Come una grande strategia errata ha portato a questa sconfitta degli Stati Uniti

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

Kevin Liptak – Moon of Alabama – 2 febbraio 2022

 

 

In risposta alla richiesta della Russia di garanzie di sicurezza, in particolare alla sua richiesta di rimuovere le forze straniere della NATO dal territorio dei paesi dell’Europa orientale, gli Stati Uniti e la Gran Bretagna stanno spostando più forze verso Est:

Il presidente Joe Biden ha formalmente approvato ulteriori dispiegamenti militari statunitensi nell’Europa orientale, ha annunciato mercoledì il Pentagono, con truppe statunitensi che si schiereranno presto in Polonia, Germania e Romania.

L’addetto stampa del Pentagono John Kirby ha affermato che gli schieramenti includono circa 2.000 soldati dagli Stati Uniti alla Polonia e alla Germania nei prossimi giorni. Inoltre, circa 1.000 soldati attualmente di stanza in Germania sono schierati in Romania.

Kirby ha affermato che le truppe dispiegate sono separate e in aggiunta alle 8.500 truppe statunitensi che sono state messe in allerta intensificata la scorsa settimana e che potrebbero essere spostate in Europa per supportare la forza di risposta della NATO se venisse attivata.

Le truppe opereranno su base bilaterale con i paesi ospitanti, poiché la NATO non ha ancora attivato una forza di risposta multinazionale.

Questa è una quantità piuttosto simbolica di forze nei posti sbagliati e con scarso valore di combattimento, ma è seria nel suo carattere simbolico.

Sono stati gli Stati Uniti a lanciare la campagna di propaganda “l’imminente invasione russa dell’Ucraina”. Il 30 ottobre 2021 il Washington Post ha pubblicato il primo pezzo stenografato sul tema:

Un rinnovato accumulo di truppe russe vicino al confine ucraino ha sollevato preoccupazione tra alcuni funzionari negli Stati Uniti e in Europa che stanno monitorando quelli che considerano movimenti irregolari di attrezzature e personale sul fianco occidentale della Russia.

I funzionari, che sono rimasti anonimi perché non autorizzati a discutere pubblicamente la questione, hanno affermato che i movimenti delle truppe hanno riacceso le preoccupazioni sorte ad aprile, quando la più grande concentrazione di truppe da parte della Russia vicino al confine ucraino da anni ha suscitato un protesta internazionale.

L’accumulo di truppe russe in marzo/aprile era avvenuto dopo che Kiev aveva dispiegato più forze nell’area del Donbas tenuta dai ribelli e aveva rilasciato dichiarazioni pubbliche sulla sua riconquista con la forza. La dimostrazione di forza russa fu sufficiente per raffreddare Kiev e presto le truppe di entrambe le parti tornarono alle loro caserme.

In autunno la Russia stava spostando solo poche truppe da e verso esercitazioni regolari in modo normale. Non c’è stata alcuna attività di picco. Allora perché gli Stati Uniti hanno lanciato l’allarme e continuano a farlo?

Questa operazione di informazione deve essere vista nel contesto più ampio dell’ascesa della Cina, della rinascita della Russia e della perdita della supremazia statunitense.

In un saggio alla sua mailing list, il professor Michael Brenner ha spiegato i motivi alla base:

La logica situazionale dell’emergente costellazione internazionale di forze indicava due possibili strategie americane. La più ovvia mirerebbe a impedire il consolidamento di un’alleanza tra Russia e Cina. Insieme, rappresentano un formidabile blocco ora in grado di sfidare il blocco occidentale guidato dagli Stati Uniti in quasi ogni sfera.

La strategia alternativa era aumentare la pressione sulla Russia in modo da stroncare sul nascere l’aspirazione di Putin/Mosca di diventare ancora una volta un attore importante, volta a negare agli Stati Uniti i suoi privilegi di egemone globale e unico padrone dell’Europa. La forza trainante veniva dalla fanatica Victoria Nuland e dai suoi compagni neo-con insediati nelle agenzie di potere, nel Congresso e nel MSM. Dal momento che Anthony Blinken e Jake Sullivan erano essi stessi partigiani di questa strategia di confronto, l’esito di qualunque minimo dibattito si fosse verificato era preordinato.

Nuland e Blinken hanno radici ancestrali nell’Europa orientale. Per loro la Russia è malvagia. Ma c’è di più in questo. Queste persone vorrebbero vedere la Russia balcanizzata in tante piccole parti.

Jon Schwarz @schwarz – 20:10 UTC – 31 gennaio 2022

Nel suo libro di memorie, “Duty”, Robert Gates descrive come alla fine della Guerra Fredda, Dick Cheney, allora segretario alla Difesa, volesse smantellare non solo l’Unione Sovietica ma la stessa Russia. Nessuno negli Stati Uniti lo sa o si preoccupa di questo, ma scommetto che molte persone nel governo russo lo sanno.

