Home / Notizie dall'Europa / Parlano i cecchini di Maidan. Tacciono i media di regime

Parlano i cecchini di Maidan. Tacciono i media di regime

DI ORIENTAL REVIEW

orientalreview.org

Le interviste a tre cecchini di nazionalità georgiana, condotte dal giornalista italiano Gian Micalessin e trasmesse  la scorsa settimana come un documentario mozzafiato sul Canale 5 di Milano (programma Matrix), non hanno ancora aperto la strada ai media mainstream internazionali.

Ciò non sorprende se si tiene conto delle prove a sorpresa contro i veri colpevoli e gli organizzatori del colpo di stato del 2014 a Kiev, generalmente noto come la «rivoluzione della dignità».

Il documentario presenta Alexander Revazishvili , Koba Nergadze e Zalogi Kvaratskhelia , ufficiali militari georgiani che sono stati reclutati per svolgere una «missione speciale» a Kiev da Mamuka Mamulashvili, a stretto contatto con l’ex ministro della difesa di Mikhail Saakashvili,  Bacho Akhalaia .

Sostengono che il 15 gennaio 2014 sono sbarcati a Kiev con documenti falsi e sono stati trasferiti a Maidan. Avendo ricevuto 1000 dollari subito, con la promessa di essere pagati 5000 dollari dopo il «lavoro finito», sono stati incaricati di preparare le posizioni dei cecchini all’interno degli edifici dell’Ucraina e del Conservatorio, in posizione dominante sulla piazza Maidan.

I fatti che hanno esposto in seguito sono stati scioccanti. Insieme ad altri cecchini (alcuni di loro erano lituani) sono stati messi sotto il comando di un agente militare americano Brian Christopher Boyenger. La squadra di coordinamento includeva anche Mamulashvili e il famigerato Segrey Pashinsky, che era stato arrestato dai manifestanti il ​​18 febbraio 2017 con un fucile da cecchino  nel bagagliaio della sua auto e in seguito diresse la prima amministrazione provvisoria post-Maidan dell’Ucraina.

Le armi sono arrivate sul posto il 18 febbraio e sono state distribuite ai vari gruppi georgiano e lituano. «C’erano tre o quattro armi in ogni borsa, c’erano fucili Makarov, pistole AKM, fucili e un sacco di cartucce», testimone Nergadze.

Il giorno seguente, Mamulashvili e Pashinsky spiegarono ai cecchini che avrebbero dovuto sparare alla piazza e seminare il caos. «Quando arrivò Mamulashvili, gli chiesi anche io. Le cose si complicano, da dove dobbiamo iniziare?» Lui rispose che non potevamo andare alle elezioni presidenziali. «Ma a chi dobbiamo sparare?» Chiesi. Ha risposto che chi e dove non importava, dovevamo sparare da qualche parte così, tanto per seminare il caos.

«Non importa se avremmo sparato contro un albero, una barricata o a chi lanciava una Molotov, quello che conta era seminare il panico».

«Ho ascoltato le urla» ricorda Revazishvili «C’erano molti morti e feriti al piano di sotto. Il mio primo e unico pensiero fu di partire in fretta prima che mi raggiungessero. Altrimenti mi avrebbero fatto a pezzi». 

Quattro anni dopo, Revazishvili e i suoi due compagni riferiscono di non aver ancora ricevuto le promesse banconote da 5000 USD, come pagamento, e hanno deciso di dire la verità su coloro che li hanno «usati e abbandonati».

Il documentario completo con sottotitoli in inglese è disponibile sotto (in due parti):

[Due giorni dopo, Infomax, un’agenzia di stampa macedone, organizzò un discorso notturno di 52 minuti con Koba Nergadze e Zalogi Kvaratskhelia (in macedone) in cui fornirono maggiori dettagli sul loro background e sulla loro missione a Kiev.]

Questi tre uomini si presentano come ufficiali militari pentiti che stavano semplicemente «obbedendo agli ordini» e non sapevano che «dovevano uccidere delle persone». Un tentativo ingenuo per gli squadroni della morte professionisti, per usare un eufemismo. Nel frattempo il fatto e il tempo di queste confessioni  sono assolutamente sincronizzati con l’agonia in corso del regime incombente a Kiev.

Bacho Alakhaia

Sin dal principio i georgiani affermano esplicitamente che l’operazione è stata avviata dall’ex presidente della Georgia Mikhail Saakashvili. Il capo di Mamulashvili, Bacho Akhalaia, era molto vicino e fidato membro del leader georgiano che ha perso le elezioni parlamentari nell’ottobre 2012, in seguito allo scandalo degli abusi carcerari (l’Human Rights Watch ha dedicato un rapporto speciale al «georgiano Abu-Ghraib», prigione di Gldani).

