Home / Attualità / Una facile previsione

Una facile previsione

DI ANDREA ZHOK

facebook.com

Con l’apertura del porto di Lampedusa alla Ocean Viking si è aperta, a quanto dicono diversi esponenti del governo, una ‘fase nuova’ nel rapporto dell’Italia alla questione migratoria. Nelle parole del ministro Franceschini, ad esempio: “Fine della propaganda di Salvini sulla pelle di disperati in mare. Tornano la politica e le buone relazioni internazionali per affrontare e risolvere il problema delle migrazioni.”

Stando alle parole di Conte, l’accordo (verbale) raggiunto sarebbe il seguente:

Sulla base di un accordo ‘temporaneo’ l’Italia assegnerà un porto sicuro a tutte le navi che ne faranno richiesta e simultaneamente i paesi UE si assumeranno l’onere di redistribuire i nuovi arrivati nei vari paesi.

Successivamente (ma la questione è lasciata preoccupantemente nel vago) si affronterà il tema complessivo di come ridurre le partenze (e dei rapporti bilaterali tra stati di arrivo e partenza).

Ora, sulla carta si potrebbe trattare di una impostazione abbastanza ragionevole, ma sotto una precisa condizione, ovvero che il meccanismo <apertura dei porti + redistribuzione> sia funzionante, e soprattutto che sia davvero un’opzione PROVVISORIA, e che si avvii da subito uno studio su come regolamentare gli accessi nel lungo periodo e come ridurre la spinta a monte per i partenti.

Se ci dovessero essere anche piccoli tentennamenti è necessario comprendere che ci si troverebbe rapidamente in una situazione esplosiva.

Ora, con l’inverno incombente ci sarà una fisiologica riduzione delle partenze, tuttavia nel momento in cui giungerà dall’altra parte del Mediterraneo la notizia della piena riapertura della rotta siciliana (e si può scommettere che arriverà, anche nell’entroterra, assai velocemente), e con la buona stagione, ci si deve aspettare un nuovo sollecito incremento delle partenze e degli sbarchi, incremento che potrebbe assumere gli stessi caratteri che aveva fino a due anni e mezzo fa.

Ora, se andiamo a vedere in parallelo il numero degli sbarchi del 2017 (già ridotti rispetto al 2016), del 2018 e del 2019 si vede come l’andamento per il periodo gennaio-settembre sia stato: 100.310 nel 2017, 20.525 nel 2018, e 5.853 nel 2019. Abbiamo avuto dunque una riduzione del 95% circa in due anni.

Se a marzo dovessimo ritrovarci a redistribuire i numeri di tre anni fa, senza che la ‘provvisorietà’ della soluzione si dimostri concretamente tale, con l’avvio di soluzioni strutturali, è abbastanza chiaro come la temperatura nel dibattito pubblico salirebbe vertiginosamente in tempi rapidi, gli ostacoli alla redistribuzione (che già ci saranno in alcuni paesi dall’inizio) si moltiplicherebbero e con ciò la situazione interna italiana andrebbe in ebollizione.

La facile previsione è che, in questo scenario, il tema migranti riprenderà posizione centrale nello scenario politico, scalzando ogni altra questione.
Sotto queste condizioni un collasso dell’esecutivo e una rivincita di Salvini prima della prossima estate sarebbero inevitabili.

Spero che di questa elementare dinamica vi sia consapevolezza nelle fila del governo.

 

Andrea Zhok

Fonte: www.facebook.com

Link: https://www.facebook.com/andrea.zhok.5/posts/1312665312248198

13.09.2019

Pubblicato da Davide

25 Commenti

  1. Il potere sionista massonico che ci comanda vuole l’invasione dell’Italia e dell’Europa ( piano KALERGI ) e mette miliardi di euro a disposizione quindi i prossimi anni ne arriveranno milioni , la maggior parte arrivano dalla Nigeria , un paese che ha quasi 200 milioni di abitanti e dove si vive male e la gente vuole venire in Europa , Anche perché in Italia tanti nigeriani non hanno documenti , se rubano o spacciano e vengono presi dalla polizia non vanno in galera

  2. I terroristi globalisti che operano sulle bagnarole ONG, e nelle coop della mafia dell’accoglienza, sono un grave problema.

