Home / Attualità / Il decreto-legge sui vaccini: abuso di potere, regresso nei diritti civili, insulto alla medicina e alla scienza
Foto Roberto Monaldo / LaPresse 20-12-2016 Roma Politica Quirinale - Cerimonia per lo scambio di auguri con le alte cariche dello Stato Nella foto Maria Elena Boschi, Marianna Madia, Beatrice Lorenzin, Valeria FedeliPhoto Roberto Monaldo / LaPresse 20-12-2016 Rome (Italy) Quirinale palace - Ceremony for the greetings exchange with the high State offices In the photo Maria Elena Boschi, Marianna Madia, Beatrice Lorenzin, Valeria Fedeli

Il decreto-legge sui vaccini: abuso di potere, regresso nei diritti civili, insulto alla medicina e alla scienza

DI MARCO MAMONE CAPRIA

hansruesch.net

La montagna di propaganda che si è riversata nell’ultimo anno sugli italiani per convincerli dell’esistenza di immaginarie emergenze sanitarie (come quella della meningite [1]) era preparatoria a un decreto-legge antiscientifico, illiberale, anticostituzionale. I principali media, anche stavolta, hanno tradito il pubblico concentrandosi sul falso scontro (un tipico esempio della tecnica di manipolazione detta “Good Cop-Bad Cop”) tra due signore non laureate ma misteriosamente poste a capo del ministero dell’Istruzione (Valeria Fedeli) e della Salute (Beatrice Lorenzin), e si sono ben guardati dall’entrare nel merito del colpo di mano che si
stava in ogni caso preparando ai danni dei cittadini italiani.

Così il 19 maggio 2017 è stato approvato dal Consiglio dei Ministri un decreto-legge sui vaccini pediatrici [2,3]. Il decreto non è ancora stato convertito in legge, e se non lo fosse entro 60 giorni dalla sua pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale (cosa, quest’ultima, non ancora avvenuta) decadrebbe in tutti i suoi effetti. In base al “decreto vaccini”, diventano obbligatorie per i bambini da 0 a 16 anni ben 12 vaccinazioni, 8 in più rispetto a quelle che lo erano finora (anti-poliomielite, anti-difterite, anti-tetano, anti-epatite B). Le nuove vaccinazioni sono: anti-pertosse; anti Haemophilus influenzae tipo B; anti-meningococcica B; anti-meningococcica C; anti-morbillo; anti-rosolia; anti-parotite; anti- varicella.

I genitori che violano l’obbligo sono multati da 500 fino a 7500 euro, ogni anno, e sono segnalati al Tribunale dei Minorenni «per la sospensione della potestà genitoriale». Il bambino non vaccinato non può essere iscritto agli asili nido e alle scuole dell’infanzia pubbliche o private.

CONTINUA QUI

Pubblicato da Davide

  • Primadellesabbie

    Controtendenza e politicamente molto scorretto,
    a squarciagola (con sottofondo di fisarmonica e vociare di osteria):

    ” LA CALZA, A FARE LA CALZA “.

    • Tizio.8020

      Secondo me, nemmeno quella san fare…

  • RenatoT

    si vabbè.. pero’.. senza un popolo di pecore questi decreti non avrebbero effetto e non farebbe presa la scusa dell’effetto gregge.

  • marco schanzer

    Chi si pieghera’ , si iscrive in un registro che costituisce l’organico di una sottoclasse di schiavi . Ma forse , all’Italiana , produrremo finti certificati , e tutto rimarra’ come prima .

    • VanderZande

      Qualche anno fa, in Germania, il MSM martellava come un pazzo sull’influenza suina. Veniva annunciata a breve la vaccinazione obbligatoria. La gente era spaventata, piu’ che altro dalla prospettiva di andare a farsi iniettare chissa’ cosa senza motivo, perche’ era chiaro che l’emergenza non c’era. Molti medici erano molto critici. Per non dire altro.
      Se per caso questa volta, in Italia, dovesse passare questa porcheria, spero ardentemente che un buon numero di medici Italiani scopra di avere una coscienza e agisca di conseguenza.
      Per rispondere alla tua ultima domanda sulla produzione di ambienti indipendenti, beh, io tempo fa ci ho provato. Ma chi si dovrebbe unire al progetto, se la paura piu’ grande della gente e’ quella di cambiare anche solo una virgola nel loro modo di vivere, perche’ essere uno schiavo e’ in fondo comodo, la spina dorsale ce l’hanno sciolta con l’acido decenni fa, e ci hanno insegnato solo ad azzannarci a vicenda. Come animali in cattivita’, che vivono completamente dipendenti dal loro carceriere, ne hanno una paura folle, ma eseguono ubbidienti ogni suo ordine per non far peggiorare le cose.

