Se non parte la protesta popolare, l’Europa finirà distrutta dalla Terza Guerra Mondiale

Come nella Prima Guerra Mondiale, l’Europa vuole il conflitto.

DONA A COMEDONCHISCIOTTE.ORG PER SOSTENERE UN'INFORMAZIONE LIBERA E INDIPENDENTE:
PAYPAL: Clicca qui

STRIPE: Clicca qui

In alternativa, è possibile effettuare un bonifico bancario (SEPA) utilizzando il nostro conto
Titolare del conto: Come Don Chisciotte
IBAN: BE41 9674 3446 7410
BIC: TRWIBEB1XXX
Causale: Raccolta fondi

Di Belisario per ComeDonChisciotte.org

Ogni storia è storia contemporanea

 

Secondo il filosofo italiano  Giovanni Gentile, l’interpretazione o la reinterpretazione storica ha ben poco a che vedere con i fatti storici interpretati o reinterpretati, e molto di più con gli interessi dell’epoca in cui l’interpretazione o reinterpretazione viene effettuata. 

Pertanto,“ogni storia è storia contemporanea”.

 

L’intera storia dello scorso secolo che ci viene propinata dagli storici e dai media mainstream, e particolarmente la storia nella versione dei vincitori della WW2 – Russia inclusa – è un mix di verità, falsità e soprattutto di gigantesche omissioni, ed il risultato finale è quello di una versione in gran parte falsa ed unilaterale. 

Gli esempi delle falsità e delle omissioni sulla WW2 sono ormai molteplici e noti, ma non sono entrati a far parte della conoscenza e coscienza collettiva, perché erroneamente considerati come espressione della volontà di rivalutare fascismo e nazismo, e pertanto rigettati con sdegno socratico

 

Per esempio, è ormai storicamente accertato e provato (1) che Stalin – dopo Polonia, Finlandia e Paesi Baltici – stava per invadere l’Europa, e che Hitler con l’invasione del giugno 1941 l’aveva solamente anticipato di qualche mese, ma tale verità ormai inoppugnabile non viene riconosciuta, perché erroneamente considerata come una inaccettabile rivalutazione del dittatore tedesco. Ugualmente, si continua a tacere sull’embargo totale dichiarato da USA, GB e Olanda nei confronti del Giappone, che avrebbe condannato l’arcipelago asiatico a fame e sottosviluppo, non lasciandogli altra chance che la guerra, ed ugualmente si tace sulle ripetute e ragionevoli proposte negoziali del Giappone, tutte rifiutate dagli USA prima dell’attacco di Pearl Harbour: nessuno ha infatti voglia di rivalutare le ragioni del militarismo giapponese.

 

Si potrebbero fare moltissimi altri esempi, e sotto diversi profili – dall’ordine di Hitler sulla ritirata a Dunkerque che risparmiò circa 300.000 soldati inglesi e francesi, ai massacri di centinaia di migliaia di civili bruciati vivi nei bombardamenti di Amburgo, Dresda e Tokyo – ma la morale è sempre la stessa: ogni storia è storia contemporanea, e quindi ogni interpretazione o reinterpretazione della storia viene filtrata secondo gli interessi dell’epoca contemporanea. I fantasmi di Hitler e Mussolini vengono alimentati costantemente e qualunque revisione storica che non ne elimini, ma ne riduca le responsabilità viene rifiutata, a qualunque costo.  Non solo: chiunque la sostenga viene anche accusato di neofascismo o neonazismo.

 

I taboos che si frappongono ad una reinterpretazione della WW2 appaiono ancora oggi insuperabili, e siamo quindi costretti – 80 anni dopo la fine della WW2 – a convivere con un mare di falsità e omissioni.  

 

Lo scoppio della WW1

 

La storia della WW1, nella versione dei vincitori, è similmente  un altro evidente mix di verità, falsità e soprattutto di gigantesche omissioni, con il risultato finale di una versione in gran parte falsa e unilaterale. Con una enorme differenza:  la comprensione di tale mix non è ostacolata da grandi taboos. Nessuno può essere facilmente accusato di secondi fini, per esempio, nella riduzione delle responsabilità prevalentemente attribuite dalla storiografia dei vincitori al Kaiser tedesco Guglielmo II. 

