ecc.

La “soglia” di redditività, per un prodotto editoriale, però è uguale dappertutto: sono 5.000 copie, sotto ci perdi, sopra ci guadagni. A New York come a Roma, a Parigi od Islamabad.

E’ proprio qui che la lingua di appartenenza gioca un ruolo decisivo: vendere lo stesso prodotto a 500 milioni di persone è dieci volte più facile che a 50 milioni di persone.

Anche per questa ragione osserviamo che la professione di chi scrive è più facile e più diffusa nel mondo anglosassone ed in quello ispanico: notiamo, a margine, che con una sola traduzione si può arrivare ad un mercato di un miliardo di persone, molto alfabetizzate ed abbastanza ricche da permettersi un libro.

Isabel Allende è senz’altro una grande scrittrice, però notiamo che è forse l’unica a dominare completamente (per sue vicende personali) entrambe le lingue.

Seguendo questo ragionamento, dovremmo concludere che in Italia si pubblica meno, il che non è vero: in Italia si pubblica un nuovo libro ogni 8 minuti. 66.757 l’anno (2017), 183 ogni giorno, 7,5 ogni ora, uno ogni, appunto, 8 minuti (2). Dove vanno a finire? (3)

La gran parte, finisce sugli scaffali delle librerie dove ha una “vita utile” – ossia è una novità – per 90 giorni, tre mesi. E dopo?

Un tempo, a Rimini, c’era il mercato dei “morti viventi”, ossia dei libri invenduti, ma oggi – per quel che ne so – non esiste più e vanno direttamente al macero, cioè al recupero della carta.

La risposta è il libro digitale? Non sembra. Nonostante esistano da molti anni, gli e-book non superano la quota del 30% delle vendite sui testi tradizionali. Sarà che il libro è un “compagno” sul comodino, sarà che dopo molte ore al PC non se ne ha più voglia, sarà che leggono di più le persone meno giovani…ma così è. E non c’è da aspettarsi che il pdf rivolti il mercato come un calzino: sarebbe già avvenuto.

E come funziona il mercato editoriale?

Questo mercato presenta le medesime dis-funzionalità degli altri mercati e ha degli impressionanti parallelismi con il mercato dell’edilizia, tanto per citarne uno.

Un libro che costa 10 euro ha, approssimativamente, queste suddivisioni finanziarie:

3 euro all’autore/editore

5 euro alla distribuzione

2 euro al libraio

Sono, ovviamente, ripartizioni di massima.

Le tre figure sono, per certi versi, incoerenti con il significato comune. Il libraio, ad esempio, non ci perde niente, come un giornalaio: lavora solo sul venduto, e restituisce le copie invendute con relativo ri-conteggio delle sue spettanze.

Il distributore (in Italia le Messaggerie) è, in realtà, il vero deus ex machina della situazione perché funziona quasi da “banca” per gli altri attori e, nonostante qualche dato positivo, il mercato è stagnante, regolato più dalla voglia di leggere che dal portafogli: si legge poco.

E perché si legge poco?

Perché non sempre quel che acquistiamo soddisfa, poi, i nostri desideri.

E perché non li soddisfa? Perché gli editori pubblicano questa enorme massa di libri?

Per capire questa apparente assurdità, bisogna tracciare un parallelo con l’edilizia: come funziona l’edilizia?

Tizio è un costruttore. Appena terminato un palazzo, sa benissimo che, per venderlo, ci vorranno anni, se andrà venduto! Perciò si reca in banca dove Caio deve valutare la reale consistenza del patrimonio di Tizio per concedergli una linea di credito. Incarica Sempronio, un Architetto od un Geometra, che stima l’immobile e, a microfono spento, gli comunicherà la consistenza e la veridicità delle rassicurazioni di Tizio.

Come ben capirete, questo è un gioco di fiducie e sfiducie che ruota intorno a milioni di euro: tutto è possibile. Però, in genere, Tizio riceve un credito…più qualche vendita…e può ripartire con un altro palazzo.