      • SanPap

        Se un medico segue quanto stabilisce il Protocollo Sanitario relativo al caso che sta trattando è tutelato dalla legge, altrimenti no.
        Loro seguono i protocolli e dormono sonni tranquilli.

        • VanderZande

          Eccoli che arrivano. Mi sembrava di sentire rumore di zoccoli in lontananza.

          • SanPap

            ???

      • fuffolo

        “e ci hanno insegnato solo ad azzannarci a vicenda”
        E’ proprio vero, anche nelle forme del nostro confrontarci, vogliamo che le nostre idee prevalgano, che vengano riconosciute come le migliori.
        Siamo un insieme di paure ed insicurezze che non riusciamo nè a capire nè a manifestare. Ed il pensiero collettivo non progredisce.
        Hanno fatto proprio un buon lavoro.

  • GioCo

    Le vacche sono vaccinate da anni senza il loro consenso e con pesanti dubbi sul tipo di efficacia dichiarata “contro” le malattie, anche considerando che ste campagne di “vaccinazioni” obbligatorie degli allevamenti contro un po’ di tutto hanno il piacevole “effetto collaterale” di gonfiare la carne di acqua facendo crescere i profitti, accelerare la crescita della bestia facendo a pezzi i piccoli produttori che allevano alla “maniera biocompatibile” con la natura, nonchè sbiancare la carne che ha assoluta necessità di cumulare ferro nei tessuti e tutto questo inquinamento ipertossico si fa perchè “al consumatore” fa schifo la carne scura e fibrosa, quindi adesso cos’è tutto questo “rumore” tra le bestie umane? Improvvisamente ci si accorge che la totale indifferenza verso l’inutile spreco della Vita che mette in atto il profitto, finisce sempre per ritorcersi contro di noi in un modo o nell’altro?

    Tra gli infiniti esempi che servono a capire il rapporto tra spreco e indifferenza di cui ciancio: prendiamo le cave per l’estrazione del neodimio in Cina a Baotou al confine con la Mongolia, capace di fornire da sola oltre il 90% del fabbisogno mondiale; ciclo di estrazione tra i più inquinanti del pianeta ha prodotto fin’ora un lago di 11 Km quadrati composto da un deposito annuale di 600mila tonnellate di liquami chimici così tossici da rendere l’area radioattiva. A cosa serve tanto spreco di risorse e di ambiente? Oltre ad arricchire i proprietari delle miniere, a fare vibrare i cellulari. Ecco, per avere un vibratore che ci possa massaggiare il piacere di una chiamata, noi facciamo del pianeta un luogo che fa apparire una discarica il paradiso terrestre. Così è facile prevedere il futuro: i ricchi faranno la casa nelle discariche e il resto galleggerà tra fetidi liquami dei suoi “indispensabili vibratori”, pregando un giorno si e l’altro pure che non si scateni un uragano.

    Credo sia sacrosanto e giusto proteggere la vita degli innocenti, però che siano bambini, vacche o individui comunque troppo poveri per difendersi dagli “effetti collaterali” di questo aggressivo benessere demoniocratico tecnofrenico, fatico a capire che differenza ci sia.

    D’accordo, va bene, non voglio essere troppo negativo … si potrebbe certamente lottare per pretendere un futuro appena appena più decente, la “creatività” non manca! Ad esempio praticando la disubbidienza civile organizzata in massa. Ma non vedo niente più che la voglia di tappare i buchi del momento al fine di procrastinare la profezia auto-avverante dell’apocalisse. Questo perché mettere la testa sotto la sabbia, anche se non risolve nulla, almeno ha il pregio di evitare la disperazione dell’essere consapevoli, necessaria per iniziare a fare qualcosa di appena un po’ meglio che stare con la testa sotto la sabbia.

  • Holodoc

    Il governo Renzi ha fallito con il referendum sulle riforme, questo governo deve dimostrare di riuscire a piegare il popolo almeno su un argomento. Ci stava riuscendo con gli immigrati ma uno studentello ha rovinato tutto svelando il favoreggiamento delle ONG.
    Adesso ci provano con i vaccini, e lo stanno facendo con nel peggiore dei modi, con la coercizione. Basta che il 10% dei genitori si rifiutino per mandare all’aria il loro piano.