 

Attraverso la storia della WW1, si giunge molto più agevolmente alle medesima, identica conclusione, quella di una storia sempre sistematicamente scritta dai vincitori, nel classico mix di verità, falsità e omissioni. Si tratta pertanto di una riflessione storica preziosa, specialmente nelle analogie tra lo scenario pre WW1 e quello attuale che stiamo vivendo.

 

La cronologia dei fatti che hanno portato alla WW1 è sostanzialmente nota, ma come sempre alcuni fatti vengono arbitrariamente considerati decisivi, ed altri, invece, altrettanto arbitrariamente come del tutto secondari.

 

Come noto, la scintilla iniziale fu l’attentato mortale all’ Arciduca austriaco Francesco Ferdinando del 28 giugno 1914, da parte di un esponente di un irredentismo serbo incoraggiato dagli storici successi delle unificazioni tedesca e italiana. L’Impero Austro-Ungarico decise che la deriva del nazionalismo etnico meritava di ricevere una lezione definitiva, e il 29 luglio 1914 dichiarò guerra al Regno di Serbia. La Russia il 30 luglio dichiarò la mobilitazione generale in supporto della Serbia. 

La mobilitazione generale da parte della Russia, nella logistica di quell’epoca fu percepita come una grave minaccia dalla Germania, ma i Russi si rifiutarono di smobilitare. Alla scadenza del brevissimo e frettoloso ultimatum tedesco, il 1 agosto 1914, la Germania dichiarò guerra alla Russia. Ma nello stesso giorno, il 1 agosto, la Francia ordinò la sua mobilitazione generale! 

Il 3 agosto 1914 la Germania dichiarò guerra anche alla Francia.

Il 4 agosto la GB dichiarò guerra alla Germania, per via del rifiuto di ritirarsi dal Belgio inizialmente invaso dalla Germania.

 

E’ evidente a chiunque che il punto di svolta e degenerazione decisivo della reazione a catena fu la mobilitazione, gratuitamente e gravemente ostile, della Francia del 1 agosto 1914, contro una Germania già formalmente in guerra contro la Russia. Mobilitazione che rese inevitabile la dichiarazione di guerra alla Francia della Germania, presa tra due fronti, del 3 agosto 1914. 

 

Quello che è ancora più grave è che la mobilitazione generale della Francia fu il risultato di una decisione personale del Presidente Raymond Poincarè. Il 21 luglio 1914, in una visita ufficiale a San Pietroburgo frettolosamente organizzata, Poincarè aveva promesso allo Zar Nicola II il supporto incondizionato della Francia alla Russia contro Austria-Ungheria e Germania. Non solo, Poincarè si era anche dichiarato convinto della possibilità di vincere l’imminente guerra (2). Nove giorni dopo la visita di Poincarè, lo Zar Nicola II ordinò la mobilitazione della Russia.

 

La conclusione è evidente: anche la Francia ha voluto la WW1, e quanto alla GB, nessuno storico onesto ha il coraggio di sostenere che senza la violazione della neutralità del Belgio da parte della Germania, la GB non sarebbe entrata in guerra. Tutti riconoscono che la GB avrebbe comunque dichiarato guerra alla Germania, con la quale era da tempo in aperta competizione per la supremazia globale, industriale e commerciale.

 

La reazione a catena sommariamente sopra descritta può certamente sollevare valutazioni diverse sui rispettivi gradi di responsabilità nella deflagrazione della WW1 da parte di Austria-Ungheria, Russia, Germania, Francia e GB. Ma quello che è certo è che lo scenario, al tempo stesso, rende assolutamente improponibile la teoria della responsabilità principale, se non esclusiva, di Austria-Ungheria e Germania.  Eppure tale teoria – o meglio, favola – è stata prima affermata come un dogma e poi imposta dai vincitori della WW1 agli sconfitti, in particolare attraverso il Trattato di Versailles contro la Germania. 

