Alcune osservazioni sulle esercitazioni NATO nel Mar Nero

The Saker
thesaker.is

Si fanno molte ipotesi sulle attuali operazioni USA/NATO nella regione del Mar Nero. Ecco quali sono, seconde me, i punti salienti della situazione.

Se sommiamo tutte le forze USA+NATO coinvolte in questa operazione, sono molto inferiori a quelle che sarebbero necessarie per un attacco alla Russia. Quindi, in termini puramente militari, questo è solo un teatro Kabuki, non una reale minaccia alla Russia.

Sia i Russi che i comandanti statunitensi lo sanno.

Il pubblico per cui viene messa in scena questa rappresentazione è la popolazione ucraina a cui viene inviato il seguente “messaggio:” “noi siamo qui, siamo invincibili, vi copriamo le spalle e, se vi capitasse di entrare in un conflitto/guerra aperta con la Russia, vi proteggeremo.”

Naturalmente, un tale impegno non è formalmente espressso, è solo implicito. Questa è l’esatta ripetizione di ciò che era successo nel 08.08.08 [nella guerra con la Georgia].

Allo stesso tempo, l’isteria bellica nei media ucraini è arrivata a livelli incredibili, questa gente ora sta seriamente considerando non solo di “liberare” il Donbass e di dare una sonora legnata all’esercito russo, alcuni vogliono addirittura “liberare” una parte del territorio russo. Questi idioti non vedono l’ora di andare in guerra contro la Russia!

Chi è interessato ai dettagli può leggere un mio precedente pezzo su questo stesso argomento.

Poi, dobbiamo sempre tenere a mente il seguente fatto cruciale: gli USA non sono assolutamente in grado di attaccare la Russia. In termini puramente convenzionali (non nucleari), USA+NATO non hanno i numeri necessari in Europa per condurre attacchi che abbiano una minima possibilità di successo. Per esempio, se un qualsiasi cacciatorpediniere USA lanciasse i suoi (vecchi e lenti) Tomahawks verso la Russia o le forze russe, questo lancio verrebbe immediatamente rilevato e i missili ipersonici (o, in alternativa, siluri) colpirebbero le navi USN prima ancora dell’arrivo dei Tomahawks sui loro obiettivi [ammesso che arrivino e che non vengano abbattuti N.D.T.]. Questo vale in modo particolare per la Crimea, dove la Russia ha schierato un sistema di difesa aerea molto moderno e integrato, in grado di lanciare molti più missili di quanti ne possano lanciare le navi USN. Se gli Stati Uniti volessero davvero attaccare la Russia, allora ci vorrebbero molti mesi per prepararsi a un’impresa del genere.

Gli Americani non sono stupidi, lo sanno e non hanno bisogno di arrivare ad una situazione del genere.

In teoria, una forza “limitata” ma dispiegata in maniera offensiva potrebbe servire da “innesco,” ma non in questo caso: perché mai i Russi dovrebbero sentire il bisogno di affondare navi che non presentano alcun pericolo militare e che possono sempre distruggere in pochi minuti?

Allo stesso modo, quelli del Pentagono sanno che, anche se lanciassero un attacco massiccio contro la Russia, specialmente nucleare, gli Stati Uniti cesserebbero di esistere in poche ore.

Di nuovo, sia i Russi che gli Americani lo sanno.

E, lo ripeto, il pubblico per cui viene inscenato questo teatrino è lo sprovveduto popolo ucraino, che ora si sta preparando per una “vittoria schiacciante sulla Russia.”

Questo è il motivo per cui ritengo assolutamente impossibile che gli Stati Uniti attacchino deliberatamente la Russia (anche se un errore o una rapida escalation è sempre possibile) ed è per questo che credo che un attacco/provocazione ucraino sia inevitabile (a Kiev non hanno davvero nulla da perdere).

Nel frattempo, l’UE si sta adeguando alla situazione, demonizzando la Russia ancora di più di quanto abbia fatto negli ultimi decenni. I 3B+PU [Paesi Balcici + Polonia] sono in piena isteria marziale, specialmente i Polacchi che si rendono conto che scatenare una guerra che coinvolga la Russia è praticamente la loro ultima possibilità di rimanere in qualche modo rilevanti per l’Europa che conta. E, poiché lo Zio Shmuel sta facendo pressione sugli Europei per farli allineare, pochissimi politici europei osano opporsi all’attuale escalation verbale contro la Russia (e la Bielorussia).