Nell’editoria, il distributore è la pedina centrale, quella che regola il mercato: è lui che paga i libri pubblicati all’editore salvo poi, dopo 6 mesi o un anno, fare il consuntivo delle copie vendute e chiedere il rimborso delle copie andate al macero. L’editore, non sempre è fuori dai guai…(anzi, spesso quei soldi da rendere non li ha proprio) e allora cosa fa? Pubblica un nuovo libro, per il quale il distributore darà un anticipo…e così via. In questo modo, si giunge all’assurdo di un libro pubblicato ogni 8 minuti in un Paese che non legge quasi mai: solo il 40% degli italiani legge un libro l’anno, e solo una piccolissima percentuale legge più libri.

Il sistema è un po’ più complesso, ma sostanzialmente, al minimo per non complicare la narrazione, questa è la situazione.

C’è da chiedersi perché gli italiani vogliano leggere solo più le barzellette di Totti. Qualcuno dirà perché sono dei buzzurri, altri perché una società poco vitale toglie la voglia d’informarsi, e così via…

Però, ho letto libri che gli editori regalano agli autori (presi dai fondi di magazzino) e, talvolta, mi sono imbattuto in dei veri capolavori, cose che nemmeno Dan Brown (mai letto, ma ha venduto un sacco…) si sognerebbe mai d’inventare. Ne cito uno che meritava un successo planetario, “I rotoli di Yarmouth” di Guido Cornia (primo al premio “Firenze Libri”), e invece poco o niente conosciuto. Perché?

La mentalità è la stessa dell’edilizia – un libro come un mattone – facciamone tanti e qualcosa si vende.

Quello che manca, è la qualità: la bellezza di una storia, la sagacia di una buona analisi saggistica. Per questa ragione, fuori d’Italia, i libri non si riesce a tradurli.

Come fare?

Il problema di tutte le case editrici, sono i lettori della casa editrice: per quel che ne so, soltanto Sellerio tiene in servizio dei lettori-critici per decidere cosa pubblicare e cosa buttare. Einaudi aveva una buone rete di critici, ma la prima decisione di Berlusconi, quando acquistò, fu di licenziarli tutti. Era un costo, via i costi.

La cosa, in sé, è addirittura buffa: si presenta del materiale al pubblico che nessuno ha letto, che solo un redattore ha scorso per 2-3 pagine perché leggere, per mestiere, costa.

Oppure ci s’affida agli agenti editoriali, che si disputano a furor di coltello le poche firme “sicure”: poi, giungono ad “aprire” il portale Web per l’invio di nuove opere solo il primo minuto di ogni mese. Roba da matti.

Ci sarebbe una soluzione?

La soluzione può solo venire dalla parte pubblica, ma quasi senza metterci un soldo, altrimenti non se ne fa nulla.

Ricordiamo che il Governo ha a disposizione l’Istituto Poligrafico dello Stato, che presiede (oltre alle attività monetarie) alla stampa di tutto il materiale di servizio dello Stato. Il problema è: chi li legge?

Abbiamo, in Italia, circa 60.000 persone che non fanno nulla tutto il giorno. Chi sono?

I detenuti.

Fra questi 60.000 detenuti, ce ne saranno una parte di diplomati e laureati, gente in grado di criticare un libro? Non ne servono molti, un migliaio o due, da ricompensare – se meritevoli dal punto di vista carcerario – con qualche permesso in più, od altri mezzi compatibili con il regime carcerario.

Potrebbero “filtrare” decine di migliaia di libri l’anno.

Solo un primo filtro, s’intende, lasciando ai direttori delle carceri il compito di scegliere i lettori, evitando – ovvio – di mettere in strada un tizio pericoloso soltanto perché buon critico. Gente che, al termine della lettura, dovrebbe compilare un prospetto critico standard, fornito dal ministero, per avere un’analisi il più oggettiva possibile.

Quando la platea dei nuovi autori si fosse ridotta ad un migliaio, continuare come in un comune premio letterario (con lettori pagati, oppure concedendo qualche credito extra ai laureandi, od un mix d’entrambe le soluzioni), fino a restringere i meritevoli ad un centinaio.

A quel punto, l’Istituto Poligrafico provvederebbe alla stampa delle 5.000 copie “d’ordinanza” nel mondo letterario ed alla distribuzione.

Perché sarebbe importante ed a basso costo un’operazione del genere?