    Non è che puoi far tornare l’analfabetismo per la questione dei vaccini!

  • Ronte

    Lo Stato E’ l’organo del dominio di classe, borghese ovviamente. E l’abuso di potere (non so quante altre cose devono succedere perchè la gente capisca) esprime il livello di servilismo (leggi, decreti, regole) nei riguardi dei Poteri Dominanti. Una dittatura al momento vestita di grigio, ma non è detto che si fermi qui. A meno che, il popolino torni ad essere POPOLO…

    • gianni

      hanno la televisione con cui riescono a fare un lavaggio del cervello pazzesco al 90 % del popolo…..per ora non ce speranza

      • Ronte

        Qualcuno diceva: non affidarsi alla speranza…e quel 10% sarebbe sufficiente come inizio: consapevolezza, volontà e coraggio gli ingredienti per progettare, organizzare e sviluppare una forza capace di rovesciare l’esistente…

  • Mario Poillucci

    Ribellarsi, rivoltarsi, insorgere armati e ripulire il paese, non esiste altra soluzione! L’italietta è terra di conquista per tutti i malintenzionati che si servono di finti politici, finti governi, finte istituzioni solo e soltanto, in realtà vili sicari, bravacci alla don rodrigo, in vendita sempre e spendibili in cambio del loro 30 300 3000 30000 300000 ed anche molto di più sporchi denari! L’italietta è un esperimento gestito dal peggio del peggio del peggio che si possa immaginare! Necessita ribellarsi e ripulire i covi del potere nefasto, schifoso, malsano, criminale! Ovviamente in data di ieri ho denunciato alla competente procura l’agire del governicchio minimo che ci frantuma i santissimi e della alfaniana (tutto dire!!!!) lorenzin per il loro compartamento autoritario, bugiardo e diffusivo di gravissimi reati, di procurato allarme sociale privo di fondamento e estremamente favorevole nei confronti di mercanti di morte! Staremo a vedere!!!

    • VanderZande

      Penso che anche il Codacons abbia fatto denuncia.

      • Mario Poillucci

        E’ vero ma dovremmo procedere in tanti, uniti e compatti! E’ evidente che l’agire di quelle mezze (anche meno) calzette è dettato da altri! Vogliamo permetterlo senza reagire adeguatamente? Non mi sembra dignitoso e costituisce vero motivo di vergogna! Riflettiamo! Ministri/e prive di carisma, capacità, utilità ecc.ecc. dispongono con fare fascista ed autoritario delle nostre vite! Il momento è gravemente critico, reagire con la massima durezza prima che sia troppo tardi! Anche se siamo un popolino di smidollati non mi sembra dignitoso sottostare ai diktat di quelle improponibili persone che occupano, abusivamente e dannosamente, poltrone che non meritano quegli insulti!!

    • Lupis Tana

      ribellarci come? l’unico modo è non pagare una percentuale delle tasse ed andare in contenzioso per anni… altro modo non vedo, visto che ci sono tele camere dappertutto con la scusa della sicurezza, ci controllano ogni singolo spostamento. t l

      • Mario Poillucci

        Ciò che affermi è vero anzi sacrosanto! Andrebbe calcolato, quantificato l’importo pro-capite per violenze, soprusi, malversazioni, ruberie quotidiane e sempre più intemerate operate dal regime sfacciato, tanto ignorante quanto prepotente e blasfemo che ci opprime e distrugge! Quantificato il ”quantum” non versare imposte e balzelli canaglieschi, rifiutarsi di pagare in tanti e compatti e mettere all’angolo la teppa! E’ vero che ci controllano (o cercano di controllarci) ad ogni piè sospinto! Tu vedi e leggi che ciò che posto! E’ suffragato da nome e cognome! Non mi fanno nessuna paura e, credimi sulla parola, che nel momento in cui deciderò di punirne qualcuno per i suoi crimini non ci saranno santi che potranno salvarlo! Ti auguro una felice sera!

        • marco schanzer

          un non pagamento , parziale , del pizzo , non li toglierebbe di torno . Occorre prendersi tutta la Responsabilita’ di un organizazione nuova .

  • Truman

    Mamone Capria è molto bravo dal punto di vista medico-sanitario e il suo documento è da leggere per intero. Però il decreto vaccini non esiste, si può facilmente verificare qui http://www.gazzettaufficiale.it/30giorni/serie_generale .
    Esiste solo un comunicato del Ministero della Salute dove falsamente si parla di un inesistente decreto e se ne riassume il contenuto. In questo comportamento del Ministero si possono rilevare con facilità numerosi aspetti con rilevanza penale e/o civile: procurato allarme, abuso d’ufficio, diffusione di notizie false, … Il tutto dovrebbe essere aggravato dal fatto che il Ministero evidentemente svolge un ufficio pubblico (almeno formalmente).

