Home / Archivi etichette: università

Archivi etichette: università

Breve nota dolente

  DI ANDREA ZHOK facebook.com Richiamo QUI, un articolo sostanzialmente corretto di Milena Gabanelli. L’articolo ricorda la condizione di cronico definanziamento dell’università italiana, lo scarso numero di laureati, l’alto livello delle rette, la scarsa tutela del diritto allo studio, la drastica riduzione del corpo docente, l’abbandono progressivo di gran parte delle università del Sud Italia a sé stesse, ecc. Si tratta di dati ben noti a chi vive l’università dall’interno, ma forse non altrettanto noti all’esterno. A completamento del quadro …

Leggi tutto »

La pubblicità e il mondo accademico stanno controllando i nostri pensieri. Non lo sapevi?

DI GEORGE MONBIOT theguardian.com Complici dell’industria pubblicitaria, le università ci inducono in tentazione, invece di  avvisarci come dovrebbero. In che misura noi decidiamo? Ci diciamo di scegliere il corso delle nostre vite, ma è vero? Se io o voi fossimo vissuti 500 anni fa, la nostra visione del mondo, e le decisioni che avremmo preso di conseguenza, sarebbero state completamente diverse. Le nostre menti sono formate dall’ambiente sociale, in particolare dal sistema di credenze progettato da quelli al potere: una …

Leggi tutto »

Tecniche di colpo di Stato

DI MICHEL ONFRAY michelonfray.com Una volta il colpo di stato si presentava coi caschi, le armi, metteva carri armati e militari nelle strade, occupava dei posti strategici del potere: sedi di radio e televisione, università, reti telefoniche, stazioni e aeroporti, ponti e strade. Si vedevano divise per le strade, tute mimetiche e armi da fuoco, blindati e movimenti di truppe. C’erano dei colpi di arma da fuoco e delle raffiche di armi automatiche. Era chiaro. Il nemico era visibile, si …

Leggi tutto »

Attentato di Fiumicino, 1985: le incredibili analogie con l’omicidio Regeni

DI FEDERICO DEZZANI federicodezzani.altervista.org Un tratto saliente della società “moderna e liberale” è l’assenza di qualsiasi profondità storica: la cognizione del passato non si spinge oltre i tre mesi e l’opinione pubblica fluttua in un eterno presente. La storia è eversiva, perché il suo studio consente di smontare facilmente la narrazione proposta dal Potere ed afferrare il “filo invisibile” che lega gli avvenimenti. Si prenda l’omicidio Regeni: a lungo abbiamo evidenziato come non fosse altro che un’operazione sporca dei servizi …

Leggi tutto »