La melatonina riduce trombosi, sepsi e mortalità Covid

La melatonina può ridurre il tasso di conseguenze gravi della Covid, aiutare a regolare il sonno, promuovere la stabilità genomica e proteggere dalla neuro degenerazione

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

 

Dr. Joseph Mercola – 5 dicembre 2021

 

Due studi fondamentali hanno identificato il ruolo che la melatonina (*) gioca nel ridurre il rischio di un test positivo per Covid-19 e nell’abbassare l’incidenza di sintomi gravi.

Questa nuova scoperta si aggiunge a una lista di benefici legati alla melatonina da quando fu scoperta per la prima volta nel 1958 dal dottor Aaron Lerner, un dermatologo che riuscì a isolarla dalla ghiandola pineale di una mucca.

Gli scienziati hanno iniziato a studiare la melatonina negli anni ’80, e negli anni ’90 ha ricevuto maggiore attenzione. I dati della ricerca hanno mostrato che la melatonina influenza una serie di processi organici, tra cui il metabolismo calcio-dipendente, la modulazione del sistema immunitario e la crescita tumorale, che può contenere.

Anche se la melatonina è prodotta in una varietà di tessuti, la fonte principale è la ghiandola pineale, una piccola ghiandola endocrina che si trova al centro del cervello. Una delle funzioni iniziali della melatonina è probabilmente quella di spazzino dei radicali liberi. È interessante notare che la melatonina funziona anche nelle piante per ridurre lo stress ossidativo e promuovere la germinazione e la crescita dei semi. Il precursore necessario nelle piante e negli animali è il triptofano.

Il corpo controlla il rilascio di melatonina attraverso un ciclo circadiano principale, situato in un’area del cervello chiamata nucleo soprachiasmatico.

Quest’area sincronizza la secrezione di melatonina attraverso un complesso percorso nel sistema nervoso influenzato dalla luce in entrata attraverso gli occhi. Poiché la melatonina aiuta a controllare i cicli sonno-veglia, è diventato popolare usarla per aiutare a gestire il jet lag o favorire il sonno.

Ora i dati dimostrano che la melatonina può essere utile nella prevenzione delle complicazioni in persone con COVID-19.

 

Incidenza più bassa di forme gravi di Covid-19

Nel mese di ottobre, è stato avviato uno studio pubblicato sull’International Journal of Infectious Diseases per studiare l’effetto che la melatonina può avere sui pazienti adulti con grave infezione da Covid-19. Sono stati coinvolti 158 pazienti con malattia grave, studio clinico prospettico e randomizzato, condotto in un unico centro a Mosul, Iraq, dal °1 dicembre 2020 al 1° giugno 2021.

I pazienti sono stati divisi in due gruppi. Nel gruppo di controllo, 76 di loro hanno ricevuto solo cure mediche standard. Nel gruppo di intervento, 82 hanno ricevuto la cura medica standard più 10 milligrammi (mg) di melatonina al giorno. I medici hanno poi valutato l’incidenza di sepsi, trombosi e mortalità nei pazienti nei giorni 5, 11 e 17.

Quando i ricercatori hanno confrontato i dati del gruppo di controllo con il gruppo di intervento, hanno scoperto una riduzione significativa di trombosi e sepsi durante la seconda settimana in coloro che avevano assunto melatonina. Hanno anche scoperto che la mortalità era significativamente più alta in quelli che non assumevano melatonina.

Gli uomini costituivano il 72,2% dei pazienti e l’età media era di 56,3 anni in un intervallo compreso tra 32 e 78 anni. I ricercatori hanno diviso il gruppo di intervento e di controllo senza alcuna differenza significativa in relazione alle comorbilità che aumentano il rischio di Covid-19, come ipertensione, asma, diabete e malattie cardiache.

Nel misurare i singoli indicatori, i ricercatori hanno scoperto che c’era un numero significativamente maggiore di pazienti con trombosi nel gruppo di controllo al giorno 17 rispetto al gruppo che assumeva la melatonina. Nessun paziente ha sviluppato sepsi nei primi cinque giorni in entrambi i gruppi. Tuttavia, entro l’11° giorno, due pazienti nel gruppo che prendeva la melatonina hanno sviluppato una sepsi, come pure otto pazienti nel gruppo di controllo.

