Guerra civile. In Europa. Ora

DI PANAGIOTIS GRIGORIOU

greekcrisis.fr

In Grecia la situazione dei migranti sta precipitando, e non da ieri, come sembrano far intendere i media mainstream. Già ad inizio febbraio sulle isole la situazione era pronta ad esplodere, con i migranti che attaccavano bancomat e perfino ospedali, appiccando incendi in zone pericolose per la sopravvivenza stessa delle isole che li ospitano. Fin dall’inizio del mese, gli abitanti delle isole si andavano organizzando in squadre di autodifesa, anche armate. I politici locali si sono ribellati e il sentimento anti-governativo (ed anti-politici in generale, Tsipras compreso) potrebbe presto sfociare in violenza fisica. I cittadini sono in armi, a Lesbo ed a Chios, in reazione a episodi di reiterata e gratuita violenza da parte delle forze antisommossa (MAT) mandate sull’isola, che avevano infierito ed insultato anche vecchi e bambini. Così i MAT hanno dovuto rifugiarsi nella caserma dell’esercito, circondata dalla folla inferocita. A Chios i MAT sono stati picchiati e derubati nei loro alloggi. E nel battere in ritirata, i MAT si sono anche abbandonati a vandalismi e distruzione di tutto ciò che incontravano. E alla fine, il governo con una mano ha disposto il loro ritiro dalle isole, mentre con l’altra varava un piano per costruire nuovi villaggi di accoglienza nella Grecia continentale che favoriva senza dubbio alcuni amici dell’oligarchia locale impegnati nell’industria delle costruzioni. I MAT se ne vanno ed i riservisti di Chios e Lesbo consegnano simbolicamente le armi, per non doverle usare, ma gli isolani non consegneranno i loro fucili da caccia, che pure hanno deciso di non usare, per il momento. Intanto, la Turchia organizza pullman di profughi (veri e presunti) e li invia al confine con la Grecia, che, con la scusa che alcuni di loro provengono dall’Iran (dove sta diffondendosi il coronavirus), prova a respingerli. Ma i sedicenti migranti – nessuno dei quali siriano – sono armati di granate e lacrimogeni, forniti gentilmente dall’esercito turco. Forse però è la volta buona che le elites stiano compiendo l’errore fatale: stanno oltrepassando il segno e la paura ha cambiato lato. Ora sono “loro” – nella persona dei loro strumenti, i MAT –  ad avere paura. La Turchia scorta i profughi al confine, ma ora c’è un’opposizione ad attenderli. Lo Stato nazionale è l’unico luogo dove può realizzarsi una reazione valida. E la Grecia sta ricordandosi di essere una Nazione.

 Da “Punto di non ritorno” – Venerdì 7 febbraio 2020

ARTICOLO ORIGINALE QUI

La guerra in corso sta diventando più chiara e si prepara a raggiungere soglie più dannose che mai, sia a livello locale che nazionale. (…)

Migranti e poliziotti a Lesbo. La stampa greca del 3 febbraio 2020 – Greek Press Photograph

Perché altrove, nelle isole greche del Mar Egeo, e in particolare a Lesbo, i migranti musulmani che sono stati sfruttati dalla mafia delle ONG sul posto, le ONG sostenute dall’ONU, dall’UE, da Berlino e dalla nebulosa di Sóros, stanno ora seminando il caos, attaccando e minacciando apertamente la popolazione greca. Tra le altre violenze e saccheggi, nelle ultime settimane ci sono stati incendi su case e magazzini e persino il saccheggio di ospedali, come sull’isola di Leros, e questo è solo l’inizio.

(…)

Migranti che assaltano i bancomat a Lesbo. Stampa greca del 3 febbraio 2020 – Greek Press Photograph
Migranti e caos a Lesbo. La stampa greca del 3 febbraio 2020 – Greek Press Photograph
Migranti e poliziotti a Lesbo. La stampa greca del 3 febbraio 2020 – Greek Press Photograph
Il magazzino dell’ospedale saccheggiato dai migranti. Isola di Leros, fine 2019, stampa greca – Greek Press Photograph

(…)

Poi si arriva a un punto di non ritorno. Lesbo e le isole, così come alcuni quartieri delle grandi città sono le micro-fotografie del prossimo futuro, se nulla cambia. (…) È anche noto che il Memorandum Tsípras-Troika firmato nel 2015, cioè Tsípras-Berlino, proibisce espressamente alle forze armate greche di prendere qualsiasi iniziativa di difesa senza l’approvazione della Troika, nota anche come Troika di Berlino. (…)”.

Quindi non si può tornare indietro. (…) Dopo tutto, l’attivismo dell’immigrazione si è trasformato in una carriera professionale che genera redditi più che generosi. Molti migranti hanno anche creduto alle rivendicazioni dei contrabbandieri turchi, assicurando loro una vita comoda, il passaggio verso l’Europa occidentale e i suoi benefici. L’atterraggio è poi brutale. Il loro numero molto elevato e le condizioni generalmente miserabili alimentano la rabbia e la violenza. Gli scontri etnici assumono dimensioni senza precedenti. Le rapine e le aggressioni sessuali, anche su minori, erano all’ordine del giorno.

