CONSEGUENZE DELL’INVASIONE USA-NATO DELLA LIBIA

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

Di Shane Quinn, geopolitika.ru

L’intervento militare USA-NATO contro la Libia, iniziato il 19 marzo 2011, è servito a screditare ulteriormente il

potere americano e quello del suo braccio militare, la NATO. Tra il 31 marzo e il 22 ottobre 2011, gli aerei della NATO hanno effettuato 26.281 sortite sul territorio libico, con l’intento principale di rovesciare il governo di Muammar Gheddafi, al potere da 42 anni.

Nel periodo di 7 mesi, da marzo a ottobre 2011, i raid aerei della NATO sulla Libia, spesso indiscriminati, hanno causato tra le 90.000 e le 120.000 vittime, cifre davvero molto elevate. Gli attacchi sono stati condotti principalmente da aerei americani, britannici, francesi e italiani. I bombardamenti hanno ridotto in macerie gran parte delle città libiche e sfollato oltre 2 milioni di persone, in un Paese che contava appena 6,2 milioni di abitanti.

Nel giugno 2011 il Ministro degli Affari Esteri italiano, Franco Frattini, ha riconosciuto che la NATO stava “mettendo a repentaglio la propria credibilità” uccidendo civili. Prendendo una posizione più decisa, il deputato americano Dennis Kucinich ha chiesto alla Camera dei Rappresentanti che i vertici della NATO siano chiamati a rispondere delle vittime civili in Libia e portati davanti alla Corte penale internazionale (CPI).

Kucinich ha dichiarato: “I vertici della NATO possono aver agito in nome del diritto internazionale, ma non sono esenti dal diritto internazionale”. Ha chiesto di porre fine all’uso dei droni da parte delle forze NATO, che danneggiano anche i civili. Inoltre, Kucinich ha insistito sul fatto che se il colonnello Gheddafi dovesse essere portato in tribunale, anche i leader della NATO dovrebbero essere perseguiti per la perdita di vite umane tra i civili.

I raid della NATO sulla Libia consistevano anche in attacchi missilistici sparati da sottomarini e navi da guerra. C’erano 17 navi della NATO che pattugliavano il Mar Mediterraneo, impedendo che le forniture di armi raggiungessero gli elementi pro-Gheddafi. I bombardamenti della NATO, iniziati nel marzo 2011, hanno distrutto ospedali, magazzini e depositi alimentari, centri di comunicazione, studi televisivi, veicoli, ecc.

La NATO ha lanciato almeno 7.700 bombe e missili contro la Libia e nel processo sono state distrutte le macchine del sistema acquifero Nubian Sandstone, un’ancora di salvezza vitale che aveva pompato 6,5 milioni di metri cubi di acqua dolce al giorno alle grandi città libiche, rifornendo d’acqua il 70% della popolazione libica in un Paese che per il 95% è desertico.

Come previsto, l’offensiva militare in Libia ha fornito nuovi mercati all’America e alle potenze europee, aprendo la possibilità di porre fine alla depressione industriale e rinvigorire la riproduzione capitalistica. La Libia detiene le maggiori riserve petrolifere dell’Africa, la nona al mondo e contiene più “oro nero” degli Stati Uniti e della Cina.

Dopo che Gheddafi è stato ucciso in modo brutale dai militanti sostenuti dalla NATO il 20 ottobre 2011, le società energetiche e le imprese di costruzione occidentali si sono rivolte alla Libia alla ricerca di opportunità, come avevano fatto in Afghanistan (2001) e in Iraq (2003) all’indomani di quelle invasioni. Diversi cablogrammi di WikiLeaks hanno rivelato che, dal 2009, l’ambasciata statunitense a Tripoli stava pianificando di impedire alle imprese statali rivali, come la russa Gazprom, di accedere alle risorse naturali della Libia.

