Taiwan rimane un grande rischio geopolitico nel 2022

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

 

Emel Akan – The Epoch Times – 7 gennaio 2022

Analisi delle notizie

 

Il principale diplomatico cinese ha recentemente affermato che Taiwan è un “vagabondo” che alla fine “tornerà a casa” in Cina. Tale retorica da parte dei funzionari del Partito Comunista Cinese (PCC), così come l’aumento delle incursioni di aerei militari cinesi vicino a Taiwan negli ultimi mesi, hanno provocato una nuova ondata di timori e speculazioni dei media sulla non remota possibilità di un’invasione cinese dell’isola.

Alcuni commentatori dei media ritengono che la tensione nello Stretto di Taiwan rappresenti uno dei maggiori rischi geopolitici globali del 2022. La Cina rivendica la sovranità su Taiwan e negli ultimi due anni ha intensificato le minacce di prendere il controllo dell’isola.

Una mossa del genere, secondo gli esperti, causerebbe danni economici a molti paesi poiché Taiwan è uno snodo cruciale per la catena di approvvigionamento globale dei semiconduttori. Un’acquisizione militare cinese causerebbe gravi interruzioni di approvvigionamento in molti settori industriali che dipendono fortemente dai chip prodotti a Taiwan.

Le aziende taiwanesi, complessivamente, rappresentano circa il 65% delle vendite esternalizzate globali di chip (1). La Taiwan Semiconductor Manufacturing Company (TSMC), il gioiello della corona dell’isola, da sola genera il 56% dei ricavi globali.

La situazione è per certi versi simile alla passata dipendenza del mondo dal petrolio mediorientale, con qualsiasi instabilità sull’isola che minaccia di riverberarsi in tutte le industrie“, afferma Keith Krach, ex sottosegretario di Stato che ha svolto un ruolo cruciale nel rafforzarsi delle relazioni con Taipei sotto l’amministrazione Trump.

TSMC è una delle aziende di maggior valore al mondo, con una capitalizzazione di mercato di quasi 600 miliardi di dollari.

Guardando in prospettiva, il PIL di Taiwan è di circa 750 miliardi di dollari. Questo sicuramente rende più accese le tensioni Cina-Taiwan“, ha osservato Krach.

Apple è il maggior cliente di TSMC (2). Altre aziende importanti che dipendono da TSMC includono AMD, Qualcomm, NVIDIA e Intel.

Mentre i principali produttori di chip del mondo gareggiano nella miniaturizzazione dei chip; solo TSMC e la sudcoreana Samsung possono produrre lo standard all’avanguardia, che è di 5 nanometri. TSMC ha recentemente annunciato (3) che inizierà a produrre i chip di prossima generazione a 3 nanometri nella seconda metà di quest’anno.

La Cina, al contrario, si trova all’estremità inferiore nella scala di valore dei semiconduttori. Detiene solo il 5% della quota di mercato globale e dipende pesantemente, per i chip avanzati, da forniture straniere.

La Cina è indietro di almeno 15 anni nell’industria dei semiconduttori, secondo stime del settore (4). Alla luce di questo divario, Pechino ha utilizzato scorciatoie aggressive (5) per recuperare il ritardo, come rubare segreti commerciali e reclutare talenti dall’estero. Come parte della strategia, negli ultimi anni Pechino ha anche aumentato gli attacchi informatici (6) contro le aziende di semiconduttori taiwanesi.

Un recente documento pubblicato dall’US Army War College consiglia (7) alle autorità taiwanesi di “distruggere le strutture appartenenti a TSMC” in caso di un’invasione cinese, come strategia di deterrenza. Il documento afferma che una tale mossa “produrrebbe una grave crisi economica” in Cina, il cui settore tecnologico è fortemente dipendente da TSMC.

Dal 2020, l’Esercito popolare di liberazione ha aumentato la sua attività militare nello Stretto di Taiwan, con frequenti sorvoli nella zona di difesa aerea di Taiwan.

Rupert Hammond-Chambers, presidente del Consiglio d’affari USA-Taiwan, concorda sul fatto che l’invasione metterebbe quasi immediatamente fuori gioco la produzione di chip di Taiwan, causando conseguenze drammatiche per le catene di approvvigionamento globali.

Una tale mossa, tuttavia, ha aggiunto Hammond-Chambers, sarebbe un suicidio politico per il leader cinese Xi Jinping, soprattutto in vista della sua rielezione per un terzo mandato senza precedenti al Congresso nazionale del popolo del Partito Comunista in autunno.

Pechino usa la retorica minacciosa in modo coerente, ha detto. “E per me, questo non rappresenta una maggiore propensione” a un effettivo attacco militare.

Il ministro degli Esteri cinese Wang Yi ha accusato gli Stati Uniti e altri paesi di cercare di “usare Taiwan per controllare la Cina”.

Taiwan è un vagabondo che alla fine tornerà a casa, non una figura dello scacchiere che qualcun altro può muovere. La Cina deve e sarà riunificata“, ha minacciato in un recente discorso.

Etichettare Taiwan come ‘vagabondo’ è una classica mossa di bullismo“, secondo Krach.

I tiranni non possono persuadere, quindi fanno i prepotenti, specialmente quando le loro carte sono meno vincenti di quanto vogliono far credere“, ha detto.

Non è chiaro se Pechino si imbarcherà in un’avventura militare contro Taiwan quest’anno. Ma le sue crescenti ambizioni vanno ben oltre la minaccia per i 23,5 milioni di abitanti dell’isola e per le catene di approvvigionamento globali, secondo Tsai Ing-wen, presidente di Taiwan.

Se Taiwan dovesse cadere, le conseguenze per la pace regionale e il sistema di alleanze democratiche sarebbero catastrofiche“, ha avvertito la signora in un recente editoriale per la rivista Foreign Affairs.

Segnalerebbe che nell’odierna competizione globale di valori, l’autoritarismo ha il sopravvento sulla democrazia“.

 

Link: https://www.theepochtimes.com/taiwan-remains-a-big-geopolitical-risk-in-2022_4197576.html

 

Emel Akan è giornalista di politica economica della Casa Bianca a Washington, DC In precedenza ha lavorato nel settore finanziario come banca d’affari presso JPMorgan e come consulente presso PwC. Si è laureata con un master in economia aziendale presso la Georgetown University.

 

Riferimenti:

  1. https://www.wsj.com/articles/the-world-relies-on-one-chip-maker-in-taiwan-leaving-everyone-vulnerable-11624075400
  2. https://www.tomshardware.com/news/amd-becomes-tsmc-third-largest-customer
  3.  – https://www.tsmc.com/english/dedicatedFoundry/technology/logic/l_3nm
  4. https://www.theepochtimes.com/semiconductors-key-to-us-supremacy-in-high-tech-war_3900030.html
  5.  – https://www.theepochtimes.com/why-chips-are-at-the-heart-of-the-us-china-race-part-1_3884951.html
  6. https://www.theepochtimes.com/chinese-threat-against-taiwan-too-dangerous-to-ignore_3824485.html
  7. https://www.theepochtimes.com/taiwan-should-destroy-islands-semiconductor-plants-if-china-invades-paper-says_4194369.html

 

Traduzione di Papaconscio per ComeDonChisciotte

 

 

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
4 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
4
0
È il momento di condividere le tue opinionix