Perché fornirebbe alle case editrici del materiale già visionato e filtrato: potremmo azzardare che, ogni anno, sarebbero le migliori opere dell’ingegno letterario italiano. Potremmo ri-creare un mondo che, all’estero, fu molto apprezzato: quello della letteratura italiana. Con poca spesa.

Non dimentichiamo che, agli occhi del Pianeta, l’Italia è il ricettacolo del Bello, in tutti i sensi: nell’arte, nella moda, nella cucina, nel design. Negli ultimi anni, purtroppo, la letteratura italiana ha perso smalto, mordente, attualità: le ragioni sono state ampiamente spiegate. Poi, non mancano le buffonate, come quella di quest’anno alla Fiera del Libro di Torino: futili mezzi per catalizzare l’attenzione, proprio perché la qualità dei “prodotti” – uno ogni 8 minuti, una catena di montaggio impazzita – è scarsa.

E’ ora di porvi rimedio: i costi sarebbero veramente minimi per uno Stato, mentre i vantaggi – economici e d’immagine – sarebbero senz’altro di tutt’altro ordine. Altrimenti, centinaia d’autori di lingua inglese o spagnola, raggiungeranno facilmente le canoniche 5.000 copie – in un rapporto di “facilità” di 1 a 10 con l’autore italiano – e si presenteranno sul mercato internazionale: non è un caso se tutta la narrativa storica italiana è quasi completamente nelle mani d’autori esteri.

Che idea balzana…far leggere i detenuti…e se funzionasse?

 

Carlo Bertani

Fonte: http://carlobertani.blogspot.com

Link: http://carlobertani.blogspot.com/2019/06/per-favore-salviamo-la-lingua-italiana.html

9.06.2019

 

(1) http://www.sulromanzo.it/blog/gli-scrittori-italiani-piu-venduti-nel-mondo

(2) https://www.ilpost.it/2018/01/25/dati-mercato-libri-italia-2017-aie/

(3) La cifra non conteggia i libri scolastici né quelli scientifici, tecnici, medici, ecc. né quelli venduti tramite Amazon, che non fornisce dati.

Pubblicato da Davide

Precedente La venuta dell’Anticristo è stata ritardata
Prossimo Perchè la Svezia si sta suicidando?

20 Commenti

  1. Buongiorno Carlo, è sempre un piacere leggere i tuoi articoli.
    Alcune riflessioni al volo:

    1) La divisione delle “aree culturali” mi pare un po’ superficiale e non si capisce bene con quale criterio sia stata fatta.

    Anglofoni e ispanici sono stati raggruppati secondo un criterio linguistico.

    Ma l’Islam è una religione e non una lingua. Ci sono islamici che parlano lingue indoeuropee (come il persiano che citi come escluso da questa classifica) e arabi che non sono mussulmani. In India ci sono così tante lingue e dialetti che per comunicare tra loro i suoi abitanti usano l’inglese. Inoltre il 20% degli indiani è di religione islamica: questi come gli hai considerati, indiani, islamici o entrambi?

    2) l’abbassamento del livello della produzione artistica non riguarda solo le opere letterarie. Pensa a quanto si è degenerata la musica “leggera” negli ultimi 40/50 anni. Siamo passati dal jazz, la bossa, la progressive e il funk degli anni ’60/’70 alla trap dei giorni d’oggi! La causa è una sola: tutto deve essere sacrificato in nome del Dio Mercato e pianificato e approvato dai suoi sacerdoti, gli “esperti di marketing”.

    3) Una lingua non è solo una “presentazione” di un popolo. La lingua secondo me ha un impatto molto maggiore sulla psiche delle persone che la parlano.
    Usare una lingua al posto di un’altra modifica il modo di pensare. Certe lingue sono più adatte ad esprimere certi concetti, altre ad esprimerne altri, e questo ha un’influenza enorme sulle menti di chi le usa e di riflesso sulla produzione culturale.
    Possiamo solo immaginare quanto sia stato impattante il colonialismo sui popoli sottomessi, dato che spesso ha imposto con la violenza la lingua dei dominatori.