Nel momento in cui il cecchino georgiano è stato assunto per lavoro sporco a Kiev, Akhalaia era sotto processo penale con l’accusa di aver abusato del potere, mentre dirigeva la sezione penitenziaria del Ministero della Giustizia, detenzioni illegali e torture di detenuti (nell’ottobre 2014 è stato dichiarato colpevole dal Tribunale di Tbilisi e condannato a 7,5 anni di carcere). Un mese prima, nel novembre 2013, Mikhail Saakashvili, di fronte a più accuse criminali in Georgia, lasciò il paese per gli Stati Uniti e si stabilì ufficialmente presso la Tufts University.

Lui e i suoi tirapiedi, dopo aver sofferto una dolorosa sconfitta in patria, non avrebbero avviato un progetto rischioso e avventuroso in un paese vicino, se solo non fossero stati costretti a farlo dai loro padroni, per rimediare al fatto di non aver rispettato la loro missione in Georgia.

Ad ogni modo, nei primi giorni della crisi ucraina la vasta rete finanziata da Soros in Georgia (Bacho Alakhaia, una brillante progenie del famigerato clan criminale di Mengrel, è stato assoldato con denaro di Soros al Georgia Liberty Institute, suo allievo dagli anni 2000) è stata attivata per condurre operazioni speciali a Kiev.

Quattro anni dopo la situazione è drasticamente cambiata. Un’alleanza democratica tra Poroshenko e Saakashvili è andata  in frantumi .

Le vittime di piazza Maidan 2014

Saakashvili ha dimostrato ancora una volta di essere uno psicopatico incapace di costruire relazioni politiche stabili (dal settembre 2017 l’Ucraina sta considerando l’estradizione di Saakashvili alle autorità georgiane che soddisfano la loro richiesta). Nel frattempo, il 1° novembre uno dei più stretti collaboratori di Bacho Alakhaia e Saakashvili, ex capo della polizia militare del ministero della Difesa georgiano, Megis Kardava, che doveva affrontare le stesse accuse penali in Georgia, è stato arrestato con passaporto falso sul confine ucraino.

Il servizio di sicurezza ucraino ha già annunciato che sarebbe stato estradato a Tbilisi entro i 40 giorni. Diversi altri georgiani della squadra di protezione personale di Saakashvili sono stati arrestati in Ucraina ed espulsi in patria all’inizio di ottobre.

Tutti questi fattori potrebbero far sì che il trio georgiano dei cecchini appaia preventivamente sulla TV italiana come «informatori volontari che espongono la verità» su Euromaidan, prima che vengano catturati e puniti come capri espiatori.

Prudentemente hanno nominato un certo numero di personalità iconiche del regime in carica a Kiev – Andriy Parybiy (attualmente presidente di Verkhovna Rada dell’Ucraina), Segrey Pashinsky (membro del parlamento che rappresenta il Fronte popolare filo-governativo) e Vladimir Parasyuk (un altro membro carismatico del parlamento) ) – come organizzatori e coordinatori del massacro sulla piazza Maidan il 20 febbraio 2014.

Le loro affermazioni sono confermate da altre prove. La raccolta più completa di tali fatti finora è stata effettuata dal professore dell’Università di Ottawa Ivan Katchanovsky (che ha anche commentato il documentario italiano).

Poroshenko al memoriale di Heavenly Hundred nel 2014

Qualunque cosa pensiamo nei confronti dei cecchini pentiti, le loro pubbliche confessioni non li scagionano dalla responsabilità di aver ucciso deliberatamente delle persone. Non erano soldati sul campo di battaglia durante una guerra dichiarata. Non potevano ricevere ordini dai loro comandanti. Sono stati assoldati per fare uno sporco lavoro ed erano consapevoli della loro responsabilità etica. Il loro tentativo di dimostrare il contrario è ridicolo. 

Quindi questo trio, Alexander Revazishvili, Koba Nergadze e Zalogi Kvaratskhelia, così come quelli che li hanno assoldati e ordinati – Mamuka Mamulashvili (attualmente comandante della Legione Geogiana nel Donbass), Brian Boyenger (ha combattuto nella parte ucraina a Donbass nel 2015-2016) – e altri cecchini dalla Georgia, Lituania e Ucraina dovrebbero affrontare un processo in Ucraina o in qualsiasi altro paese, i cui cittadini sono morti durante l’Euromaidan. Il turno successivo dovrebbe essere quello dei politici ucraini, principali beneficiari di quel massacro – quelli nominati (Andriy Parybiy, Segrey Pashinsky e Vladimir Parasyuk) e quelli ancora sconosciuti al pubblico.

In realtà, questa storia, ancora troppo sottovalutata, mina totalmente la legittimità del regime di Poroshenko. Le lacrime di coccodrillo degli attuali governanti di quella nazione, sulle tombe delle vittime della «rivoluzione della dignità», metteranno in luce il loro ruolo nelle uccisioni di massa dei propri sostenitori. Dopo aver pagato 1000 dollari a ogni cecchino straniero, arrivarono al potere per abusare dei sogni e della fiducia di milioni di cittadini ucraini. Quello era il prezzo reale della «dignità» ucraina, secondo logica invece della sua catastrofe nazionale.

