Home / Notizie dall'Italia / Salvini e la Pacchia Finita
Matteo Salvini e Giorgia Meloni. (ANSA/MAURIZIO BRAMBATTI)

Salvini e la Pacchia Finita

DI ALESSANDRO GUARDAMAGNA

comedonchisciotte.org

Sono settimane in cui un po’ ovunque si assiste alla caduta mediatica della Lega, dopo l’uscita di quest’ultima dal governo gialloverde avvenuta il mese scorso, e i titoli che hanno dominato i maggiori media nazionali ed esteri si riassumono in un’unica frase: “La Lega precipita nei sondaggi!”

Il 5 Settembre i sondaggi davano Salvini in free fall, mentre gli Italiani approvavano il nuovo governo Conte bis guidato da MoV e PD.

In realtà, sempre a guardare i sondaggi, rispetto ai voti reali pari al 34% ottenuti dalla Lega alle elezioni europee lo scorso Maggio, della rovinosa caduta della Lega non si ha traccia.

Nell’arco della settimana che va dal 2 al 9 Settembre il sondaggio di LA7, che dà in crescita M5S e il PD, offre dati indicativi registrando una flessione della Lega dal 33,6% al 33,4%. Il quadro si arricchisce col sondaggio di Ipos per il Corriere della Sera del 31 Agosto, che dava il partito di Salvini al 31,8%, mentre quello di Winpoll del 25 Agosto per il Sole 24 Ore addirittura lo stimava al 38,9%.

Senza addentrarci nella guerra dei sondaggi e dei polli, per cui se ho due polli e due persone logica vorrebbe che ciascuno ne mangi uno, mentre la storia spesso insegna che entrambi potrebbero morire, uno per indigestione  per averne mangiati due e l’altro di fame per non averne mangiati affatto, i dati dei sondaggi visti nell’arco di un mese e nella loro interezza testimoniano una sostanziale tenuta della Lega, nonostante la crisi innescata da Matteo Salvini.

Questo si può affermare, almeno per il momento, perché quando l’8 Agosto Salvini fa cadere il governo alla vigilia di una Legge finanziaria che deve scongiurare l’aumento dell’IVA, lo fa dopo aver ballato per un mese con le cubiste in spiaggia brindando a mojitos. Subito dopo presenta e poi ritira una mozione di sfiducia all’ex-neo premier Conte, mentre continua per 2 settimane a denigrare e contemporaneamente rincorrere Di Maio. Così, dal gestire il Ministero degli Interni, si ritrova all’opposizione, e mentre prima chiedeva “pieni poteri” ora non gli rimane altro da fare che protestare in Piazza, come avvenuto ieri a Roma mentre il Governo Conte Bis chiedeva la fiducia alla Camera. Per coronare tali sforzi demolitori riesce perfino ad annullare l’incompatibilità di PD e Mov che si sono uniti in un connubio mostruoso pur di conservare potere e poltrone perché di ideali non si può parlare, e, cosa assai più grave agli occhi dei suoi elettori, il risultato ultimo delle azioni di Salvini si è tradotto nel riportare al governo il PD che era in stato comatoso da 3 anni e la Lega dal governo è uscita… insomma dopo che ha fatto tutto questo scendere nei sondaggi dal 38% di 5 punti è un successone!

Se dopo tutto ‘sto casino ed essere dipinto dalla stampa nazionale, dagli ex-alleati e da Conte come arrogante, bugiardo, manipolatore ed irrispettoso degli accordi e della Costituzione (e prima non se ne erano accorti?), la Lega perde solo 5 punti, e allo stesso tempo Salvini fa emergere di che pasta siano i rivoluzionari virtuali del MoV (di che pasta fosse il PD l’opinione pubblica se ne era accorta da un pezzo), beh, allora la mossa è quasi un capolavoro politico perché è riuscito a rimanere in sella nonostante tutto, in un contesto dove chi commette errori simili viene quasi sempre distrutto nel giro di poco tempo. In altre parole la pacchia per Salvini doveva essere davvero finita, e invece, nonostante tutto, la fine non è arrivata.

Manifestazione contro il governo Conte, Roma, 09/09/2019

Dunque al momento a Salvini è andata di stralusso e qualcuno potrebbe osservare che ai suoi avversari è andata meglio, perché si sono sbarazzati di un personaggio scomodo, inviso a Bruxelles, mentre ora il nuovo esecutivo è stato salutato con sentite felicitazioni da UE, banche, Confindustria e Vaticano, a differenza del governo gialloverde nato nel Giugno 2018. A livello di esercizio logico, chi vuole può provare naturalmente a chiedersi il perché di tale differenza.