    I problemi vanno eliminati.

  3. In sostanza, abbiamo aperto un canale sicuro per la tratta degli schiavi e l’approdo delle nuove navi negriere.
    Un salto indietro di 200 anni.

  4. spero di no.
    così si schiantano da soli.

  5. -La “consapevolezza” del problema non esiste in questo governo. Domina da una parte (Pd) l’ideologia buonista e dall’altra (5S) l’incompetenza.
    -Si sta verificando un mutamento nella composizione dei migranti : stanno arrivando sempre più donne (incinte) e bambini, segno che non arriva solo gente in cerca di lavoro ma che è un popolo intero che si sta riversando sul continente europeo. I costi per mantenere i migranti esploderanno di conseguenza.
    -L’informazione su questo problema è di fatto inesistente perché domina la propaganda : ad esempio non è vero che la gente scappa da guerre e carestia e i cosiddetti ‘campi di concentramento libici’ sono ben strani visto che per andarci bisogna pagare.
    -Non ci sarà mai una soluzione del problema se non si modifica la legislazione interna (compresa la costituzione) ai Paesi europei abolendo l’asilo, e introducendo la preferenza per gli autoctoni per il lavoro, case e welfare.
    -La riapertura dei porti sarà la mina che farà saltare in aria il governicchio Pd-5S.

  6. No, prima si chiudono frontiere, si pattugliano i mari e si attuano respingimenti , si bloccano le rotte via terra e si attivano rimpatri di massa.
    Poi, si possono aprire trattative per il contenimento dell’afflusso, trattative che abbiano al primo punto ed al centro della soluzione una forma di neocolonialismo sulla base di protettorati contrattuali nei paesi esportatori di miserabili.
    Altro che parole al vento.

  7. https://www.youtube.com/watch?time_continue=6&v=di15CyzABBg
    guardatevi questo e fatelo girare ,il problema e` li ,l immigrazione e` sempre esistita oggi viene sfruttata sia economicamente che come arma di pressione
    puo bastare come descrizione VM?

  8. I migranti, per GIUSTIZIA dovrebbero andare nei paesi colonialisti , che han spremuto l’africa ( e non solo), per secoli, sia quelli regolari che gli irregolari. Ma non capisco perche’. non lo dice nessuno, eppure e’ solo li la soluzione.

  9. Senza dimenticarci di cosa avviene in Turchia e che cosa Erdogan potrebbe decidere di fare.

  10. Ma che bella pensata! Clandestini e trafficanti di carne umana sbarcheranno tutti a Lampedusa e saranno filmati da tutte le televisioni europee in festa, ma quando sarà il momento di dividerli e assegnarli a a tutti i paesi europei chi ci sarà a verificare e a contare? E’ il solito gioco delle tre carte in cui i comunisti sono esperti,

  11. Provvedimento provvisorio. Mah !!
    Sempre ottimisti come al solito. Ma se l’Inno di Mameli è rimasto Inno Provvisorio per più di 70 anni come si fa a sperare che un provvedimento odierno diventi definitivo in meno di 6 mesi?

  12. Digitate su Google: “Africa: Popolazione 2019 – Population. City” e vedrete che gli “orologi” demografici indicano un nato ogni 0,76 secondi, 79 al minuto, 113.760 al giorno, 41.522.400 all’anno: l’Africa avrà 2,5 miliardi di abitanti nel 2050 e quasi 5 miliardi a fine secolo! Con queste cifre tragiche e terrificanti, solo dei “minus habentes” possono davvero pensare che “incoraggiare” in qualunque modo l’immigrazione clandestina sia una buona idea!
    Anche volendo suicidarsi, il Bel Paese e l’Europa non potrebbero MAI diventare l’orfanotrofio dell’Africa! L’UNICA politica razionale e responsabile è cercare di bloccare SUBITO la tratta, prima che si scateni lo “tsunami umano” di fancazzisti, donne incinte e bambini che ci travolgerebbe in un amen!
    Il resto sono solo chiacchiere e “cupio dissolvi”…

    • Come fanno a sapere quanti sono i nati in Africa se non vengono registrati nelle anagrafi?
      Gli africani non hanno documenti perche non ci sono anagrafi quindi niente documenti.
      Ci vuole tanto a capirlo? Per questo non si possono rimandare a casa loro.Non si sa da dove provengono. Non sono clandestini, sono non registrati da nessuna parte, nessuno sa che son nati.Una pacchia per la criminalita’organzzata.