Infine, la situazione intorno ai confini della Bielorussia è davvero molto pericolosa, poiché qualsiasi violenza locale potrebbe rapidamente coinvolgere sia le forze bielorusse che quelle polacche (insieme a qualche unità NATO). In questo caso, gli adulti nella stanza (Russia e Stati Uniti) dovrebbero intervenire molto rapidamente per contenere la situazione e smorzare le tensioni. Poiché non credo che gli Stati Uniti vogliano una guerra con la Russia, penso che questo sia esattamente ciò che farebbero entrambe le parti.

Quindi cosa ci riserva il futuro? Secondo me, una schiacciante vittoria militare dei Russi contro qualsiasi cosa gli Ucraini potranno lanciare contro di loro, seguita da una non meno schiacciante vittoria politica degli USA sull’UE e sulla Russia. Gli Ucraini saranno usati come carne da cannone e perderanno ancora territori (liberandosi così di una popolazione che li odia e che non voterà mai per ricongiungersi all’Ucraina). L’UE dovrà mettersi in riga dietro Zio Shmuel e le classi dirigenti dell’Impero otterranno finalmente quello che hanno sempre voluto: un confronto teso con la Russia, che poi sfrutteranno per tenere gli Europei buoni e sottomessi. Questa è anche l’ultima opzione a disposizione dell’Impero per chiudere il gasdotto NS2.

Putin ha annunciato che non ordinerà nessuna speciale esercitazione militare nel Mar Nero (come suggerito dal Ministero della Difesa). Lo ha fatto per due ottime ragioni, una ufficiale e un’altra meno:

La ragione ufficiale: noi siamo i buoni, quindi non abbiamo assolutamente bisogno di un’ulteriore escalation.

La ragione vera: non c’è affatto bisogno di manovre, ogni nave/aereo USA/NATO è già tracciato e possiamo affondarli (o abbatterli) senza modificare la nostra attuale posizione o il nostro stato di allerta.

La task force USN come appare sui radar della fregata Admiral Essen

Inoltre, le navi statunitensi sono già pedinate dall’incrociatore missilistico Moskva e dalla fregata Admiral Essen, insieme a diversi sottomarini diesel-elettrici di ultima generazione.

Il Cremlino sta lavorando molto seriamente per cercare di disinnescare la situazione, ma bisogna essere in due per ballare il tango. La parte che ha più da perdere da tutto questo è l’UE, ma è gestita da politici arrendevoli e incompetenti, che non hanno nessuna comprensione, nessuna visione e nessuna spina dorsale. Non saranno loro a fare la differenza.

Per quanto riguarda il popolo ucraino, il vero perdente in tutta questa situazione, non ha mostrato quasi nessuna capacità di combattere i nazisti al potere. Semmai, uno stato di guerra renderebbe ancora più facile per i nazisti affrontare una eventuale opposizione.

La speranza muore per ultima, e forse alcune discussioni dietro le quinte tra Stati Uniti e Russia potrebbero disinnescare l’attuale situazione di stallo, ma non mi faccio molte illusioni. Almeno sappiamo che gli Stati Uniti e la Russia si stanno parlando ai più alti livelli, il che è, per definizione, sempre preferibile ad una guerra guerreggiata.

In passato siamo già stati sull’orlo del baratro, ci ritireremo in tempo questa volta?

Onestamente, non lo so.

Andrei (The Saker)

Fonte: thesaker.is
Link: https://thesaker.is/note-about-the-current-naval-operations-in-the-black-sea/
14.11.2021
Scelto e tradotto da Markus per comedonchisciotte.org

Notifica di
15 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
PietroGE
PietroGE(@pietroge)
Utente CDC
18 Novembre 2021 8:39

Mah, francamente non vedo come faccia l’autore dell’articolo a dedurre da una esercitazione militare che la NATO o gli USA vogliano attaccare la Russia o che l’Ucraina, che forse non ha neanche il gas per scaldarsi questo inverno, decida di scatenare una guerra contro la Russia. Sono elucubrazioni fuori dalla realtà. Il nemico degli USA e quindi della NATO oggi non è la Russia ma la Cina e per questo credo che, se venisse proposto un compromesso accettabile, la situazione in Ucraina potrebbe benissimo essere risolta o almeno depotenziata. Quanto a quella al confine tra Bielorussia e la Polonia il tentativo di Lukaschenko di farsi dare i miliardi dalla UE è fallito e farebbe bene a dare un riparo a quei disperati usati come mezzo di pressione. Il muro ai confini della UE non solo non è contrario ai diritti umani ma serve anche per disinnescare possibili conflitti, sarebbe bene che la UE lo finanziasse.