Molto spesso si formano bande armate di coltelli. È significativo che, non appena cala il buio, gli operatori delle ONG e tutti i tipi di volontari di solito lasciano i campi. Temono per la loro sicurezza personale. Tuttavia, (…) è pratica comune delle ONG non pubblicare informazioni che creino un’immagine negativa dei migranti, che sono quindi loro clienti, o meglio, i loro sfruttatori. (…)

La guerra in corso si sta facendo più chiara (…) Nella storia, a volte tutto diventa crudelmente semplice: ribellarsi o meno e comunque morire.

—————————————

Da “Tsipras è turco” – Domenica 16 febbraio 2020

ARTICOLO ORIGINALE QUI

Realtà disarticolate… che ci danno un sacco di problemi da affrontare. (…)

in vista del suo desiderio di infliggere l’invasione migratoria ai greci e del risveglio tardivo dei cittadini delle isole e della terraferma, il “governo” Mitsotákis ha appena ordinato, per decreto, la requisizione di terreni ed edifici, sia comunali che privati, con l’obiettivo di creare nuovi campi per i migranti, Ricordiamoci dei clandestini e dei musulmani imposti alla Grecia dalla Turchia e, tra le altre forze, dalla Germania, con il chiaro obiettivo di sostituire la sua popolazione, per spezzare per sempre la resistenza del popolo greco e poi addirittura smembrare le sue realtà, anche il suo territorio.

(…)

Non c’è bisogno di insistere sull’etimologia dell’ibridazione derivata da hybris. La hybris è questa nozione ereditata dall’antichità greca e spesso viene tradotta come “eccesso”. (…) È la tentazione dell’eccessiva o imprudente follia degli uomini, tentati di competere con gli dei. Di solito si risolve in terribili punizioni da questi ultimi.

Imbarcazioni e giubbotti di salvataggio rovesciati. Lesbo, stampa del 15 febbraio 2020 – Greek Press Photograph

(…) La reazione locale sembra quindi radicale. I consiglieri locali di Lesbo, in particolare, hanno deciso di interrompere la cooperazione con l’amministrazione di Atene e il governo, nonché con la regione dell’Egeo settentrionale.

(…) Ma ci sono cose peggiori. I rappresentanti locali eletti di Lesbo occidentale hanno fatto sapere sulle carte geografiche che la terra comunale requisita dal “governo” copre in realtà una fascia predefinita come zona di ridispiegamento per l’esercito greco in caso di attacco dalla Turchia. E ci sono anche installazioni militari sotterranee, che saranno rese inutilizzabili in caso di sviluppo del nuovo insediamento di migranti sul posto. Il messaggio ad Atene è quindi quasi autoesplicativo:

(…) Un certo sentimento popolare presuppone, ad esempio, che “Tsípras è pagato dalla Turchia tanto quanto Mitsotákis”, tra gli altri politici. Su un muro in una città della Tessaglia e in montagna si può leggere: “Tsípras è turco”, molto semplicemente.

Tsípras è turco. Tessaglia, febbraio 2020

Inutile dire che questo stesso sentimento popolare, diciamo messo all’angolo, vuole non solo la scomparsa politica della casta dei politici attuali, ma anche la loro soppressione, come si dice qua e là nei caffè… fisica. O quando ci divertiamo a leggere i numerosi commenti lasciati sui blog e a volte sui siti dei media, diciamo che i siti dei media mainstream (…) “spariamoli, impicchiamoli, ghigliottiniamoli” e altre… idee positive, che non dovrebbero sfuggire ai servizi di sorveglianza piuttosto generalizzati, come è ora tecnicamente possibile.

(…)


Da “Le pistole hanno parlato” – Giovedì 27 febbraio 2020

ARTICOLO ORIGINALE QUI

Le armi hanno parlato. I cittadini delle isole greche dell’Egeo orientale, in particolare quelli di Lesbo e di Chios, per il momento hanno fatto uso delle loro armi da fuoco, fucili da caccia, dopo essere stati assaliti selvaggiamente, picchiati e gassati dalle compagnie MAT, [NdT: le truppe antisommossa] (…) le forze dell’ordine che il governo del bastardo politico Mitsotákis ha inviato nelle isole per spezzare la resistenza popolare e nazionale alla decisione del governo di costruire quattro nuove città per i migranti musulmani sulle isole, che la Turchia nazionalista e islamo-totalitaria sta buttando verso le nostre isole con il fine ultimo di sostituire la popolazione e quindi un giorno occupare il Mar Egeo.