De facto la tenuta di Salvini e della Lega dimostra quanto il primo abbia lasciato un’impronta dai connotati che potremmo definire culturali – oltre che mediatici – prima ancora che elettorali nella società Italiana di oggi che in lui si riconosce. Quattordici mesi passati dal Ministro dell’Interno attraversando l’Italia in lungo e in largo – per affrontare seriamente problemi secondo alcuni e per fare cinicamente campagna elettorale coi soldi dei contribuenti secondo altri – con dichiarazioni e video continui che hanno messo molti per la prima volta in contatto con la politica sul campo di un governo Italiano, hanno stabilito un legame con l’opinione pubblica che le azioni compiute nell’ultimo mese dal leader della Lega, per quando discutibili, non hanno cancellato di punto in bianco. A questo punto per riuscire a restare col vento in poppa il nuovo governo deve fare meglio di Salvini e sostituirsi nell’immaginario collettivo degli Italiani come lui ha saputo fare, rimpiazzando Grillo nelle piazze.

La compagine PD-MoV sarà in grado? Questo dipende chiaramente da come il neo-governo opererà e se riuscirà a dare risposte alle reali esigenze del popolo Italiano, al quale, per dirlo chiaramente, della Green Economy e della riforma della giustizia fatta da un parlamento di indagati non interessa nulla. Quello che interessa agli Italiani è invece la sicurezza e il lavoro. La prima Salvini era in grado di garantirla meglio di quanto non avessero fatto i suoi predecessori del partito-sistema PD, e sul lavoro qualche passo in avanti il governo Lega-MoV l’aveva fatto col Decreto Dignità.

Ora con ministeri come Economia, Sanità, Interni in mano al PD e amici del PD, che hanno come riferimento nell’esecutivo partiti di chi vive di politica da sempre e di chi cerca poltrone, è possibile che il governo riesca a fare qualcosa sul fronte del lavoro?

E solo questione di mesi prima che la flotta Panafricana dei barconi battente bandiera ONG riprenda la tratta di esseri umani tra Nord Africa e le coste Italiane, per alimentare il business della solidarietà a pagamento, di cui gli Italiani si sono stancati. Quando la prossima primavera ricominceranno gli sbarchi – perché è assai probabile che con questo governo zerbinato all’UE gli sbarchi riprenderanno in grande stile – gli attuali ministri degli Interni e dei Trasporti sapranno evitare il travaso di immigrati nordafricani e mediorientali che sul territorio Italiano in buona parte finiscono per aumentare i profitti delle cooperative, il numero di senzatetto, di crimini e poco altro?

La combinazione della gestione delle due variabili sicurezza e lavoro offre lo specchio di quanto può durare l’attuale governo.

Il modello di Salvini – disfunzionale per alcuni, ottimo per altri – che ha obbligato l’UE a ridistribuire i migranti che prima del 2018 arrivavano per restare in Italia secondo il trattato di Dublino, non si supera a slogan sulle bellezze dell’integrazione forzata o con cifre sugli investimenti per il lavoro al sud che nessuno vede, e neppure con giri di poltrone fra palazzi di Roma, governi regionali e Bruxelles, ma producendo risultati. Si supera dimostrando agli Italiani di essere in grado di fare meglio di Salvini. Nonostante le vere élites, quelle che ora sostengono il Conte bis e da sempre decidono cosa deve succedere in Italia, creando tutte le alleanze per restare al potere a prescindere dalle commedie politico-ideologiche sullo sfondo, abbiano al momento tagliato fuori Salvini e puntato sull’avvocato popul-europeista Conte… nondimeno la vita del governo nato per durare – e, ripetiamo, non per ideali – non è assolutamente garantita nel lungo periodo.

Se il governo sarà in grado di andare oltre Salvini, di batterlo sul suo stesso terreno, allora Salvini potrebbe essere rimpiazzato nell’immaginario collettivo e se non cadrà nell’oblio nazionale, finirà ridimensionato ben più in basso del 33% che tuttora la Lega detiene.