 

La verità che emerge dalla genesi dello scoppio della WW1 è tutta un’altra: la guerra è stata voluta dai Governi di tutti i Paesi europei che vi hanno partecipato: Austria-Ungheria, Russia, Germania, Francia, GB e, nel 1915, l’Italia. Non c’è alcuna maniera di girarci intorno. La questione centrale da risolvere è perché i Governi di questi Paesi non hanno esitato nell’inviare a morte certa milioni di giovani uomini, esistenzialmente “colpevoli” solo di essere nati, o gettati-nel mondo,  in Europa alla fine del 1800.

 

Il dibattito è tuttora in corso, ma solo tra gli storici del settore. I teorici marxisti, per esempio, già in quel tempo affermavano che le guerre decise dalla borghesia dominante altro non erano che un mezzo per espandere e rafforzare il dominio sul proletariato: una prospettiva del tutto diversa da quella dell’ “onore nazionale”

Ed in effetti, le società europee, già nella cd Belle Epoque, erano tutte afflitte da un enorme problema: la gestione del crescente scontento della massa del proletariato operaio generato dalla recente rivoluzione industriale, e del pericolosissimo contagio in corso sulla massa del proletariato contadino. In Europa, purtroppo, vigeva ancora la teoria economica liberista di Adam Smith (morto nel 1790, pre rivoluzione industriale), che trattava il proletariato industriale e contadino come un qualunque, spendibile fattore produttivo: in una crisi ciclica, si licenziano gli operai e si attende lo spontaneo riequilibrio di domanda e offerta, ed il ritorno prima dell’ utilità marginale e dopo del profitto. Semplice, vero? Ma un pochino difficile sotto il profilo morale quando gli operai sono milioni…

 

Marxisti, socialisti  e perfino ampi settori del cattolicesimo e protestantesimo sociale già dalla fine del 1800 invocavano, in un modo o nell’altro, l’intervento dello Stato, ma la teoria del Welfare State non era ancora nata, ed effettivamente le classi dominanti europee, ed i Governi che esprimevano via suffragio per censo, non avevano la più remota idea di come impostare un nuovo modello di sviluppo, o di contratto sociale. 

L’interventismo statale nell’economia fu avviato solo dopo la WW1, alla fine degli anni 20 e l’inizio degli anni 30, dal regime fascista di Mussolini, seguito dal regime nazista di Adolf Hitler e dal New Deal degli USA di Roosevelt, fino alla tardiva comparsa, nel 1936, dell’opera madre di John Maynard Keynes “Teoria generale dell’occupazione, dell’interesse e della moneta”.  Era ormai troppo tardi: nell’URSS si era nel frattempo ormai affermata la dottrina comunista.

 

Nel 1914, i Governi europei scelsero la guerra semplicemente perché non erano in grado di affrontare il crescente scontento delle masse proletarie industriali e contadine. Strasburgo, Trento e Trieste, la neutralità del Belgio, etc furono effettivamente pretesti – non senza qualche fondamento – delle elites dominanti, per non parlare delle tensioni, sia etniche che sociali, che affliggevano l’Impero Austro Ungarico e l’Impero Russo. 

Inviare a morte certa qualche decina di milioni di disgraziati, esistenzialmente “colpevoli” solo di essere nati in Europa alla fine del 1800, sembrò la scelta migliore. 

 

Eppure, per oltre un intero decennio dopo la WW1, prevalse la favola dell’integrale responsabilità di Germania e Austria-Ungheria. In tale “ottica”, la visita ufficiale del Presidente francese Raymond Poincarè a San Pietroburgo del 21 luglio 1914, durante la quale garantì allo Zar Nicola II il supporto incondizionato della Francia alla Russia contro Austria – Ungheria e Germania,  manifestando, inoltre,  la ferma convinzione della vittoria nell’imminente guerra – nove giorni prima della mobilitazione russa è stata trattata dalla storiografia favolistica dei vincitori della WW1 come, in sostanza, una innocente scampagnata. E la decisione di mobilitare l’esercito francese nello stesso giorno, il 1 agosto 1914, in cui la Germania aveva dichiarato guerra alla Russia (per il rifiuto russo di smobilitare), sempre secondo la favolistica dei vincitori della WW1 sarebbe stata “una decisione essenzialmente difensiva”.