  13. Purtroppo, sta già arrivando il conto della sconfitta tattica di Salvini.
    L’errore di Salvini si dimostra tanto più serio quanto più si mostra profondo il putridume all’interno dell’ex alleato.
    Europa: dietrofront di 180°; immigrazione: dietrofront di 180°; fisco: si arriva a parlare di tassa sul contante. Si parla anche di tassa sul Diesel, quella che ha scatenato i Gillet gialli, cioè coloro che Di Maio e Di Battista andavano ad abbracciare a dicembre (ora filano il perfetto amore col gaio giovanotto dell’Eliseo), tre volte 180°!
    Ora, pare che anche alle regionali si “integreranno” all’interno del PD. Ma in fondo sarebbe solo un bene, finissero assorbiti e non se ne parli più.

  14. Finché non si capisce che lo scopo dell’immigrazione illegale è precisamente quello di portare al potere “populisti” e “sovranisti” vari, si continuerà a girare in tondo senza mai risolvere il problema.

  15. E vai, e dai!!! All together now!! Si dice così???? Propongo una soluzione ottimale al problema ”migranti”: siccome essi hanno consentito, favoreggiato, tollerato la devastazione imperialista, bancaria, liberista dei propri paesi tramite diretto intervento ”occidentale” (fin che c’è guerra c’è speranza) accogliamoli tutti in modo che passino a distruggere anche le nostre realtà!!! Noi ci trasferiremo tutti in Africa e, grazie alla buona volontà, capacità, capacità realizzativa, voglia di fare di tanti, troppi di noi, risaneremo molte turpitudini da quelle parti! Ovviamente una volta ripristinato un accettabile modus vivendi anche in quei posti, ambiti, paesi le ”risorse” torneranno indietro rivendicando, giustamente, la titolarità dei loro paesi! Noi, ovviamente, torneremo in patria per ricostruire dopo la devastante ”migrazione” di ”appassiti” di mt 2 per 100 kg di peso e vai col tango fino al successivo giro di boa!!!! Vi piace??? Lo suggerirò al neoilluminatoelettolucidoserenolungimirantepseudogoverrnicchiodelcactus!!!!! Son certo del loro favore!!!!!! Ovviamente salvinetto del menga vaffa…lo!!!!! Babbeo!!!!!!!

  16. A giudicare dall’ecofin informale mi pare che i rapporti con l’Europa saranno anche migliorati ma non vedo una grande volontà di cambiare registro su quanto concerne la finanza pubblica. Ora io non so il tedesco ma in un intervista alla suddeutsche zeitung il ministro tedesco degli interni pareva far intendere che l’accordo di ripartizione riguarderebbe solo i rifugiati che come ben sappiamo rappresentano i a parte minima dei cd migranti complesdivi. Vedremo! il precedente di ripartizione di 20.000 rifugiati (non anche i migranti clandestini) non mi pare abbia funzionato troppo bene. ad oggi credo che la ripartizione sia stata molto largamente disattesa!

  17. si tratta di cupio dissolvi dell’intero occidente, ci sta un operina di Maurizio Blondet (che può piacere o meno) “gli adelphi della dissoluzione” che racconta da cosa si origina questo cupio dissolvi che ha radici filosofiche in una certa mistica ma non di destra come molti credono bensì di sinistra, che la maggiorparte crede atea, niente di più sbagliato, si studino le figure di Sabbatai Zevi e Jacob Frank, per questa cupola globalista massonica seguace di tali leggendari personaggi, bisogna capovolgere tutti i valori e scendere nell’abisso più profondo per favorire la venuta del “bene”, o che a dir si voglia il ritorno del “messia”. Non è un caso che Saviano e un seguace di Sabbatai Zevi. Siamo in mano alla feccia più putrida mai apparsa sul globo probabilmente. L’Europa sarà invasa nei prossimi 5 anni come nella profezia di Gustavo Rol ed altri sensitivi.

