Date il benvenuto all’oro russo e al petroyuan cinese

L'Unione economica eurasiatica guidata da Russia e Cina ha appena concordato la creazione di un sistema finanziario e monetario indipendente dalle transazioni in dollari

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

Pepe Escobar
thecradle.co

C’è voluto molto tempo, ma finalmente stanno venendo alla luce alcuni elementi chiave delle nuove fondamenta del mondo multipolare.

Venerdì, dopo una riunione in videoconferenza, l’Unione Economica Eurasiatica (UEE) e la Cina hanno concordato di iniziare il progetto di un sistema monetario e finanziario internazionale indipendente. L’EAEU, che è composta da Russia, Kazakistan, Kirghizistan, Bielorussia e Armenia, sta stabilendo accordi di libero scambio con altre nazioni eurasiatiche e si sta progressivamente interconnettendo con la Belt and Road Initiative (BRI) cinese.

In pratica, l’idea viene da Sergei Glazyev, il più importante economista indipendente della Russia, un ex consigliere del presidente Vladimir Putin e ministro per l’integrazione e la macroeconomia della Commissione economica dell’Eurasia, l’organismo di regolamentazione della EAEU.

Il ruolo centrale di Glazyev nell’ideazione della nuova strategia economico-finanziaria russa ed eurasiatica è stato esaminato qui. Aveva previsto la pressione finanziaria occidentale su Mosca anni luce prima di altri.

Abbastanza diplomaticamente, secondo Glazyev la motivazione per questa nuova strategia sarebbe dovuta alle “sfide e ai rischi comuni associati al rallentamento economico globale e alle misure restrittive nei confronti dell’EAEU e della Cina.”

Traduzione: la Cina è una potenza eurasiatica tanto quanto la Russia ed entrambe hanno bisogno di coordinare le loro strategie per aggirare il sistema unipolare statunitense.

Il sistema eurasiatico sarà basato su “una nuova valuta internazionale,” molto probabilmente con lo yuan come riferimento, calcolata in base ad un indice comprendente le valute nazionali dei paesi partecipanti e i prezzi delle materie prime. La prima bozza sarà discussa entro la fine del mese.

Il sistema eurasiatico è destinato a diventare una seria alternativa al dollaro USA, poiché l’EAEU può attrarre non solo le nazioni che hanno aderito alla BRI (il Kazakistan, per esempio, è membro di entrambe), ma anche i principali attori dell’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai (SCO) e dell’ASEAN. I partner dell’Asia occidentale – Iran, Iraq, Siria, Libano – saranno inevitabilmente interessati.

A medio e lungo termine, la diffusione del nuovo sistema si tradurrà nell’indebolimento del sistema di Bretton Woods, che anche i seri operatori/strateghi del mercato statunitense ammettono essere marcio dall’interno. Il dollaro USA e l’egemonia imperiale hanno di fronte un mare in tempesta.

Mostrami l’oro congelato

Nel frattempo, la Russia deve affrontare un problema serio. Lo scorso fine settimana, il ministro delle finanze, Anton Siluanov, ha confermato che metà dell’oro e delle riserve estere della Russia sono stati congelati dalle sanzioni unilaterali. È sconcertante che gli esperti finanziari russi abbiano messo una così grande quantità di ricchezza della nazione dove avrebbe potuto essere facilmente accessibile – e persino confiscata – dall'”Impero della Menzogna” (copyright Putin).

All’inizio, non era esattamente chiaro cosa Siluanov avesse voluto dire. Come potevano Elvira Nabiulina della Banca Centrale e la sua squadra lasciare che metà delle riserve estere e persino l’oro fossero conservati in banche e/o caveau occidentali? O si trattava di una subdola tattica diversiva di Siluanov?

Nessuno è meglio qualificato per rispondere a queste domande dell’inestimabile Michael Hudson, autore della recente edizione rivista di Super Imperialism: The Economic Strategy of the American Empire.

Hudson è stato abbastanza franco: “Quando ho sentito per la prima volta la parola ‘congelato’, ho pensato che questo significasse che la Russia non aveva intenzione di spendere le sue preziose riserve d’oro per sostenere il rublo, cercando di combattere contro un raid in stile Soros proveniente dall’ovest. Ma ora la parola ‘congelato’ sembra significare che la Russia lo aveva mandato all’estero, fuori dal suo controllo.”

“Sembra che, almeno a partire dal giugno scorso, tutto l’oro russo fosse conservato nella Russia stessa. Allo stesso tempo, sarebbe stato naturale tenere titoli e depositi bancari negli Stati Uniti e in Gran Bretagna, perché è lì che avviene la maggior parte degli interventi sui mercati mondiali dei cambi,” ha aggiunto Hudson.

In sostanza, è ancora tutto da definire: “La mia prima lettura presupponeva che la Russia stesse facendo qualcosa di intelligente. Se era intelligente spostare l’oro all’estero, forse stava facendo quello che fanno le altre banche centrali: “prestarlo” agli speculatori, dietro pagamento di un interesse o di una tassa. Finché la Russia non dice al mondo dove aveva messo il suo oro, e perché, non possiamo capirlo. Era nella Banca d’Inghilterra – anche dopo che l’Inghilterra aveva confiscato l’oro del Venezuela? Era nella Fed di New York – anche dopo che la Fed aveva confiscato le riserve dell’Afghanistan?”