 

Siamo nel più pieno ridicolo, a livello avanspettacolo, ma alla fine non c’è molto da ridere: infatti, nella presunta coscienza della storiografia dominante – quella dei vincitori – il farabuttone guerrafondaio Raymond Poincarè l’ha scampata alla grande: sono pochi gli storici che lo annoverano tra i principali responsabili della WW1.

 

Lo scenario odierno

 

Le analogie dello scenario pre WW1 con quello odierno sono più che evidenti sotto diversi profili, ma grazie alla penetrazione pervasiva dei mass media mainstream, in Occidente siamo ormai nel regno della propaganda più ignorante, becera e disonesta.

 

Come l’Europa pre WW1 era in crisi per via dell’incapacità del modello di sviluppo liberista di gestire la massa del proletariato industriale e contadino, così l’odierna UE non è in grado di gestire l’ assoluto e completo fallimento del suo modello di sviluppo. 

Dopo oltre 20 anni dall’adozione dell’Euro e dall’accessione dei Paesi dell’ Est, secondo tutte le statistiche l’UE ha perso oltre il 30% della crescita, del reddito e del potere d’acquisto rispetto agli USA, protagonisti insieme a Cina ed alcuni Paesi asiatici della seconda rivoluzione industriale di internet, telecom e nuovi media. 

 

Non solo, è ormai evidente anche il deciso fallimento della politica di integrazione dell’immigrazione di massa dal Terzo Mondo: in particolare in Francia, Belgio, Italia, Spagna, Paesi Bassi e Svezia è sotto gli occhi di tutti l’estrema difficoltà d’integrare in modo stabile e produttivo i discendenti di immigrati alla seconda, terza e perfino quarta generazione. In tutta l’Europa occidentale, l’assistenzialismo a favore degli immigrati non integrati ha ridotto esponenzialmente  il welfare e l’assistenza sociale delle popolazioni indigene, mentre gli standard di sicurezza pubblica sono degenerati esponenzialmente (Svezia in testa). 

Il radicale e massiccio interventismo politico ed economico del Governo eletto-da-nessuno della Commissione UE a favore di alcune aree (l’Est Europa) ed alcuni settori (l’economia green e, con la guerra russo-ucraina, il settore militar-industriale), a colpi di centinaia di miliardi di sussidi, agevolazioni e finanziamenti a pioggia, indipendentemente dalle intenzioni ha condotto a risultati catastrofici, quali appunto sintetizzati nella perdita netta di oltre il 30% della crescita, del reddito e del potere d’acquisto rispetto agli USA. 

 

Il progetto politico ed economico della Commissione UE, a partire dall’alleanza con gli USA di Obama, era ed è, molto semplicemente, l’estensione imperiale ad Est a scapito della Russia: il nuovo Drang nach Osten. I giganteschi sussidi a pioggia all’ Est Europa sono innanzitutto un’arma politica, una vetrina del benessere europeo sbattuta in faccia ai Russi. Ma il progetto è fallito miseramente: nonostante i miliardi offerti, l’aut-aut imposto dall’UE all’ Ucraina nel negoziato per l’accordo di associazione – o con l’UE, o con la Russia – ha portato alla guerra civile ed al colpo di stato del 2014, e successivamente alla guerra russo-ucraina. 

 

Oggi dovrebbe essere chiaro a tutti che l’Ucraina ha perso la guerra, e che l’unica via d’uscita è la pace, attraverso la definitiva attribuzione alla Russia dei territori occupati – da sempre popolati al 75-80% da Russi – e la garanzia della non adesione alla Nato dell’Ucraina. E’ una via d’uscita relativamente facile, ed è infatti quella che prospetta la probabile Presidenza Trump.

Dovremmo esserne tutti felici: tralaltro, la rinuncia al gas russo ha portato alla recessione industriale di Germania e Italia.

 

Ma l’Europa – Commissione UE e Francia in primis – vuole la guerra!