Se invece la risposta al modello di Salvini sarà il perenne riproporsi del litigio interno all’esecutivo tra PD e MoV, nel PD tra fazioni varie, nel MoV fra followers di Di Maio e di Di Battista, allora è assai probabile che la Lega spazzerà via tutti prima alle regionali, e poi alle successive elezioni politiche, dove arriverà col 40%. Perché se PD e MoV ora uniti non consegneranno dei risultati i cittadini non potranno che appellarsi nuovamente a Salvini contro la piovra istituzionalizzata, rappresentata dal PD, e contro i voltagabbana del MoV, che in quanto tali assai difficilmente potranno riscuotere i consensi che ricevevano quando la gente li vedeva come incapaci ma sostanzialmente onesti. Infatti mentre gli onesti passano per simpatici, e qualche voto lo ricevono, i traditori non lo sono mai e raramente vengono votati. E a quel punto la pacchia finirà davvero.

La Lega è uscita dal governo; se per saggezza o follia è ancora troppo presto per stabilirlo esattamente. Questo però mi sembra chiaro. Salvini si trova appena fuori dalla porta – che è aperta – e vi sta appoggiato, quindi significa che è pronto a rientrare. Dietro di lui potrebbero esserci molti più milioni di cittadini che i sondaggi non dicono.

 

Alessandro Guardamagna

10/09/2019

 

Fonte: https://comedonchisciotte.org/

 

 

Pubblicato da Rosanna

La mia insolita passione è quella di andare a caccia della "verità" nelle vicende contemporanee, attraverso gli interstizi dell'informazione, il mio vizio assurdo invece consiste nell'amare l'anonimato più della notorietà, la responsabilità più del narcisismo, l'impegno sociale più del letargo intellettuale. Allergica al pelo di capra e alle fake news.

38 Commenti

  1. Se Pd e M5S falliranno sara’ OGGETTIVAMENTE il fallimento della stessa unione europea, ergo, dal momento in cui tale prospettiva spalancherebbe le porte a Lega e FDI, sareste gentilmente in grado di spiegarmi il programma di Matteo Salvini e Giorgia Meloni? No, non intendo “Bibbiano”, “Teoria gender”, “Poltronari” e [email protected] varie, intendo programmi veri che riguardano Euro e Unione Europea. Visto e considerato che gli stessi britannici stanno faticando a portare a termine la Brexit, mi spiegate con quale criterio i sovranisti nostrani riusciranno a raggiungere un (qualsiasi) accordo con la Ue? Per concludere, la questione migranti e’ sicuramente in cima alla lista delle preoccupazioni degli italiani, tuttavia non puo’ essere l’unico punto programmatico per governare un paese. Ps, fossi in voi aspetterei prima di proclamare Matteo Salvini il capo indiscusso del suo Regno d’Italia…

  2. la Lega scommette che il governo non sarà aiutato a sufficienza dall’UE (già il l’ex premier austriaco ha twittato che l’Austria non pagherà i debiti dell’Italia…) e che le divisioni fra PD e M5S si inaspriranno.
    La recessione che incombe, ormai ritenuta inevitabile, potrebbe dare il colpo di grazia.

    Il problema è che la Lega è anch’essa alle prese con le proprie contraddizioni fra autonomisti vs sovranisti e liberisti vs keynesiani ossia non ha un vero programma politico alternativo da opporre all’inciucio voluto da Mattarella.
    Non gli basterà continuare a battere sui soliti slogan anti immigrazione baciando rosari.

  3. Salvini per emergere davvero dopo lo sconquasso provocato, dovrà mostrare e dimostrare di essersi sbarazzato della scomoda tutela di Berlusconi, il suo spin doctor e chiaramente quello che gli ha suggerito, o meglio fatto balenare come cosa ottima, la caduta del governo. Berlusconi è il ‘cavallo di troia’ della destra all’ opposizione e ha il sopraffino potere di cancellare ogni e qualsivoglia suo concorrente ( ultimo, Toti ). Prove di quello che affermo sono parecchie, non ultima l’ uscita di B. secondo cui l’ opposizione si fa in Parlamento e non sulle piazze, rigettato ogni temerario desiderio di sovranismi e populismi ( ancora, parole sue ): con il suicidio politico del consenziente Salvini, ha compiuto l’ultimo atto che precede l’ ingresso in campo di Renzi con una nuova forza politica cui il ‘popolo delle libertà’ darà nolente o volente il suo appoggio.

    • Berlusconi ha 83anni ha si è no il 5% e se si va a votare tra 2o 3 anni avrà ancora meno .a questa forza di cui parli potrà portare davvero poco in dote. anche se ,con una legge elettorale proporzionale, un partito renzi calenda più resti di forza Italia al 10%/15% potrebbe contare molto e far rinascere la.stella di renzi che potrebbe giocarsela nel 2028 in fondo renzi avrà un anno meno di conte ora nel 2028.