    • guidino

      è il metodo della finestra di overton

  • Adriano Pilotto

    Le multinazionali del farmaco hanno interpreto l’insediamento della Lorenzin al Ministero della Sanità come il ritorno di De Lorenzo, più giovane e con un sesso diverso, ma sempre uno con cui è possibile fare affari.
    Un popolo civile dovrebbe pretendere che al ministero della sanità si eriga un monumento a Zheng Xiaoyu.

  • raniran

    L’itaGlia mi sembra la più prona, almeno in Francia qualche Medico
    luminare in evidenza ha detto la sua rispettabilissima contrarietà ai vaccini,
    in ogni modo l’ europa perde pezzi e godo (G7? escludendo chiaramente Putin?, ma vaff).
    MONDO AL CONTRARIO
    Io ho 2 figli ( una morta piccola per cause”misteriose” autopsia, indagati genitori e fratellino, aveva fatto il vaccino un mesetto prima, nessuna malformazione, nulla, morta in culla a 17 mesi).
    Alessandro

  • guido

    I genitori devono sapere che è previsto un indennizzo per i danni da vaccinazione dalla “LEGGE 29 ottobre 2005, n.229- Disposizioni in materia di indennizzo a favore dei soggetti danneggiati da
    complicanze di tipo irreversibile a causa di vaccinazioni obbligatorie.”

    Questa norma prevedeva l’impegno di 30 milioni annui per gli indennizzi ( si consideri che la morte è indennizzata con 150.000 Euro).

    Direi che un genitore non dovrebbe firmare la liberatoria , o meglio richiedere ASSOLUTAMENTE i vaccini SINGOLI e non l’esavalente.

  • Purtroppo è inutile sperare nelle ONG a difesa dei minori. Se però qualcuno decidesse di promuovere un referendum per l’abolizione dell’obbligo per vaccini stupidi (e per l’ingiustificata durezza della pena, a danno del bambino stesso che diventerebbe un orfano) credo che sarebbeo in molti a sottoscrivere l’iniziativa io primo. Non si risolverebbe comunque il problema dato che gli interessi economici finanzierebbero immensamente la propaganda ed il voto finale sarebbe scontato.
    E’ evidente comunque che la pena di togliere la patria podesta o multe pesantissime sul reddito familiare e quindi sul bambino stesso, l’adozione di queste pene DIMOSTRA CHE NON INTERESSA IL BENE DEL BAMBINO, anche perchè pene simili non esistono in nessun paese del mondo

  • Truman

    Nei forum: L’importante opinione di un noto avvocato sull’obbligo dei vaccini (Marco Della Luna) https://comedonchisciotte.org/forum-cdc/#/discussion/97769/limportante-opinione-di-un-noto-avvocato-sullobbligo-dei-vaccini

