Mosca a Washington: “Rimuovete le armi nucleari alle nostre porte e fermate la spinta verso est”

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

Mike Whitney
unz.com

Arriva un momento della verità, in cui l’Occidente o accetta le nostre proposte o si troveranno altri modi per salvaguardare la sicurezza della Russia.” Konstantin Gavrilov, capo della delegazione russa ai negoziati di Vienna

Ecco un semplice modo per testare la vostra comprensione dell’attuale situazione di stallo USA-Russia. Tutto quello che dovete fare è rispondere ad una domanda molto semplice sulla natura del conflitto e quella risposta indicherà se avete capito o meno ciò che sta realmente accadendo. Ecco la domanda:

L’origine dello scontro tra Stati Uniti e Russia in Ucraina è dovuto al fatto che:

1. La Russia ha ammassato oltre 100.000 uomini in assetto di guerra vicino al confine orientale dell’Ucraina e sta minacciando l’invasione.
2. Il presidente russo Vladimir Putin vuole ricostruire l’impero sovietico espandendo il territorio della Russia oltre i suoi confini.
3. I media occidentali hanno inventato una storia falsa su una “invasione russa” per distogliere l’attenzione dalle ragionevoli richieste di Mosca di garanzie di sicurezza giuridicamente vincolanti che riguardano il problema urgente degli eserciti stranieri ostili (NATO) e dei missili nucleari alle porte della Russia.
4. Nessuna delle precedenti.

Se avete scelto la numero 3, allora datevi una pacca sulle spalle, è la risposta giusta. (Per favore, vedere: “Non c’è nessuna minaccia di invasione russa in Ucraina“, Moon of Alabama; Citazione: “La storia dei preparativi russi per un’invasione dell’Ucraina è inventata di sana pianta”). La crisi attuale non ha nulla a che fare con la fittizia “invasione russa,” che è stata inventata per nascondere il vero problema. La vera questione è la sicurezza russa e le richieste che la Russia ha fatto sotto forma di due progetti di trattato. I media occidentali – di concerto con le agenzie di intelligence, il Pentagono, l’amministrazione Biden e l’establishment della politica estera degli Stati Uniti – hanno fatto di tutto per impedire al popolo americano di leggere il contenuto di queste bozze di trattato nel timore che vedesse che le richieste della Russia sono ragionevoli e appropriate. La Russia non sta chiedendo niente di più di quello che ogni Paese sovrano dovrebbe aspettarsi. Nelle celebri parole di FDR, “La sicurezza per uno è sicurezza per tutti.” Noi sosteniamo questo sentimento e pensiamo che lo faccia anche il popolo americano.

I Russi non vogliono vivere con missili nucleari puntati sulla loro capitale e dispiegati a poche centinaia di chilometri dai loro obiettivi. Questo non è un punto di partenza. Né i Russi vogliono eserciti ostili e basi militari che incombano sul loro fianco occidentale, in Ucraina. Ancora una volta, questo è fuori discussione. Quello che la Russia vuole, è un accordo scritto che impedisca a Washington di usare la NATO per perseguire la sua strategia geopolitica a lungo termine di accerchiare, indebolire e, infine, smembrare la Federazione Russa in pezzi più piccoli, in modo da diventare un protagonista importante nello sviluppo dell’Asia centrale ed esercitare un maggiore controllo sulla crescita esplosiva della Cina. Questo è il piano di base e l’establishment della politica estera degli Stati Uniti non lo ha [ancora] abbandonato, nonostante 30 anni di catastrofici fallimenti militari che si estendono dal Nord Africa al Medio Oriente e all’Asia centrale. Ecco come l’autore Stephen Kinzer aveva riassunto la situazione in un articolo apparso sul Boston Globe più di dieci anni fa:

“Dal momento del crollo dell’Unione Sovietica, nel 1991, gli Stati Uniti hanno perseguito senza sosta una strategia di accerchiamento della Russia, proprio come hanno fatto con altri nemici percepiti, come Cina e Iran. Hanno portato 12 Paesi dell’Europa centrale, tutti precedentemente alleati con Mosca, nell’alleanza NATO. La potenza militare degli Stati Uniti è ora direttamente ai confini della Russia … Questa crisi è in parte il risultato di un calcolo a somma zero che ha plasmato la politica degli Stati Uniti verso Mosca fin dalla Guerra Fredda: ogni perdita per la Russia è una vittoria americana, e qualsiasi cosa positiva che accade a, per, o in Russia è negativa per gli Stati Uniti. Questo è un approccio che intensifica il confronto, piuttosto che placarlo.” (“Gli Stati Uniti sono partner a pieno titolo nella debacle dell’Ucraina“, Boston Globe)

Cosa possiamo dedurre da questo paragrafo?