  4. signori e signori ,il paese non ci sta piu , e non perche` ci sia un governo o un altro governo ,non e` una questione dentro o fuori l euro ,dentro o fuori l europa ,il paese inteso come la sua forza produttiva ,la sua forza creativa non ci sta piu!!!!
    ve lo garantisco ,dopo 12 anni vissuti interamente in oriente ,sono rientrato da un anno ,vi assicuro che non ci sta piu un paese da 6-7 potenza industriale ,siamo un paese in via di sottosviluppo (gia in fase avanzata) e questo era in atto forse gia da prima che me ne andassi ,ma negli ultimi 12 anni la cosa si e` praticamente conclusa ,siamo in piena fase di sottosviluppo ,e corriamo in maniera impressionante ,su questa strada .non date la colpa ai politici ,e` la popolazione la colpa .

  5. Si chiama Guerra fra Bande.Ma i vari Salvini, Di maio, Renzi, sono solo dei picciotti (coscienti o non di esserlo???) ben remunerati e anche un pò viziati. Chi ancora crede a destra, sinistra, buona fede, il meno peggio, i migranti non arrivano, poi arriveranno, meglio lega, il m5s è il top, IL PD è fatto da pidioti, Conte miglior premier degli ultimi 25 anni, un ragazzo di nome Matteo(Salvini) salverà l’Italia (vedasi il Blog di Pasini su Il Giornale)….ect…ect…non fa altro che continuare a foraggiare questo sistema di “Bande” che a rotazione (in base alla regola de “io c’è l ho piu…del tuo”)si spartiscono questo paese, grazie ai loro “picciotti politici” che noi votiamo (quando ci è permesso di farlo). L’Italia ormai non è più nemmeno una nazione, ma un’ accozzaglia di babbei che vivono una realtà parallela (nei film sarebbe un fantasy), dove anni di indottrinamento mediatico e mancanza culturale sono il risultato di questo disastro (che abbiamo vissuto sulla nostra pelle come se stessimo guardando la partita della domenica).Basta guardarsi attorno per capirlo.
    Qui ognuno recita una parte,come da copione, perchè così il sistema continua ad esistere…Sono anni che diciamo “In Italia non cambia mai niente”, ma cosa cavolo volete cambiare???Ognuno ha le proprie convinzioni e i propri leader(de che?)e non guarda oltre.
    Salvini è arrivato a governare col 17% e dopo un anno si ritrova con più del doppio dei followers (elettori è una parola seria).Renzi doveva essere già sparito dalla faccia della terra ed invece è li a fare il Senatore (ma poi chi l’ha votato?)e fra un pò lo ritroviamo al Governo…il M5s…che dire…credo che di sole gli italiani ne abbiano prese abbastanza negli ultimi 35 anni, ma non basta perchè alla fine ci caschiamo sempre…un pò per continuare a sperare, un pò per convenienze personali, ma soprattutto per ignoranza ideologica (senza che esista ancora una ideologia).Tutti contro tutti, leghisti contro piddini, grillini contro renziani,sinistroidi contro destroidi, interisti contro juventini, ma ancora di più terroni del nord contro terroni del sud.
    Intanto i Capi Banda ci guardano dal loro “Olimpo” e sorridono contando i profitti.

  6. La mossa di Salvini ha contribuito a chiarire e forse a modificare per sempre il quadro politico. Prima c’era un tridente di partiti che si spartiva la gran parte dell’elettorato, ora si vedono due schieramenti : Pd-5S da una parte con Conte come leader e Salvini + Meloni+ una parte di FI. Siamo ritornati allo schieramento destra- sinistra con i cespugli centrini (Calenda & Co) che cercano di prendere le briciole e che hanno un futuro roseo solo se possono fare ricatti nell’ambito del proporzionale puro. Quanto sia stabile lo schieramento Pd-5S lo si vedrà alle elezioni regionali nelle regioni (ex) rosse. Se i 5S accetteranno l’alleanza con il Pd vuol dire che sono diventati ormai la ruota di scorta della sinistra. È probabilmente quello che vuole il ‘fondatore’ Grillo, visto che ormai gli elettori dei 5S con orientamento a destra se ne sono andati tutti. Rimane però il rischio che la gente se gli dici di scegliere tra la copia e l’originale scelga sempre l’originale. Come ‘asset’ i 5S hanno solo la popolarità di Conte, quella che li ha visti risalire nei sondaggi. Se il governo inciampa, come probabile sull’immigrazione e sulle tasse, anche questa popolarità non sarà capace di tenerli su e una ulteriore caduta potrebbe spaccare il Mov.

