Home / Attualità / Un altro passo verso la guerra totale

Un altro passo verso la guerra totale

DI PAUL CRAIG ROBERTS

informationclearinghouse.info

Un folle pilota americano ha abbattuto un aereo siriano che stava attaccando l’ISIS. Questo conferma che Washington non sta combattendo i terroristi, ma li sta proteggendo, in quanto suoi agenti in Siria per rovesciarne il governo. Il generale Michael Flynn, ex direttore della Defense Intelligence Agency, ha rivelato in un’intervista tv che Obama e la Clinton hanno voluto fortemente inviare l’ISIS in Siria, contro il suo parere.

L’ISIS è la scusa per entrare abusivamente in Siria. Russia ed Iran vi sono legalmente, invitati da un governo eletto. Gli americani invece sono lì come criminali di guerra. Secondo il diritto internazionale, stabilito dagli stessi yankees, è un crimine di guerra aggredire un paese che non ha sollevato un pugno contro di te.

Ora che un pilota americano ha dimostrato che gli U.S.A. sono in Siria solo per sostenere il proprio agente ISIS, nemmeno una presstituta come Megyn Kelly può credere alla versione di Washington.

Russi, siriani ed iraniani lo sapevano sin dall’inizio. Tuttavia, queste fonti ufficiali sono tutte considerate sospette dai media occidentali. Per questo, la bugia è rimasta in piedi, fino a quando l’idiota pilota americano ha tolto il velo dalla menzogna.

Washington, naturalmente, mentirà spudoratamente. È l’unica cosa che sa fare. Dirà che era un “combattente della coalizione”, cioè che qualcun altro stava guidando gli F-18 americani. Non eravamo noi. Oppure affermeranno che il fighter siriano stava attaccando donne e bambini, oppure un gruppo di transgender o ancora un reparto maternità per donne violentate dalle “truppe brutali” di Assad. Il governo la girerà in qualche modo per rendere un aggressivo crimine di guerra un’eroica difesa di un gruppo di vittime.

La domanda è: l’idiota pilota ha fatto tutto da solo, in stile Top Gun, oppure è stata un’iniziativa del complesso militare per iniziare un conflitto Stati Uniti-Russia che impedirebbe a Trump di calmare le tensioni con Putin? Sono in gioco 1 trilione di dollari annui pagati dai contribuenti americani.

Non sappiamo se il pilota abbia agito da sé o su ordine.

Quel che sappiamo è che non è andata giù ai russi. Il ministro della Difesa ha dichiarato oggi che considera la decisione del comando statunitense come una “violazione intenzionale del memorandum per evitare incidenti di voli aerei nelle operazioni in Siria, firmato il 20 ottobre 2015”.

Che sorpresa! Gli americani hanno rotto un altro accordo fatto con la Russia.

Quando capirà Mosca che un accordo firmato con Washington non ha senso? I nativi americani non lo hanno mai fatto. C’è una famosa maglietta in America: “Certo che puoi fidarti del governo: chiedi ad un nativo”.

Il ministro della Difesa russo ha annunciato oggi che il paese sta interrompendo tutte le interazioni con gli Stati Uniti nell’ambito del memorandum di prevenzione degli incidenti nei cieli siriani. Ha aggiunto inoltre che la difesa missile intercetterà qualsiasi aeromobile nella zona delle Forze Aerospaziali russe in Siria e che: “Nelle aree in cui l’aviazione sta conducendo missioni di combattimento nei cieli siriani, qualsiasi oggetto volante, inclusi jet e veicoli aerei senza pilota della coalizione internazionale, scoperti ad ovest del fiume Eufrate, verranno seguiti da difese aeree e terrestri russe come bersagli aerei”.

In altre parole, la Russia ha velatamente indetto una no-fly zone in tutte le aree della Siria in cui operano le forze siriane e russe. Ogni intruso verrà colpito. Americani, israeliani, chiunque sarà fatto fuori.

Poiché è la Russia, e non Washington, ad avere la superiorità aerea in Siria, tutto ciò che serve è un altro pilota americano sconsiderato e i totali cretini di Washington dovranno ritirarsi o fare un errore. Date la stupidità e la hybris a D.C., i cretini commetteranno un errore.