Finora, non ci sono stati ulteriori chiarimenti né da Siluanov né dalla Nabiulina. C’è sempre la possibilità di essere mandati nella Siberia settentrionale per alto tradimento. Hudson aggiunge elementi importanti al puzzle:

“Se [le riserve] sono congelate, perché la Russia paga gli interessi sul suo debito estero in scadenza? Potrebbe farli pagare al “congelatore,” per dare a qualcun altro la colpa del default. Potrebbe ricordare il congelamento da parte di Chase Manhattan dei conti bancari iraniani, con cui l’Iran aveva cercato di pagare gli interessi del suo debito denominato in dollari. Potrebbe insistere che qualsiasi pagamento da parte dei paesi della NATO sia regolato in anticipo da oro fisico. Oppure potrebbe lanciare i paracadutisti sulla Banca d’Inghilterra e recuperare l’oro – un po’ come Goldfinger a Fort Knox. Ciò che è importante è che la Russia spieghi cosa è successo e come è stata attaccata, come avvertimento per gli altri Paesi.”

Per concludere, Hudson non poteva non strizzare l’occhio a Glazyev: “Forse la Russia dovrebbe nominare un non Occidentale alla Banca Centrale.”

Il game-changer del petrodollaro

Si è tentati di leggere le parole del ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov al vertice diplomatico di Antalya di giovedì scorso come una velata ammissione che Mosca potrebbe non essere stata totalmente preparata per l’artiglieria finanziaria pesante schierata dagli Americani:

“Risolveremo il problema – e la soluzione sarà quella di non dipendere più dai nostri partner occidentali, siano essi governi o aziende che agiscono come strumenti di aggressione politica occidentale contro la Russia invece di perseguire gli interessi delle loro imprese. Faremo in modo di non trovarci mai più in una situazione simile e che né uno Zio Sam né nessun altro possa prendere decisioni volte a distruggere la nostra economia. Troveremo un modo per eliminare questa dipendenza. Avremmo dovuto farlo molto tempo fa.”

Quindi, il ‘molto tempo fa’ inizia ora. E uno dei suoi assi sarà il sistema finanziario eurasiatico. Nel frattempo, ‘il mercato’ (cioè il casinò speculativo americano) ha ‘giudicato’ (secondo i suoi oracoli autoprodotti) che le riserve d’oro russe – quelle rimaste in Russia – non possono sostenere il rublo.

Non è questo il problema – a vari livelli. Gli oracoli autocostruiti, a cui è stato fatto il lavaggio del cervello per decenni, credono che l’Egemone detti le regole del “mercato.” Questa è mera propaganda. Il fatto cruciale è che, nel nuovo paradigma emergente, le nazioni della NATO rappresentano al massimo il 15% della popolazione mondiale. La Russia non sarà costretta a praticare l’autarchia perché non ne ha bisogno: la maggior parte del mondo – come abbiamo visto nel lunghissimo elenco delle nazioni non sanzionatrici – è pronta a fare affari con Mosca.

L’Iran ha mostrato come si fa. I commercianti del Golfo Persico hanno confermato a The Cradle che l’Iran sta vendendo non meno di 3 milioni di barili di petrolio al giorno anche adesso, anche senza aver firmato il JCPOA (Joint Comprehensive Plan of Action agreement, attualmente in fase di negoziazione a Vienna). Il petrolio viene rietichettato, contrabbandato e trasferito dalle petroliere nel cuore della notte.

Un altro esempio: l’Indian Oil Corporation (IOC), un enorme raffinatore, ha appena comprato 3 milioni di barili di Ural russo dal trader Vitol con consegna a maggio. Non ci sono sanzioni sul petrolio russo – almeno non ancora.

Il piano riduzionista di Washington, alla Mackinder, è quello di manipolare l’Ucraina come una pedina usa e getta per fare terra bruciata davanti alla Russia, e poi colpire la Cina. Essenzialmente, un divide et impera per distruggere non solo uno, ma i due concorrenti di pari livello in Eurasia che stanno avanzando a passo di marcia come partner strategici completi.

Come la vede Hudson: “La Cina è nel mirino, e quello che è successo alla Russia è una prova generale di ciò che potrebbe succedere alla Cina. In queste condizioni, meglio rompere prima che dopo. Perché la leva ora è maggiore.”

Tutto il blaterare sul “crollo dei mercati russi,” la fine degli investimenti stranieri, la distruzione del rublo, un “embargo commerciale totale,” l’espulsione della Russia dalla “comunità delle nazioni” e così via – questo è per il pubblico zombificato. L’Iran ha avuto a che fare con lo stesso problema per quarant’anni, ed è sopravvissuto.

In una storica e poetica giustizia, nelle parole di Lavrov, ora capita che Russia e Iran stiano per firmare un accordo molto importante, che potrebbe essere un equivalente della partnership strategica Iran-Cina. I tre principali nodi dell’integrazione dell’Eurasia stanno perfezionando la loro continua interazione e, prima o poi, potrebbero utilizzare un nuovo sistema monetario e finanziario indipendente.

Ma in arrivo c’è ancor più giustizia poetica, che ruota intorno al game-changer definitivo. Ed è arrivato molto prima di quanto pensassimo.

L’Arabia Saudita sta considerando di accettare lo yuan cinese – e non i dollari americani – per vendere petrolio alla Cina. Traduzione: Pechino ha detto a Riyadh che questo è il nuovo corso. La fine del petrodollaro è a portata di mano – e questo è il vero chiodo nella bara dell’egemone indispensabile.

Nel frattempo, c’è un mistero da risolvere: dov’è l’oro russo congelato?

Pepe Escobar

Fonte: thecradle.co
Link: https://thecradle.co/Article/columns/7975
15.03.2022
scelto e tradotto da Markus per comedonchisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
20 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
20
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x