Abitanti di Lesbo il 26 febbraio, stampa locale – Greek Press Photograph

I turchi stanno sognando, la Germania e gli Stati Uniti ovviamente li sostengono, e sul terreno, la polizia che il “tedesco” Mitsotákis vuole pretoriana, è stata umiliata, alla fine. In mezzo alla campagna, gli abitanti hanno realizzato uno sbarramento naturale e soprattutto ancestrale di macchia mediterranea intorno ai poliziotti, che fino ad allora erano stati picchiati come mai prima in Grecia. Questo in risposta alle violenze, inaudite e gratuite, perpetrate contro la popolazione locale il giorno prima da questi stessi poliziotti.

“(…) Mitsotákis ha voluto così rompere il sentimento patriottico e il legame sociale in prima linea della nostra difesa nazionale. Primo Ministro idiota, come andrai domani a chiamare a raccolta questi cittadini picchiati, dopo aver gettato su di loro e sui loro figli i lacrimogeni dei MAT? Vi ricordo che queste testate chimiche MAT sono state lanciate dopo aver cancellato la data di fabbricazione dei bossoli, perché oltre a contenere prodotti cancerogeni, erano anche fuori moda”, trasmessa da Yórgos Trángas, 90.1 FM, mattina del 27 febbraio. Sì, [armi] antiquate come l’intero sistema politico. È tempo di scontro, e sarà sempre più frequente.

“Soprattutto a Lesbo, questi poliziotti hanno picchiato bambini, anziani, sindaci, Pope, insultandoli in modo molto volgare: vi fotteremo, siete figli dei turchi, vi fotteremo peggio dei turchi, questo per alcuni della polizia pretoriana di Mitsotákis che è un odioso fascista, perché è Mitsotákis l’Efialte della nazione, quello che ha dato l’ordine alla polizia, sparare nel mucchio, per poi distribuire tra l’altro ai suoi tre amici, potenziali promotori edili e unici costruttori delle città musulmane di cui Erdogan, Merkel e Soros sognano, il miliardo di euro che Merkel gli offre in cambio. Mitsotákis non è greco e non vede nient’altro che affari dappertutto”, hanno riportato i media di Lesbos, ripresi da Yórgos Trángas, 90.1 FM, notiziario del mattino del 27 febbraio.

Sì, è la guerra. La caserma dell’esercito dove la polizia si è finalmente rifugiata a Lesbo mercoledì sera è stata circondata per ore da un gran numero di abitanti, alcuni armati con i loro fucili da caccia. 43 poliziotti sono rimasti feriti. Mercoledì sera il governo ha annunciato frettolosamente il ritiro della polizia MAT dalle isole nelle prossime ore. Sempre mercoledì, questa volta a Chios, i cittadini hanno fatto irruzione in uno degli alberghi dove riposavano i poliziotti, per attaccare due uomini del MAT che sono stati picchiati nelle loro stanze, il video ha fatto il giro di Internet e infine [è andato] sulle TV in Grecia.

E a Lesbo, i residenti sono entrati in un hotel in modo simile, e quando la polizia era via, i poliziotti arrabbiati hanno svuotato gli effetti personali degli uomini del MAT e li hanno bruciati davanti all’edificio.

“Siamo in un paese occupato, gli uomini della polizia sono usciti dai loro autobus come pazzi per attaccare i veicoli dei cittadini e hanno colpito selvaggiamente tutto ciò che si muoveva, insultando gli abitanti. Alla fine i poliziotti, che non potevano più tornare ai loro alberghi, si sono rifugiati in una caserma dell’esercito. Gli abitanti hanno poi gridato vergogna, vergogna, non coinvolgere il nostro esercito nel vostro crimine. Durante la ritirata e dopo aver perso la battaglia, i MAT vandalizzano tutto ciò che si trova sul loro cammino, insultano e picchiano tutti prima di essere circondati una volta rinchiusi in caserma per salvarsi la pelle. Che il nostro Dio dia loro la ragione per lasciare finalmente la nostra isola prima di domani”, testimonianza davanti alla telecamera del cappellano militare di Lesbo. Un vero… paese.

Caffè vuoto. Atene, febbraio 2020

Perché da lunedì, nella terra delle sorprese, i bar sono talvolta abbandonati dai loro habitué perché è stato annunciato il primo caso di coronavirus a Salonicco. Pensiamo al virus che già si diceva alle porte della Grecia, le maschere per uso medico stanno diventando impossibili da trovare ad Atene… così i media hanno cercato di far credere che questa sia l’unica grande notizia della settimana. (…)

(…) Più seriamente, la vera notizia greca è quella delle isole, quando gli abitanti hanno finalmente capito che dovevano difendere la loro terra e la loro vita contro l’invasione, contro la loro sostituzione, contro il tradimento dei politici di Atene come i Mitsotákis e i Tsípras, poveri personaggi, venduti ai poteri oscuri e immersi nella hybris dal grembo materno.

