Home / Attualità / Quasi 50.000 animali sono stati uccisi in sette anni nel centro ricerche top secret del Ministero della Difesa inglese di Porton Down

Quasi 50.000 animali sono stati uccisi in sette anni nel centro ricerche top secret del Ministero della Difesa inglese di Porton Down

 

WILLIAM COLE
dailymail.co.uk

E’ stato reso noto che migliaia di animali sono stati torturati e uccisi in esperimenti scientifici in una base di ricerca governativa top secret.

Circa 48.400 animali sono stati fatti saltare in aria, gasati o avvelenati dal Ministero della Difesa nel suo Laboratorio di Scienza e Tecnologia a Porton Down, nel Wiltshire.

I dati ufficiali rivelano che la sequenza dei test mortali ha avuto luogo tra il 2010 e il 2017.

Gli animali sono stati utilizzati in una varietà di test per mettere a punto nuovi agenti chimici e biologici sperimentali per un programma di ricerca del Ministero della Difesa sulle armi, come riferisce Sunday Mirror.

Gli scienziati avrebbero ‘vestito’ i maiali con giubbotti antiproiettile, prima di colpirli con ordigni esplosivi, causando loro gravi ferite o addirittura la morte.

Si ritiene che i test siano serviti a sviluppare giubbotti antiproiettile più efficaci per le truppe che prestano servizio all’estero in paesi come l’Iraq, dove c’è un grosso rischio che vengano utilizzati contro di loro ordigni esplosivi improvvisati (IED).

Ci sono state anche segnalazioni di scimmie testate con armi biologiche e cavie avvelenate con gas nervino nel laboratorio segreto del Wiltshire.

La base è anche il luogo dove erano stati condotti i test per scoprire cosa era stato usato per avvelenare le ‘vittime del Novichok’ di Salisbury, Sergei e Yulia Skripal e che cosa aveva ucciso Dawn Sturgess.

Ma gli attivisti per i diritti degli animali affermano che gli esperimenti sono inutili e che il numero dei soggetti uccisi è “allarmante”.

“Gli animali soffrono e muoiono in moltissimi e diversi tipi di esperimenti praticati su di loro, ma c’è qualcosa di particolarmente sinistro e preoccupante in tutto ciò che riguarda gli esperimenti bellici”, ha detto al Sunday Mirror Jessamy Korotoga di Animal Aid.

“Esporre deliberatamente animali vivi a sostanze chimiche, esplosioni di prova e agenti patogeni biologici, di cui si conoscono e si ricercano gli effetti per causare estrema sofferenza e morte, è moralmente inconcepibile”.

Il Ministero della Difesa difende la pratica, affermando che fornisce ai chirurghi e ai medici un addestramento indispensabile, che ha contribuito a salvare la vita dei soldati britannici feriti in battaglia.

Un portavoce del ministero ha affermato che: “Il Laboratorio di Scienza e Tecnologia della Difesa è responsabile dello sviluppo e della creazione di tecnologie e attrezzature indispensabili per proteggere il Regno Unito e le sue forze armate. Questo risultato non potrebbe, al momento, essere raggiunto senza l’utilizzo degli animali nella ricerca.”

William Cole

 

Fonte: dailymail.co.uk
Link: https://www.dailymail.co.uk/news/article-6969127/Nearly-50-000-animals-killed-secret-Ministry-Defence-site-Porton-Down.html
28.04.2019
Tradotto da Markus per comedonchisciotte.org

Pubblicato da Markus

Un biologo, appassionato di montagna e di fotografia, che cerca, come può, di combattere contro i mulini a vento.