Possiamo apprezzare il contesto storico della crisi attuale, che risale alla dissoluzione dell’Unione Sovietica. Dopo il crollo dell’URSS, i leader occidentali avevano sinceramente creduto che “la storia era finita” e che il sistema occidentale aveva trionfato sul comunismo. Questo trionfalismo, a sua volta, era stato accompagnato da un’ondata dopo l’altra di espansioni verso est, con la NATO – la reliquia della Guerra Fredda – che aveva raddoppiato le sue dimensioni spingendosi sempre più vicino ai confini della Russia. Ora – 30 anni dopo – Washington vuole che l’Ucraina diventi un membro dell’Alleanza, che, a sua volta, schiererà eserciti ostili, basi militari e siti missilistici a poche centinaia di chilometri da Mosca. Naturalmente, Putin non può permettere che questo sviluppo abbia luogo. Naturalmente, deve fare tutto ciò che è in suo potere per impedire ai sostenitori di questa strategia di attuare il loro piano.

Ed è su questo che verte il confronto attuale, la sicurezza della Russia. Non ha nulla a che fare con la minaccia di un’invasione russa. Il meme “invasione russa” è stato inventato per raccogliere il sostegno pubblico per un confronto con la Russia e per nascondere i dettagli delle richieste di sicurezza russe. È fondamentalmente una notizia falsa, creata con la chiara intenzione di ingannare il popolo americano su una questione che dovrebbe essere una grave preoccupazione per loro e per le persone in tutto il mondo.

Quindi, cos’è che Putin vuole, dopo tutto, non possiamo determinare se il leader russo sia ragionevole o meno se non sappiamo cosa chiede. Un breve estratto dalla bozza del trattato dovrebbe dirci tutto quello che dobbiamo sapere. Ecco qui:

Gli Stati Uniti d’America si impegnano a prevenire l’ulteriore espansione verso est dell’Organizzazione del Trattato Nord Atlantico e a negare l’adesione all’Alleanza agli Stati dell’ex Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche.

Gli Stati Uniti d’America non stabiliranno basi militari nel territorio degli Stati dell’ex Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche che non siano membri dell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico, non useranno le loro infrastrutture per alcuna attività militare e non svilupperanno una cooperazione militare bilaterale con loro……

Le Parti si impegnano a non schierare missili terrestri a raggio intermedio e a corto raggio al di fuori dei loro territori nazionali, così come nelle zone dei loro territori nazionali, da cui tali armi possono attaccare obiettivi nel territorio nazionale dell’altra Parte.

Articolo 7

Le Parti si asterranno dallo schierare armi nucleari al di fuori dei loro territori nazionali e riporteranno nei loro territori nazionali le armi già schierate al di fuori dei loro territori nazionali al momento dell’entrata in vigore del trattato. Le Parti elimineranno tutte le infrastrutture esistenti per il dispiegamento di armi nucleari al di fuori dei loro territori nazionali.

Le Parti non addestreranno all’uso di armi nucleari personale militare e civile di Paesi non nucleari. Le Parti non condurranno esercitazioni o addestramenti per forze di impiego generale che includano scenari che prevedano l’uso di armi nucleari”. (“Trattato tra gli Stati Uniti e la Federazione Russa sulle garanzie di sicurezza“, documento ufficiale dello Stato russo, 17 dicembre 2021)

È ragionevole per Putin chiedere che gli Stati Uniti e i suoi alleati della NATO non installino basi militari e siti di missili nucleari ai confini del suo Paese? È appropriato che il presidente russo insista che la NATO si astenga dal piazzare eserciti ostili alle porte della Russia? Ecco cosa ha detto Putin in riferimento a questi sviluppi appena due settimane fa:

“Le nostre azioni non dipenderanno dai negoziati ma dalla sicurezza incondizionata della Russia … abbiamo detto chiaramente che l’espansione della NATO ad est è assolutamente inaccettabile. Cosa c’è di poco chiaro in questo? Non è la Russia che schiera sistemi missilistici ai confini degli Stati Uniti. È il contrario. Gli Stati Uniti hanno portato i loro missili ai nostri confini. Sono sul nostro confine …. Cosa farebbero gli Stati Uniti se schierassimo i nostri missili alle frontiere messicane o canadesi? …Non siamo noi a minacciare nessuno. Sono venuti ai nostri confini”. (“Putin: Cosa farebbero gli Americani se andassimo in Canada e in Messico e vi dispiegassimo i nostri missili?“, Rumble)

Non ha tutti i torti, vero? Gli Stati Uniti non permetterebbero mai alla Cina o alla Russia di costruire basi o siti missilistici ai loro confini. Perchè la Russia non dovrebbe comportarsi allo stesso modo?

Sì, dovrebbero, ed è certamente un principio per cui vale la pena lottare. Tenete presente che la Russia ha perso 27 milioni di persone nella Seconda Guerra Mondiale. Non è una cifra da poco. I Russi hanno una chiara comprensione del costo della guerra e faranno tutto il necessario per evitare che ne scoppi un’altra sul loro territorio. In questo caso, ciò significa insistere che gli avversari invadenti firmino documenti legalmente vincolanti che impediscano loro di schierare hardware militare letale o armi nucleari intorno al perimetro della Russia. Questo è il nocciolo della questione; firmate il trattato o Mosca sarà costretta a trovare altri modi per stabilire la propria sicurezza.

Il capo della delegazione russa ai negoziati di Vienna, Konstantin Gavrilov, l’ha riassunto così:

“Arriva un momento della verità in cui l’Occidente o accetta le nostre proposte o si troveranno altri modi per salvaguardare la sicurezza della Russia.”

Questo significa guerra?

Non necessariamente, ma le opzioni si stanno certamente restringendo. Se l’amministrazione Biden ignora queste linee rosse e continua ad andare avanti con la sua attuale politica, ci sarà una guerra perché quest’ultima espansione della NATO pone la Russia in forte svantaggio. La posizione delle truppe e delle armi nucleari sconvolge il fondamentale equilibrio di potere, un equilibrio che la Russia sarà costretta a ripristinare con qualsiasi mezzo necessario. È questo che il team di politica estera di Biden vuole?

I membri più saggi dell’establishment estero statunitense hanno sempre messo in guardia contro un’espansione sconsiderata della NATO. Guardate questa citazione dell’ex diplomatico statunitense e autore della politica di “contenimento” dell’Unione Sovietica, George Kennan, che aveva messo in guardia sul fatto che l’espansione della NATO avrebbe avuto conseguenze disastrose sia per la Russia che per gli Stati Uniti. Ecco cosa aveva detto:

“Il punto di vista, detto senza mezzi termini, è che l’espansione della NATO sarebbe il più fatale errore della politica americana in tutta l’era post-Guerra Fredda. Ci si può aspettare che una tale decisione infiammi le tendenze nazionalistiche, antioccidentali e militaristiche dell’opinione pubblica russa; che abbia un effetto negativo sullo sviluppo della democrazia russa; che ripristini l’atmosfera della Guerra Fredda nelle relazioni Est-Ovest e che spinga la politica estera russa in direzioni decisamente non di nostro gradimento …… Penso che i Russi reagiranno gradualmente in modo abbastanza negativo e questo influenzerà le loro politiche. Penso che sia stato un tragico errore. Non c’era alcun motivo per una cosa del genere. Nessuno stava minacciando nessun altro. Questa espansione farebbe rivoltare nella tomba i padri fondatori di questo Paese.” (“George Kennan sulla Russia: intuizioni e raccomandazioni“, Russia Matters)

Quindi, se l’espansione della NATO è al centro del confronto attuale (e non la minaccia inventata dell’invasione di Putin), allora quali sono gli obiettivi strategici?

Forse, la migliore e più semplice spiegazione di ciò che sta accadendo era stata fornita dall’esperto di politica estera John Mearsheimer in un discorso tenuto all’Università di Chicago nel 2015 dal titolo Perché l’Ucraina è colpa dell’Occidente? Vale la pena guardare l’intero video, ma, per i nostri scopi, evidenzieremo alcuni dei punti cruciali.