(…) “La costruzione di più di cinquanta altre città è prevista in seguito quasi ovunque nella Grecia continentale, e non è stata richiesta alcuna indagine ambientale, ad esempio, né è stato pubblicato un bando di gara per l’opera. Si tratta di un’illegalità legalizzata dall’oligarchia politica globalista ateniese e, per cominciare, è una pacchia per un miliardo di euro, che non è cosa da poco. Gli abitanti delle isole greche del Mar Egeo considerano già il governo Mitsotákis una forza nemica, sotto il comando e il controllo di Berlino” (…) radio 90.1 FM mattina del 25 febbraio, citata a memoria.

Per imporre la costruzione di piccole città per i migranti sotto forma di enormi campi di insediamento per diverse migliaia di abitanti e su diversi ettari requisiti a Chios e Lesbo, il bastardo politico Mitsotákis ha appena inviato nella notte tra il 24 e il 25 febbraio quattordici compagnie di poliziotti del MAT e il loro materiale rotabile. La popolazione appena si è resa conto … di quanto viene sacrificata dal governo globalista, (…) si è organizzata. I comuni hanno piazzato macchinari pesanti e camion per bloccare l’accesso ai futuri cantieri, e il governo ha appena organizzato l’invasione militare-poliziesca delle isole per imporre la volontà dei veri padroni del gioco. Le isole sono in guerra, stampa locale del 25 febbraio, operazione militare del governo contro gli abitanti.

Il sindaco di Chios e un Pope sono stati ricoverati in ospedale nella notte tra il 24 e il 25 febbraio, in seguito all’uso dei soliti lacrimogeni e alla repressione della polizia. “L’arcipelago greco sta ora guardando in faccia questo volto sanguinario e orribile del governo”, ha detto la stampa locale e la stazione radio 90.1 FM di Atene la mattina del 25 febbraio.

Abitanti in azione. Lesbo, febbraio 2020, stampa locale – Greek Press Photograph

E non è tutto. “La sostituzione della popolazione è un mercato enorme per le ONG in stile Soros tanto quanto lo è per gli oligarchi di Atene e gli amici dei Mitsotaki e Tsipras, imprenditori dell’industria delle costruzioni che si stanno preparando a costruire questi campi città sulle isole e poi in tutta la Grecia continentale per stabilirvi più di 100.000 migranti musulmani all’anno. Queste tre aziende hanno nomi, GEK-TERNA, Mytilinaíos tra gli altri, e questo, ripetiamo, senza bando di gara”, si sente sempre alla radio il lunedì mattina su 90.1 FM.

Per inciso, si tratta degli stessi oligarchi e finanziatori dei partiti mafiosi dello pseudoparlamento, che partecipano alla svendita del Paese sotto forma di privatizzazioni, come l’installazione incontrollata di turbine eoliche in Tessaglia e nelle Cicladi, o l’eventuale privatizzazione di ospedali pubblici. (…)

L’idea tedesca, turca e dei Soriti [seguaci di Soros] è di imporre questa guerra ibrida eppure totale agli abitanti delle isole e con l’espansione di tutta la Grecia, mentre il coronavirus si occuperà del resto (…)

MAT poliziotti e abitanti. Chios, febbraio 2020, stampa locale – Greek Press Photograph

(…)

Lunedì mattina, 25 febbraio, gli isolani stavano già affrontando le forze del… [nemico] e i messaggi sono stati riversati alla radio 90.1 da Chios, Lesbo e Samos. La violenza era inaudita, contro l’intera popolazione, che difendeva solo la propria terra, i propri diritti e il proprio futuro. Sull’isola di Chios gli abitanti hanno preparato cocktail Molotov e a Lesbo, lo sbarco dei veicoli scortati dalla polizia ha assunto l’aspetto di un’operazione militare, comunicato stampa, 25 febbraio.

(…)

Allo stesso tempo, si sta facendo di tutto perché a lungo termine gli abitanti abbandonino le loro isole, e già i saccheggi subiti dai migranti, gli attacchi, la profanazione delle chiese e persino il crollo del turismo costringono parte della popolazione ad andare in esilio. Sì, è ancora e di nuovo il grande rimpiazzo e il completo tradimento delle presunte élite che hanno solo il greco nel loro nome, ancora una volta. Per inciso, stanno imponendo sul posto un’economia a lungo termine quasi esclusivamente legata alla nuova popolazione migrante delle città musulmane in costruzione se il progetto andrà avanti, che se i piani verranno realizzati finirà per prendere il controllo delle città d’origine, e questo, come gli abitanti ormai sanno.

Nella notte tra il 24 e il 25 febbraio, gli abitanti di Chios hanno resistito come meglio potevano respingendo i mercenari della polizia, la stampa locale ha ampiamente trasmesso la guerra in diretta su Facebook e sul suo sito web.