 

Ed invece, di fronte alla prospettiva della vittoria di Donald Trump e della pace nella guerra russo-ucraina, l’ Europa sta dimostrando di volere la guerra. Si sentono ormai discorsi letteralmente deliranti, dalla guerrafondaia cronica Albrecht VDL al Presidente francese Macron, secondo il quale “se la Russia vincesse la guerra, in Europa non saremmo più tranquilli”.

 

Eppure, dopo la sconfitta della Francia nell’ignobile guerra contro l’Algeria (1954-1962), reputata nemmeno una colonia, ma direttamente “territorio francese” (!!!), l’ Europa ed il Nord Africa sono rimasti tranquillissimi per decenni. Idem dopo la fine della guerra civile jugoslava, grazie alla separazione delle parti in conflitto attraverso frontiere definite dall’appartenenza nazionale, soluzione peraltro comparativamente più facile nel caso russo-ucraino. 

Per non parlare dell’altrettanto ignobile guerra alla Libia, inizialmente scatenata sempre dalla Francia. 

 

Se siamo rimasti “tranquilli” dopo quelle guerre ignobili, non si vede perché lo stesso non dovrebbe accadere dopo la pace russo-ucraina. In base a quale logica  si attribuisce a Putin la volontà dell’Armageddon nucleare? Chiunque, Putin incluso, afferra che la Russia ne uscirebbe distrutta, tanto quanto l’Europa e gli USA.

 

Ma non solo la Francia e la Commissione UE, anche GB, Germania e Italia, più ovviamente Polonia e Baltici, si sono dichiarati fermamente intenzionati a continuare ad armare e ad assistere l’Ucraina, firmando accordi e stanziando miliardi di aiuti – in anticipo sulla probabile vittoria di Donald Trump nelle elezioni presidenziali USA del prossimo novembre. Come dire, mettere il carro davanti ai buoi……

 

La spiegazione è una sola: il modello di sviluppo (fallito) della Commissione UE prevede necessariamente il Risiko regressivo dell’estensione imperiale ad Est, a diretto scapito della Russia, e l’UE non ha la minima intenzione di rinunciarci, anche se gli USA di Donald Trump si chiamassero fuori. 

Dopo l’Ucraina, già si sogna la Georgia e l’Armenia……questo è il risultato dell’aver creato un vero e proprio mostro giuridico, dotato di immensi poteri, quale il Governo-eletto-da-nessuno e non sfiduciabile, e pertanto irresponsabile, della Commissione UE.

 

Come nel 1914 e nel 1939, l’Europa sta quindi andando dritta verso la Terza Guerra Mondiale.  

 

E’ esperienza comune, tra lettori e studiosi della storia dello scorso secolo, domandarsi con meraviglia come mai i popoli europei non si accorsero di starsi dirigendo verso le catastrofi epocali della WW1 e della WW2

Ieri come oggi, la risposta è una sola: perché i popoli europei hanno continuato a credere, votare e sostenere le lobbies criminali ed i Governi che le hanno volute, ai quali oggi si aggiunge il mostro del Governo-eletto-da-nessuno della Commissione UE.

 

C’è solo una strada per evitare la Terza Guerra Mondiale: quella della protesta generalizzata dei popoli europei contro la guerra, senza distinzioni tra destra e sinistra tradizionali. E purtroppo, non se ne vede  ancora traccia.. .

Di Belisario per ComeDonChisciotte.org

16.03.2024

NOTE

(1) Vedasi le opere dello storico russo, ex Kgb, Viktor Suvorov, “Icebreaker: Who started the Second World War?” del 1988 e “The Chief Culprit: Stalin’s Grand Design to Start WW2” del 2008. Per una sintesi dei contenuti, vedasi  Icebreaker (non-fiction book) – Wikipedia. Per inciso, nelle deposizioni nel processo di Norimberga, diversi generali nazisti dichiararono che lo schieramento strategico delle armate sovietiche nel giugno 1941 era disposto in modalità evidentemente pre invasione dell’ Europa, assolutamente incompatibile con una ottica meramente difensiva.          

 

(2) Raymond Poincaré – Wikipedia                                    

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
161 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
161
0
È il momento di condividere le tue opinionix