Studenti Contro il Green Pass: Appello all’università italiana

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Ultime Notizie".

Gli Studenti Contro il Green Pass hanno prodotto un appello rivolto ai Rettori di tutti gli atenei italiani in cui, dopo aver sottolineato nelle premesse come “dopo un anno e mezzo di gestione della pandemia, è emerso chiaramente che i provvedimenti governativi imposti pagando l’altissimo prezzo dello scontro sociale e del sempre più evidente divide et impera tra cittadini
 dello stesso paese” hanno portato molti studenti a dover abbandonare le strutture universitarie poichè impossibilitati ad accedervi, nonostante “negli scorsi mesi sono state inviate diverse lettere e PEC da parte dei gruppi locali della nostra organizzazione ai singoli atenei (che) in larga parte sono state ignorate“.

Considerando che esistono delle norme europee che vietano i provvedimento discriminanti e liberticidi che il governo italiano ha emanato, come il Regolamento UE 953/2021 che stabilisce che “È necessario evitare la discriminazione diretta o indiretta di persone che non sono vaccinate” o la risoluzione n. 2631 del Consiglio d’Europa dove si stabilisce “che i cittadini
siano informati che la vaccinazione non è obbligatoria e che nessuno può essere sottoposto ad una pressione politica, sociale o di altro genere affinché si vaccini se non desidera di farlo; che nessuno sia discriminato per non essere stato vaccinato a causa di possibili pericoli per la salute o perché non vuole farsi vaccinare”, sottolineando alla luce di ciò come la scelta dei singoli Rettori di aderire ai diktat del governo sia contraria al Dlgs 81/2008, che stabilisce la necessità di garantire la sicurezza e la salute di tutti gli studenti e della comunità universitaria, cosa che il Green Pass non fa.

Per quanto sopra premesso, gli studenti giudicano “inaccettabile che uno Stato eserciti il proprio controllo sulla condotta delle persone sequestrando diritti inviolabili e restituendoli solo a determinate condizioni, cioè, in una parola: ricattando” e chiedono:

  • Che venga reintrodotta la possibilità di usufruire della didattica a distanza/ mista, oltre che per la sessione invernale anche per tutto il secondo semestre, e dunque sia per le lezioni, sia per gli esami;

  • Che questa lettera possa essere d’ispirazione per le istituzioni universitarie tutte al fine di avviare un confronto franco, leale ed intellettualmente onesto con tutti i gruppi locali.

Questi il PDF: Appello Università Italiana Studenti Contro il Green Pass

Massimo A. Cascone, 02.02.2022

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x