(…)

Il giornalista Nikos Triándis ha riferito “che i droni e altri aerei spia turchi hanno sorvolato l’area in modo che il comando turco dall’altra parte del confine potesse essere informato sul posto delle operazioni in corso, proprio nel momento in cui le autorità greche locali erano tenute all’oscuro dal governo di Atene, e il traghetto noleggiato per il trasporto di polizia e attrezzature dalla capitale stava navigando con il suo sistema di identificazione automatica (AIS) spento”, stampa greca del 25 febbraio e Triándis su twitter.

(…)

14- Abitanti in azione. Lesbo, febbraio 2020, stampa locale

(…)

Mitarákis, il ministro [competente sulle] migrazioni, ha detto giovedì 27 febbraio che i due estremisti di destra e di sinistra si sono uniti a Lesbo per provocare l’insurrezione perché non capiscono la politica del governo (…) Come ha detto il giornalista Trángas nella sua trasmissione del giorno, “Mitarákis, che è un rappresentante eletto del partito di Chios di Mitsotákis, avrà difficoltà a tornare sull’isola, e dovrebbe lasciare la politica il più presto possibile e quindi farsi molto piccolo per evitare di farsi vedere”. Allo stesso tempo, la casa di un altro membro eletto del Parlamento di Lesbo è stata quasi bruciata da cittadini arrabbiati. Il passo successivo, sempre più probabile, è l’aggressione fisica, addirittura l’uccisione di alcuni politici, per cui la paura cambierà lato, anche quella della meccanica sociale lo sa, perché da una tale svolta, le persone così armate e in totale rottura con le pseudo-élite diventerebbero finalmente un po’… protagoniste della loro vita.

(…)

Munizioni. Lesbo, febbraio 2020, stampa locale – Greek Press Photograph

Mercoledì 26 febbraio, in un gesto più che simbolico, gli uomini della Guardia Nazionale e dei riservisti delle isole di Chios e Lesbo si sono recati nelle loro caserme di riferimento per consegnare le loro armi automatiche G3A3 e G3A4 con un calibro di 7,62 mm e una velocità di fuoco di 500-600 colpi al minuto, che tengono in casa. Gli ufficiali presenti li hanno alla fine convinti a tenerli. Perché il legame tra il popolo e il suo esercito esiste ancora ed è proprio questo legame che il satanismo elitocratico dei Mitsotákis avrà voluto spezzare.

Va notato che la pseudo-potenza, non ha ancora raccolto i fucili da caccia sul posto di cui tutte le campagne del paese reale sono dotate, e per quanto riguarda le armi da guerra legalmente detenute dai cittadini-soldato delle isole di fronte alla minaccia dell’Hitlerismo in stile Erdogan, beh, gli isolani non le hanno usate contro i MAT. Grazie a Dio il popolo è molto più sobrio, più logico e più civile degli estremisti che governano. Almeno per ora.

La Grecia e le sue isole! L’economista e giornalista Yórgos Adalís di Lesbos, la sua patria, ha dato un resoconto in diretta degli eventi, raggiunto telefonicamente dal giornalista Kalarrýtis su 90.1 FM mercoledì 26 febbraio. “Prima di circondare le unità MAT, gli abitanti hanno avvertito gli agenti di polizia chiedendo loro di sgombrare in tempo, oltre che di fermare gli assalti e le provocazioni dei loro uomini”, ha detto Reporter Senza Frontiere. Quando i MATs hanno finito le munizioni tossiche, sono stati finalmente circondati e immediatamente picchiati dai residenti. Questo è stato anche il momento in cui i fucili da caccia sono apparsi sul campo di battaglia. Inginocchiati, i poliziotti in lacrime chiedevano pietà e perdono, il che non ha impedito loro di tornare ad essere violenti, vandalizzando i veicoli dei residenti sul loro cammino e picchiando ancora una volta i residenti isolati, durante la loro fuga e prima di rifugiarsi in una caserma dell’esercito”.

“Tranne che Lesbo e Chios sono isole, e i nemici così braccati e circondati non possono nascondersi facilmente da nessuna parte, quindi non possono nutrirsi o andare nelle taverne, così come non possono nuotare via. (…) Yórgos Adalís, ha ricordato “che gli abitanti delle zone interne di Lesbo, soprattutto intorno al villaggio di Agía Paraskeví, hanno una lunga tradizione di resistenza armata, e questo fin dai tempi dei Saraceni e poi dei Turchi, e ogni volta che è il loro territorio e la loro vita ad essere in pericolo… beh, si ribellano. I poveri ragazzi del MATs e i consiglieri del salone Mitsotákis pensavano di avere a che fare con gli ateniesi o con altri abitanti della città(…) Errore fatale”, Adalís del 26 febbraio, citato a memoria.

