Home / Anti-Empire Report / Non c’è stato nessun dibattito, proprio quando ne avevamo bisogno

Non c’è stato nessun dibattito, proprio quando ne avevamo bisogno

 

PAUL CRAIG ROBERTS

paulcraigroberts.org

I Democratici e le loro alleate femministe, con il loro approccio all’audizione di Kavanaugh, hanno deluso la nazione. Invece di scoprire se Kavanaugh creda nella teoria unitaria dell’esecutivo, secondo cui i poteri del presidente non sono sottoposti al controllo del Congresso o della magistratura, o concordi sul fatto che un dipendente del Dipartimento della Giustizia, un immigrato coreano, possa scrivere promemoria segreti che permettono al presidente di violare la Costituzione degli Stati Uniti, il Diritto degli Stati Uniti e i trattati internazionali, i Democratici avevano concentrato tutta la loro attenzione sulla vaga e non comprovata accusa secondo cui Kavanaugh, a 17 anni e sotto l’influenza dell’alcol, avrebbe pomiciato su un letto, completamente vestito, con una ragazza di 15 anni, completamente vestita, durante un party casalingo senza genitori.

Le femministe avevano trasformato in “stupro” questa accusa generica e priva di dettagli importanti, mentre una femminista squinternata, una docente alla Georgetown University, aveva dichiarato che Kavanaugh era uno “stupratore seriale” che, insieme ai rappresentanti maschili del Comitato Giudiziario del Senato, avrebbe dovuto essere castrato, ucciso nel modo più doloroso possibile e i loro resti dati ai maiali.

Un giornalista prezzolato di USA Today aveva insinuato che Kavanaugh fosse pedofilo e che avrebbero dovuto proibirgli di allenare la squadra di basket della figlia. Sulla base del nulla, la reputazione di un candidato alla Corte Suprema era stata completamente distrutta.

Gli Stati Uniti si trovano alle prese con questioni veramente importanti, che interessano l’anima stessa della nazione. Queste riguardano la costituzionalità e la divisione dei poteri di controllo sull’esecutivo e la salvaguardia delle libertà civili negli Stati Uniti. Sono stati scritti libri importanti, come Takeover [La presa di potere] di Charlie Savage, sul riuscito attacco del duo Cheney-Bush al principio della responsabilità penale di un presidente. Può l’esecutivo far uso della tortura, nonostante esistano leggi interne ed internazionali che la proibiscono? Può l’esecutivo spiare i propri cittadini senza motivazioni e senza mandato, nonostante la Costituzione e le leggi dicano il contrario? Può l’esecutivo incarcerare dei cittadini a tempo indefinito, violando il principio dell’habeas corpus e la Costituzione degli Stati Uniti? Può l’esecutivo uccidere cittadini americani senza un regolare processo, nonostante lo vieti la Costituzione degli Stati Uniti? Dick Cheney e il professore in legge all’Università della California John Yoo dicono che “si, il presidente può.”

Invece di usare questa opportunità per scoprire se Kavanaugh stesse dalla parte della libertà o dei poteri presidenziali incontrollati, le arpie femministe si sono lasciate andare ad un’orgia di odio anti-maschile.

E non sono state solo le femministe radicali. E’ stata l’intera sinistra liberal-progressista che si è auto-squalificata, anche più della squinternata professoressa della Georgetown University, che, tra l’altro, a differenza di ciò che sarebbe stato chiesto ad un maschio eterossesuale, non ha dovuto scusarsi e non è stata licenziata, cosa che invece, ad un maschio, sarebbe successa.

Esiste attualmente una “piattaforma di finanziamento” sostenuta da siti web di sinistra/liberali/progressisti che afferma di aver raccolto 3 milioni di dollari, destinati all’estromissione [dal Congresso] della senatrice Susan Collins, rea di aver votato, dopo aver visionato le misere prove a carico, per la conferma di Kavanaugh. Siti web come Commondreams, CounterPunch, OpEdNews stanno perdendo la loro credibilità, visto che si sono impantanati in politiche identitarie disgreganti, in cui tutti sono innocenti, meno i maschi bianchi eterosessuali. Proprio nel momento in cui l’asservimento di Trump agli interessi dei guerrafondai neoconservatori avrebbe bisogno di proteste e di opposizione, con gli Stati Uniti che vengono spinti allo scontro con Iran, Russia e Cina, questa opposizione non esiste, mentre l’America si dissolve negli odi generati dalla politica identitaria.

