La Moldavia potrebbe perdere la Gagauzia perché la sua popolazione non accetta l’occidentalizzazione

Gli eventi che si stanno verificando nella Gagauzia moldava ricordano sempre più i recenti avvenimenti nel Karakalpakstan dell'Uzbekistan.

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

di Lyuba Lulko
pravda.ru

La Presidente della Moldavia, Maia Sandu, risponde “Siamo persone oneste!” agli incontri con la gente, se qualcuno le pone domande acute. Tuttavia, questo non funziona più, soprattutto in Gagauzia, dove Sandu ha ricevuto il sostegno di solo il 2% della popolazione.

Con l’arrivo al potere in Moldavia del governo filo-romeno di Sandu, che ha puntato all’esistenza in campo europeo, la vita della popolazione moldava, che comprende l’Autonomia territoriale gagauza, è peggiorata rapidamente. Il prezzo della benzina si avvicina a 33 lei al litro (1,7 dollari), mentre il gasolio ha superato i 29 lei al litro (1,5 dollari).

Sotto il presidente socialista Igor Dodon, i prezzi del carburante erano la metà. Il prezzo del gas è quintuplicato, passando da 4,80 lei (0,25 dollari) per metro cubo a 22,26 (1,1 dollari) per metro cubo. Il responsabile di Moldovagaz ha confermato che il prezzo a cui la società ha acquistato il carburante dalla Federazione Russa è superiore a quello consentito per le vendite ai consumatori. Sembra che spetterà alla popolazione pagare la differenza quando si accumulerà.

Lo stipendio medio in Moldavia varia da 2.000 a 6.000 lei (100-300 dollari). La siccità di quest’anno ha reso la situazione nella regione agricola della Gagauzia ancora più complicata. Gli agricoltori affermano di essere in attesa di aiuti da parte delle autorità, aiuti che però non arrivano.

La scorsa settimana si sono tenute manifestazioni popolari a Comrat, Ceadir-Lunga e Vulcanesti. Nella risoluzione finale, i residenti locali hanno annunciato la loro intenzione di bloccare i lavori del parlamento, del governo e della residenza presidenziale e hanno chiesto ai rappresentanti delle autorità moldave di recarsi a Mosca per negoziare i prezzi del gas come hanno fatto Ungheria e Serbia.

Alcuni hanno chiesto le dimissioni del governo perché si presume che il governo ignori l’autonomia gagauza.

Il 7 luglio, il Parlamento della Gagauzia ha avvertito Chisinau che continuerà a lavorare attivamente allo sviluppo dell’indipendenza politica ed economica dell’autonomia, che Chisinau sta cercando di limitare.

“La retorica non diplomatica e ostile degli alti funzionari dello Stato nei confronti della Russia, i discorsi sulla necessità di ritirarsi dalla CSI, il richiamo dell’osservatore moldavo dall’UEEA, la retorica aggressiva nei confronti della Transnistria e degli accordi internazionali sulle forze di pace nella Zona di sicurezza – tutto questo può portare la situazione in Moldova e nella regione ad un livello critico”, si legge nella dichiarazione adottata dall’Assemblea popolare.

Il 23 luglio si terrà il Congresso costituente del nuovo movimento socio-politico Gagauz Halk Birlii/Unione Popolare della Gagauzia. L’obiettivo del movimento è quello di rafforzare il ruolo della Gagauzia nella risoluzione delle questioni socio-politiche a livello repubblicano. Di fatto, si tratta dello sviluppo di una nuova idea nazionale.

Sui social media, gli abitanti della Gagauzia chiedono a Putin di prenderli sotto l’ala della Russia:

Vladimir Vladimirovich Putin, portaci nella Federazione Russa! Maia Sandu ci sta uccidendo… La Gagauzia non ha votato per lei!

Il blogger gagauzo Nikolai Kostyrkin, già detenuto con l’accusa di essere un guerrafondaio e per incitamento all’odio etnico, ritiene che la Moldavia, come molte repubbliche sovietiche, non sia stata in grado di affermarsi come Stato indipendente. Pertanto, il Paese non è in grado di sostenere lo sviluppo economico isolandosi dall’economia della Russia.

Secondo lui, dopo il completamento dell’operazione speciale, la Moldavia potrebbe diventare parte della Federazione Russa, che si sta liberando dall’oppressione coloniale.

“Tra qualche tempo, la Moldavia dovrà adottare l’esperienza della Russia che si è liberata dal giogo occidentale”, ha dichiarato Nikolai Kostyrkin in un videomessaggio.

La popolazione delle repubbliche post-sovietiche si oppone all’occidentalizzazione
La Gagauzia è una nazione ortodossa di lingua turca. I bolscevichi la assegnarono alla Moldavia. Il 12 novembre 1989 si è tenuto un Congresso straordinario dei rappresentanti del popolo gagauzo, durante il quale è stata proclamata la Repubblica socialista sovietica autonoma di Gagauzia.

Il 19 agosto 1990, il I Congresso dei deputati del popolo della steppa a sud della RSS moldava adottò la “Dichiarazione sulla libertà e l’indipendenza del popolo gagauzo dalla Repubblica di Moldova”, proclamando la Repubblica di Gagauzia come parte dell’URSS. Questo Stato è esistito de facto su parte del territorio dell’ex URSS moldava dal 1990 al 1994.

Nel dicembre 1994, la Gagauzia e la Moldavia hanno firmato un documento sull’ingresso della Repubblica in Moldavia sotto forma di ampia autonomia con il diritto di secessione dalla sua composizione. La Gagauzia ha i propri simboli statali: parlamento, presidente (bashkan) e tre lingue statali, tra cui il russo.

La Gagauzia ricorda il Karakalpakstan (1) in Uzbekistan, dove recentemente si sono svolte sanguinose proteste.

L’analogia suggerisce la forzata occidentalizzazione dello spazio post-sovietico, a cui la popolazione locale si oppone strenuamente.

Sullo sfondo dell’impoverimento della popolazione, le autorità moldave cercano di privare la Gagauzia della sua autonomia, laddove la maggioranza dei residenti, come in Karakalpakstan, spera in un percorso comune con la Federazione Russa. Protesteranno con veemenza contro la rottura dei legami con la Federazione Russa e la vendita della loro sovranità agli “investitori” occidentali.

Nel referendum del 2014, il popolo gagauzo si è schierato contro l’adesione all’Unione Europea ed ha espresso il proprio sostegno all’indipendenza in caso di perdita della sovranità della Moldavia.

Note:
(1) https://english.pravda.ru/news/world/152742-uzbekistan_protests/

********************************************

Articolo originale di Lyuba Lulko: https://english.pravda.ru/world/153224-gagauzia/

Traduzione di Costantino Ceoldo

 

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
11 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
11
0
È il momento di condividere le tue opinionix