(per ingrandire)

 

L’attuale referente del Dipartimento di Stato che gestisce la politica USA Russia è Victoria ‘Si fotta la UENuland:

 

Dal 2003 al 2005, Nuland è stata il principale vice consigliere per la politica estera del vicepresidente Dick Cheney.

Cheney e Nuland hanno la stessa nefasta mentalità neo-conservatrice.

Tornando alla non-azione intorno all’Ucraina analizzata da Michael Brenner:

Gli eventi di aprile hanno dato il via al turbolento vortice che abbiamo vissuto fino ad oggi. Quale scenario voleva che si svolgesse la gente di Biden? Qualsiasi tentativo di risposta deve tener conto del fatto centrale che a nessuno, nella Washington ufficiale, importava molto cosa implicasse per la stabilità dell’Ucraina o per il benessere del popolo ucraino. I loro occhi erano fissi sulla Russia. Il loro obiettivo era creare una ragione per imporre un carico paralizzante di sanzioni economiche che avrebbe ripagato le presunte ambizioni di Putin in Europa – e oltre. Almeno, ciò libererebbe l’Occidente dal dedicare tutte le sue energie a trattare con la Cina. Idealmente, riporterebbe Mosca a un facsimile del modello straccione di Eltsin o a un innocuo satrapo neoliberista. Tutto ciò che gli Stati Uniti hanno fatto nei confronti dell’Ucraina nell’ultimo anno è stato dettato da quell’obiettivo generale.

Hanno iniziato a creare uno scenario che avrebbe consentito loro di raggiungere tale fine. La chiave sarebbe una reazione russa a una provocazione ucraina, di incerta portata, che potrebbe fungere da casus belli per le sanzioni draconiane e per ottenere la piena collaborazione dei suoi alleati. La risposta inaspettatamente forte e poco accomodante di Mosca ha gettato una chiave inglese nell’ingranaggio, ma non ha alterato il corso in cui Washington si era impegnata.

[La] gente di Biden ha fatto di tutto per convincere gli europei continentali che avrebbero dovuto firmare un pacchetto di severe sanzioni economiche che sarebbero state attivate quasi automaticamente se i russi avessero fatto qualcosa di eclatante. Presumevano che Washington avrebbe valutato quanto eclatante dovesse essere questa reazione.

La Germania, la Francia e l’Italia, ed altri di uguale orientamento, si sono rifiutate di seguire questa strategia da detonatore. Non si fidano di Washington, non vogliono un confronto con Putin e temono l’impatto dirompente delle sanzioni sui propri paesi (con evidenti conseguenze di politica interna). La riluttanza della Germania a schierarsi con obbedienza a fianco di Washington è stata particolarmente frustrante.

Per presentare il loro caso alla Germania, alla Francia e agli alleati che la pensano allo stesso modo, Biden, Blinken e altri hanno iniziato in ottobre ad alimentare la febbre della guerra con terribili previsioni di una “imminente” invasione russa. Hanno evocato un “attacco fulmineo”, cioè tipo “partenza a freddo”, diretto alla Manica, che agitava i pianificatori della NATO ai tempi della Guerra Fredda. Le cattive metafore non muoiono mai, aspettano solo il prossimo episodio paranoico.

Washington si è trovata sbilanciata quando Mosca si è rifiutata di interpretare il ruolo che le era stato assegnato. Non hanno detto né fatto nulla per suffragare l’affermazione. La russofobia aveva assunto una vita propria, che ha lasciato la Casa Bianca in un angolo. Il livello di disperazione è stato evidenziato dal tour delle capitali europee del direttore della CIA William Burns, con una valigetta piena di prove “infallibili” – generate dalla CIA – che un’invasione era in vista – e che, quindi, gli europei avrebbero dovuto immediatamente impegnarsi nell’impresa – infliggere sanzioni in modo da scoraggiare la fantomatica invasione. Il materiale più caldo erano le fotografie satellitari che pretendevano di mostrare unità corazzate russe in formazioni da battaglia “al confine ucraino” (a sole 180 miglia di distanza). Ora sappiamo che le fotografie sono state manipolate. I carri armati e altre attrezzature erano nelle loro basi permanenti adiacenti alle caserme e ad altre strutture fisse. Le foto della CIA erano state ritagliate. La CIA, la Casa Bianca e le relative agenzie di Washington stavano cercando di sbarazzarsi di merci fraudolente la cui raffinatezza era degna di un bambino di quinta elementare.

Questo è lo stato in cui ci troviamo ancora. Gli Stati Uniti strillano alla guerra, aumentandone le possibilità nella speranza di convincere la Russia a fare qualcosa che giustifichi le “nuove schiaccianti sanzioni”.