Non c’è nessuna intelligenza a Washington, solo arroganza. Nel quarto di secolo che ci sono stato ho visto le persone più stupide al mondo.

Credo che la Russia e la sua abile leadership ne usciranno vincenti.

Tuttavia, penso anche che abbia lasciato troppo che la crisi siriana si sviluppasse. Russia e Siria avrebbero vinto la guerra molto tempo fa, se Mosca avesse evitato di continuare a dichiarare una vittoria prematura, andandosene, dovendo tornare, sperando sempre di raggiungere un accordo con Washington. Raggiungere un accordo con gli americani era quasi più importante che vincere la guerra.

Che cosa assurda. Sono gli americano che hanno fomentato il terrorismo in Cecenia. I russi sembrano non capire che non esistono terroristi indipendenti. Il terrorismo è un’arma di Washington. Come può dunque Mosca fare un accordo con un paese che le sta usando il terrorismo contro?

Quale crede che sia il piano neocon di conquistare Siria ed Iran, se non portare più terrorismo in Russia?

Putin è un leader esperto, forte e capace, forse l’unico fuori della Cina. Palesemente non c’è n’è nessuno in Occidente, un deserto di leadership.

Pochi dubbi che sia un capo morale, che si oppone alla guerra e vuole il meglio per tutti i paesi. Tuttavia, cercando accordi con Washington dà l’idea di essere debole e scavalcabile. Sarebbe molto meglio se Putin dicesse chiaramente che “se volete la guerra, l’avrete in mezz’ora”. Improvvisamente, la Russia verrebbe sùbito presa sul serio.

Ammiro il presidente russo. Ma sta sbagliando mossa. Invece di parare l’aggressione di Washington, dovrebbe costringere Europa e Stati Uniti a venire da lui per una soluzione.

Putin, il leader del mondo libero, non dovrebbe essere passivo rispetto ad un governo in bancarotta, corrotto e che si rotola nel male.

 

Paul Craig Roberts

Fonte: www.informationclearinghouse.info

LInk: http://www.informationclearinghouse.info/47286.htm

20.06.2017

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di HMG

Pubblicato da Davide

  • Tizio8020

    Ma l’ha veramente scritto uno come PCR ‘sta roba?
    La “saga dell’ovvio” !!!
    Praticamente ha svelato la trama di un film che è nelle sale da decenni, sai ben te che acume.

  • Ronte

    A parte le considerazioni sulla Russia e il suo capo (di imperialismo si tratta), mi piace l’assalto libero dello scrivente nei riguardi del cancro del mondo: gli USA.

  • neroscuro2014

    Un confronto diretto tra Russia e USA non potrebbe che concludersi con un mondo ridotto in cenere. Putin ha compreso la lezione degli anni ’90 e la sta applicando: guadagna tempo e aspetta che il nemico crolli sotto il suo stesso peso e nel frattempo si riarma e minaccia per rendere poco appetibile una guerra. È una strategia precisa.

  • Annibale Mantovan

    La cosa sbagliata di questo articolo è lo scrivere di America e Russia. I semplici cittadini americani non vogliono la guerra, tantomeno i russi. Gli unici a volerla sono i gerarchi, Americani, Banchieri d’ affari, Sionisti in primis. Solo loro hanno convenienza di presentarsi in Siria con dei macellai mercenari per rovesciare Assad costringendo alla fuga milioni di poveri e sfortunati C I T T A D I N I siriani, distruggendo le loro cose, terrorizzando e ammazzando chi non si sottomette. Per risolvere quesro problema noi popolo, così i giornalisti che scrivono articoli, dovremo cominciare a pensare che poche persone con tantissimo potere vanno semplicemente fuori di testa. Troppo DANARO rovina chi ce l’ ha. In altre parole per il bene del popolo, del capitalismo, del libero mercato e della democrazia si deve far fuori, non violentemente, gli OLIGARCHI.

    • Invisible man

      Sacrosanto quello che scrivi. Ma per comodità li chiamiamo USA e Russia. Se li chiamassimo Pinco Pallino e Wattel Apeska si ingenererebbe confusione.

    • johnny rotten

      Comunemente detti bankster.

    • Tizio8020

      Mi sa che hai messo alcune parole di troppo: “confiscando i loro beni”.
      Io proverei a toglierle e rileggere: suona molto meglio!!!!