  7. continuate a parlare del nulla

  8. Molto difficile fare previsioni, la situazione è complicata non solo in Italia ma in tutto il mondo.
    Conte oggi ha vinto il parlamento ma ieri 5s e P.D. hanno perso le piazze e senza appoggio delle piazze non è possibile neppure portare una corona d’alloro al milite ignoto.
    Conte dovrà convincere subito, credo che più di 60 giorni gli Italiani non gli daranno ( se sbaglia sui porti neppure quelli) P.D. e 5s invece hanno necessita di riconquistare le piazza, la riconquista non è facile, piazze vuote e contestatori che non ti lasciano parlare, determinarono il crollo di Renzi (Di Maio, o chi prenderà il suo posto e Zingaretti rischiano di fare la stessa fine)
    In più la piazza è pericolosa, si sà dove inizia ma non si sà dove finisce.
    Salvini prima l’ha chiamata poi ha tentennato, anche questo è un fatto strano, senbra che Salvini sia combattuto tra ciò che vorrebbe fare e ciò che gli ordinano di fare,
    I sondaggi elettorali e le visualizzazioni sui social, hanno scarso valore, nelle prossime settimane necessita guardare le piazze anche per capire se Salvini ci fà,c’è o esegue ordini.
    p.s.
    Non mi riferisco alle piazze per le regionale, ma quelle pro o contro il governo.

  9. ” se riuscirà a dare risposte alle reali esigenze del popolo Italiano” penso (temo?) di si.
    Questo governo e la Ue prepareranno e daranno alla bestia sovranista una succosissima polpetta.
    Avvelenata.

  10. delirio… la sicurezza garantita da un ministro che non era mai in Viminale? ma dove, ma quando? Quest’uomo non e’stato manco capace di gestire la sicurezza di una partita di calcio. non e’ stato capace di rimpatriare neanche un solo ‘clandestino’. Ma fammi il piacere. E il lavoro? ma se la Lega per anni ha votato le peggio porcate in ambito di diritti dei lavoratori e ha un programma ultra-liberista che a confronto il PD e Calenda impallidiscono. Ma in che mondo vivi?

  11. Poco più di un mese non è sufficiente per dire quanto la lega e gli italiani siano ancora in crescita di gradimento reciproco. Un calo dei consensi del 5% in realtà dice poco riguardo alla tenuta della lega, poiché la verità è che gli italiani hanno capito ben poco di quello che è successo e perché è successo. Grossomodo chi parteggiava per uno continua a farlo e tuttalpiù rimane in attesa. Questo governo potrebbe anche durare molto poco, come è possibile, ma un governo di centrodestra con salvini a capo della rivoluzione non avrà davanti a sé alternative molto diverse da quello attuale. O si renderà gradito all’Europa in modi tutto sommato non molto diversi da quanto potrà fare il conte 2,oppure dichiarerà guerra all’Europa (cosa per me inverosimile anche se vedessi i cadaveri dei rivoluzionari salviniani) e allora farà la fine di tutti i governi che non riescono a concludere granché a favore del popolo

  12. Ottimo articolo che sottolinea i due principali aspetti della vicenda: Salvini ha commesso un errore clamoroso a far cadere il governo, ma il Conte bis, nato da un orribile incesto tra due partiti che si odiano, inviso alla maggior parte degli italiani, non combinerà nulla di buono, aumenterà le tasse, distruggerà lo stato sociale o quel che ne resta, riempirà l’Italia di nullafacenti africani a spese del contribuente italiano e porterà al completo annientamento politico dei 5 stelle. Salvini è solo esiliato all’isola d’Elba ma è pronto a tornare per riprendersi lo scettro di imperatore, la vera domanda è questa: dopo sarà Waterloo o Austerlitz?

