Militarizzazione dell’antisemitismo: da vittima a predatore

DONA A COMEDONCHISCIOTTE.ORG PER SOSTENERE UN'INFORMAZIONE LIBERA E INDIPENDENTE:
PAYPAL: Clicca qui

STRIPE: Clicca qui

 

Alan Sabrosky – The Unz Review – 30 maggio 2023

 

Nel 2010 pubblicai un breve saggio dal titolo “I volti complicati dell’antisemitismo“. La genesi fu una conversazione che ebbi con un’amica ebrea – un giudice – sul perché gli ebrei fossero stati oggetto di così tanti maltrattamenti e odio nel corso della storia, come lei definiva la condizione ebraica.

Risposi (giusto per farla breve) chiedendole che cosa c’era di sbagliato negli ebrei? (Non avevo mai detto di essere ebreo per parte di padre, perché questo non aveva mai significato molto né per lui né per me). La mia domanda la fece trasalire e mi chiese che cosa intendessi dire con quell’affermazione. Così continuai a metterla in termini personali. Se non piacevo ad alcune persone, potevo facilmente attribuirlo a qualche problema che avevano. Ma se praticamente tutti quelli che incontravo mi avessero odiato a morte, sarebbe stato estremamente difficile per me non riconoscere – a malincuore o meno – che c’era qualcosa di fondamentalmente sbagliato in me o nel mio modo di comportarmi. La stessa cosa, a livello macroscopico, valeva per gli ebrei.

Come si può immaginare, questa valutazione non mi rese propriamente simpatico alla mia futura ex-amica. Aggiunsi che gli ebrei avevano fatto molte opere di beneficenza e raggiunto risultati notevoli in molti campi diversi (risparmiatemi le sciocchezze del tipo “ma tutti gli ebrei sono…“). Quelle opere di carità e quei successi sono un fatto storico.

Così come le cose più oscure che alcuni ebrei hanno fatto e stanno facendo oggi, qui e all’estero. Questo è particolarmente vero quando nell’equazione entra [lo stato di] Israele o qualsiasi cosa ad esso associata: queste buone qualità per lo più volano fuori dalla finestra. In queste occasioni, la maggior parte degli ebrei non solo tollera, ma esalta il comportamento di Israele come Paese e dei singoli israeliani – comportamento che non tollererebbero o approverebbero mai qui, o in qualsiasi altro Paese in cui risiedano ebrei.

I miei originali tre volti dell’antisemitismo

Quando iniziai ad esaminare questo argomento, identificai tre forme di antisemitismo storico:

  1. Un’avversione nei confronti degli ebrei come popolo o dell’ebraismo come religione, o di entrambi, di solito a causa di alcune caratteristiche degli ebrei o di un modo in cui si comportavano nei confronti degli altri.
  2. Un’opposizione non tanto agli ebrei e/o all’ebraismo, quanto ad uno Stato ebraico armato (comunque lo si voglia chiamare).
  3. L’affermazione da parte di alcuni ebrei, a partire dalla fine degli anni ’70, che qualsiasi critica a Israele, ai suoi leader, alle sue politiche, alle sue azioni o a tutto ciò che uno qualsiasi dei suoi sostenitori e appoggi ha detto o fatto, costituiva un “nuovo antisemitismo”.

In ognuno di questi casi, quando parlo di “antisemitismo” mi riferisco ad affermazioni e/o accuse di antisemitismo per qualsiasi motivo, non semplicemente a un odio cieco e insensato verso gli ebrei e/o l’ebraismo, che storicamente è raro.

La prima forma di antisemitismo storico è esistita in tutta la storia registrata. In parte sospetto che si tratti di semplice invidia, ma in gran parte è una reazione ad una visione degli altri insolitamente assetata di sangue. Il “Deuteronomio” e i “Giudici” sono pieni di carneficine, e il primo (capitoli 5 e 7) fornisce una giustificazione scritturale per il genocidio di persone che semplicemente praticano un culto diverso. Alcune (tutte?) le festività religiose ebraiche (Hanukkah, Purim) hanno antecedenti o sfumature sanguinarie; persino la Pasqua ebraica si basa su un infanticidio di massa (la decima piaga , la morte di tutti i primogeniti egiziani, N.d.T.). E questo solo per la Torah. Dire che il Talmud (una sorta di commento complementare alla Torah redatto da importanti rabbini) nella sua interezza è semplicemente spaventoso è un eufemismo.