clausneghe
clausneghe(@clausneghe)
Utente CDC
Risposta al commento di  PietroGE
18 Novembre 2021 9:00

Francamente mi pare che la tua analisi non sia migliore di quella del Saker.
Il tuo problema è che sei inficiato dall’ideologia che spesso si trasforma in tifo e questo non aiuta a fare analisi geopolitiche.
In quanto al fallimento di Lukasenko sei male informato, infatti la Merkel senza nemmeno ascoltare gli altri Europei ha immediatamente telefonato al “dittatore” venendo a più miti consigli, i Tedeschi non possono rovinarsi per proteggere Polacchi o Ucraini che, ricordiamolo, solo 80 anni fa massacravano con gusto..

PietroGE
PietroGE(@pietroge)
Utente CDC
Risposta al commento di  clausneghe
18 Novembre 2021 9:21

Tu invece deduci che da una esercitazione sul Mar Nero la NATO e gli USA vogliano attaccare un Paese come la Russia dotato di migliaia di testate nucleari, per non parlare di armamento convenzionale di primordine, complimenti! Sei rimasto alla guerra fredda di 50 anni fa. Quanto a Lukaschenko, ha provato a fare il furbo e a seguire le orme del dittatore turco per ottenere i soldi dalla UE, ottenendo invece il sostegno di quasi tutti i Paesi europei per la costruzione di muri al confine e la visibilità mediatica di come i disperati vengano oggigiorno usati come arma di destabilizzazione. Un autogol.

BrunoWald
BrunoWald(@brunowald)
Utente CDC
Risposta al commento di  clausneghe
18 Novembre 2021 16:00

“i Tedeschi non possono rovinarsi per proteggere Polacchi o Ucraini che, ricordiamolo, solo 80 anni fa massacravano con gusto..”

Veramente, senza polemica alcuna, furono i Polacchi ad iniziare il gioco al massacro, prendendosela con i civili delle zone di confine, perché ascoltarono le dolci paroline sussurrate loro dagli Inglesi, convincendosi che avrebbero preso Berlino in due settimane. L’astuzia dell’elite polacca fruttò loro 5 anni di occupazione tedesca e 44 di occupazione sovietica.
Dimostrando di avere imparato la lezione, ora rompono i coglioni alla Russia per conto degli americani. Furbi come le proverbiali volpi.

Armin
Armin(@armin)
Utente CDC
Risposta al commento di  BrunoWald
18 Novembre 2021 20:23
  • E’ proprio vero. Accusano l’Asse di tutte le nefandezze che commisero loro, le “élite” di ladri criminali indemoniati. I polacchi di allora erano innamorati della Gran Bretagna, sai gli inglesi sono i più falsoni. Trucidarono 50.000 civili Tedeschi, che grazie alla truffa di Versailles erano finiti sotto i polacchi, ma erano territori Tedeschi. Il Reich attaccò la Polonia, giustamente. La Gran Bretagna e la Francia dichiarano guerra alla Germania. Ecco come è iniziata la 2GM. Grazie alle indemoniate idiote “élite” dell’ovest.
oriundo2006
oriundo2006(@oriundo2006)
Utente CDC
Risposta al commento di  Armin
18 Novembre 2021 21:06

E non a caso, Inghilterra e Francia NON dichiararono guerra all’ URSS che aveva anch’esso invaso la Polonia. Indubbiamente ce l’avevano con la Germania e resta ancora da capire il perchè preciso: dopotutto aveva perso la Prima Guerra ed aveva dovuto accettare condizioni capestro. In realtà i ‘protocolli’ lo sapevano. In anticipo. E la road map fu perseguita con slancio e furore parossistico specie quando la Germania, come una preda ferita, fu fatta a pezzi senza pietà: ricordare la tragedia della Prussia dell’ Est è terribile. Altrettanto come ho detto non successe verso l’ URSS NEPPURE quando fu poi attaccata la Finlandia, che era davvero estranea a tutto. E non solo. Stalin aveva inglobato le repubbliche baltiche senza colpo ferire in quel periodo senza che i ‘democratici’ francesi o inglesi avessero anche lì niente da dire o fare se non a parole, prima di scatenarsi all’attacco contro la Finlandia: un milione di uomini contro forze quatrto volte inferiori ed anche meno: 30 carri armati contro tremila carri sovietici…alla faccia di quello che si disse DOPO che l’ Urss non era pronta al conflitto successivo con la Germania. Balle: Suvorov lo ha dimostrato. La Finlandia non venne difesa se non da… Leggi tutto »