    Ti suggerisco, se non lo avessi fatto, di vedere il film “Arrival” che tratta molto bene, travestendolo da fantascienza, il legame tra lingua e pensiero.

  2. Basta pubblicarli su amazon,la procedura è questa,si può fare per il cartaceo oppure pe l’ebook:
    basta una sola registrazione al programma Kindle Direct Publishing
    hai accesso a un unico pannello di controllo, dal quale gestire sia i formati ebook che i formati cartacei dei tuoi titoli
    dal pannello di controllo hai accesso ai report delle vendite di tutti i formati
    le royalty delle vendite degli ebook vengono sommate a quelle provenienti dalla vendite di copie cartacee
    i pagamenti delle royalty vengono accreditati con un unico sistema e da un unico referente, ovvero Kindle Direct Publishing.
    I formati di stampa offerti da Amazon KDP sono gli stessi di CreateSpace.

    Quanto Puoi Guadagnare Pubblicando Un Libro In Formato Cartaceo Su Amazon
    Quando pubblichi il tuo libro in formato cartaceo su KDP, Amazon ti riconosce le stesse royalty che già garantiva con il programma CreateSpace, ovvero il 60% del prezzo di vendita, meno le spese vive di stampa che Amazon deve sostenere per stampare le copie del tuo libro.

    Nella fase di pubblicazione il sistema di Amazon KDP calcolerà subito quanto costerà la stampa del tuo libro così che tu possa stabilire un prezzo di vendita adeguato.

    Schematizzando, per ogni libro venduto in formato cartaceo Amazon KDP ti riconosce:

    il 60% sul prezzo di vendita del tuo libro in formato cartaceo
    meno 0,60 euro per ogni copia (Costo Fisso)
    meno 0,012 euro per ogni pagina da stampare (Costo per Pagina)

  3. Non mi voglio pronunciare sull’idea di “riciclare” i carcerati ed il poligrafico. Resto un po’ perplesso per come è stata affrontata la tematica legata alla lingua. Senza scomodare i linguisti, esiste un nesso tra significante e significato ed ogni lingua crea un proprio universo su queste apparenti separazioni. Al punto che alcune locuzioni non sono traducibili.

    Voglio anche ricordare il fisico D. Bohm si rese conto che le lingue hanno un costante bisogno di neologismi per ritornare ad essere significative nei confronti di una realtà che cambia di continuo. Ad esempio il termine frattale, oppure serendipità, ma non si sentiva la mancanza di petaloso.
    Comunque concordo sull’idea che una cultura sia legata alla lingua. I dialetti che si sono sviluppati in Italia durante l’era dei Comuni sono il segno tangibile di quanto diverse siano le culture quando vengono isolate. Un po’ come gli animali che si evolvono in ecosistemi isolati.

  4. Vincenzo Siesto da Pomigliano

    La più grande catastrofe della civiltà romana non fu la disfatta di Teutoburgo bensì un evento avvenuto 53 anni prima: l’assassinio di Cesare il quale stava approntando la più grande spedizione militare della storia per vendicare la sconfitta di Carre, e dopo aver sottomesso la Partia da lì intendeva procedere per prendere “alle spalle” i germanici e assoggettarli una volta per tutte….

  5. A me, quest’anno, al Salone del Libro di Torino, è stato impedito d’entrarvi perché avevo una bottiglietta d’acqua di plastica nello zainetto. A detta dei due figuri che operavano la sicurezza all’entrata, quella bottiglietta poteva essere un oggetto pericoloso se l’avessi usata come arma da lancio. Sarei pronto a scommettere che quei due, di libri, a differenza mia, ne abbiano letti pochi in vita loro. Ho preferito rinunciarvi e me ne sono andato via. Peccato, perché qualche saggio l’avrei sicuramente comprato.
    Anche questo non fa del bene all’editoria.

  6. “…ma che gli Ebrei abbiano (nel bene e nel male) una marcia in più lo sappiamo tutti”
    Non so se nel bene gli ebrei abbiano una marcia in più. Ne dubito fortemente. Nel male invece, le marce in più sono almeno due.