  • Marco Maria

    In questi giorni, guardando sui giornali online “tradizionali” si trovavano titoli come “Una sentenza riconosce indennizzo per danni da vaccino” (sulla Stampa.it), oppure “Vaccini, a Milano riconosciuto indennizzo per danni da vaccino” (Wired.it).
    Per chi non avesse letto la notizia, riassunto in breve, si tratta di una sentenza della corte d’Appelo di Milano che stabilisce il risarcimento ad una donna colpita epilessia dopo un vaccino quadrivalente nel 1975. Questo avviene, senza attendere il terzo grado perché il Ministero della Salute si è “forse dimenticato” di impugnarla nei tempi stabiliti per cui questa è passata in giudicato. La Corte d’Appello conferma il primo grado emesso dal Tribunale di Pavia nel 2013 che ha riconosciuto il diritto ad un indennizzo.
    Non sto qui a riportare tutti i dettagli, avete modo di approfondire con l’onnipresente Google, ma una notizia così esplosiva, proprio di questi tempi, senza che la Beatrice nazionale muovesse colpo per difendere la tesi della sicurezza dei vaccini, facendo passare una sentenza senza proferire, mi sembrava strano.
    In verità, la chiosa dell’autore dell’articolo letto già lasciava presagire qualcosa. Non virgoletto perché non ho preso nota delle perle della prestigiosa firma ma suonava più o meno in questo modo: Quando si risolverà il problema dei giudici che vanno contro la scienza?
    Mi sembrava già un’ottima base su cui impostare la controffensiva nel sminuire le varie e numerose sentenze che vi sono già state ma che ora, grazie ad una visibilità maggiore, vengono tirate in ballo da chi dubita sui benefici delle scelte governative e soppesate da un maggior numero di persone, fino ad ora all’oscuro.
    Altro lato scricchiolante, stiamo parlando di un vaccino innoculato 42 anni fa, roba vecchia!
    Alzo dunque le antenne e nei giorni a seguire rilevo che viene dato spazio alle rivendicazioni del Codacos che in qualce modo si attribuiscono una paternità sulla vicenda e prendono l’episodio come un rafforzamento della loro posizione con la recente polemica con l’AIFA, l’agenzia del farmaco.
    Anche questo spazio mi dava l’idea che fosse teso a far sbilanciare il Codacons in dichiarazioni trionfalistiche oltre misura.
    Poi una quasi certezza, articoli come questo che vi suggerisco di leggere (https://www.wired.it/scienza/medicina/2017/06/07/vaccini-sentenza-danni/) in cui il titolo “Sentenza sui danni da vaccini, perché non ci dobbiamo preoccupare” e la spalla che recita “La Corte d’Appello di Milano risarcisce una donna colpita epilessia dopo un vaccino quadrivalente nel 1975. È la dimostrazione che i vaccini fanno male?” ci danno già il senso della strategia d’attacco che servirà a smontare le perplessità questa volta aiutate ad arte a raggiungere la massima preoccupazione per meglio rientrare nel limbo del Gregge che si affida alla “Scienza Ufficiale” sponsorizzata dal Ministero della Verità (pardon, della Salute) che tranquillizza tutte le nostre paure e ci da le risposte giuste a tutti i cattivoni che parlano male dei vaccini. Per il momento, ecco alcuni volenterosi alfieri già lancia in resta:

    “Non è la giustizia che fa la scienza”. Giorgio Palù, presidente della Società italiana di virologia;

    “Che siano sicuri lo dimostrano milioni di vaccinazioni”, ribatte Palù. “Di effetti collaterali ce ne saranno in un caso su 10mila, ma sono lievi. Parliamo di arrossamento o prurito. I casi gravi sono rarissimi, dell’ordine di uno su milioni. In ogni modo, si è dimostrato che è un rischio di gran lunga inferiore di quelli che derivano dal contrarre l’infezione”;

    “In quattro decenni i vaccini sono migliorati ulteriormente, i controlli sono stati affinati”. Fabrizio Pregliasco, professore di Igiene generale e applicata all’Università degli studi di Milano.

    Perché partire dal caso singolo per affermare che i vaccini facciano male è insomma un errore concettuale? “… nessuna istituzione ha mai escluso che ci siano dei rischi, per quanto in percentuali infime. Ma se adottassimo lo stesso criterio allora dovremmo rinunciare alla maggior parte dei farmaci, non sottoporci ad alcuna operazione. E curarci con l’omeopatia, notoriamente acqua e zucchero” Stefano Moriggi, filosofo della scienza e docente all’Università di Milano Bicocca.

    … Questa dunque non è la linea difensiva ma è una strategia d’attacco vera e propria tesa a sgonfiare, o meglio, a togliere interesse a tutti quei casi, Codacons compreso, che nei giorni precedenti avevavo conquistato qualche posizione per far scricchiolare il muro granitico dei ProVax (ormai il dibattito è ridotto alla rissa tra guefli contro ghibellini togliendo ogni spazio ad un approfondimento su temi che dovrebbero stare a cuore a tutti come verifiche di sicurezza, procedure di manipolazione e conservazione, reali opportunità di introduzione di tipologie di vaccini a discapito di altri o in eccesso vista la mancanza di sperimentazione sull’assunzione di ben 12 vaccini ora obbligatori, modalità di riconoscimento del danno semplificate visto che ci dovrebbe interessare anche la salute di quel binbo su un milione, ecc.).

    Vogliamo parlare della ricerca scientifica pubblica da rimpolpare e dell’opportunità di creare un polo farmaceutico di stato sia per far fronte a queste emergenze (sennò perché la decretazione d’urgenza?!?), dare maggiori garanzie sui test e validità dei farmaci (che senso ha oggi parlare di farmaci generici?) sia per togliere ogni legittimo dubbio di involontario (?) favoreggiamento a Big Farm?

    No, meglio parlare d’altro, e siamo solo agli inizi…