Armin
Armin(@armin)
Utente CDC
Risposta al commento di  oriundo2006
18 Novembre 2021 23:14

Condivido! Sei esperto. IL complotto è stato diabolico, contro il Popolo Tedesco (e contro l’Italia e il Giappone) . Mi nomini Viktor Suvorov! Il grande storiografo Russo! Con la sua schiera di storiografi Russi controcorrente.
La Verità è affiorata. A Ezra Pound un banchiere gli disse “Abbiamo impiegato 20 anni a far cadere Napoleone, e impiegheremo 5 anni per far cadere Mussolini”.
Posso aggiungere le mie riflessioni: che, data l’alta organizzazione e valore dei militari dell’ASSE, i “vincitori” escludendo la Russia, sono stati dei vincitori rovinati, per sempre. Hanno avuto delle perdite inconfessabili, ed inoltre, cadendo il Reich, esso è stato sostituito dall’URSS, dunque le “élite” indemoniate dell’ovest sono state fregate. Per questo un mio amico Americano storiografo Patriota ha detto che i festeggiamenti per la “vittoria” erano per il popolino, mentre la “élite” yankee
ERA FUORIOSA E DEPRESSA!!!!!!!!!!!!!!!!
Sono vittorie rovinose. Dalla 2GM PERDONO TUTTE LE INFINITE GUERRE! Sono degli immondi ignobili.

clausneghe
clausneghe(@clausneghe)
Utente CDC
18 Novembre 2021 8:50

Ottimo pezzo, si sentiva la mancanza del Saker..
Ma ci sono ulteriori novità da aggiungere al già turbolento scenario bellico in movimento sul teatro Euroasiatico.
Giusto ieri l’altro i Russi hanno colpito con successo disintegrandolo, un piccolo satellite esausto che a loro dire minacciava la stazione spaziale internazionale. Naturalmente è stata una scusa, l’obbiettivo vero era far vedere che possono, le forze aerospaziali FR, tirare giù qualsiasi satellite spia o armato, Usa o altro.
Inoltre il “contadino” Lukasenka dopo aver fatto lo gnorri con i disperati profughi prodotti dalle guerre Usanato che premono alla frontiera Polacca e che l’Europa vuole accogliere a parole ma non nei fatti, in risposta ad ulteriori sanzioni UE ha fatto chiudere le valvole del gas in transito per l’Europa, per manutenzione straordinaria, dice.
Se i dementi covidioti Europei continuano sulla strada dei dispetti e delle minacce, ci troveremo presto al freddo, senza energia e Dio non voglia sotto i funghi atomici.

AlbertoConti
AlbertoConti(@albertoconti)
Redazione CDC
18 Novembre 2021 9:54

https://www.radio24.ilsole24ore.com/programmi/luogo-lontano/puntata/trasmissione-17-novembre-2021-171213-AE7S8ax

dal minuto 36.30 a 39.30 parla un certo Alex Kokcharov (political risk analyst all’IHS Markit di Londra, esperto di Russia, Ucraina, Bielorussia e Caucaso), che dipinge la situazione al confine con l’Ucraina come la “solita” aggressione russa, con minaccia di occupare “ancora una volta” l’Ucraina con i carri armati, mentre il governo ucraino cerca una legittima autodifesa …..

Questi non hanno vergogna di niente, poichè evidentemente sanno di rivolgersi ad un grande pubblico distratto ed ignorante, anche della cronaca recente, che se le beve tutte.
Sono guerrafondai della peggior specie, se mai si potesse stabilire una classifica morale tra i guerrafondai.
Il guaio è che alla guerra siamo ad un passo, e non c’è reazione alcuna per scongiurarla.
La criminalità mediatica non si limita al covid.

Ultimo aggiornamento 13 giorni fa effettuato da AlbertoConti
Armin
Armin(@armin)
Utente CDC
18 Novembre 2021 14:11

Nel 2016 l’Ucraina scatenò la grande guerra contro i Ribelli e pensavano con gli Stolti della Nato (Stoltenberg! Ha ha ha ha ha!) di vincere pure contro la Russia!. FESSI!!!!!!!!!!
Furono macellati come pecore, gli ucraini e gli alleati della Nato!!!!!!!!!!!!!
Tutte le comunicazioni della Nato furono messe fuori uso (aerei, carri armati, artiglieria, soldati, gps, telefonini, ecc.), divennero ciechi e muti, i guerrieri della domenica! Fu una massacro-macello.
Da allora chiacchierano e minacciano, ma sono PERDENTI CRONICI come le “élite” indemoniate.
Auguri.