rabbis_talmud

Avendo letto alcune parti del Talmud nel corso degli anni, posso capire perché gli ebrei non incoraggino i goyim (i non ebrei) a fare altrettanto. Al contrario: il disprezzo degli ebrei per i cristiani in particolare (esplicitato nel Talmud) è grande quanto il loro desiderio di ottenere da loro sostegno politico e finanziario, e si estende (o scende) dalla teologia al teatro da quattro soldi, come suggerisce questo spezzone di un programma televisivo israeliano di lunga durata. Il CUFI (Christians United for Israel) conosce questa rappresentazione del loro Salvatore da parte degli israeliani?

(link al video)

Roma dimostrò la seconda forma di antisemitismo storico durante il suo periodo imperiale. L’Impero romano esigeva obbedienza, si aspettava il pagamento delle tasse e imponeva la tolleranza religiosa per consentire ai suoi diversi popoli di trasferirsi e vivere in quel territorio. Alla fine si stancò di avere a che fare con un popolo ribelle e religiosamente intollerante e mise in atto la sua “soluzione finale”. Roma rase al suolo Gerusalemme, distrusse il Secondo Tempio, smembrò lo Stato che la comprendeva e ne disperse gli abitanti, ma non fece nulla agli ebrei che vivevano, e spesso prosperavano, in tutto l’Impero. Proprio per questo i Romani non si occuparono degli ebrei all’interno in modo così completo. Per esempio, i cartaginesi all’esterno, è una questione su cui mi sono spesso interrogato.

Antisemitismo militante

Fin qui tutto bene – o male, a seconda della prospettiva. Dal punto di vista teologico l’ebraismo, se non è proprio al livello degli antichi Aztechi, ha comunque abbastanza spargimenti di sangue e oscurità nei libri della Torah (l’Antico Testamento) al punto che il cristianesimo avrebbe fatto meglio a passare direttamente dalla Genesi ai Vangeli. E il Talmud, in quanto fonte primaria della legge ebraica, è pieno di vera e propria malvagità. Combinata con il potere di uno Stato – qualsiasi potere, qualsiasi Stato – questa ostilità è un pericolo mortale per i vicini di quello Stato e per tutti gli altri che può raggiungere.

La terza forma di antisemitismo storico era inizialmente quasi un meccanismo di difesa passivo, non ampiamente condiviso e di applicazione limitata. Dove ho sbagliato nella mia discussione iniziale è stato il fraintendimento della complessità di questo “nuovo antisemitismo” e la sottovalutazione delle sue ramificazioni e della sua portata sociopolitica. Tra la fine dell’amministrazione Reagan e quella di Obama, è nata una variante più proattiva. Insieme, passivamente e attivamente, l’antisemitismo e il nuovo antisemitismo costituiscono oggi lo scudo e la spada di un iper-sionismo militante. Israele è la sua attuale base e gli Stati Uniti il suo esecutore del momento.

zionism_communism

L’affermazione dell’antisemitismo (“nuovo” o meno) si manifesta in molti modi diversi in molti Paesi diversi, e una panoramica della sua complessità concettuale è subito evidente. Sebbene io mi occupi principalmente degli Stati Uniti, è importante un po’ di prospettiva. Bisogna capire che non è affatto chiaro se il comunismo sia stato un’emanazione del sionismo moderno, come rappresentato nel grafico, o un suo precursore. Il marxismo (o comunismo, come lo chiamavamo noi negli Stati Uniti – e sì, sono consapevole delle distinzioni di allora e di oggi) ha preceduto il sionismo moderno, anche se l’idea stessa non era nuova. Ma gli ebrei hanno avuto un ruolo di primo piano in entrambi i movimenti praticamente fin dalle loro origini, con qualcosa che ha sfiorato l’interdipendenza sinergica all’alba del XX secolo.

