Correttamente abominevole

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

di Alberto Conti
ComeDonChisciotte.org

Da oggi, 15 ottobre 2021, il green pass obbligatorio per tutti i lavoratori entra in vigore, e si può ben qualificare come misura “correttamente abominevole”, confezionata su misura della coscienza più comatosa che infelice di una maggioranza di benpensanti italiani, che però ancora non lo sanno, non ne vogliono sapere di aprire gli occhi su questa colossale e ipocrita truffa pubblicata in Gazzetta Ufficiale. Una vile e cinica imposizione di regime ammantata con la veste fasulla del “politicamente corretto” (e “moralmente corrotto” direbbe giustamente Diego Fusaro), declinata in una presunta tutela della salute pubblica fondata sul vaccino sperimentale, reso così obbligatorio nella sostanza ma senza negarne formalmente la libertà di scelta terapeutica. Un’ignobile veste che vorrebbe coprire come un velo arcobaleno la ancor più ignobile ferita mortale, questa sì autentica in tutta la sua gravità, ai principi fondanti di uno Stato di diritto, di una qualsivoglia Repubblica democratica. A maggior ragione se fondata sul lavoro.

Infatti per la massima parte dei già convintamente vaccinati il green pass obbligatorio è ormai ritenuto una misura corretta per la salute pubblica, talmente corretta e necessaria da rimuoverne più o meno consciamente il lato oscuro, cioè il fatto di essere una misura illiberale, antidemocratica, contraddittoria, ipocrita, ricattatoria, estorsiva, abusiva, vessatoria, ingiusta, crudele, spietata, discriminatoria, sovversiva, eversiva, socialmente ed economicamente distruttiva, ma soprattutto anticostituzionale. In breve una misura talmente ingiusta da essere politicamente abominevole in sé e per sé, anche a prescindere dalla falsità o meno della sua sbandierata utilità.

Per contro i non vaccinati per libera scelta, e gran parte dei vaccinati per estorsione, intuiscono dal loro punto di vista che tale misura è abominevole per tutte le succitate caratteristiche, irricevibili da chiunque e a maggior ragione dal proprio Stato.

Ma non dimentichiamo che questo super green pass all’italiana si regge solo sull’ingannevole presunzione di costituire una protezione, anzi “La Protezione” per eccellenza della salute pubblica e quindi del ritorno alla normalità, ed è proprio sulla base di questa falsa credenza che si sdogana, al confine labile della coscienza individuale, l’introduzione surrettizia dell’obbligo vaccinale. (1) Questo è il vero punto nodale, attorno al quale si scontrano le opposte opinioni tra free-vax e obbligation-vax, o meglio tra i free-vax e la propaganda vaccinista di regime, che ha disinformato e terrorizzato le masse conformiste per tradizione, plagiandole fino a indurre un rifiuto al confronto aperto e leale con altri punti di vista, e fino a renderle rinunciatarie dell’uso stesso della propria ragione, in autonomia di pensiero. E così i plagiati si sono maleficamente trasformati in una massa critica di talebani obligation-vax, a supporto del regime tirannico.

E a nulla valgono le aperte dichiarazioni degli stessi proponenti politici sull’uso strumentale del green pass per costringere anche gli ultimi dei non vaccinati a piegarsi alla “scelta obbligata”, una volta assimilata acriticamente la credenza che tale scelta sia indispensabile per il bene di tutti, ma prima ancora del proprio tornaconto nel conformarsi alle nuove regole vessatorie, fino a giustificare qualunque nefandezza pur di compiacere le manie vaccinatorie totalitarie di un regime altrimenti terroristico a oltranza. (2) Bravo Draghi, bravo Brunetta, proprio una bella lezione di egocentrismo, che cancella ogni sensibilità verso le sofferenze altrui, ogni solidarietà a chi ne ha bisogno, fornendo in cambio un’iniezione di ipocrisia sedativa per potersi adeguare meglio al sistema illudendosi di non pagare pegno, pur di essere lasciati in pace anche nel vostro regime dispotico, che secondo voi non si deve neppure voler cambiare.

Ma vediamo brevemente le “ragioni” dei free-vax e degli obligation-vax, cominciando da questi ultimi, che rappresentano la vera emergenza nazionale, il vero sostegno all’abominio, unico caso del genere nel mondo civile, a parte gli USA da cui provengono queste abominevoli sollecitazioni.(3)

Non è facile occuparsi dei falsi miti e credenze della propaganda vaccinista. E’ un po’ come fare un’autopsia su un cadavere putrefatto. Se non sei del mestiere il disgusto ti può sopraffare in qualsiasi momento. Ma tant’è, ci tocca sviscerare queste immonde falsità, nella speranza di ripulirne questo povero nostro mondo, per consentirgli di rinascere a nuova vita, alla luce della verità, nell’armonia di una coscienza liberata e in comunione con la natura.