  13. La compagine PD-MoV sarà in grado?

    No comment, la psicopolizia potrebbe prendere seri provvedimenti

  14. sono angosciato non tanto per la fine del governo Lega-Mov, quanto per l’avvento di quello Mov-Pd+ : incompetenti a traino di chi ci ha ridotto nello stato pietoso in cui ci troviamo: una miscela esplosiva. Per averne la conferma basta leggere attentamente il programma di governo: una lista di desideri, proprio come quelle del governo precedente: non ci sono le coperture, proprio come per il governo precedente; si spera in Gentiloni, ma Gentiloni lo hanno subito messo sotto tutela, insomma ci hanno fatti contenti e coglionati; senza contare che gli sforamenti EU, dovrebbero essere utilizzati per investimenti produttivi; invece di che si è parlato subito ? di immigrazione e di asili nidi per i meno abbienti (gli immigrati ? gli italiani non fanno più figli). La vedo nera.
    Facciamoci una risata: problema rifiuti a Roma. Avevano pensato di aprire i sacchetti dei rifiuti per controllarne il contenuto: se la differenziata fosse stata fatta male, chi aveva consegnato il sacchetto sarebbe stato sanzionato; ma nessuno voleva aprire i sacchetti, e allora, pensa che ti ripensa, avevano deciso di fare una radiografia ai sacchetti: spazzini con il grembiule di piombo e mezzi per la raccolta con schermi per i raggi X; poi hanno capito che era un cicinino difficoltoso, e ora hanno ripiegato sui sacchetti trasparenti: devono solo risolvere il problema dell’attribuzione dei sacchetti.
    Rendetevi conto che siamo in mano a questi pensatori …

  15. Non leggo mai questo sito ma ho imparato davvero tanto da questo articolo:
    Ero convinto fino a ora che senza un’alleanza non si potesse governare con questa legge elettorale e che chi l’avesse votata fosse d’accodo.

    E che avendola votata dovessero colpirsi forte i marroni e non dare del traditore a… (chi? Poveri imbecilli l’hanno votata loro)

    Avevo sentito i cinque stelle ripetere continuamente della richiesta di maggioranza con chiunque senza il raggiungimento del 40%. Avevo perfino visto che finita la campagne elettorale lo avevano fatto davvero, prima col pd e poi con la lega.

    Evidentemente è stato tutto un sogno, ormai sono anni che vivo su un’isola tropicale e probabilmente la mancanza delle stagioni mi ha guastato, buona notte.

  16. Analisi di un professore di macroeconomia.

    “Col passare dei giorni e il susseguirsi degli eventi, il quadro si va delineando in modo più chiaro. *Tutto viene deciso il 30 maggio 2019, quando Matteo Renzi viene ospitato alla riunione segreta del gruppo Bilderberg: Salvini deve essere isolato, il suo inarrestabile consenso popolare è diventato un pericolo, va fermato prima che sia troppo tardi. * Il M5S non riesce più ad arginarlo. Vanno fermati Salvini e gli italiani. L’Europa franco-tedesca non può permettersi un’Italia che torni a competere economicamente, è già stato stabilito nel 1989, con i patti di Maastricht e gli accordi fra Mitterand e Kohl. *L’Italia, mai più, deve tornare a crescere.*
    Come intervenire? Dall’interno, attraverso lo stesso M5S. Già a febbraio, durante il G7 a Davos, Conte era stato allertato e aveva chiesto aiuto alla Merkel. Ma nulla da fare, i sondaggi continuano ad essere a favore di Salvini e il M5S perde. Il M5S avvia quindi una politica di opposizione interna al governo, principalmente contro la politica dei porti chiusi, cavallo di battaglia di Salvini. Con la “Sea Watch” *parte il fuoco incrociato: da una parte la destabilizzazione interna, dall’altra l’operazione “Carola”, pianificata dalla Merkel stessa (lo rivelerà poi l’ex capo dei servizi segreti tedesco Maassen). * Il M5S sa di andare contro gli interessi degli italiani, sa che continuerà a perdere consensi, ma questo gli è stato ordinato di fare. Il M5S è nato sulll’onda del giustizialismo di Tangentopoli, è l’anti-sistema prodotto dal sistema, *nato con lo scopo di assorbire la rabbia crescente di milioni di italiani * che soffrono per un Paese che in trent’anni è stato smembrato, impoverito, dilaniato. Non importa ora se il M5S perda consensi. *Il M5S, una volta svolto il compito di finto oppositore al sistema, è destinato a morire.*
    Ci si chiede perchè Salvini abbia accettato questa sfida quando, con ogni probabilità, già sapeva tutto, fin dall’inizio. Ha accettato di scendere in campo come controbilancia ad un sistema che divora tutto, sostenuto da un Trump che in America, con la sua elezione a Presidente, ha scompigliato tutte le carte. Da trent’anni il “Deep State”, il “Potere profondo”, il “Sistema”, ha sempre avuto la meglio. L’Europa franco-tedesca si è compattata con il recente patto di Aquisgrana proprio per contrastare un Trump sempre più energico e determinato. Trump ha risposto minacciando dazi all’industria automobilistica tedesca e a quella dei vini francesi. *Ad ottobre la Brexit e l’alleanza economica fra Trump e il leader inglese Johnson, metteranno a dura prova Francia e Germania, * quest’ultima già da oggi in recessione con il PIL a -0,1.
    E l’Italia? Salvini ha dovuto aspettare il momento giusto per far cadere il governo e svelare i retroscena, lo ha fatto dopo *la caduta dell’ultima maschera, ossia quando il M5S ha votato in Europa a favore di Ursula von der Leyen * a Presidente della Commissione Europea, la candidata di Merkel e Macron. Il *M5S si è rivelato Sistema, al fianco del PD, del PD di Renzi, il prescelto del Gruppo Bilderberg. * La farsa a cui stiamo assistendo in questi giorni riguardante l’avvio di un nuovo governo M5S-PD, le scaramucce di palazzo e di tavolino, la mistificazione mediatica e le voci di corridoio che si rincorrono producendo mille eco, sono solo gli elementi scenici di *un teatro di marionette con un canovaccio già definito, * ma il cui finale nessuno è riuscito ancora a scrivere.