Ad esempio, quando nel 1917Lenin lasciò la Svizzera per la Russia, portò con sé una cinquantina di bolscevichi che erano stati anch’essi in esilio, tutti ebrei, la maggior parte dei quali ebbe ruoli di primo piano nel primo governo sovietico. In altre parti d’Europa, all’indomani della Prima guerra mondiale gli ebrei marxisti hanno guidato rivolte (tutte fallite alla fine). Inoltre, per quanto ne so, ogni partito comunista in Europa, così come negli Stati Uniti e nel Sudafrica dell’apartheid, è stato fondato e guidato da ebrei (non sono sicuro di Canada, Australia e Nuova Zelanda).

All’indomani della Seconda guerra mondiale, molti dei partiti comunisti e dei loro membri ebrei assunsero una posizione fortemente filo-sionista, che non si estendeva al sostegno aperto a Israele. Questo portò ad una strana incoerenza nella politica sovietica russa e israeliana per quanto riguardava il loro allineamento internazionale e l’emigrazione ebraica dall’URSS a Israele, che vorrei approfondire in futuro (non riesco a trovare numeri concreti su quanti comunisti ebrei emigrarono in Israele. Apprezzerei se qualcuno avesse questi dati).

La corsa al radicalismo

Nel corso dei secoli, gli ebrei in generale hanno acquisito una meritata reputazione di disordine, oltre ad altre qualità più ammirevoli. Praticamente tutti i disordini sociali che affliggono l’Occidente in generale e soprattutto gli Stati Uniti oggi, per esempio, comparvero in Germania negli anni Venti e Trenta, nella Repubblica di Weimar. Città come San Francisco rispecchiano oggi la Amburgo di quell’epoca. Scegliete l’estremismo o la perversione che preferite: c’era allora come c’è oggi. Allora come oggi, gli ebrei figuravano in modo evidente in tutti questi movimenti, come dimostra la sequela del loro coinvolgimento ai giorni nostri. Inoltre, allora come oggi, il disordine sociale ed economico era visto dai suoi architetti ebrei come qualcosa da sfruttare a proprio vantaggio, incuranti del suo impatto sulla popolazione nel suo complesso.

jew_crimins

Oggi, come in passato, i ceppi prevalenti del radicalismo politico e della perversione sociale ebraica sono forti e profondi. È sufficiente passare in rassegna il lunghissimo elenco di attività in cui gli ebrei hanno la leadership e/o sono i principali finanziatori. Il femminismo radicale; la teoria critica e la sua propaggine, la “teoria critica della razza” (CRT); la truffa razzista e distruttiva di “Black Lives Matter”; Antifa; la promozione della disforia di genere e della pedofilia, sono solo alcune delle voci di un elenco spaventoso di vergogne. Né la vecchia affinità per il comunismo dà segni di cedimento. Ci si chiede cosa direbbe di “Uncle Joe” e dei suoi tirapiedi una Hollywood dominata (per esempio) dagli espatriati ucraini a partire dagli anni Trenta.

nsdap_antifa

La ricerca del potere

Come all’inizio dell’Unione Sovietica, la ricerca del potere economico da parte degli ebrei si è estesa al potere politico e all’influenza nella società di tutti i Paesi occidentali. Mi soffermerò solo sugli Stati Uniti, ma la situazione è molto simile in tutta l’Europa occidentale e in gran parte dell’Europa orientale, oltre che in Canada, Australia e Nuova Zelanda. In effetti, se non fosse così distruttivo per tutto ciò che i bianchi hanno costruito nel corso dei secoli, si potrebbe quasi ammirare la determinazione unilaterale degli ebrei a dominare – una determinazione in cui un consenso innato quasi eclissa la necessità di cospirazioni e cabale (la parola chiave è “quasi”).

Quello che gli ebrei hanno fatto in America e in gran parte dell’Occidente è ciò che hanno cercato di fare in Germania durante la già citata Repubblica di Weimar, ma qui sono stati più pazienti e circospetti fino a tempi molto recenti. Nella Germania del XX secolo si sono identificati apertamente con i comunisti e hanno sostenuto pratiche come la disforia di genere e la pedofilia (guidati da Magnus Hirshfeld) prima di essere in grado di respingere critiche e attacchi (finirono per fuggire dal Paese quando Hitler e il suo partito salirono al potere all’inizio degli anni Trenta – i loro libri furono notoriamente bruciati dai nazionalsocialisti).