Forza e coraggio, turiamoci il naso e cominciamo:

* la pandemia è un flagello reale, che se non la fermi peggiora e non finirà mai

* la covid-19 colpisce duramente a tutte le età

* la covid-19 è incurabile, si può solo prevenire, e l’unica prevenzione è il vaccino

* chi propone vecchi farmaci impropriamente utilizzati per curare la covid-19 è un impostore

* il vaccino funziona bene

* il nuovo vaccino è molto sicuro, più dei vaccini tradizionali

* per stroncare la pandemia è necessario immunizzare quasi tutti, anzi facciamo proprio tutti

* dimentichiamoci l’effetto gregge, non serve più

* i non vaccinati sono il principale serbatoio di contagio

* i non vaccinati producono le pericolose varianti, costituiscono un grave pericolo per la società

* vaccinarsi vuol dire proteggere se stessi e soprattutto gli altri, è un dovere morale, un atto d’amore

* il vaccinato è sano e sicuro, non può contagiare gli altri

* il vaccinato può ritornare a vivere normalmente, è l’eroe del ritorno alla normalità

* il non vaccinato è uno stupido ingrato, colpevole di tutte le disgrazie legate alla pandemia

* tutto ciò che contraddice i punti precedenti è una pericolosa fake news, e va sanzionata duramente

* ecc. ecc (non ce la faccio più!)

Niente di inventato, tutte cose dette, ripetute, strarivomitate su tutti i giornaloni e canali TV generalisti (eccetto il canale 262 Byoblu) da giornalisti, nani e ballerine, ma soprattutto dai virologi superstar, meglio ancora se autoproclamati sex-simbol e sorgenti uniche della verità scientifica, che non è democratica. Non so se Pitagora, Galileo, Newton, Einstein, Ippocrate, Pasteur e tanti altri siano da considerarsi democratici o no in spirito, ma di certo sono stati spiriti liberi, molto liberi, altrimenti non li ricorderemmo. E’ dalla libertà di pensiero che nascono le nuove verità, e questo è lo spirito della vera scienza. Dalla propaganda dogmatica invece può solo nascere menzogna e inganno.

La rabbia per la stupidità, e i danni che arreca anche all’intera collettività, è sempre stata un’emozione forte in chi vede chiaramente all’opera la stupidità altrui, e alla rabbia per il male che ne deriva è quasi sempre legata la condanna del colpevole, lo stupido.

Questi sono sentimenti reciproci e divisivi tra molti free-vax e molti obbligation-vax, ma non speculari, viste le grandi differenze in intensità e per come si generano. Gli uni, più tolleranti come dice la parola stessa, che s’informano attivamente da fonti alternative al mainstream, ne verificano l’attendibilità, ragionano e mettono in discussione tutto, anche o soprattutto il sistema; gli altri vittime della propaganda, che alla ragione autonoma sostituiscono una cieca e granitica fiducia nel mainstream, conformandosi al sistema in cambio di un gratificante quieto vivere, per quanto precario, difeso anche con l’indifferenza o peggio l’intolleranza per i “diversi”.

Inutile a questo punto elencare le ragioni dei free-vax. Basta riprendere al contrario quelle elencate sopra per gli obbligation-vax, con l’avvertenza che diversamente da loro non intendono rappresentare “la verità”, assoluta e imposta con la forza, ma semplicemente la miglior verità del momento, il cosiddetto “stato dell’arte”, suffragato da documentazioni cliniche e scientifiche raccolte in tutto il mondo e ricavate da fonti primarie (4), la cui serietà e autorevolezza appartiene ad un mondo ben diverso, ben separato di livello dal quotidiano teatrino mediatico, basato su veline condivise e opinion makers selezionati e ben pagati, tutti in conflitto d’interessi e sotto un’unica regia planetaria, i cui veri scopi si possono desumere dagli interessi che vengono promossi e blindati dallo spettacolo, o avanspettacolo prodotto.

Ora che il regime mostra il suo vero volto, autoritario, repressivo e violento contro l’eroica minoranza che intende salvaguardare se stessa e l’intera comunità dagli insulti alla salute pubblica, alla dignità umana e alla democrazia stessa scelta nel ‘46 e perfezionata nella Costituzione del ‘48, cosa si può e si deve fare in concreto, alla luce di quanto detto?