Inutile dire che i sindacati della polizia sono arrabbiati, chiedendo che i loro stessi agenti siano richiamati ad Atene, “perché la missione della polizia non è quella di reprimere il popolo quando è in totale disaccordo con il governo, questo uso della polizia distrugge pericolosamente il legame tra la società e le forze dell’ordine, e inoltre, la vita degli agenti è messa in pericolo dalle azioni del governo, che sta provocando una situazione di guerra civile sul campo”, stampa greca del 26 febbraio.

Da parte sua, il comando militare sta ritirando le macchine e gli altri bulldozer dall’esercito che il governo ha inviato per preparare le terre requisite per la costruzione delle città dei migranti. (…)

Il popolo e poi le sue mentalità… pragmatiche, perché in tutto il paese reale e se si leggono attentamente i commenti su Internet, molti sono quelli che sognano un incrocio tra il popolo e l’esercito… per mettere fine alla casta dei politici, questi traditori (…). Questo è altamente improbabile, a mio parere, da quanto credo di sapere dai miei informatori e dai miei conoscenti, sia ufficiali in servizio che in pensione, in questo momento. Tuttavia, potrei sbagliarmi.

Giovedì mattina, 27 febbraio, il governo sta comunque già ritirando parzialmente i MAT dalle isole, ovviamente per calmare le acque. La guerra non è stata vinta, ma qui sul campo è stata vinta una prima vittoria locale. (…)

(…)

Giovedì 27 febbraio, l’Unione panellenica dei militari attivi, ha inviato questa lettera a sostegno del presidente della regione delle isole dell’Egeo settentrionale, Kostas Moutzoúris, che apparentemente ha tagliato ogni contatto con il governo, nonostante sia del partito di Mitsotákis. (…)

“Con questa lettera, vi chiediamo di trasmettere a tutti gli abitanti della vostra regione, tutto il nostro sostegno. La nostra Federazione, che esprime gli interessi dei militari greci in uniforme, è al vostro fianco e sostiene mentalmente la vostra lotta che ammiriamo e per la quale ci congratuliamo con voi, mentre ascoltiamo la vostra giustificata ansia per il futuro”.

“Come Federazione, abbiamo ripetutamente chiesto l’immediato ritiro delle forze armate greche e in particolare del loro personale militare attivo, da qualsiasi azione e coinvolgimento nella questione dei rifugiati e dei migranti, poiché questa non è la sua missione”.

“I militari greci di tutti i gradi, come funzionari pubblici, eseguono certamente gli ordini. Allo stesso tempo, nulla ci separa dal popolo. Ma poi invitiamo tutti nella vostra regione e soprattutto voi, come rappresentanti locali, a chiedere insieme chi, o cosa ci sia dietro tutta questa situazione? Quale politica ha finalmente raggiunto il punto di non ritorno? Quale politica o chi, sono loro che alla fine alimentano l’odio tra i greci e quindi armano le mani, portando a una situazione pre-rivoluzionaria, a volte prendendo verbalmente in mano l’esercito, che continua a difendere con orgoglio la sovranità nazionale e la dignità del paese nonostante i drastici tagli imposti”?

(…)

Le armi hanno parlato, le anime hanno parlato. La Grecia, come si dice a volte, un paese degli animali adespoti, cioè senza padroni!

Animale adespota. Atene, febbraio 2020

Da “Invasione ante portas” – Domenica 1 marzo 2020

ARTICOLO ORIGINALE QUI

La guerra in corso, l’invasione è ante portas. Diverse decine di migliaia di migranti sono trasportati gratuitamente in autobus al confine greco dal regime islamo-totalitario di Erdogan, così come nelle isole greche del Mar Egeo orientale. La barbarie della politica turca si ripercuote ora sulle Potenze, dalla Siria alla Grecia, mentre i migranti, abilmente mescolati con agenti turchi e islamisti, incarnano poi quest’arma umana di distruzione di massa, strumentalizzata per così… mettere fine alle nazioni europee.

Pullman di migranti sul lato turco. Febbraio 2020 – Greek Press Photograph

In fretta e furia, le comparse al timone di Atene hanno finalmente deciso di chiudere e controllare i confini del Paese. “Stiamo subendo un’invasione organizzata dalla Turchia e ieri sera più di 4.000 migranti sono stati respinti alla frontiera dalla polizia e dalle forze armate greche”, ha detto Pétsas da Atene.

Da questo blog, così come dall’ormai palpabile immensità del vero paese greco, abbiamo forti dubbi su ciò che viene detto e intrapreso dagli attuali arlecchini politici, quindi seguiamo la situazione di ora in ora senza affidarci ai comunicati ufficiali. Mitsotákis, secondo quanto riferito, ha telefonato a Merkel, Macron e alla Commissione per dire loro che chiuderà le frontiere perché c’è un pericolo per l’Europa, perché i migranti che la Turchia sta riversando in Grecia e in Europa provengono o transitano da alcune zone corono-virulente, come l’Iran.