    • virgilio

      “Gli unici a volerla sono i gerarchi, Americani, Banchieri d’ affari, Sionisti in primis”

      ti sbagli loro sono i primi che una guerra non la vogliono perche sanno piu che tutti
      come andrebbe a finire,questo e solo un “bleff”

      • Andrew

        Esattamente. Concordo

    • Hito

      Masticando i cittadini russofobia da mattino a sera non sono sicurissimo delle tue conclusioni, tanto più che hanno delle strane convinzioni:
      https://pbs.twimg.com/media/DCZb_AZWsAMIT8Y.jpg

    • Dolphin

      almeno si sa dove puntare i missili nucleari ! ne basterà qualcuno.

    • Andrew

      “i semplici cittadini americani non vogliono la guerra…”.
      È mai stato in USA? Hai mai vissuto in mezzo agli americani o lavorato con loro?
      La larghissima parte della popolazione e’ talmente distaccata dal resto del mondo e dalla verità dei fatti che tendono a derubricare qualsiasi materia ad un giudizio di convenienza o meno.
      Sono talmente abituati ad uno stile di vita alto che temono qualsiasi evento che possa portare cambiamento in peggio.
      Ed il timore non è la guerra, ma qualsiasi altra cosa che porti pregiudizio agli USA.
      Russia , Cina , Iran o chessia.
      Non c’è un solo cittadino americano che tema di perdere una eventuale guerra.
      Dunque su questo non pongono alcun limite.
      Sono però tutti impauriti del cambiamento. Ecco anche il perché della opposizione a Trump.
      A tavola con amici americani la moglie di un amico, alla mia domanda “perché vita Clinton?” Mi rispose “i want someone who cares to protect our interests”.
      Non dico che vogliono la guerra, dicono che non la temono e non la fuggono.

      • Annibale Mantovan

        Non sono mai stato negli USA e forse hai ragione. il problema è che la guerra in casa non l’ hanno mai avuta. Prima o poi comunque assaggeranno anche loro qualcosa!

  • televisione falsa

    video di 5 minuti molto interessante dove i parenti del pilota del caccia siriano abbattuto dichiarano che USA protegge ISIS https://youtu.be/x5nGUym62vM

  • televisione falsa

    la coalizione occidentale e israele hanno mandato terroristi islamici anche per eliminare talebani , saddam ussein e gheddafi

  • Cataldo

    Non credo che il pilota potesse lanciare due missili di sua “idiota” iniziativa, voleva essere una provocazione, come altre, mirata ad ottenere una risposta russa o siriana da sfruttare con la loro macchina di controllo mentale chiamata “media” e rimandare la sconfitta dei loro ascari.

  • PietroGE

    “Ogni intruso verrà colpito. Americani, israeliani, chiunque sarà fatto fuori.”

    Anche gli israeliani? Mmmmm, ci credo poco.
    Nel frattempo, come racconta il sito di Der Spiegel, Israele finanzia e rifornisce di armi e munizioni una parte dei ribelli anti Assad :http://www.spiegel.de/politik/ausland/israel-unterstuetzt-syrische-rebellen-auf-golanhoehe-uno-alarmiert-a-1153473.html

    Questo è noto sia all’ONU che ai media americani, come dimostra il Wall Street Journal. Lo scopo? L’annessione riconosciuta delle alture del Golan, compresa una zona cuscinetto. Con questo in mente PCR potrebbe analizzare più compiutamente l’atteggiamento americano in Siria.

    • Cataldo

      Per gli Israeliani l’avvertimento era stato meno pubblicizzato ma più concreto. una salva di “S200” siriani rimodernati, con almeno un f16 colpito, da allora sparano da fuori lo spazio aereo siriano, tipo dal libano, almeno ad oggi le info sono queste.

  • 2fast4me

    Eccellente articolo di PCR.
    Qualcuno lamenta il fatto che è solo una ripetizione di cose già sapute e risapute.
    Vorrei dire che è utile ripetere a catena la REALTÀ di questo mondo Unipolare in modo che piano piano la gente lobotomizzata riesca ad aprire gli occhi. Almeno uno !