Il 22 agosto 2011, due mesi prima della morte di Gheddafi, il New York Times ha ammesso che “la corsa per assicurarsi l’accesso alle ricchezze petrolifere della Libia è già iniziata” e che Gheddafi “si è rivelato un partner problematico per le compagnie petrolifere internazionali, aumentando frequentemente le tasse e le imposte e facendo altre richieste. Un nuovo governo con stretti legami con la NATO potrebbe essere un partner più facile da trattare per le nazioni occidentali”.

Gheddafi era imprevedibile e, a prescindere dai suoi difetti, non era un burattino. Il 9 marzo 2011 il leader cubano Fidel Castro, che conosceva personalmente Gheddafi, ha scritto del suo omologo libico: “Nato nel cuore di una comunità beduina, pastori nomadi del deserto nella regione di Tripoli, Gheddafi era profondamente anticolonialista. È noto che un nonno paterno morì combattendo contro gli invasori italiani, quando la Libia fu invasa da questi ultimi nel 1911… Anche gli avversari di Gheddafi confermano che da studente si distingueva per la sua intelligenza; fu espulso dal liceo per le sue attività antimonarchiche… Ha iniziato la sua vita politica con atti indiscutibilmente rivoluzionari”.

Una settimana prima dell’assassinio di Gheddafi, una delegazione di 80 aziende francesi è sbarcata in Libia per incontrare i funzionari del cosiddetto Consiglio Nazionale di Transizione, il regime di breve durata di Tripoli che aveva sostituito Gheddafi. Il ministro della Difesa britannico, Philip Hammond, ha esortato anche le aziende britanniche a visitare la Libia.

Nel settembre 2011 Stephen Green, ministro britannico per il Commercio e gli Investimenti, si è recato a Tripoli alla testa di un gruppo di uomini d’affari. Tra loro c’erano rappresentanti di British Petroleum (BP) e Shell. Nel luglio 2012, BP ha dichiarato che avrebbe ripreso a sfruttare le concessioni che le erano state assegnate. Gli investimenti britannici in Libia ammontavano a 1,5 miliardi di sterline, principalmente nell’industria petrolifera.

Gran parte delle infrastrutture civili libiche sono state distrutte dai raid aerei, ma le installazioni petrolifere sono rimaste per lo più intatte. Le due raffinerie di petrolio nella città nord-occidentale di Zawiya, una città portuale che collega Tripoli alla Tunisia, sono rimaste intatte. Nella primavera del 2012, le raffinerie hanno continuato a funzionare a pieno regime.

Un rapporto redatto dal Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite (UNHRC) ha sottolineato che la NATO e le forze anti-Gheddafi hanno “commesso gravi violazioni” dei diritti umani “compresi crimini di guerra e violazioni del diritto internazionale sui diritti”.

Le milizie sostenute dalle potenze occidentali (“combattenti per la libertà”) erano composte principalmente da forze speciali del Qatar, estremisti libici e di Al Qaeda e settari che hanno sfruttato la guerra per regolare i propri conti. Abdel-Hakim al-Hasidi, un comandante libico anti-Gheddafi, ha dichiarato a fine marzo 2011 che i militanti di Al Qaeda operavano sotto il suo comando e li ha descritti come “buoni musulmani”.

Un consulente speciale di Human Rights Watch, Fred Abrahams, ha osservato che “il comportamento dei ribelli è stato inquietante”. Un’abitante di Sirte, nel nord della Libia, Susan Farjan, ha dichiarato a un giornalista del Daily Telegraph all’inizio di ottobre 2011:

“Abbiamo vissuto in democrazia sotto Gheddafi, non era un dittatore. Ho vissuto in libertà, le donne libiche avevano pieni diritti umani.”

Sotto Gheddafi la Libia aveva i migliori standard di vita in Africa. La Libia vantava la più alta aspettativa di vita del continente africano e il più basso tasso di mortalità infantile. Meno del 5% della popolazione era denutrita verso la fine del regno di Gheddafi; ma dopo l’assalto militare occidentale, le condizioni di vita in Libia sono diminuite significativamente, come rivela la classifica annuale dell’Indice di Sviluppo Umano (ISU) delle Nazioni Unite.

