Depressione Coronavirus: L’Europa meridionale non si riprenderà mai

Guillaume Durocher – 27 giugno 2020 – da unz.com

Brutte notizie per l’Europa meridionale. Sembra che il coronavirus consoliderà ulteriormente le antiche disparità tra nord e sud dell’Unione Europea.

 

Secondo le stime della Commissione Europea, le economie di Italia, Spagna e Grecia si ridurranno di oltre il 9%. In confronto, la media UE è del 7,4%. La Francia si ridurrà dell’8,2%, mentre la maggior parte dei paesi nordici/germanici si ridurrà meno del 6,5% (Germania, Svezia, Danimarca, Austria, Finlandia).

La disoccupazione nell’UE dovrebbe passare dal 6,7% al 9% quest’anno. La disoccupazione salirà al 9,7% in Portogallo, al 10,1% in Francia, all’11,8% in Italia, al 18,9% in Spagna e al 19,9% in Grecia. La Germania avrà il 4%.

I disavanzi vanno alle stelle, dallo 0,6% del PIL nel 2019 all’8,3% quest’anno. Il debito salirà a oltre il 102 per cento del Pil, con enormi disparità: oltre il 115 per cento per Spagna e Francia, e quasi il 160% per l’Italia e il 200 per cento per la Grecia. Il debito della Germania salirà invece al 75% del PIL e quello della Gran Bretagna al 102%.

In termini di posti di lavoro e di riduzione del debito, tutti i guadagni duramente conquistati negli ultimi cinque anni circa sono stati annullati.

PIL nominale pro capite (in euro) in alcuni paesi europei selezionati (fonte: Eurostat). Italia e Grecia non hanno mai recuperato il tenore di vita dei primi anni 2000. Si noti il disaccoppiamento di Francia e Germania dal 2010.

Disoccupazione (%) in alcuni paesi europei selezionati (fonte: Eurostat). I paesi dell’Europa meridionale non si sono mai ripresi dalla crisi dell’eurozona del 2010. Si noti che da allora la performance della Francia è stata notevolmente peggiore di quella della Germania e della Gran Bretagna.

Dal punto di vista macroeconomico, la Francia fa ormai parte dell’Europa meridionale. Dal 1965 al 2000 circa, la Francia è stata, atipicamente, molto più ricca della Gran Bretagna. Negli anni ’90, la Francia era ricca più o meno come la Germania, che è stata poi ostacolata dall’annessione dell’ex Germania orientale comunista. Oggi, non avendo una propria moneta (a differenza della Gran Bretagna) e avendo un enorme benessere e un mercato del lavoro eccessivamente regolamentato (rispetto alla Germania), non si può negare che la Francia sia in ritardo.

Anche prima della recessione della COVID, l’Europa meridionale era a malapena sulla buona strada per uscire lentamente dal debito. Ora queste speranze sono completamente deluse.

Le disparità economiche tra il nord e il sud dell’Europa – che si manifestano almeno dalla fine dell’Ottocento e in particolare dalla seconda guerra mondiale – stanno per radicarsi profondamente.

Questo è uno dei motivi per cui sono scettico nei confronti di scenari di guerra razziale a breve o medio termine in Europa occidentale. Il fatto è che le parti più diverse e, il più delle volte, zelantemente diverse del mondo occidentale – Germania, Paesi Bassi, paesi nordici, Gran Bretagna, Stati Uniti e gli ex domini bianchi, per lo più di origine nordoccidentale europea e germanica – continuano ad essere più dinamiche dal punto di vista economico.

L’Europa settentrionale e le sue propaggini coloniali continuano a creare ricchezza economica – nonostante il freno delle popolazioni africane, islamiche e delle minoranze ispaniche, che rappresentano un ostacolo economico rispetto ai nativi – meglio delle nazioni dell’Europa meridionale relativamente omogenee e delle loro propaggini coloniali (in particolare le nazioni biancastre di Argentina e Cile, che hanno una discreta quantità di sangue amerindio).

Negli anni ’90 e nei primi anni 2000, l’Unione Europea poteva ancora sperare con fiducia che, nonostante le notevoli disuguaglianze, le sue nazioni convergessero gradualmente verso lo stesso standard di vita e lo stesso livello di sviluppo.

Queste speranze sono state incoraggiate da presupposti peculiari di espansione: che la ricchezza cresce sugli alberi e che tutti sono uguali. Quando è stata creata la moneta comune Euro nel 1999-2002, la Banca centrale europea ha dichiarato che il debito pubblico dei paesi dell’Europa meridionale era altrettanto meritevole di credito quanto quello della Germania e che gli investimenti in essi erano effettivamente sovvenzionati. Le banche tedesche e, soprattutto, quelle francesi hanno colto l’occasione per effettuare massicci investimenti nell’Europa meridionale, portando in particolare a un settore pubblico ipertrofico in Grecia e a un’enorme bolla immobiliare in Spagna. La bolla è scoppiata intorno al 2010.