L’argomento di Mitsotákis fa pietà. Il pericolo del momento non è quindi il caos, o addirittura la sostituzione della popolazione greca con migranti musulmani e quindi la perdita del nostro territorio nazionale de facto, sotto la pressione del vicino Stato pirata, la Turchia, ma solo il pericolo per la salute legato al recente coronavirus.

Migranti alle porte della Grecia. 28 febbraio 2020, stampa greca – Greek Press Photograph
Migranti alle porte della Grecia. 28 febbraio 2020 – Greek Press Photograph

La Turchia, l’aggressore storico della regione: Cipro, i curdi, l’Iraq, la Siria e la Grecia, sta quindi organizzando questa guerra ibrida con tutti i mezzi. Perché oltre agli autobus noleggiati per il trasporto dei migranti, l’esercito di Erdogan scorta queste persone fino al confine con la Grecia, segnalando possibili attraversamenti, oltre a distribuire granate lacrimogene per uso militare, che i migranti poi lanciano con pietre e altri oggetti ai poliziotti e ai soldati greci, segnalano e fotografano sia la parte greca che quella turca. Probabilmente il prossimo passo sarà l’uso delle armi.

Questo sviluppo della situazione non è solo un cinico ricatto da parte della Turchia contro l’Europa e prima di tutto contro la Grecia, ma soprattutto dimostra il profondo coinvolgimento dello Stato turco e dei suoi obiettivi storici. Le … granate chimiche, i cui involucri sono raccolti sul lato greco, in uso nelle ultime ore, sono realizzate dall’esercito turco e vengono ovviamente utilizzate prima per incanalare le mandrie umane verso il confine con la Grecia, per poi essere lanciate alla polizia e ai soldati di guardia al confine sul lato greco per forzare il muro oltre il confine. Sulla stessa linea, migranti e soldati turchi stanno cercando di sfondare insieme le recinzioni del confine greco, il… Greci dalla loro parte, corrono a ripararlo.

Le granate chimiche turche… sono arrivate in Grecia. Il 28 febbraio 2020, l’Internet greco – Greek Press Photograph

La Turchia, secondo il canale turco TRT, offre ai migranti musulmani, attraverso i loro smartphone, la possibilità di… mappare i possibili itinerari dalla Siria e da altri luoghi di partenza, e secondo il suo… resoconto scolastico, le destinazioni finali sono Parigi e Berlino. Si noti che i migranti del momento provengono da diverse nazionalità e spesso dal Pakistan e dall’Afghanistan, e per il momento non sono siriani.

Alle ultime notizie, quelle dell’Internazionale islamista, in perfetta sinergia con il regime totalitario islamista di Erdogan, gridano poi Dio è Grande di fronte al confine greco, perché in prima linea nell’attacco che la Grecia sta subendo ci sono gli islamisti che sono palesemente islamisti, quindi, secondo i rapporti almeno, la parola d’ordine dal lato greco, non riusciranno a passare.

(…)

Il paese greco si sta svegliando, non è abbastanza, secondo me, ma andiamo avanti. Isole come Lesbo e Chios sono già sveglie, dove gli studenti sfilano orgogliosi dietro la bandiera nazionale a sostegno dei comitati popolari contro le azioni totalitarie dei politici a favore dell’invasione migratoria musulmana. Anche nelle ultime ore, i giorni e poi le notti vissute, hanno fatto avanzare la storia e le mentalità, e non è cosa da poco. Mitsotákis ha ordinato a quelli dell’emittente pubblica ERT di censurare i corrispondenti locali delle isole, e per quanto riguarda la polizia, i MAT, si sono comportati esattamente come un branco selvaggio, soprattutto quando sono stati picchiati, picchiati, umiliati.

Durante il loro ritiro, questi poliziotti, poi teppisti de facto, si sono messi in cammino e come a Lesbo, vandalizzati come mai prima da poliziotti, auto, case, negozi, mentre picchiavano cittadini isolati.

MAT vandali in azione. Sull’isola di Chios, stampa locale, febbraio 2020 – Greek Press Photograph

“Soprattutto, gli abbiamo fatto capire che stanno rischiando la vita qui con noi, sono stati cacciati ovunque, come a volte sono stati picchiati dentro e intorno ai loro alberghi. (…)

“Abbiamo finalmente usato i nostri fucili da caccia, e quello che i media non hanno detto è che abbiamo mostrato loro le nostre armi militari automatiche che abbiamo legalmente, perché qui facciamo parte in gran parte della Guardia Nazionale della Riserva Nazionale, dato che siamo in prima linea dalle nostre isole contro il nemico turco. (…) quindi da qualche parte la paura ha finalmente cambiato lato. Quindi Basta!”

Per il Comitato locale dei cittadini di Chios, questa è una “prima battaglia vinta per preservare la nostra dignità, e inoltre rimaniamo in allerta”.