Gheddafi era riuscito a mantenere la struttura della nazione libica, sin dalla sua salita al potere nel 1969. Dopo la caduta di Gheddafi, lo scrittore brasiliano Moniz Bandeira ha scritto che la Libia come Stato “era scomparsa. Il potere reale era rappresentato da 60 milizie settarie e tribali, armate e in conflitto tra loro. Ognuna rivendicava una regione, una città, un’area e non accettava alcuna interferenza. Si sono rifiutate di sottomettersi al Consiglio Nazionale di Transizione. Mustafa Abdel-Jalil, presidente del Consiglio nazionale di transizione, non aveva alcuna legittimità o autorità. Era inefficace”.

Il 24 febbraio 2011 la fregata britannica “HMS Cumberland” è entrata a Bengasi, nel nord della Libia e i commando dello Special Air Service (SAS) britannico sono sbarcati dalla nave. Londra ha inviato in Libia anche agenti dell’MI6, mentre i Navy SEAL statunitensi e le forze speciali francesi operavano in Libia, di solito con travestimenti in abiti arabi.

I servizi di intelligence e le forze d’élite della NATO hanno collaborato con i militanti anti-Gheddafi, compresi i terroristi e i jihadisti, fornendo loro assistenza su larga scala nella pianificazione delle operazioni militari, nella pianificazione degli attentati e nella raccolta di informazioni sulle forze di Gheddafi, talvolta con l’uso di droni.

Il Qatar e gli Emirati Arabi Uniti (EAU) hanno fornito aerei alla NATO. A 5 mesi dall’attacco, il 20 agosto 2011 una nave da guerra della NATO ha gettato l’ancora sulle coste libiche. L’imbarcazione era carica di armi pesanti e conteneva personale d’élite del Comando congiunto per le operazioni speciali (JSOC) americano, della Brigata delle forze speciali terrestri (BFST) francese e del SAS britannico.

A bordo di questa nave della NATO c’erano anche ex jihadisti. Con l’aiuto delle unità franco-americane-britanniche, hanno elaborato una strategia per una rapida avanzata su Tripoli. La capitale libica cadde solo 8 giorni dopo, il 28 agosto 2011.

È importante sottolineare che l’organizzazione militante estremista, il Gruppo combattente islamico libico (LIFG), era tra i principali istigatori del movimento per rovesciare Gheddafi. Il comandante del LIFG era il 48enne Abu Yahya al-Libi, cittadino libico e membro di spicco di Al Qaeda, il gruppo terroristico internazionale. Al-Libi, il 12 marzo 2011, ha esortato i libici a spodestare Gheddafi e a instaurare in Libia un regime islamico, in pratica a espandere il controllo di Al Qaeda.

Osama bin Laden, il capo di Al Qaeda da lungo tempo nato a Riyadh, in Arabia Saudita, è stato molto contento di sapere delle rivolte iniziate in Libia e in Siria nella primavera del 2011. Ha sostenuto le insurrezioni. All’inizio di aprile 2011, Bin Laden ha scritto che le rivolte sono il “punto più importante della nostra storia moderna” e ha pregato Allah che la loro conclusione positiva faccia rivivere “la dignità della religione e la sua gloria”. Bin Laden ha continuato: “Quello a cui si sta assistendo in questi giorni di rivoluzioni consecutive è un evento grande e glorioso”.

Le osservazioni di Bin Laden sono state espresse in documenti scoperti nel suo complesso – dove pare vivesse da 5 o 6 anni – situato nella città settentrionale pakistana di Abbottabad. È lì che il leader di Al Qaeda sarebbe stato ucciso in circostanze controverse, il 2 maggio 2011, dalle forze speciali americane. Già all’inizio del 2011 il comandante in seconda di Bin Laden, l’egiziano Ayman al-Zawahiri, aveva inviato in Libia terroristi esperti per creare un centro operativo contro il governo di Gheddafi.