A fine studio, i ricercatori hanno riscontrato un tasso di mortalità significativamente più alto nel gruppo di controllo del 17,1 per cento rispetto all’1,2 per cento del gruppo della melatonina. La somministrazione di melatonina era per via orale.

I ricercatori hanno dichiarato che i risultati del loro studio suggeriscono la necessità di approfondire la ricerca.

“La riduzione dei tassi di trombosi, sepsi e mortalità avvalora l’efficacia dell’adiuvante melatonina nel mitigare questa malattia infettiva“, hanno scritto.

Date le prestazioni eccezionali della melatonina come farmaco economico, altamente sicuro e facilmente disponibile, si raccomanda vivamente di occuparsene negli studi futuri“.

 

Si è scoperto che la melatonina riduce il rischio di positività al test

Questi nuovi risultati supportano una ricerca precedente pubblicata alla fine del 2020 che ha mostrato che l’uso della melatonina era associato ad una riduzione del 28% della probabilità di un test Covid-19 positivo. I ricercatori hanno iniziato lo studio per identificare potenziali modalità di trattamento utilizzando la metodologia della medicina di rete insieme alle osservazioni cliniche.

La medicina di rete valuta le reti cellulari e le implicazioni che queste hanno sulla malattia e sulla cura. La medicina di rete cerca potenziali trattamenti farmacologici analizzando come le malattie sono collegate a livello molecolare. I ricercatori hanno usato l’intelligenza artificiale per confrontare i geni e le proteine del SARS-CoV-2 insieme ad altre 64 malattie.

Da questi dati, hanno identificato condizioni simili con farmaci approvati per il trattamento. Usando queste informazioni, i ricercatori hanno identificato 34 farmaci approvati dalla FDA usati per trattare condizioni simili e che possono essere valutati per il reimpiego nel trattamento della Covid-19.

L’elenco delle condizioni di salute includeva malattie autoimmuni, affezioni polmonari, anticorpi specifici e patologie cardiovascolari. A partire da queste condizioni i ricercatori hanno identificato i farmaci, compresa la melatonina, da un elenco di categorie che comprendeva antibiotici, antinfiammatori, ormoni, beta-bloccanti e B2-agonisti.

Dopo aver identificato questi farmaci, i ricercatori hanno usato le informazioni insieme ai dati di quasi 27.000 pazienti ricoverati alla Cleveland Clinic. Hanno corretto in base a fattori confondenti come età, passato da fumatore, razza e una varietà di comorbilità legate alla malattia quando hanno rilevato che l’uso di melatonina riduceva del 28% la probabilità di positività al test Covid-19.

È interessante notare che quando questi stessi aggiustamenti sono stati fatti su una popolazione di neri americani nel sistema di registrazione, la riduzione è salita al 52%. Lo scienziato a capo dello studio, Feixiong Cheng, ha parlato dei risultati in una dichiarazione dalla Cleveland Clinic:

È importante notare che questo non significa che le persone dovrebbero iniziare a prendere la melatonina senza prima consultare il proprio medico. Siamo entusiasti dei risultati e di studiare maggiormente tale connessione, ma per confermare ciò che abbiamo trovato qui sono essenziali studi osservazionali su larga scala e studi controllati randomizzati“.

 

La melatonina è parte integrante del protocollo di prima linea

All’inizio del 2020, la Front Line Covid-19 Critical Care Alliance (FLCCC) ha sviluppato protocolli di prevenzione, trattamento ambulatoriale e ricovero basati sulle intuizioni dei medici di terapia intensiva fondatori. Il dottor Paul Marik, medico di terapia intensiva alla Eastern Virginia Medical School, noto anche per il suo lavoro per migliorare l’esito dei pazienti con sepsi, è uno di quei medici.

Marik ha anche usato la melatonina nel trattamento della sepsi. Ha pubblicato un documento nel Journal of Thoracic Disease nel febbraio 2020 fornendo il razionale scientifico per l’utilizzo di melatonina per aiutare a regolare lo squilibrio ossidativo e la disfunzione mitocondriale che sono comunemente presenti nella sepsi.