Non è così qui. Negli Stati Uniti gli ebrei fondarono, nel 1909, la NAACP (National Association for the Advancement of Colored People) e in seguito presero la guida di movimenti radicali come gli “Studenti per una società democratica (SDS)” e il “Movimento per la libertà di parola” durante la militanza combinata dei movimenti contro la guerra e per i diritti civili degli anni Sessanta. Ma quando la loro sperata rivoluzione non si è concretizzata, sono passati – beh, non tanto alla clandestinità, ma a una forma di radicalismo di basso profilo, come ho discusso altrove. In questa fase, hanno inizialmente enfatizzato l’infiltrazione nelle università. Una volta entrati nei bastioni accademici, si sono occupati delle professioni critiche: prima l’istruzione e la legge, poi l’economia e le stesse facoltà di istruzione superiore.

elonmusk_vs_jews

Il risultato finale è stato che hanno acquisito il controllo dei media mainstream, di gran parte del mondo accademico e della ribalta in molti altri settori. Questo, unito al crescente potere di due organizzazioni guidate da ebrei – l’Anti-Defamation League (ADL) e il Southern Poverty Law Center (SPLC) – come arbitri dell’accettabilità politica, ha avuto l’effetto voluto di garantire che il popolo americano raramente sentisse, leggesse o vedesse qualcosa di critico nei confronti di Israele, per non parlare del potere o del suprematismo ebraico. È interessante notare che l’ADL, in particolare, si sta ora unendo apertamente al coro di voci anti-bianco, dichiarando che le critiche ad Antifa (ricordate la sua eredità) sono “discorsi d’odio”. Sia l’ADL che l’SPLC sono diventati molto più abili nel diffamare e rovinare i critici delle cause che sostengono, piuttosto che nel difendere il popolo ebraico stesso o altri da calunnie e abusi. In questo modo, hanno arricchito se stessi e la loro leadership.

media_ownership_jews

A coloro che potrebbero dire che sto esagerando il potere degli ebrei, vorrei dire (citando un individuo che rimarrà senza nome per la sua sicurezza): “Smetterò di credere che siano gli ebrei quando le persone potranno dire in pubblico che sono gli ebrei, senza che le loro vite vengano distrutte da potenti ebrei“. Mi aspetto che Kanye West e alcuni altri della comunità nera che hanno osato menzionare qualcosa che quei “potenti ebrei” non hanno apprezzato possano aggiungere qualcosa.

Ma non si trattava solo del potere nei media, nel mondo accademico, nella finanza e nei tribunali. C’è stata una crescita significativa della partecipazione diretta degli ebrei al governo, indipendentemente dal partito politico al potere, completamente diversa dalla situazione di 60 anni fa. Per esempio, per decenni, gruppi ebraici come ADL e SPLC hanno controllato sempre più spesso le candidature per le nomine politiche. Non sempre riuscivano a ottenere quelli che sostenevano, ma avevano un veto effettivo su quelli che non sostenevano – parlo per esperienza personale.

A questo punto, nessuno in nessuno dei due partiti può essere un serio contendente alla presidenza di fronte all’opposizione sionista (o ebraica, forse una distinzione senza differenza). E questo include DeSantis, Trump e Biden. Nessun serio candidato a una carica nazionale, con l’eccezione parziale e molto occasionale della Camera dei Rappresentanti, osa criticare Israele o menzionare direttamente il ruolo degli ebrei in tutto ciò che di negativo sta accadendo – ne parlano, ma pochi pronunciano le parole “I” o “J” in modo critico. Nemmeno l’ex deputata Tulsi Gabbard (che generalmente e sinceramente ammiro) o Robert F. Kennedy Jr. Sanno cosa accadrebbe se lo facessero. E lo stesso vale per governatori come Kristi Noem (SD) e Greg Abbott (TX), che capiscono bene fino a che punto il potere di organizzazioni come ADL e SPLC e delle loro coorti si estende ai governi statali – soprattutto alle legislature statali.