BrunoWald
BrunoWald(@brunowald)
Utente CDC
18 Novembre 2021 15:52

“La parte che ha più da perdere da tutto questo è l’UE, ma è gestita da politici arrendevoli e incompetenti, che non hanno nessuna comprensione, nessuna visione e nessuna spina dorsale.”

È il prezzo della sconfitta, e di quasi un secolo di servaggio.

“…i nazisti al potere.” Diciamo piuttosto utili idioti. Se fossero veramente “nazisti” non sarebbero al potere, tantomeno col sostegno dello zio Shmuel. Cerchiamo di essere seri, per favore.

AlbertoConti
AlbertoConti(@albertoconti)
Redazione CDC
Risposta al commento di  BrunoWald
18 Novembre 2021 16:51

Ad essere seri bisognerebbe sapere che i giovani neonazi ucraini (ci sono sempre state molto più che simpatie naziste da quelle parti e non solo) sono stati addestrati alla guerriglia urbana da ufficiali NATO, e poi c’è stata Maidan e poi la strage di Odessa, e sono effettivamente andati al potere, forti del battaglione AZOV (https://it.wikipedia.org/wiki/Battaglione_Azov) che intendeva sterminare i russofoni del Donbass e Lugansk. Parliamo di cose accadute poco fa, che quindi tutte le generazioni, vecchie e nuove, dovrebbero conoscere, anche se i soliti media venduti ne hanno parlato poco niente.
L’Europa ha la coscienza lercia in questa brutta storia, anche se la Nuland lo ha detto chiaro che poteva andare a farsi in cu.lo.

Ultimo aggiornamento 13 giorni fa effettuato da AlbertoConti
BrunoWald
BrunoWald(@brunowald)
Utente CDC
Risposta al commento di  AlbertoConti
19 Novembre 2021 2:54

Ciò che scrivi è vero, non ho nulla da eccepire.
Basta intendersi su quello che intendiamo per “neonazi”. Gente che utilizza simbologia nazista? Lo faceva pure Sid Vicious, che insomma… O ci riferiamo ad ultra-nazionalisti assetati del sangue dei vicini russi? Benissimo, in tal caso chiamiamoli nazisti ucraini, se vi fa piacere.
Io però, che sono di vedute ristrette, riservo il termine a chi è portatore consapevole della visione del mondo nazionalsocialista: e uno così ha per la NATO e lo zio Shmuel, e tutto ciò che rappresentano, un odio inestinguibile, “cosmico”… al punto che si assocerebbe non dico coi russi, ma con i mostri della saga di “Alien”, se accettassero di far causa comune, anche temporaneamente, contro quel nemico.
Almeno, questa è la mia percezione.

cedric
cedric(@cedric)
Utente CDC
18 Novembre 2021 18:55

il Saker è sempre bene informato sulle vicende ucraine, anzi anche troppo informato, visti i resoconti con annesse mappe dettagliate che pubblicava ai tempi della guerra nel Donbass.

Anche se ci fosse qualche buona vecchia cannonata fra le navi russe ed americane, magari con un centinaio di morti come la volta del Kursk, non accadrebbe assolutamente nulla.

Gli americani debbono fare un pò di scena ed i russi gli lasciano la corda lunga, la vera passeggiata sul bordo del precipizio ci sarà solo a Taiwan, dove si costruisce l’80% dei chip elettronici di ultima generazione.

Se i cinesi invadono Taiwan (molto probabile) gli americani dovranno intervenire per salvare la produzione dei chip spostando le fabbriche di notte, come se si fosse in brianza. Dei taiwanesi (come degli ucraini) non gliene frega assolutamente nulla.

Ultimo aggiornamento 12 giorni fa effettuato da cedric
Armin
Armin(@armin)
Utente CDC
18 Novembre 2021 20:05

E’ di poco fa su voxnews.info:
“Quindi Draghi deve presentarsi in tv, insieme a Mattarella, e dire agli italiani vaccinati che dovranno rinchiudersi in casa. Poi inizia il divertimento.
Ricordate: Draghi è l’ultima risorsa del sistema. Se la sono giocata grossa. Prepararsi.

c.v.d. idioti indemoniati inferiori

15
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x