Innanzitutto resistere, resistere, resistere, questa è la pre-condizione necessaria alla realizzazione di qualsiasi proposta salvifica. Nel merito però teniamo presente che proprio la “scienza medica”, se di scienza si può parlare nell’ambito delle prassi curative, insegna che la fase più critica nell’affrontare una nuova malattia è la diagnosi. Azzeccata la giusta diagnosi della malattia, la terapia viene spesso di conseguenza, la sua “scoperta” è quasi banale.

La diagnosi che si evince dall’analisi della situazione attuale è che la società italiana si è lasciata incartare da una narrazione ingannevole della cosiddetta emergenza sanitaria, in realtà più provocata e amplificata che naturale e realistica, perdendo così di vista i danni morali e materiali alla pacifica e prospera convivenza sociale che i falsi rimedi alla falsa narrazione emergenziale comportano.

Che è come dire che gli effetti avversi di una “terapia politica” superano di gran lunga i presunti “benefici sociali”, in sintonia a quanto evidenzia la criminale “politica sanitaria” del colosso Pfizer in combutta con la regolatoria FDA e il governo dem americano, e non solo, quando spinge per la vaccinazione anticovid pediatrica dai 6 mesi d’età in su, indiscriminatamente (5).

L’Italia è così in balìa di un cortocircuito artatamente prodotto dal governo Draghi-Mattarella, estremamente devastante per il nostro Paese quanto propedeutico all’applicazione del controllo sociale totale e totalizzante, digitalizzato, come è nell’agenda diabolica dei “padroni universali”.

Ma questa è la complicanza successiva della malattia, che dobbiamo sventare preventivamente per quanto ci sarà possibile.

Ora tutte le forme di resistenza e dissenso tornano utili alla causa, se si riesce a mantenerle nell’alveo della non violenza nonostante le inevitabili provocazioni, soprattutto quelle false, segretamente organizzate dal regime stesso per giustificare poi la repressione che è sempre violenta.

Ma più in generale la migliore “terapia precoce” contro l’avvitamento della tirannia anche a questo stadio è quella di sempre, per difficile che sia praticarla: non stancarsi mai di lanciare fiondate contro Golia, ovvero pillole di verità salvifica, anche se sporadiche, contro le massicce inoculazioni di falsità mortifere del gigante malevolo. Mai come ora la libertà si conquista non con la storica violenza delle armi, ma con l’amore per la verità e il bene, contagiandosi e contagiando quanti più obbligation-vax possibile ( … anche dai peggiori “virologi” prezzolati si può ricavare un qualche utile spunto).

La verità prima o poi verrebbe a galla comunque, ma dobbiamo aiutarla a risalire in fretta dai neri abissi di questo oceano della falsificazione mediatica, perché non abbiamo tutto questo tempo. E la pìetas cristiana, o la compassione buddista, o la saggezza taoista, fate voi, può aiutare molto in questo difficilissimo compito, che richiede comunque un grosso sacrificio, e una grande disponibilità a mettere in discussione tutto, anche se stessi, ma ne vale la pena. Ormai il dado è tratto, e non da noi. Per quanto ci riguarda, ora più che mai calma e fermezza, vietato mollare, vietato sbagliare.

Restiamo umani, uniti e giusti, e vinceremo. Siamo in guerra, ma con la pace nel cuore.

Alberto Conti – 15 ottobre 2021

 

Note:

(1) https://www.open.online/2021/07/23/mario-draghi-persone-vaccinate-contagiose/

(vedi video all’interno dell’articolo)

(2) https://www.ilcorriere.it/video/corriere-tv/55798/brunetta-ammette-che-il-green-pass-e-uno-geniale-strumento-di-cattiveria-del-governo-draghi-verso-gli-italiani.html

(3) https://www.ilpost.it/2021/09/10/coronavirus-stati-uniti-joe-biden-obbligo-vaccinale/

https://www.tgcom24.mediaset.it/mondo/vaccino-obbligatorio-in-quattro-paesi-al-mondo-nessuno-in-europa_37683240-202102k.shtml

(4) https://www.bem.unito.it/it/come-fare/supporto-ricerche-e-tesi/fonti-primarie-e-secondarie

(5) http://www.ilfarmacistaonline.it/scienza-e-farmaci/articolo.php?articolo_id=98821

https://www.borsaitaliana.it/borsa/notizie/radiocor/economia/dettaglio/pfizer-presentati-a-ema-dati-per-autorizzare-vaccini-tra-511-anni-nRC_15102021_1611_450183896.html?lang=it

http://www.assis.it/se-il-presidente-della-societa-di-pediatria-dice-no-ai-vaccini-anti-covid-19-ai-bambini-vuol-dire-che-e-tedesco/

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
65 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
65
0
È il momento di condividere le tue opinionix