Per quanto riguarda le amministrazioni stesse, negli ultimi trent’anni circa sono state così fortemente ebraiche che si potrebbe trasferirle a Tel Aviv e non notare la differenza. Trump ha parlato di “rendere l’America di nuovo grande“, ma è stato un presidente di gran lunga migliore per Israele di quanto non lo sia stato nei fatti – se non a parole – per gli Stati Uniti. Un elenco di alcune delle principali cose che Trump ha fatto per Israele lo dimostra. Come l’amministrazione di Trump prima di lui, l’amministrazione di Biden è dominata da ebrei [Figura 9] . e ci sono molti residui ebraici dell’era Trump tra coloro che sono stati incaricati di supervisionare la risposta (come è stato fatto) alla plandemia di Covid-19.

 

trump_pro_israel

usa_jews_in_power

jews_and_covid

È sorprendente che il campo blu e le stelle bianche della nostra bandiera non siano stati sostituiti con elementi della bandiera israeliana, considerando che quasi tutti questi funzionari – così come la maggior parte dei membri ebrei di entrambe le camere del Congresso e molti alti funzionari della pubblica amministrazione – hanno la doppia cittadinanza israeliana. Parlano apertamente della loro “doppia fedeltà”, che in pratica significa prima di tutto fedeltà a Israele. Da qui l’appellativo di “Israel Firsters”.

Sostituzione e razzismo come strumenti politici

C’è un altro elemento del “nuovo antisemitismo” che non esisteva prima e che implica molto chiaramente che questi ebrei marxisti – che ho chiamato iper-sionisti – stanno giocando la partita finale. Ciò comporta la deliberata sostituzione delle popolazioni bianche, ovunque siano state maggioritarie, con un crescente afflusso di migranti provenienti da Africa, America Latina e Medio Oriente – la cosiddetta “Grande Sostituzione”. I dettagli e le implicazioni di questo sviluppo, insieme allo sviluppo del movimento per i diritti civili (un fallimento essenziale, per quanto riguarda i neri in America), possono essere solo accennati brevemente in questa sede e saranno sicuramente oggetto di notevoli controversie e dibattiti.

Basti dire che l’immigrazione clandestina, unita alle frustrazioni per i diritti civili, ha alimentato il fuoco lento che era, ed è, la criminalità nera in America, culminata in sei mesi di sconvolgimenti urbani nel 2020, dopo la morte nelle mani della polizia di un criminale nero di carriera di nome George Floyd. L’autopsia finale ha dimostrato che Floyd è morto per overdose, avendo in corpo una quantità di fentanyl (tra le altre droghe) sufficiente a uccidere tre maschi adulti – o due Stacey Abrams. I Democratici non hanno fatto nulla per controllare i disordini, né il Presidente Trump.

Biden è entrato in carica sulla scia di un’elezione presidenziale del 2020 profondamente viziata e di una non-insurrezione disarmata al Campidoglio degli Stati Uniti il 6 gennaio 2021 (su cui scriverò molto di più in un prossimo articolo). In seguito, milioni di clandestini si sono riversati nel Paese, forse tra i sette e i dieci milioni finora. Ancora peggio, questi clandestini sono spesso aiutati e reclutati da luoghi lontani come l’Africa centrale non solo da organizzazioni di sinistra, ma anche dallo stesso Dipartimento della Sicurezza Nazionale la cui presunta missione era quella di impedire l’immigrazione illegale. Per pura coincidenza, il Segretario della Sicurezza Nazionale è ebreo.

Si dovrebbe capire che i leader ebrei usano i neri sia come arma che come distrazione dal comportamento ebraico, oltre che per attaccare i bianchi e gli asiatici in modo da non essere loro stessi in prima linea. Usano le accuse di razzismo e le accuse di odio per – compilare gli spazi bianchi – contro i critici della cattiva condotta dei neri – perché le stesse persone che criticano gli enormi tassi di criminalità dei neri, ad esempio, sono spesso le stesse che condannano l’influenza ebraica sul nostro governo.

Il ruolo degli ebrei nelle campagne contro il razzismo e la “supremazia bianca” ha tre scopi:

  • mettere i bianchi contro i neri all’interno degli Stati Uniti;
  • elevare i neri a spese dei bianchi, che sono visti come il principale ostacolo alle ambizioni ebraiche; e
  • disgregare e sminuire ulteriormente la società americana e la cultura, in gran parte bianca, su cui si è basato il suo successo.