Per rendersi conto di quanto assurda sia la sinistra femminista radicale, liberale e progressista, facciamo finta che la vaga, non comprovata accusa, arrivata in ritardo di 30-40 anni, contro Kavanaugh sia vera. Facciamo conto che il pomiciamento sul fatidico letto sia veramente accaduto. Se c’era l’intenzione di stuprare, come mai la ragazza non è stata stuprata? Suggerisco uno scenario plausibile. C’è una festicciola casalinga senza genitori. C’è dell’alcol. L’accusato ammette di aver bevuto birra in una casa dove le camere da letto erano accessibili. L’accusato aveva ritenuto, come sarebbe stato lecito fare negli anni ‘80, che la ragazza fosse disponibile. Del resto, perché sarebbe rimasta lì? Perciò lui ci prova e lei non vuole. Così rinuncia e la lascia andare. Come può essere questo un crimine sessuale grave?

Anche se l’accusato avesse insistito e avesse stuprato la sua accusatrice, com’è possibile confrontare questo reato con gli enormi, assolutamente orripilanti, crimini contro l’umanità, che hanno causato la distruzione integrale o parziale di otto nazioni e la morte di milioni di esseri umani durante le amministrazioni Clinton, Cheney-Bush, Obama e Trump?

Nessuno è stato ritenuto responsabile di questi ovvi e innegabili misfatti. Perchè le femministe, i rettori delle università cattoliche, come la Georgetown e la Catholic University di Washington, i siti web liberali/progressisti/di sinistra non si interessano ai crimini veri e non a quelli fasulli? Che cosa è successo al nostro paese, visto che ciò che conta veramente non riesce mai a suscitare l’interesse del pubblico?

Le amministrazioni statunitensi non solo hanno ucciso, menomato, resi orfani e dislocato milioni di esseri umani completamente innocenti, ma il malvagio e corrotto governo americano, privo di qualità e integrità e protetto dai media prezzolati di regime, ha anche torturato, violando le leggi degli Stati Uniti, centinaia di innocenti, catturati in Afghanistan con il sistema americano delle taglie, quando il regime Cheney-Bush aveva disperatamente bisogno di “terroristi” per giustificare una guerra basata solo sulle bugie.

Persone completamente innocenti di ogni tipo erano state torturate da sadici dipendenti del governo americano, deliziati dalla possibillità offerta loro di far soffrire degli esseri umani. Si trattava di gente indifesa, prelevata dai signori della guerra locali, allettati dalle taglie che Washington offriva per i terroristi, e venduta agli Americani. Le vittime comprendevano, operatori umanitari, rappresentanti di commercio, visitatori senza protezione ed altri, sprovvisti delle necessarie garanzie per non essere scambiati per “terroristi” ed essere venduti per 5.000 dollari, in modo che Dick Cheney e i criminali Neoconservatori sionisti potessero avere qualche “terrorista” da mostrare, per giustificare i loro crimini di guerra.

I media statunitensi, corrotti fino al midollo, erano stati molto reticenti nel dire agli Americani che praticamente il 100% dei “terroristi più pericolosi del mondo,” secondo le parole del criminale Segretario alla Difesa degli Stati Uniti, Donald Rumsfeld, erano stati riconosciuti innocenti da tutte le accuse, dopo aver subito anni di torture e di abusi ed essersi ritrovati con le vite loro e delle loro famiglie rovinate da incarcerazioni assolutamente ingiuste, incarcerazioni totalmente illegali sulla base di tutte le leggi conosciute.

Caro lettore, non pensi che questi crimini siano un milione di volte peggiori di un Kavanaugh, giovane e imberbe che pomicia su un letto con Christine Ford e si astiene dallo stuprarla, ammesso e non concesso che ciò sia veramente accaduto? Se non sei d’accordo, allora sei un idiota, e io ti disprezzo per la tua stupidità e per la tua totale mancanza di coscienza morale.

 

Paul Craig Roberts

Fonte: www.paulcraigroberts.org

Link: https://www.paulcraigroberts.org/2018/10/06/there-was-no-debate-when-we-needed-one/

06.10.2018

Scelto e tradotto da Markus per comedonchisciotte.org

Pubblicato da Markus

Un biologo, appassionato di montagna e di fotografia, che cerca, come può, di combattere contro i mulini a vento.