  18. “Sulla pelle dei migranti”… Il vero problema (del PD) e’ che non pensa mai alla pelle degli italiani, oltre che alle loro tasche.

  19. Nel frattempo sempre più fattacci “casuali”, ovvero senza motivo apparente, vede questi migranti autori di atti gravi.
    La popolazione, ignara del reale motivo di tale invasione ovvero operazione coperta di sostituzione e ditruzione sociale occidentale, penso non accetterà ancora a lungo questo soppruso; effettivamente i manovratori non aspettano altro che il popolo commetta azioni di rivolta per adottare il “tacco di acciaio” e di fatto silenziare gli oppositori.
    Come la si giri la situazione è grave.
    Suggerisco ai più di prepararsi.

  20. Stando alle parole di Conte, l’accordo (verbale) raggiunto sarebbe il seguente:
    Sulla base di un accordo ‘temporaneo’ l’Italia assegnerà un porto sicuro a tutte le navi che ne faranno richiesta e simultaneamente i paesi UE si assumeranno l’onere di redistribuire i nuovi arrivati nei vari paesi.

    L’articolista dovrebbe linkare l’audio di Conte che avrebbe detto :
    l’Italia assegnerà un porto sicuro a tutte le navi che ne faranno richiesta

  21. Finirà male per tutti! Se non c’è una soluzione concreta e sono solo parole buttate lì ,non oso pensare il caos che ne diverrebbe, 10 volte peggio di prima.
    Il PD ormai è totalmente sconnesso dal paese ,vive imbeccato dai salotti buoni e sostenuto dai cechi tifosi che votavano PC (specialmente nelle regioni rosse ) e da tutto quel mondo di cooptati nel lavoro ( una buona parte degli statali , coop rosse ,ecc…), i 5S sono in una fase di “confusione” entratovi con il risultato elettorale delle Europee col culmine della crisi di governo di agosto che ne sancisse la quasi estinzione (vedremo alle regionali ma la strada è quella).
    Ma realmente l’autore crede che qualcuno dalla Europa ci aiuterà ????
    Penso proprio di no!

  22. in questo video viene spiegato bene l’accorco che governo bisconte vorrebbe andare a fare il 23 settembre, con germania, francia, spagna e altri paesi. il tutto verrà dato alla stampa come la soluzione al problema dell’immigrazione (per la germania e la francia di sicuro).
    https://youtu.be/o3bf6Je3wgM

  23. Stante il regolamento di Dublino, personalmente di un accordo verbale me ne farei il giusto. Questo era il punto su cui Salvini ruppe ogni discorso, e mi dispiace mostruosamente dirlo, ma facendo bene il suo lavoro in tal senso, dato che non c´é mai stata una controproposta (e si é finiti a gestire caso per caso le singole ONG con la solfa che ben conosciamo).

    Si preparano tempi durissimi nei prossimi 2-3 anni.

  24. attenzione alla redistribuzione fra vari paesi tra cui Francia e Germania che da sole, dicono, si accollano il 50% dei clandestini. Dicono, in quanto hanno dichiarato che la redistribuzione sarà valida solo per quelli che hanno diritto all’asilo politico, non riguarda i “migranti” economici, per cui la percentuale si abbassa subito al 3 o 5 o al massimo 10% di coloro che sbarcheranno in Italia. Il che vuol dire che su 100 arrivi forse 4 andranno nei paesi europei, gli altri rimarranno da noi. Non solo, ma i tedeschi vogliono anche la firma, negata da Salvini, sulla restituzione dei clandestini arrivati dall’Italia in Germania che ammontano a qualche decina di migliaia. Come affare, da parte del governo Conte, non male …………….

Lascia un commento