Fino a poco tempo fa, gli ebrei e i gruppi ebraici negli Stati Uniti non sono stati così espliciti come in Europa riguardo all’obiettivo di mescolare razzialmente l’etnia europea con persone provenienti dall’Africa e dal Medio Oriente, fino a quando i Paesi a maggioranza bianca semplicemente non esisteranno più. Quello che è stato definito il “Piano Kalergi” (al riguardo si veda anche CDC qui) per una “Unione paneuropea” potrebbe aver fornito un quadro teorico per alcuni di questi obiettivi. Una delle tante sostenitrici ebree di questa politica è passata dall’America a Israele e poi in Svezia, dove ha contribuito a facilitare il disastro sociale che affligge quel Paese. Parla con orgoglio del ruolo ebraico in cui vede il multiculturalismo come una trasformazione essenziale per l’Europa, e riconosce che gli ebrei possono essere odiati per questo. Un ritornello ripetuto all’infinito da ebrei di spicco e da organizzazioni guidate da ebrei è la loro accurata comprensione del risultato finale di questa pratica di migrazione di massa e di eventuale mescolanza razziale.

jewish_leaders

blocked_video

(link al video)

Tuttavia, dato che lo stesso tipo di persone (globalisti e marxisti ebrei) e molte delle stesse organizzazioni e movimenti sono coinvolti da tutte le parti, è ragionevole pensare al peggio in America. Biden ha detto – sa almeno cosa ha detto? – che sarà un bene quando i bianchi non saranno più la maggioranza in questo Paese. Ha anche ripetutamente affermato che la “supremazia bianca” è la più grande minaccia per gli Stati Uniti e che i bianchi che si oppongono alle sue politiche sono “terroristi interni”, e ha minacciato di usare gli F-16 contro di loro almeno due volte nel 2022 – sicuramente una prima volta per qualsiasi presidente americano, senziente o meno.

La sua intera amministrazione, compresi tutti i servizi armati e di intelligence, sta spingendo l’iniziativa DEI (Diversity, Equity, Inclusion) volta a minimizzare la partecipazione dei bianchi e a massimizzare artificialmente quella di quasi tutti gli altri gruppi. Sempre con l’eccezione degli asiatici, che a quanto pare sono considerati “bianchi onorari” a causa del loro “eccessivo” [sic!] tasso di successo. I sindacati degli insegnanti, la maggior parte dei college e delle università, molte aziende e tutto ciò che è guidato dai democratici rispecchiano l’enfasi DEI.

La crescente senilità di Biden è (o dovrebbe essere) ormai evidente. Eppure non si può ignorare che l’attuale amministrazione sta perseguendo politiche interne e di immigrazione il cui effetto netto è quello di demonizzare e sminuire i bianchi e gli asiatici. La composizione demografica di questo Paese si trasformerà in uno stufato multirazziale – e quindi misurabilmente meno intelligente, meno istruito e più malleabile. Queste politiche hanno anche lo scopo di trasformare gli Stati “rossi” (repubblicani) in Stati “blu” (democratici) – ammesso, ovviamente, che le elezioni abbiano ancora qualche importanza.

no_white_children

kippah

Insieme a questi sviluppi, c’è una continua spinta da parte dei gruppi ebraici affinché i bianchi abbiano meno figli. I cinque conglomerati pubblicitari occidentali di proprietà ebraica (tre negli Stati Uniti, uno ciascuno in Gran Bretagna e in Francia) e l’industria dell’intrattenimento, dominata dagli ebrei, diffondono continuamente messaggi che incoraggiano le donne bianche ad accoppiarsi con maschi neri e/o scuri per produrre meno figli bianchi e più figli misti. È un vero e proprio pozione di streghe, con un risultato prevedibilmente orribile – per la nostra cultura. Per la nostra razza e il nostro Paese, se non per gli ebrei.

peoples_percentages

E quindi?