La festa della vittoria. Chios, febbraio 2020, stampa locale – Greek Press Photograph

(…)

La polizia pretoriana, barbarica e dei disertori è stata certamente evacuata, ma questo è solo l’inizio. Siamo in guerra, ed è asimmetrica, ibrida, totale e subdola.

Partenza dei MAT. Chios, febbraio 2020, stampa locale – Greek Press Photograph

(…)

Notizie dal fronte, anno 2020… anno bisestile. Il governo vieta i festeggiamenti del carnevale e crede di poter controllare porti e aeroporti a causa del coronavirus. La gente poi capisce a proprie spese che tutto questo non è logico, ed è ancora più ridicolo controllare le cosiddette porte di regolamentazione del Paese, lasciando il confine settentrionale e le isole in riva al mare totalmente aperte alle invasioni migratorie e poi per diverse migliaia di persone, alcune delle quali hanno attraversato o provengono da Paesi colpiti dal coronavirus, in particolare l’Iran.

Arriveremmo a un punto di non ritorno, come spesso si dice nella storia dei popoli e delle nazioni. E questa non è una guerra civile, una guerra tra poveri qui e altrove, ma piuttosto una lotta per preservare la propria esistenza, la propria vita, la propria terra e la propria patria. Perché anche se questi migranti sono certamente infelici e strumentalizzati (…) l’unico quadro che può essere approvato e per lo meno solo per organizzare una società civile dei diritti e dei doveri, nonché il minimo necessario per difendere gli interessi del grande popolo contro gli eterni e duri parassiti finanziari e i fantocci pseudo-politici e simili, è lo Stato nazionale. L’esempio della chiusura delle frontiere, o addirittura la ridefinizione di fronte al coronavirus, così come il crollo dei mercati azionari che fungono da fiore all’occhiello della globalizzazione, la dice già molto sulla via da seguire per sperare un giorno… la liberazione e la libertà.

Migranti scortati dall’esercito turco. Il 28 febbraio, Internet greco – Greek Press Photograph

Globalizzazione, un’altra parola per definirla, una precisa volontà di dominare il pianeta, da parte di una manciata di malati di mente attraverso l’ultimo dell’oscurantismo neo-barbarico, ovvero il meta-capitalismo attuale. Non metteranno mai acqua nel loro vino, quindi sta a tutti noi aggiungere… tutto il cianuro necessario.

A terra, i greci dell’isola, come gli abitanti di Chios e Lesbo, ora sanno cosa c’è in gioco, compresa la Turchia. Hanno salvato, aiutato, nutrito e accolto tanti rifugiati, perché questo è il dovere umano, non umanitario, finché il numero e lo sfruttamento dei migranti non ha dato un’idea dell’arma di distruzione di massa che essi costituivano per l’esistenza dei greci. E hanno resistito quando il governo ha voluto imporre la costruzione di diverse nuove città per i migranti musulmani.

Con i poliziotti dei lavori umili, ovvero i MAT che Mitsotákis ha stupidamente inviato per sottomettere un’intera popolazione, la paura ha già cambiato schieramento e per la prima volta da quando la Troika è in Grecia. È certo che Merkel, Soros, Rothschild e simili, tirerebbero l’orecchio al burattino Mitsotákis, per questo errore tattico commesso a Lesbo e a Chios, che naturalmente i cosiddetti padroni faranno di tutto perché non si trasformi in un errore strategico. Perché l’errore strategico è lì, a portata di mano, perché i popoli, quando sono illuminati, determinati, organizzati, se necessario attrezzati e soprattutto liberi dalla paura, sono poi in grado di arrivarci. In ogni caso e fino alla prossima … svolta, perché la storia è una brutta corsa e questo fin dall’alba dei tempi.

Nelle ultime notizie della sera del 29 febbraio, la Turchia ha inviato l’equipaggiamento dell’esercito per scortare i migranti al confine greco… forse un punto di svolta cruciale nella guerra e nell’invasione che crede di effettuare attraverso i migranti. La notte sarà ancora lunga.

Nulla è vinto e i momenti rimangono drammatici. La guerra in corso, l’invasione ante portas, e la storia… che sta per nascere. Eppure, bel sole, già la primavera greca, i nostri gatti ci dicono anche a modo loro.

(…)

APPELLO URGENTE Il vostro blog ha urgente bisogno del vostro sostegno per finanziare un breve soggiorno nell’Egeo orientale per capire meglio la situazione sul campo. La libertà e l’indipendenza hanno sempre un prezzo…

TRADUZIONE A CURA DI FRANZ-CVM

Pubblicato da Franz-CVM

Bancario, sindacalista di base, osservatore critico dei fenomeni socio-economici, con ambizioni di analisi sistemica. Traduttore della crisi greca per missione sociale perchè al tempo della "dittatura della narrazione" l'informazione è tutto. @ferre_franz - https://cosivailmondo.wordpress.com
Precedente L’odio, la pace e l’armonia
Prossimo Semi geneticamente modificati: concepiti come arma