  • enzo

    Non so dove vive quest PCR ma è strano che viva in USA e possa parlare così se non perchè “autorizzato a farlo” . Si parla di decine di morti sospette e sparizioni attribuiti ai Clinton e banda e questa persona, magari mi sbaglio ma non lo sto accusando esplicitamente, può parlare così liberamente in USA. Credo che il trucco sia lo stesso di quello che sia usa normalmente nella satira in TV contro i potenti di turno. Più se ne parla e più la gente non reagisce alle angherie perchè sufficientemente appagata dalle sole parole, si usava anche nella Roma antica e comici alla Grillo, Crozza e altri hanno questo compito……addormentarti il cervello

  • clausneghe

    Strano che nessuno abbia fatto notare nei commenti che le provocazioni Usa sono andate ben oltre questo episodio, infatti il ministro Russo della guerra (chiamiamoli con il nome giusto,questi ministeri..) è stato vittima di “stalking” aereo, il suo jet è stato affiancato, sul mar Baltico, da un F16 Nato, prontamente cacciato via come una zanzara fastidiosa dai Sukoy Russi di scorta, del resto.
    Ma hanno osato minacciare da pochi metri il Ministro gen. Soighu n° 2 del regime, scusate se è poco…
    Prima o poi ci scappa il morto, anzi milioni di morti..

    • televisione falsa

      Purtroppo sì

  • Nicolass

    Non capisco…. non capisco perché, con la scusa dell’abbattimento dell’areo siriano da parte americana, Assad e i suoi alleati russi non dichiarino una no fly zone su tutta la Siria con la scusa di evitare altri incidenti aerei simili… questo nel volgere di poco tempo farebbe pendere le sorti del conflitto dalla parte dei siriani.

  • il gobbo

    Finalmente un articolo che riflette veramente la incapacità di Putin vuoi per timore vuoi per prudenza di venirne a capo della situazione in Siria, non posso sapere quanto costa
    finanziariamente la “campagna di Siria “alla Russia, ma sono sicuro che se non si decide
    subito di agire e mettere una parola fine al conflitto, saranno i soldi a scrivere la parola: “fine”

  • ton1957

    Le guerre non le vincono le nazioni che hanno più armamenti, ma coloro che riescono a produrne in maggior numero quando la guerra è già iniziata, oggi la capacità industriale maggiore ce l’ha la Cina…..Putin, che non è scemo, senza la Cina, dalla sua parte, non farà nulla……i Cinesi, per ora hanno troppi soldi investiti in America ma cominciano ad essere stanchi di sentirsi trattare da servi, da quattro arroganti, quando in realtà sono padroni dell’america……..Putin non deve fare altro che temporeggiare e magari creare sotto sotto le condizioni perchè ai cinesi ci girino le palle (come si dice palle in cinese ? boh.)……….dopo….non serve neppure sparare, l’america crolla come un castello di carte da poker……forse è per questo che urlano e si agitano tanto…….stanno bleffando ?

  • adestil

    Quanto accaduto l’altro giorno con l’ennesimo aereo russo-siriano abbattuto è un de ja vu
    l’ho già sentito da Putin che minaccia reprimende..

    non reagi’ manco quando fu abbattuto l’aereo su24 dagli USA-turchi ma minacciò ogni sorvolo turco-russo ma ce ne sono stati a decine(specie turchi)e nessun aereo abbattuto eppure li sono schierati gli s400

    nell’episodio anche un elicotterista e l’elicottero di recupero russo fu eliminato ,figuriamoci se reagisce oggi per un aereo siriano abbattuto..

    l’aveva già detto allora che non sarebbe stato più tollerato un attacco alle truppe siriane o ad aerei siriani ma poi i missili s300 ed s400 non sono partiti(e nel primo caso potevano essere lanciati!)la reprimenda neanche ,eppure sarebbe abbastanza facile..al prossimo aereo USA che si alza,parte l’abbattimento ,ma non avviene…
    e poi l’f16 di Soygu perchè non l’hanno abbattuto?
    Fosse successo il contrario ci sarebbe stato abbattimento degli aerei russi e sanzioni..

    Anche perchè i Sukhoi non avrebbero potuto far nulla se fossero stati lanciati i missili contro l’aereo di Soygu quindi l’f16 andava abbattuto appena inquadrato nei radar da lontano..
    anche perchè poi gli USA avrebbero inventato la solita versione dell’incidente o del terrorismo(come al solito danno loro la prima versione sia per uk che per i russi a cui poi guarda caso tutti si adeguano ,forse perchè conviene!!)

    e Putin ,come avvenne col Kursk,avrebbe taciuto e licenziato tutti i generali che vorebbero una risposta militare..