  17. ” la Lega spazzerà via tutti prima alle regionali, e poi alle successive elezioni politiche, dove arriverà col 40%” del 50% di votanti. Cioè un misero 20% reale. Viva la postdemocrazia, dove non si è capito che siamo in oligarchia: la maggioranza si è ormai stufata di questi giochi matematici e semantici che danno sempre ragione a pochi fortunati mentre non tiene in minima considerazione il pensiero della maggioranza.

  18. Nell’ottica distorta della competizione tra partiti può darsi che sia vero il ragionamento del capolavoro politico della maggioranza rubata sul filo dei sondaggi, del calcolo etc… etc… etc… ma da un punto di vista del senso che hanno le istituzioni, la rappresentanza politica dovrebbe essere uno sforzo al quale un gruppo di persone si dedica con una certa riluttanza dato l’onere che teoricamente comporta, invece é tutto un gioco e un business e dunque la retorica più Stucchevole viene usata ormai senza nessuna remora da tutte le fonti informative.
    Come può essere credibile un sistema così impostato?

  19. quando i fascistissimi antifascisti sono al potere il voto non è mai certo.
    nel caso, al prossimo giro, la lega prende il 60%.(minimo)
    cosa nota a tutti
    andate al mercato sotto casa e chiedete… e capirete,

  20. L’alternativa a far cadere il governo era lasciarsi logorare dalle regole Ue e dalla austerità Ue. Con i grillini a favore dell’asse merkel-macron, il destino era segnato.
    Lo si può accusare di sovranismo, per cui ha preferito provare a dare la spallata al sistema piuttosto che restare al potere da sconfitto.
    Penso che comunque finisca gli vada dato l’onore di aver provato a lottare.

  21. Marco Echoes Tramontana

    Ma sono l’unico che ha sempre pensato e pensa che M5s-Lega era un orrore, così come M5s-Pd? Inutile stare qui a pettinare le sopracciglia co tutte ste elucubrazioni.
    Dato che la situazione scaturisce da una legge elettorale anti-rappresentativa, io avrei profuso le forze per fargli cambiare le regole del gioco. A modo mio, il 4 Marzo andai a votare non avallando l’intrigo che si sarebbe consumato.

    Boh, ditemi voi.

  22. Quindi, seguendo il saggio ragionamento di Guardamagna, non è irragionevole pensare che a Salvini sia stato dato il compito di scavarsi fuori dal Governo (intervista a Bannon al Corriere della Sera del 7 agosto) per poi tornare al potere a primavera 2020 come Premier a scardinare con maggior forza l’ormai esile impianto dell’Unione Europea che si sta spostando pericolosamente a Est.
    Esattamente come era nei piani del deep state anglo-usa-israel al momento del voto del 4 marzo 2018. Il Mediterraneo è d’altronde ancora molto molto importante.
    Insomma, un percorso geopolitico solo un po’ più lungo del previsto…

    • Fianalmente qualcuno dotato del ben dell’intelletto! Chapeau!

      • Il complimento va a Guardamagna. E’ interessante quello che dice (e che non ci dicono i media) sul grandissimo successo mediatico di Salvini, che rappresenta per gli anglo-usa una vera ipoteca sul futuro. E questo rimandare alla prossima primavera è collegabile al ritardo della Brexit, che da marzo 2019 è stata lentamente spostata a fine ottobre 2019. La brexit è solo l’innesco (crisi finanziaria). L’italia è invece l’esplosivo (frammentazione e probabile balcanizzazione dell’Unione Europea).