Prima di tutto, le ambizioni degli Stati Uniti in Ucraina non hanno nulla a che fare con la “promozione della democrazia.” La vera forza motrice è la geopolitica, proprio come un secolo fa, quando la Gran Bretagna era impegnata nel Grande Gioco. La stessa regola vale oggi, anche se le motivazioni sono più efficacemente nascoste dietro un muro di propaganda. Come dice Mearsheimer,

“Gli Stati Uniti e i loro alleati dell’UE vogliono staccare l’Ucraina dall’orbita russa e incorporarla nell’occidente. L’obiettivo è fare dell’Ucraina un baluardo occidentale al confine con la Russia.”

Tombola. Questa è la situazione in poche parole. Gli Stati Uniti vogliono continuare il loro accerchiamento e indebolimento della Russia, e la Russia non ne vuole sapere. Come dice Mearsheimer, “la Russia è una grande potenza e non ha alcun interesse a permettere agli Stati Uniti di assumere il controllo di un’enorme estensione territoriale di grande importanza strategica sul proprio confine occidentale e acconsentire che venga incorporato nell’Occidente.”

Sempre più giusto. Ma, anche se Mearsheimer fornisce una spiegazione convincente per i recenti sviluppi, la sua analisi non è in alcun modo completa. Ci sono, naturalmente, altri eminenti esperti di politica estera che hanno descritto in modo molto più dettagliato il ruolo che era stato pianificato per la Russia come futura colonia nel Nuovo Ordine Mondiale. Nel 1997, Zbigniew Brzezinski aveva pubblicato su Foreign Policy Magazine un articolo intitolato “Una geostrategia per l’Eurasia,” in cui sosteneva che gli Stati Uniti avrebbero avuto bisogno di stabilirsi con la forza nell’Asia centrale per mantenere la loro posizione di unica superpotenza mondiale. Ecco un estratto che spiega come Brzezinski considerasse il ruolo della Russia in questo nuovo paradigma:

“Il ruolo a lungo termine della Russia in Eurasia dipenderà in gran parte dalla sua auto-definizione… La prima priorità della Russia dovrebbe essere quella di modernizzare se stessa piuttosto che impegnarsi in uno sforzo inutile per riconquistare il suo status di potenza globale. Date le dimensioni e la diversità del Paese, un sistema politico decentralizzato e un’economia di libero mercato sarebbero più adatti a liberare il potenziale creativo del popolo russo e le vaste risorse naturali della Russia. Una Federazione Russa vagamente confederata – composta da una Russia Europea, una Repubblica Siberiana ed una Repubblica dell’Estremo Oriente – troverebbe anche più facile coltivare relazioni economiche più strette con i suoi vicini. Le varie entità confederate sarebbero in grado di sfruttare il loro potenziale creativo locale, soffocato per secoli dalla pesante mano burocratica di Mosca. A sua volta, una Russia decentralizzata sarebbe meno suscettibile ad una mobilitazione imperiale.” (“Una geostrategia per l’Eurasia“, Foreign Affairs, 76:5, settembre/ottobre 1997).

“Una Russia vagamente confederata”? In altre parole, una colonia frammentata, balcanizzata e in bancarotta, aperta allo sfruttamento e al controllo straniero. È questo il piano di Washington per la Russia?

Proprio così. Una Russia forte, vitale e indipendente non è affatto nell’interesse di Washington, anzi, è una chiara minaccia alle ambizioni globali dell’America. Gli Stati Uniti nutrono ancora aspirazioni elevate, niente affatto smorzate da 30 anni di disastri di politica estera. Washington pensa ancora di poter prevalere nel suo conflitto con Mosca, stabilire avamposti in tutta l’Asia centrale, circondare ulteriormente la Cina e supervisionare lo sviluppo esplosivo della regione più prospera del mondo, l’Asia. Questi sono, forse, obiettivi irrealistici per un Paese che ha trovato impossibile battere una milizia improvvisata e senza addestramento militare formale (i Talebani) in un periodo di 20 anni. Tuttavia, questa è la tabella di marcia geopolitica essenziale che l’establishment della politica estera americana continua a perseguire, nonostante il fatto che l’attuazione di questa politica possa innescare uno scontro inaspettato con una Russia dotata di armi nucleari, uno scontro che potrebbe avere conseguenze disastrose per tutti noi.

Mike Whitney

Fonte: unz.com
Link: https://www.unz.com/mwhitney/moscow-to-washington-remove-the-nukes-on-our-doorstep-and-stop-the-eastward-push/
25.01.2022
Scelto e tradotto da Markus per comedonchisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
18 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
18
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x