A questo è seguito un articolo pubblicato su Frontiers in Medicine nel maggio 2020, in cui lui e un team di scienziati hanno pubblicato un algoritmo terapeutico che hanno utilizzato per la melatonina nel trattamento della COVID-19. Hanno scritto: “Le azioni multiple della melatonina come antinfiammatorio, antiossidante e antivirale (contro altri virus) la rendono una scelta ragionevole per l’uso”.

Nel giugno 2020, lo FLCCC ha pubblicato una dichiarazione sul protocollo MATH+, affermando che sta “mostrando un forte effetto sulla sopravvivenza dei pazienti con COVID-19”. Una parte integrante del protocollo di trattamento ospedaliero MATH+ è la somministrazione di 6-12 milligrammi (mg) di melatonina alla sera.

Il gruppo ha anche sviluppato un protocollo iMASK per il trattamento ambulatoriale precoce, che include 10 mg di melatonina alla sera, elencata sotto la categoria degli anticoagulanti e dei farmaci immunizzanti. In una revisione delle evidenze che dimostrano l’efficacia dell’ivermectina, gli scienziati hanno scritto:

Sebbene l’adozione del MATH+ sia stata considerevole, è avvenuta in gran parte solo dopo che l’efficacia del trattamento della maggior parte dei componenti del protocollo (corticosteroidi, acido ascorbico, eparina, statine, vitamina D, melatonina) è stata convalidata in successivi studi randomizzati controllati o sostenuta più fortemente con grandi serie di dati osservazionali nella Covid-19.”

Nonostante la mole di prove a sostegno, il protocollo MATH+ per i pazienti ospedalizzati non si è ancora diffuso“.

Quando la revisione è stata successivamente pubblicata, la menzione della melatonina e questa citazione sono state rimosse. Un’altra difficoltà per i pazienti con Covid-19 è lo sviluppo di sintomi a lungo termine che, secondo uno studio della UC Davis, colpisce almeno il 25% degli individui.

I sintomi a lungo termine possono includere dolori corporei, dolori muscolari, annebbiamento mentale, problemi addominali e perdita dell’olfatto e del gusto. Il gruppo FLCCC ha anche sviluppato un protocollo di gestione per la sindrome COVID-19 a lungo termine chiamato I-RECOVER.

Il team ha sviluppato un algoritmo per aiutare i medici a identificare il tipo di trattamento basato sui sintomi del paziente. Tuttavia, a tutti i pazienti viene consigliato l’uso di vitamina C, acidi grassi omega-3, vitamina D3 e melatonina.

 

Altri benefici effetti della melatonina sulla salute

Il corpo usa la melatonina per aiutare a proteggere la salute generale in diversi modi. La melatonina è meglio conosciuta per la relazione con il ciclo circadiano. Anche se gli scienziati stanno ancora esplorando alcuni dei benefici legati al sonno, si sa che la melatonina è una molecola regolatrice di base del sonno.

Esistono studi positivi che dimostrano l’effetto della melatonina sui disturbi associati a ritmi disfunzionali di melatonina, come il jet lag e il lavoro a turni. Inoltre, ci sono prove di una diminuzione della produzione di melatonina nei malati di Alzheimer nelle fasi iniziali. La scarsa qualità del sonno aumenta l’accumulo di placche di beta-amiloide che sono parte integrante della progressione del morbo di Alzheimer.

La scoperta della relazione tra la neurodegenerazione e il sonno offre un possibile utilizzo della melatonina per promuovere un sano invecchiamento mentale e nel trattamento del morbo di Alzheimer nelle fasi iniziali. La melatonina aiuta anche a regolare l’infiammazione nel corpo che ha un impatto significativo sul dolore associato all’artrite reumatoide e all’osteoartrite.

In un documento pubblicato nel 2015 viene analizzata la relazione tra la melatonina e le ricadute della sclerosi multipla e si scopre che migliora i periodi di ricaduta. Si è scoperto che la melatonina influenza “la differenziazione delle cellule T e comporta implicazioni per i disturbi autoimmuni come la sclerosi multipla”.

La melatonina aiuta a promuovere la stabilità genomica, che può aiutare a spiegare perché l’interruzione di segnalazione della melatonina risulta promuovere la crescita e il metabolismo del cancro al seno umano. Le funzioni antiossidative e antinfiammatorie della melatonina hanno anche dimostrato la capacità di proteggere la funzione epatica con un impatto sulla malattia del fegato grasso.