  7. Oltre un terzo dei carcerati sono stranieri. Gli altri due terzi hanno un livello di istruzione medio basso ed hanno dimostrato poco interesse per la lettura e la cultura. In gran parte sono dentro per spaccio e reati contro il patrimonio. Non so se ci siano due/tre mila potenziali critici letterari. Mi sorprenderebbe molto. Ma una ventina forse li troviamo.

  8. E daje con ste detenuti da far lavorare, manco fossimo nei Gulag di Solzenicyn..
    E poi, se faremo fare i “critici letterari” a loro, sono sicuro che balzerà in testa alle classifiche “Papillon”….
    O “Fuga di mezzanotte” e via discorrendo…

  9. Se passasse una proposta del genere potrei immaginare già la sentenza del giudice: “pertanto, in base all’art. xyz del codice penale letterario, questa corte condanna l’imputato a tre anni di letture forzate da scontare presso la biblioteca circondariale di ….”
    Scherzi a parte, far leggere i detenuti non sarebbe una cattiva idea ma trovarne un numero significativo tale da soddisfare i requisiti richiesti, buona cultura umanistica in primis, potrebbe comportare qualche problema.
    Esiste, però, una riserva di potenziali critici letterari numericamente molto superiore alla popolazione carceraria: gli studenti candidati all’esame di maturità (469 iscritti all’ultimo anno delle superiori nell’ultimo anno), un’operazione simile a quella descritta potrebbe essere avviata già dal penultimo anno prima di concludersi con una tesina da portare al fatidico esame.
    Gli studenti dei licei avrebbero sicuramente tutti gli strumenti freschi, rodati e ben oliati per assolvere a tale compito ma sarebbe auspicabile l’estensione dell’onere anche agli studenti degli altri istituti, magari come prova facoltativa, per ottenere qualche punto in più.
    Poi, non si sa mai, qualcuno dei coscritti potrebbe prendere il vizio della lettura e saltare la staccionata dal recinto dei critici forzati a quello dei lettori seriali…

  10. ….ma che gli Ebrei abbiano (nel bene e nel male) una marcia in più lo sappiamo tutti: detto fatto, buttato l’aramaico e sostituito con l’Ebraico Moderno. Punto.

    Ah beh…. Se sono queste le marce in piu’…..

  11. Si est ex hominibus consilium hoc aut opus hoc, dissolvetur;
    si vero ex Deo est, non poteritis dissolvere.

  12. A furia di seguire le vendite, la qualità scende in tutte le espressioni di italianità di cui parla il sempre ottimo Carlo Bertani. Oltre che per gli editori di libri, questo vale anche per le pubblicazioni quotidiane e periodiche. Le bolle al ribasso ormai soffocano quasi tutti gli ambiti della nostra vita. Il consumo, quale motore occulto di ogni espressione umana, non può che uccidere la creatività, ne è infatti l’esatto opposto. Solo quando si sarà liberato l’agire umano pianificando e separando la produzione costante per le poche materie prime realmente necessarie alla vita materiale, si potrà parlare di opere artistiche di elevato valore importanti per la vita spirituale . La produzione costante non esiste per le opere di ingegno. Adesso siamo in altri luoghi , bui, orribili, disumani. Nella filiera editoriale , a mio modesto avviso , le uniche figure in grado di discernere in merito alla qualità dei libri o delle pubblicazioni, sono i librai indipendenti. Non a caso Panda ( nel senso di animale ormai estinto) del discorso.

  13. la lingua e’ il piu’ importante motivo del fallimento di questa europa schifosa , nel 57 il mio maestro ci disse che alle medie avremmo avuto una nuova lingua i’esperanto che doveva essere la lingua europea. bene non se ne e’ fatto niente e questi sono i risultati , l’europa come paese non esistera’ mai e si sta avvicinando addirittura il ridicolo in quanto tutti cercano di parlare inglese e gli inglesi escono dal troiaio hahaha

  14. Saviano?! Nella stessa lista con Dante?

  15. Bisognerebbe anche smettere di usare inglesismi quando la (piu’) ricca lingua italiana ha gia’ tutte le espressioni necessarie.

