Vaccino anti Covid, Tribunale Superiore di Giustizia (TSJB): il governo spagnolo ha dieci giorni per pubblicare i contratti siglati con le aziende farmaceutiche

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Ultime Notizie".

 

Il Tribunale Superiore di Giustizia delle Isole Baleari (TSJB) a seguito di un ricorso presentato dall’associazione Liberum, ha dato al governo spagnolo dieci giorni di tempo per rendere pubblici i contratti firmati con le aziende farmaceutiche Pfizer, AstraZeneca, ModeRNA e Janssen (1).

Liberum è un’associazione la cui sede centrale è a Gijon, Spagna, operante su tutto il territorio nazionale è nata dall’esigenza di ristabilire diritti e libertà usurpati in oltre due anni.

Si è già battuta in passato per decine di cause, e il 29 luglio scorso ha presentato al Tribunale Superiore di Giustizia delle Baleari un ricorso amministrativo (2) per la “Protezione dei Diritti Fondamentali”, richiedendo al Ministero della Salute, tramite gli uffici del Tribunale, la documentazione seguente come prova rilevante:

– I contratti integrali firmati dal governo con le aziende farmaceutiche;
– Studi sull’efficacia delle vaccinazioni e sull’aumento dei contagi post-vaccinazione;
– Certificazione del numero totale degli effetti indesiderati nel territorio delle Baleari;
– Certificazione del numero di decessi a causa di effetti avversi alla vaccinazione nel territorio delle Baleari;

E’ incomprensibile e giuridicamente inaccettabile che, in una materia così delicata come la salute della popolazione […] siano stati nascoste le clausole [di questi contratti], impedendo di fatto un consenso informato.

La più recente azione di difesa dell’associazione spagnola è invece del 1 agosto. Liberum, insieme ad oltre 900 firmatari, ha presentato alla Corte di Giustizia dell’Unione europea un ricorso per l’annullamento del regolamento del Consiglio europeo del 29 giugno 2022, il quale modifica quello del 2021, in materia di interoperabilità dei dati inerenti passaporti vaccinali nella forma di certificati digitali (Certificato Digitale COVID dell’UE), chiedendone la temporanea sospensione fino alla conclusione delle procedure legali.

I punti sui quali si basa il ricorso sono 3:

– Violazione della privacy dei cittadini europei, della protezione dei loro dati;
– Violazione dei principi di uguaglianza, inclusione e libertà;
– Violazione del diritto alla salute, possibilità di effetti avversi sulla immunità naturale e su malattie pregresse;

Questo regolamento non rispetta la dignità umana e viola in primis trattati europei tra i quali il Trattato dell’Unione Europea e la Carta Europea dei Diritti dell’Uomo.

Il plico presentato conta 5000 pagine di cui quasi 2000 sono prove documentali:

“La perizia degli esperti sul Diritto alla Privacy conferma il trasferimento dei dati dal certificato Covid-19 alle multinazionali estere.”
“La seconda perizia valuta gli effetti indesiderati dei trattamenti genici sperimentali […] erroneamente chiamati vaccini Covid-19.”
“Una terza perizia contiene uno studio completo sull’immunità naturale”

Un grosso risultato quello ottenuto da Liberum.

Staremo a vedere come si comporteranno le massime istituzioni spagnole nei prossimi giorni: saranno conseguenti con quanto stabilito dal T SJB?

Note:
(1)
https://www.periodicodeibiza.es/noticias/baleares/2022/07/30/1765497/tsjb-solicita-sanidad-contratos-compra-vacunas-covid-1.html
(2) https://liberumasociacion.org/requerimiento-al-ministerio-de-sanidad-para-que-aporte-los-contratos-de-compra-de-las-vacunas-y-otros-datos-cruciales-sobre-efectos-adversos-por-parte-del-tribunal-superior-de-justicia-de-las-islas-b/
(3) https://liberumasociacion.org/presentado-recurso-de-anulacion-del-pasaporte-covid-y-suspension-de-las-medidas-provisionales-ante-el-tribunal-general-de-la-ue/

03/08/2022

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
1 Commento
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
1
0
È il momento di condividere le tue opinionix