La serie di effetti che la melatonina ha sul corpo umano è significativa. Una ricerca pubblicata nel Journal of Perinatology ha dimostrato che la somministrazione precoce di melatonina insieme all’ipotermia (raffreddamento di tutto il corpo) nei neonati che hanno sofferto di asfissia durante la nascita, ha avuto un effetto neuroprotettivo e ha migliorato le lesioni cerebrali dei soggetti che erano stati trattati con ipotermia e cinque dosi giornaliere di melatonina per via enterale.

Ai benefici derivanti dall’integrare la melatonina per via orale, si aggiunge anche la capacità di contribuire ad ottimizzare la produzione propria. È relativamente semplice e poco costoso e, allo stesso tempo, aiuterà a ottimizzare i livelli di vitamina D. L’ottimizzazione della produzione di melatonina inizia con l’ottenere abbastanza luce solare durante il giorno, in modo da regolare il ciclo circadiano.

Quando si avvicina la sera e il sole tramonta, è meglio evitare l’illuminazione artificiale. La luce blu degli schermi elettronici e delle luci LED è particolarmente problematica e inibisce la produzione di melatonina. In caso di necessità di illuminazione, usare lampadine a incandescenza, candele o lampade di sale. La luce blu degli schermi elettronici può essere contrastata con un software che blocca il blu o indossando occhiali che bloccano il blu.

La mia scelta di usare personalmente un’integrazione di melatonina ha ancora più senso ora che abbiamo capito che la melatonina non è prodotta solo nella ghiandola pineale (che beneficerebbe dell’ottimizzazione circadiana), ma anche nei nostri mitocondri. Così, sembra che la melatonina supplementare potrebbe servire come un utile complemento nella modulazione della risposta immunitaria.

 

Fonte: https://www.theepochtimes.com/mkt_breakingnews/melatonin-affects-thrombosis-sepsis-and-covid-mortality-rate_4105459.html?utm_source=newsnoe&utm_medium=email&utm_campaign=breaking-2021-12-06-4&mktids=92053afd0e525ad2cb0c2b4b29a3a0d1&est=C5EVUA5PQnNUvAlGpRAqvNmwY7bayhkpDfzf68uG4tQYaz1xbm5W24ljx%2FnFKtG0CO1nyQ%3D%3D

 

Traduzione di Cinthia Nardelli per ComeDonChisciotte

(*) Note a corredo:

La melatonina, originariamente scoperta come ormone della ghiandola pineale, è prodotta da batteri, protozoi, piante, funghi, invertebrati e vari siti extrapineali dei vertebrati, tra cui l’intestino, la pelle, la ghiandola Harderiana e i leucociti. Le vie di biosintesi sembrano essere identiche. Le azioni sono pleiotropiche, mediate da recettori di membrana e nucleari, altri siti di legame o interazioni chimiche. La melatonina regola il ciclo sonno/veglia, altri ritmi circadiani e stagionali e agisce come immunostimolatore e agente citoprotettivo. La melatonina circolante è principalmente 6-idrossilata dalle monoossigenasi epatiche P450 ed escreta come 6-sulfatoxymelatonina. La scissione dell’anello pirrolico è di maggiore importanza in altri tessuti, specialmente nel cervello. Il prodotto, N1-acetyl-N2-formyl-5-methoxykynuramine, è formato da reazioni enzimatiche, pseudoenzimatiche, fotocatalitiche e numerose reazioni dei radicali liberi. Altri metaboliti risultano dall’idrossilazione e dalla nitrosazione. Il metabolita secondario, N1-acetil-5-metossicuramina, supporta la funzione mitocondriale e regola verso il basso la cicloossigenasi 2. La protezione antiossidativa, la salvaguardia del flusso di elettroni mitocondriale e, in particolare, la neuroprotezione, sono state dimostrate in molti sistemi sperimentali. I risultati sono incoraggianti per utilizzare la melatonina come promotore del sonno e per prevenire la progressione delle malattie neurodegenerative. (https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/16219483/)

Le proprietà della melatonina: ce le spiega il Dr. Giuseppe Di Bella (intervista video)

Farmaci naturali: la melatonina

 

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
5 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
5
0
È il momento di condividere le tue opinionix