  16. Personalente non concordo con la tua visione: l’italiano non è un mezzo ma un patrimonio, e come tale verrà sempre più trattato (e sarà da tutelare, come il colosseo o i musei vaticani). Dal mio punto di vista è destinato a finire un po’ come irlandese e gallese: un fatto di tradizione,più che altro; rimpiazzato da lingue più diffuse e funzionali (che svolgono la loro funzione di “mezzo” molto più efficientemente). In più, l’affermazione che i popoli dell’area anglofona abbiano una “culturizzazione molto alta” sinceramente mi fa molto ridere (ma ci sei mai stato? Hai mai parlato con la gente di lì?). Comprano libri? Quello sì, e li leggono abbastanza, ma in quanto a cultura generale sono veramente scarsi. La fama delle loro università deriva da un organizzazione ferrea e corsi molto specializzati nei vari settori ed orientati al lavoro, non alla qualità dell’insegnamento…e comunque l’inglese (o americano) medio si ferma alla scuola dell’obbligo (poi semmai fa qualche corso professionale) primo perchè la cultura costa troppo, secondo perchè possono trovare lavoro velocemente e poi farsi finanziare i corsi dal datore di lavoro. Amo l’italiano ma per vivere parlo inglese…come tanti…tira tu le somme.

  17. Leggere è “costoso” ovvero la lettura chiede uno sforzo mentale ed un costo monetario ma le fasce sociali sono assolutamente ininfluenti, conosco -da decenni- persone che non fanno niente tutto il giorno e non sono persone detenute bensì sono persone inserite in contesti extracarcerari quindi considerate persone libere e “per bene” di ogni generazione che spendono denaro e tempo per questioni assolutamente molto lontane dalla lettura, hanno una conoscenza molto limitata delle parole italiane perché “non frequentano le parole”, ho incontrato persone di questo tipo anche in contesti professionali ( luoghi di lavoro della p.a. italiana ) dove spesso ho sentito un linguaggio prettamente dialettale e de-contestualizzato accompagnato da grandi difficoltà nello scrivere anche una semplice documentazione, è svilente trovarsi in mezzo a questi tessuti sociali “poveri perché di estrazione borghese” in quanto non si trova nessun tipo di feeling, armonia, sintonia ecc perché vivono e lavorano in un micromicrocosmo. Nasce inevitabilmente un incompatibilità totale ed accade che il linguaggio verbale viene sempre incompreso perché quando è necessaria una sola parola in questi contesti ne occorrono venti e ti generano uno sforzo mentale inutile, se vengono chiamati – e a fornire un argomentazione non ri3scono a formulare una frase di senso compiuto, sono persone sconcertanti perché hanno anche una paura folle verso un errore ovvero hanno sempre paura di sbagliare.
    Nei citati mercatini dell’usato comprai due libri che sarebbero finiti al macero ed invece sono nella mia libreria cartacea, “la vita comune” di Bonhoeffer, Nuovi saggi Queriniana 11 e “la carta del lavoro” con prefazione di Giuseppe Bottai, studi e documenti di diritto ed economia del lavoro , “eco-pedagogia e cittadinanza planetaria” di Francisco Gutierrez e R. Cruz Prado edita dall’EMI con la collaborazione del CEM ovvero del cen5ro educazionale alla mondialita’ che ha privilegiato la scuola scegliendo insegnanti di ogni ordine e grado affrontando temi coraggiosi come l’educazione come pratica della libertà, la de-costruzione dei tabù e degli stereotipi, il volto dell’ ” altro “.
    Bellissimo articolo

  18. “Vi faccio solo notare una curiosità linguistica: nel mondo latino, tutto ciò che era inerente alla guerra aveva la radice bellum: da questo l’italiano bellico, bellicoso, belluino. Ma il bellum, come sostantivo, non è “passato” dal Latino all’Italiano ed è stato sostituito da guerra, che proviene dal basso sassone, werra, poi war (GB) e Wehr (D): perché?”

    Allora se la vediamo cosi, gli anglosassoni hanno preso la parola “deul” cioè duello che deriva da bellum.
    Semplicemente si passo alla parola werra che da noi divenne guerra e per gli inglesi War perché, deriva dalla parola werra che signifiaca “zuffa”, perché per gli antichi i germanici non facevano una guerra ordinata con soldati schierati e tattiche come gli antichi romani, ma una zuffa.