Tutto questo ha grandi ramificazioni politiche. La portata del disastro economico nell’Europa meridionale è presumibilmente il motivo per cui la cancelliera tedesca Angela Merkel ha accettato di raddoppiare notevolmente il bilancio dell’UE di 500 miliardi di euro nei prossimi tre anni, raccogliendo prestiti UE per finanziare i trasferimenti verso i paesi colpiti dal coronavirus, in particolare l’Europa meridionale.

Questo schema improvvisato quasi federale non ha precedenti, in termini di velocità e scala, nella storia dell’UE. Come osserva Jean Quatremer, dato che il nuovo bilancio sarebbe finanziato da prestiti relativamente indolori, i leader europei potrebbero avere forti incentivi a ricorrere nuovamente a tali piani per trovare la scappatoia conclusiva durante i loro interminabili negoziati al vertice.

Significativamente, sembra che l’establishment tedesco – senza contare la Corte Costituzionale tedesca – abbia sostanzialmente accettato l’adozione da parte della BCE di prestiti di massa in stile anglo-americano per sostenere l’economia. Se continuato a tempo indeterminato, ciò eviterà presumibilmente un panico finanziario di tipo 2010-11 nell’Europa meridionale, ma ciò ha implicazioni controverse sul medio termine a livello ridistributivo e inflazionistico.

Oggi, anche senza contare gli immigrati altamente fertili, la fertilità dell’Europa settentrionale sembra essere un po’ più alta di quella dell’Europa meridionale e orientale, sospetto perché i (potenziali) genitori godono di servizi di assistenza/bambini superiori e di redditi più alti/più sicuri nell’Europa settentrionale.

Se l’Europa meridionale non si riprenderà economicamente, possiamo aspettarci un continuo spopolamento, poiché i loro tassi di fertilità rimangono depressi e i giovani più intraprendenti, in particolare quelli istruiti, si dirigono verso nord. La dipendenza finanziaria e politica di queste nazioni dal nord aumenterà. Le economie del Nord Europa beneficeranno ovviamente dell’afflusso di immigrati del Sud Europa, contrastando in parte gli effetti dell’immigrazione afro-islamica.

Politicamente, abbiamo terreno fertile per l’instabilità. Il regime di Macron è già a malapena in grado di tenere a bada gli elementi più alti della popolazione (neo-)francese – che si tratti di gilet-jaune bianche o di marciatori afro-islamici del BLM.

L’Italia sembra essere sull’orlo dell’esplosione. Sia l’establishment politico che la popolazione in generale stanno diventando anti-UE. Il Movimento Cinque Stelle è crollato. La Lega nazionalista di Matteo Salvini è affiancata… dagli ancor più nazionalisti Fratelli d’Italia.

Immaginate che l’establishment euro-globalista in questi paesi dovrà ora gestire queste pressioni con ulteriori anni di disoccupazione di massa e di strette di cinghia. L’Italia ha forti prospettive di passare decisamente ad un regime nazional-populista nei prossimi anni e di entrare nelle fila di Visegrád (sono meno ottimista per la Francia).

A lungo termine, parlo di 30-40 anni, possiamo aspettarci che il nord Europa diventi così disfunzionale che la gente preferirà vivere nel sud o nell’est dell’Europa. I non bianchi rappresentano attualmente circa il 20% della popolazione dell’Europa nord-occidentale. Quando questa percentuale salirà al 40 o al 50%, possiamo aspettarci che la situazione diventi davvero molto instabile.

Speriamo che per allora gli europei del sud e dell’est avranno preso atto degli errori dei loro fratelli e inizieranno a prendere le misure necessarie. Intendo l’adozione di una biopolitica illuminata: la conservazione delle loro identità etno-nazionali (accettando solo immigrati assimilabili, compresi i connazionali) e politiche sistematiche per garantire che le loro nazioni si riproducano e, più di questo, lo facciano con l’obiettivo di migliorare la qualità genetica e fenotipica. Le nazioni europee saranno ormai così marginali nel mondo che non avremo più spazio per altre scuse, illusioni e mezze misure.

 

Link: https://www.unz.com/gdurocher/corona-depression-southern-europe-will-never-recover/

Scelto e tradotto da Arrigo de Angeli per ComeDonChisciotte

 

Pubblicato da CptHook

Libertà va cercando, ch'è sì cara come sa chi per lei vita rifiuta. Chi è disposto a barattare un po' della propria liberta in cambio della sicurezza non merita né libertà né sicurezza (dedicato a tutte le "foche di balcone").
Precedente “A nome degli ambientalisti, mi scuso per la paura del clima”
Prossimo Semestre alla Tedesca / Cesaratto: dopo il Mes non saremo più il terzo Paese d’Europa