Vediamo a che punto siamo. Le ONG finanziate dagli ebrei spingono i migranti negli Stati Uniti e in Europa. Gli ebrei sono importanti nella leadership di gruppi “woke” come LGBTQ++ e femministe radicali, oltre a predominare nel mondo accademico come “marxisti culturali” che sostengono la CRT e la chirurgia di mutilazione infantile (scusate, “affermazione di genere”). Diverse generazioni di laureati provenienti dai “campi di rieducazione”, con valori radicali saldamente inculcati, si sono infiltrati in tutte le nostre istituzioni, dalle aziende alle organizzazioni non profit, all’arte e all’intrattenimento, fino alle forze armate, che ottengono la maggior parte dei loro ufficiali dal ROTC nei campus.

I media dominati dagli ebrei elogiano tutto ciò e sopprimono le critiche a tutto ciò, compresi i rapporti sugli abusi. Le piattaforme di social media dominate dagli ebrei censurano allo stesso modo le critiche ai loro sforzi, oltre a tenere lontano dagli occhi del pubblico i resoconti raccapriccianti di ciò che è andato molto, molto male. I media di intrattenimento dominati dagli ebrei glorificano tutto ciò che gli ebrei spingono, mentre sminuiscono i bianchi, soprattutto i maschi bianchi etero. Ma notare che tutto ciò costituisce un “discorso d’odio”, e anche solo un sussurro di critica, rendono una persona un antisemita furioso e un candidato primario alla rovina totale.

L’effetto netto è quello di paralizzare gli oppositori dell’agenda woke/radicale, spingendoli all’inazione. Perché? Dato che gli ebrei figurano in modo così evidente in quasi tutti questi gruppi, qualsiasi critica agli stessi viene immediatamente denunciata come antisemitismo dai media di proprietà ebraica e dall’establishment accademico a maggioranza ebraica e da ADL e SPLC. Praticamente tutti i critici tacciono piuttosto che essere demonizzati e penalizzati come antisemiti, anche quando l’abuso che viene criticato coinvolge folli credenze di genere che possono danneggiare direttamente la salute biologica di uomini, donne, bambini e bambine. È una strategia insidiosa che funziona quasi sempre (dico “praticamente” e “quasi” perché ci possono essere alcune eccezioni).

In superficie, molti neri laici progressisti, ebrei, attivisti LGBTQ e femministe sembrano uniti nell’odio verso i bianchi – soprattutto gli uomini bianchi etero – ma in realtà a unirli è fondamentalmente l’odio verso la civiltà occidentale, una civiltà che è stata in gran parte fondata da pagani bianchi nell’era classica greco-romana, ampliata in seguito da cristiani bianchi durante il Rinascimento e la Riforma, e che ha plasmato operosamente gran parte del mondo moderno. Eliminando le conquiste dei bianchi, a livello globale si torna essenzialmente a quello che era il Medioevo in Europa.

L’odio, invocato e alimentato dagli ebrei e da nessun altro, spinge questi gruppi a cercare di distruggere tutto ciò che la cultura bianca ha creato, compresi il patriarcato, la civiltà occidentale e gli Stati Uniti d’America. Sono i barbari all’interno, e sotto una guida prevalentemente ebraica. Non commettete errori: sono sulla buona strada per far crollare questo edificio. La vittima di un tempo – reale o presunta – è diventata un predatore a tutti gli effetti, intenzionato a trasformare il Deuteronomio in realtà. Non dobbiamo permettere che questo accada. In futuro mi occuperò di come farlo.

 

Nota dell’autore: desidero estendere il mio grande apprezzamento alla mia collaboratrice editoriale e buona amica Cat McGuire per la sua eccellente assistenza.

alan_ned_sabroskyAlan Ned Sabrosky (PhD, Università del Michigan) è un veterano che ha prestato servizio per dieci anni nel Corpo dei Marines degli Stati Uniti, anche in Vietnam con la 1ª Divisione dei Marines e si è laureato all’US Army War College.

 

Link: https://www.unz.com/article/weaponizing-anti-semitism-from-victim-to-predator/

Scelto e tradotto (IMC) da CptHook per ComeDonChisciotte

Pro-memoria: leggere attentamente ed assicurarsi di aver chiaramente compreso le Regole per i commenti

 

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
62 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
62
0
È il momento di condividere le tue opinionix