 

Fonte: https://orientalreview.org

Link: https://orientalreview.org/2017/11/23/cheap-dignity-of-the-ukrainian-revolution/

28.11.2017

 

Scelto e tradotto per www.comedonchisciotte.org da ROSANNA SPADINI

 

Pubblicato da Rosanna

Ho insegnato italiano, latino e storia in un Liceo Classico, la mia insolita passione è quella di andare a caccia della "verità" nelle vicende contemporanee, attraverso gli interstizi dell'informazione, il mio vizio assurdo invece consiste nell'amare l'anonimato più della notorietà, la responsabilità più del narcisismo, l'impegno sociale più del letargo intellettuale ...
  • snypex

    Il prezzo della vergogna 18mila dollari per massacrare gente inerme. Cose da morti di fame.

  • clausneghe

    Forse,anzi certamente, i fucili erano AKM e le pistole Makarov.
    Questo per essere precisi.
    Poi, questa storia,dei cecchini di Saka, la conoscevo già da qualche giorno, vista su un sito Russo.
    Qui in Italia nessuno fiata, sono impegnati a correre a tamponare le fake news, proprio loro, i Renzusconi Boldrinati, che se le bevono tutte e quelle che non bevono ce le fanno bere a noi…..
    Razza di bugiardi mafiosi omertosi.

  • –<>– –<>–

    Ottima inchiesta, anche se completamente ignorata dai maggiori media.
    Speriamo che in futuro vengano fatti conoscere anche i fatti di Odessa.
    La tecnica usata a Kiev, purtroppo non è nuova, è uno schema da manuale Cia.
    Fu usata anche a Sarajevo per scatenare la guerra civile e a Caracas quando ci fu lo sventato golpe contro Chavez.
    In quest’ultimo caso, la verità venne sucessivamente allo scoperto, ed è raccontata in questo documentario.
    https://youtu.be/ZXteJJ3eo0I

  • Mario Poillucci

    Prego di non dimenticare la ”partecipazione” a quel vomitevole evento di quei pezzi di sterco secco che fanno parte del famigerato ”blackwater”! Acqua nera! Liquami di fogna!!

  • Lupis Tana

    su canale cinque ho i miei dubbi che siano inchieste vere,
    se lo sono, sono una rarità. ne prendo atto e ne rendo merito. t l

    • clausneghe

      Il docufilm è di “Gli occhi della guerra” quindi sulla veridicità puoi stare sicuro.
      Quei fatti, cioè i cecchini che sparavano su tutti erano già noti e in parte documentati , solo che come al solito non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire.

    • Sono d’accordo con te … ma siamo in campagna elettorale, e il caimano mafioso sa benissimo che qualche verità bisogna pur dirla, a tempo e debito, soprattutto quando è il momento di massacrare gli avversari e di colonizzare le coscienze dei tanti teledipendenti. Per di più i filmati sono stati pubblicati dal sito “Gli occhi della guerra”, che è assolutamente affidabile in merito alla guerra in Ucraina.

  • Tonguessy

    “Quattro anni dopo, Revazishvili e i suoi due compagni riferiscono di non
    aver ancora ricevuto le promesse banconote da 5000 USD, come pagamento,
    e hanno deciso di dire la verità su coloro che li hanno «usati e abbandonati».”

    Propongo una colletta per i poveri cecchini. Il dumping salariale ha colpito anche quella categoria di lavoratori. Ho appena versato 10€. Chi volesse contribuire mi contatti personalmente, gli darò le mie coordinate bancarie.

  • Vamos a la Muerte

    Mi ricordo Gianni Pittella, capogruppo dell'”Alleanza Progressista dei Socialisti e dei Democratici” (sic) al Parlamento Europeo nonché fratello del Presidente della Regione Basilicata che ha trasformato la piccola regione italiana nella fogna della Total e di altre compagnie petrolifere straniere, aizzare la folla di Piazza Maidan contro il Presidente DEMOCRATICAMENTE eletto come un McCain qualsiasi.
    In Ucraina ci fu semplicemente un Colpo di Stato pianificato e finanziato dagli Imperialisti Usa con l’utilizzo di squadracce paramilitari nazistoidi come il Pravy Sektor, il Battaglione Azov, banderisti vari e anche, come ha testimoniato l’altra sera il servizio di Matrix, di mercenari stranieri in vendita per 4 palanche. A Kiev non ci fu nessuna Rivoluzione. E la Dignità a Maidan non mise mai piede. E bene fece la popolazione della Crimea a fuggire da un simile regime nazistoide per tornare alla Madrepatria Russia. E bene fecero (e fanno) i Cittadini Liberi del Donbass – loro Sì! Con Grande Dignità – a ribellarsi e a prendere le armi contro il Regime Nazistoide di Kiev. La loro Sì che può tranquillamente definirsi una “Rivoluzione”.
    Il Resto è Fuffa.

  • pianista

    Era abbastanza ovvio che se i mainstream media davano la colpa a Putin, c’era dietro lo zampino degli americani..