L’analista della CNN Peter Bergen ha dichiarato: “L’influenza di Al-Zawahiri su bin Laden è stata profonda”. Bergen ha osservato che Al-Zawahiri ha aiutato Bin Laden a “diventare più radicale, più antiamericano e più violento”. Dopo la morte di Bin Laden, Al-Zawahiri ha assunto la guida di Al Qaeda nel giugno 2011, posizione che ricopre tuttora e continua in qualche modo a sfuggire alla cattura o alla morte, forse la minaccia più grande è quella costante dei droni.

Al-Libi, già citato, è diventato il numero 2 di Al Qaeda con la morte di Bin Laden. Al-Libi è stato poi ucciso insieme ad altre 14 persone in un attacco di droni statunitensi il 4 giugno 2012, nel distretto del Waziristan settentrionale, in Pakistan.

A Bengasi, nel 2009 erano presenti circa 350 uomini con un passato da estremisti, precedentemente graziati e rilasciati da Gheddafi. All’inizio del 2011, quando sono scoppiati i disordini in Libia, il numero di uomini a Bengasi con un passato da terrorista era salito a 850.

Le operazioni di guerra psicologica (psy-OP) sono state ampiamente utilizzate dalle potenze occidentali in Libia. Lo scopo della guerra psicologica, come dichiarato dal Comando per gli Affari Civili e le Operazioni Psicologiche dell’Esercito degli Stati Uniti (USACAPOC) e dall’MI6 britannico, è quello di seminare confusione all’interno della sfera del nemico, portando a disaccordi e demoralizzazione.

Parte della strategia di guerra contro la Libia consisteva nell’utilizzare i mass media occidentali per costruire la falsa immagine che Gheddafi stesse progettando di massacrare i civili che protestavano contro il suo regime a Bengasi. Questo sarebbe servito come pretesto per l’inizio della campagna di bombardamenti USA-NATO. I disordini in Libia avrebbero dovuto essere una questione strettamente interna, poiché Gheddafi non minacciava la pace e la sicurezza internazionale.

Di Shane Quinn, geopolitika.ru

FONTI

Franklin Lamb, “Anatomia di un crimine di guerra della NATO”, Countercurrents.org, 17 dicembre 2011

Al Jazeera, “Le morti di civili in Libia “intaccano la credibilità della NATO””, 20 giugno 2011

Humanrightsinvestigations.org, “La NATO bombarda il Grande Fiume dell’Uomo”, 27 luglio 2011

Luiz Alberto Moniz Bandeira, “La seconda guerra fredda: geopolitica e dimensioni strategiche degli USA”, Prima Edizione, Springer, 23 giugno 2017

Ruth Sherlock, “I lealisti di Gheddafi bloccati mentre infuria la battaglia per Sirte”, Daily Telegraph, 2 ottobre 2011

Fidel Castro, “NATO, guerra, bugie e affari”, Granma, 9 marzo 2011

Clifford Kraus, Elisabetta Povoledo, “Inizia la corsa per l’accesso alle ricchezze petrolifere della Libia”, Global Policy Forum, 22 agosto 2011

Haaretz, “Bin Laden ha vissuto in Pakistan per almeno 5 anni”, Reuters, 3 maggio 2011

“Un medico egiziano emerge come mente del terrorismo”, CNN

Praveen Swami, Duncan Gardham e Nick Squires, “Il comandante dei ribelli libici ammette che i suoi combattenti hanno legami con Al-Qaeda”, Daily Telegraph, 25 marzo 2011

Mary Lynn Kramer, “Prima dell’invasione USA-NATO, la Libia aveva il più alto indice di sviluppo umano, la più bassa mortalità infantile, la più alta aspettativa di vita di tutta l’Africa”, Countercurrents.org, 4 maggio 2011

Traduzione di Costantino Ceoldo

link fonte: https://www.geopolitika.ru/it/article/conseguenze-dellinvasione-usa-nato-della-libia 

13.06.2022

Pubblicato da Jacopo Brogi per ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
7 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
7
0
È il momento di condividere le tue opinionix