Ma a metà dicembre la Russia ha iniziato a contrastare la mossa degli Stati Uniti: ha pubblicato due bozze di trattati, uno con gli Stati Uniti e uno con la NATO, che includevano rigorose richieste di sicurezza:

  • Niente più espansione della NATO verso i confini della Russia.
  • Ritiro dell’invito a entrare nella NATO del 2008 a Ucraina e Georgia.
  • Rimozione delle forze straniere della NATO dall’Europa orientale.
  • Garanzia giuridicamente vincolante che nessun sistema di attacco, che possa prendere di mira Mosca, sarà dispiegato in paesi vicini alla Russia.
  • Nessun ‘esercitazione’ NATO o equivalente (Regno Unito, USA, Polonia) vicino ai confini russi.
  • Navi e aerei Nato a determinate distanze dai confini russi.
  • Colloqui regolari a livello militare.
  • Niente armi nucleari americane in Europa.

La Russia ha chiesto risposte scritte e ha minacciato di adottare misure “tecniche militari” se le risposte fossero state negative. La Russia ha anche pianificato e lanciato nuove esercitazioni militari.

Le risposte sono state ricevute ma, a seguito di una richiesta degli Stati Uniti, la Russia si è astenuta dal pubblicarle. Sono trapelate a El Pais, pubblicate oggi e possono essere scaricate qui (pdf).

La risposta degli Stati Uniti alle bozze di trattati della Russia è professionale. Sebbene respinga le principali richieste della Russia, in particolare uno status neutrale per l’Ucraina, ammette questioni minori e offre ulteriori colloqui su di esse. La risposta della NATO è, al contrario, altamente ideologica e rifiuta tutti i punti della Russia mentre avanza nuove richieste nei confronti della Russia che sono progettate per essere respinte (è probabile che i futuri negoziati escludano la NATO).

La Russia deve ancora rispondere ufficialmente alle lettere ricevute. Durante una conferenza stampa dopo i colloqui con il Primo Ministro ungherese, il presidente russo ha osservato:

[Mentre] ignorano le nostre preoccupazioni, gli Stati Uniti e la NATO si riferiscono al diritto degli stati di scegliere liberamente metodi specifici per garantire la propria sicurezza. Ma non si tratta solo di fornire a qualcuno il diritto di scegliere liberamente i metodi per garantire la propria sicurezza. Questa è solo una parte della nota formula di sicurezza indivisibile. La seconda parte inalienabile implica che è impossibile rafforzare la sicurezza di qualcuno a scapito della sicurezza di altri Stati.

Il ministero degli Esteri russo ha inviato una lettera a diversi paesi della NATO in cui richiede i loro pareri ufficiali su diversi accordi che hanno firmato, che includono clausole sull’indivisibilità della sicurezza:

L’essenza stessa degli accordi sulla sicurezza indivisibile è che o c’è sicurezza per tutti o non c’è sicurezza per nessuno.

In che modo la firma di quei trattati e la sicurezza indivisibile per tutti è compatibile con l’aggressiva espansione della NATO rivolta alla Russia? I ministeri degli esteri “occidentali” avranno difficoltà a rispondere a questa domanda.

La strategia statunitense di “incastrare” la Russia in Europa imponendole “sanzioni schiaccianti” per poi attaccare la Cina sta fallendo. Questo perché è stata concepita in modo completamente errato.

La Russia è il paese più autarchico del mondo. Produce quasi tutto ciò di cui ha bisogno e ha prodotti altamente desiderabili che sono richiesti a livello globale e sono particolarmente necessari in Europa. La Russia ha anche enormi riserve finanziarie. Una strategia di sanzioni contro la Russia non può funzionare.

Allo stesso modo, usare l’Ucraina per portare la Russia verso una qualche aggressione per poi applicare sanzioni è stato un tentativo piuttosto folle. Non c’è niente in Ucraina che induca la Russia a invadere. Tutto ciò che potrebbe essere fatto in Ucraina può essere fatto dal territorio russo con missili o con la sua forza aerea e marina.

Invece di separare la Russia dalla Cina, gli Stati Uniti hanno involontariamente fatto del loro meglio per spingerli in un’alleanza più profonda. È stato l’errore strategico più grave che gli Stati Uniti potessero fare.

Invece di assumere una nuova postura strategica che costituirebbe un perno per la strategia asiatica, gli Stati Uniti stanno ora spostando le truppe in Europa.

La ristretta mentalità bigotta dei decisori statunitensi, alimentato dalla fede nel proprio eccezionalismo, pur mancando di qualsiasi concezione del potere reale, ha portato a questa sconfitta.

Aggiungendo: considero questo il riconoscimento da parte della Casa Bianca del suo fallimento strategico.

Kevin Liptak @Kevinliptakcnn – 17:55 UTC – 2 febbraio 2022

La Casa Bianca afferma che non usa più la parola “imminente” per descrivere il potenziale di un’invasione russa dell’Ucraina. Stava inviando un messaggio non intenzionale, dice Jen Psaki.

Imminenza involontaria‘? Questi sono dei pessimi pagliacci.

 

Link: https://www.moonofalabama.org/2022/02/how-misguided-grant-strategy-led-to-the-us-defeat.html

 

Traduzione di Papaconscio per ComeDonChisciotte

 

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
5 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
5
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x