Le osservazioni “antisemite” di Lavrov

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

Gilbert Doctorow
gilbertdoctorow.com

Negli ultimi due giorni si sono verificati due grandi scandali diplomatici a livello internazionale. Uno riguarda l’ambasciatore ucraino a Berlino, che ha insultato gravemente il Cancelliere. L’altro riguarda le disinvolte osservazioni del ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov in un’intervista sull’antisemitismo, che ha immediatamente irritato l’establishment politico in Israele. Sebbene entrambi gli incidenti siano stati descritti nei notiziari, nessuno dei due è stato affrontato dal punto di vista del giornalismo investigativo.

Quando l’ambasciatore Andrij Melnyk ha accusato Olaf Scholz di comportarsi come “un wurstel offeso” per essersi rifiutato di visitare Kiev, la cosa ha attirato l’attenzione non solo dei media tedeschi, ma anche di quelli di tutto il mondo. Il termine “wurstel offeso” potrebbe sembrare peculiare per chi non parla tedesco, ma, chiaramente, non era inteso come un complimento.

Il Daily Beast è andato oltre la maggior parte della stampa identificando il termine come un colloquialismo tedesco “comunemente impiegato per descrivere qualcuno che fa la prima donna.” Ha inquadrato questo insulto al capo del governo come una ritorsione nei confronti del Cancelliere: il mese precedente, Zelensky aveva rifiutato di ricevere il capo di stato tedesco Frank-Walter Steinmeier a causa dei suoi legami stretti e di lunga data con Mosca, e questo aveva motivato la decisione di Scholz di non recarsi [a Kiev].

Tuttavia, i cosiddetti giornalisti investigativi del Daily Beast non hanno investigato oltre. Né il loro sito né il mainstream ha spiegato in modo convincente perché Kiev avrebbe intenzionalmente offeso il Paese più potente dell’UE, da cui dipende per l’assistenza militare ed economica. Alcuni lo attribuiscono alle opinioni personali dell’ambasciatore. Altri sono semplicemente confusi. Nessuno ha ritenuto che il battibecco che il rappresentante di Kiev ha avviato con Scholz potrebbe essere un intervento calcolato nella politica interna tedesca, con l’obiettivo di allontanare dal potere l’indeciso Scholz. Il Cancelliere è sotto pressione da parte dei membri del suo stesso partito e dei partner della coalizione, che lo sostituirebbero volentieri con qualcuno votato alla causa ucraina con i fatti e non solo con le parole.

Il caso delle osservazioni di Lavrov sugli Ebrei e l’antisemitismo ha ricevuto un’analisi ancora meno penetrante. Lavrov, secondo la stampa, avrebbe affermato che anche Hitler aveva sangue ebreo e che i peggiori antisemiti si trovano tra gli Ebrei. Queste parole sono state immediatamente stigmatizzate dal governo israeliano, che ha richiesto delle scuse immediate.

La stampa occidentale è stata altrettanto pronta a sottolineare come Lavrov avesse accelerato quello che potrebbe essere solo un raffreddamento delle relazioni con Israele. Gerusalemme ora abbandonerebbe sicuramente le sue pretese di essere un intermediario equilibrato e si allineerebbe sempre di più con Kiev. A Washington e Londra, i redattori stavano facendo i salti di gioia.

Tuttavia, nessuno si è posto la domanda fondamentale: perché Sergei Lavrov, sicuramente il diplomatico più esperto sulla scena mondiale, ha fatto osservazioni che potrebbero solo danneggiare le relazioni russo-israeliane?

Ammetto che c’è una spiegazione semplice. Lavrov intendeva con le sue parole controbilanciare il diniego occidentale che Kiev sia un regime dominato dai nazisti sulla base del fatto che lo stesso presidente Zelensky è ebreo. Ma Lavrov doveva essere consapevole di come Gerusalemme avrebbe reagito alle sue parole, quindi dovremmo guardare oltre.

Azzarderò un’ipotesi. Lavrov sapeva bene cosa stava facendo e, probabilmente, aveva discusso di questo argomento con il suo capo, Vladimir Vladimirovich, prima di aprire bocca.

I Russi sono molto insoddisfatti di Israele per la sua passata cooperazione militare con l’Ucraina e la dichiarazione di Lavrov è stata solo il round di apertura. Se torniamo ai primissimi giorni dell'”operazione militare speciale” della Russia, quando [i Russi] avevano preso il controllo della centrale nucleare di Zaporozhye, sequestrando i documenti relativi agli sforzi dell’Ucraina per costruire una “arma nucleare sporca”, [dovremmo ricordare che] il ministero della Difesa russo aveva annunciato che in zona operavano anche agenti stranieri.

Il giorno successivo, inaspettatamente e in gran fretta, il primo ministro israeliano Bennett era volato a Mosca per colloqui non programmati con Putin. Quasi nulla era trapelato dei loro discorsi, ma, successivamente, quegli agenti stranieri non erano mai stati identificati dai Russi.

Sebbene sia stato elogiato da alcuni lettori per evitare le “speculazioni”, mi permetterò, solo per questa volta, di speculare: non è inconcepibile che gli Israeliani siano stati tra i consiglieri chiave di Kiev per il suo programma di costruzione di armi nucleari. Se è così, possiamo aspettarci che le relazioni russo-israeliane peggiorino molto nelle prossime settimane e nei prossimi mesi.

Gilbert Doctorow
Fonte: gilbertdoctorow.com
Link: https://gilbertdoctorow.com/2022/05/04/lavrovs-anti-semitic-remarks/
04.05.2022
Scelto e tradotto da Papaconscio per comedonchisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
57 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
57
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x