    è tutto un de ja vu e Putin fa comodo all’occidente USA-UK ,sebbene lo demonizzino,perchè pensa troppo e non risponde mai e quindi trattato come un debole e le bombe lo sfiorano sempre(gli hanno ucciso l’autista a Mosca,il portavoce a New York,l’ambasciatore in Turchia,e fatto un attentato a pochi metri prima sui cieli ucraini quando venne abbattuto l’aereo malese e poi a Sa Pietroburgo…per molto meno gli USA avrebbero già risposto massicciamente)
    Putin costituisce un freno per i veri nazionalisti russi come Zirinosky e Zuganov..
    che non ci avrebbero pensato due volte a reagire..certo oggi saremmo in guerra mondiale ed invece con Putinl’abbozzone,no,almeno non ancora..

    Tornando al su24 abbattuto dai turchi su ordine USA c’erano i contratti russo-turchi del southstream da salvaguardare(e l’appooggio degli oligarchi russi a Putin)come dire rispondendo si perdevano ingenti contratti e rischiavano ulteriori sanzioni(essendo la turchia membro nato)

    Ad una risposta russa ci sarebbero nuove sanzioni e congelati cmq tutti i beni degli oligarchi russi fuori dalla russia(che secondo alcuni potrebbero arrivare anche a 1 trilione sommati a quelli dello stato russo,stima per difetto,che passerebbero nelle mani USA-UK in primis)

    gli USA non aspettano altro..diversamente da quanto detto qui da alcuni

    sono gli USA che allora aspetterebbero il crollo della Russia(come al tempo di Eltsin)altro che il crollo USA che finchè ci sono i petroldollari potrà continuare ad indebitarsi all’infinito..

    Se la russia aspetta il crollo finanziario USA campa cavallo,anche perchè ci è già stato,crollarono tutte le banche USA e lo stato (ed i suoi cittadini)con una partita di giro della fed aumentando il debito le ha salvate tutte ed ora sono li ancora a dettare la finanza globale…

    Mentre se la russia oserà rispondere con un solo abbattimento di aereo USA o della coalizione o atti simili ,gli USA avrebbero la scusa per incrementare le sanzioni ,blocco dello SWIFT,e congelamento beni russi,fine del gioco per la russia…

    Questo è il vero motivo per cui la russia ed i suoi oligarchi non rispondono alle provocazioni settimanali che ormai da mesi e mesi infliggono alla russia che ormai costituiscono un elenco lunghissimo(penso anche a quei poveri cantori del coro russo oltre ai civili in egitto morti tutti sotto falsa bandiera…senza manco poter avere l’onore delle armi in questa guerra asimmetrica e vigliacca!)

    quindi errato dire che se la cina si stufasse dell’atteggiamento USA allora i russi risponderebbero alle provocazioni..
    i russi non risponderanno mai e gli USA lo sanno e quindi ne approfittano per fare i proprii comodi e se rispondono tanto peggio,megasanzioni e crollo russo..
    come al solito gli USA sono in una posizione win-win però poi chissà perchè qui dentro si dice che i russi sono superiori perchè sanno giocare a scacchi..
    i russi si difendono e basta..
    contrattaccherebbero forse solo se fosse invasa la russia ed è per questo che nonostante le truppe asserragliate ai confini russi da parte Nato,nessuno si azzarda a valicare in confine..

    Putin ha le mani legate e non reagirà mai espolicitamente..al massimo si concentrerà contro l’ISIS ed i suoi capi ben sapendo che ogni volta che colpisce un centro ISIS
    dentro ci sono come minimo 10 ufficiali USA-Nato..

    Gli USA non possono dirlo…ed ovviamente poi organizzano risposte tipo abbattimento aerei ,lancio di missili tomahawk etc…

    Appunto una guerra asimmetrica..ma quando potrà durare quando la posta si alza e gli USA iniziano a buttare giù quotidianamente aerei russi?

    • Annibale Manstretta

      Quoto il termine “l’abbozzone”! Geniale..