    • O forse tornare al potere con maggior forza per portare a termine la costituzione degli USE (stati uniti d’europa) e contrapporsi insieme agli USA all’eventuale “scontro” col blocco Russia-Cina e più.
      Dipenderà da quale corrente dell’élite finanziaria sarà più forte..

    • Può anche darsi, ma tutto sommato mi sembra poco realistico, a meno che Salvini non venga considerato, oltre che un cinico statista, anche un grande attore.

  23. La lega al 60%? Ne sei sicuro? Eppure il popolo italiano ha dimostrato negli ultimi tempi una volubilita’ schizofrenica, da far riflettere. Si puo’ essere piu’o meno d’accordo con salvini, ma io al suo posto farei le corna. Chi tira le fila sta oltreoceano, e’ un burattinaio astuto che tira le fila anche alla ue. E’ sempre lui, cerca di dividerci per tifo, destra e sinistra, ma solo tra poveri, ai vertici non si dividono, sono un nucleo compatto e duro da scalfire. Quel che dite , le elucubrazioni, i ragionamenti che fate lasciano il tempo che trovano, a loro non frega niente, basta che paghiamo e zitti. Tanto con questo governo i debiti si dovran pagare e anche con quello eventuale di salvini perche’ anche con “pieni poteri” si dovran pagare, vista la condizione di inferiorita’ che abbiamo a causa del debito. Siamo cascati in trappola, ci hanno attirato con le illusioni….quindi nulla cambiera’ mai se non con un’azione di riscatto e dignita’ che non hanno ne’ la sn, piu’ volte voltagabbana, ne la dx interessata a mantenere i suoi 4 soldi, ma sempre pero’ sotto tutela e nel recinto.Tanto fra poco incocceremo con la realta’. Voi continuate a discutere su salvini si e sugli altri no e viceversa.Ma sempre nel recinto! Guardate la volpe, non il lupo (ue)!

  24. Salvini dura sui giornali qualche altra settimana e poi sparirà nel dimenticatoio, tra l’altro nella lega ora si faranno i conti.
    Il problema di salvini è il suo elettorato, che se non lo vede più forte e importante, passa al prossimo.

  25. Tutto molto bello e condivisibile, ma occorre solo ricordare che l’elettore della lega mai voterà per il PD o il Movimento. E per il momento l’elettore medio italiano preferisce la destra alla sinistra. Vediamo cosa succederà.

  26. E mentre noi ci allambicchiamo stoltamente sulle sciocchezzuole del nostro miserevole Governo e di quello futuro, Hong Kong (protettorato britannico) offre 36 miliardi di euro (capito bene, 36 miliardi !!!!) per comprarsi la borsa di Londra (che controlla “tralaltramente” anche Piazza Affari).
    Notare bene, questo accade il giorno successivo alla chiusura del Parlamento inglese.
    Messaggi, simboli, esibizione di forza e poteri. Da parte dei tecnocrati inglesi naturalmente.
    Che spostano le proprie attenzioni finanziarie verso l’estremo oriente.
    Dobbiamo guardare all’estero per capire che cosa accade da noi.
    “E l’Italia giocava alle carte e parlava di calcio nei bar…” cantava un certo cantautore milanese…

  27. “Il 5 Settembre i sondaggi davano Salvini in free fall, mentre gli Italiani approvavano il nuovo governo Conte bis guidato da MoV e PD.

    Ma quando mai gli italiani hanno approvato Conte i 5s e il pd?

  28. Ma quanti zombi ci sono ancora nel 2019 che parlano di democrazia rappresentativa… ma davvero vi pare di essere in democrazia? Semmai è una schiavocrazia rappresentativa. Ma davvero pensate che il vostro voto determini in qualche modo le politiche dell’Italia? Ma in quale mondo parallelo vivete?

  29. Lo Monte dalla Sicilia ha appena mollato la lega, cominciamo male per salvini.

  30. “gli Italiani approvavano il nuovo governo Conte bis guidato da MoV e PD.”
    credo ci sia una svista, sostituire a “gli italiani” con “francesi e tedeschi”.

    “francesi e tedeschi approvavano il nuovo governo Conte bis guidato da MoV e PD.”
    ok, ora ha senso! 🙂

  31. i riesce perfino ad annullare l’incompatibilità di PD e Mov
    ecco qua la “grande” strategia grillina per sopravvivere politicamente a tutta la m….a che dovranno APPROVARE in parlamento : #statosalvini!.

Lascia un commento