Putin sta suonando la campana a morto per la NATO

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

Di Olga Lebedeva, pravda.ru

La scorsa settimana, il Presidente russo Vladimir Putin e il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden, separatamente l’uno dall’altro, hanno tenuto discorsi chiave in cui hanno parlato, di fatto, della stessa cosa: la crisi ucraina. I leader dei due Paesi hanno chiarito le loro posizioni.

Vorremmo riferirci all’opinione di un geopolitico esperto, una “persona disinteressata”, poiché vive in un Paese che non partecipa all’operazione militare speciale. Si tratta del diplomatico indiano M. K. Bhadrakumar. Il suo articolo analitico è stato pubblicato sull’indiano Punchline.

La confessione virtuale di Joe Biden

Durante la conferenza stampa di Joe Biden (che ha ospitato insieme al suo omologo ucraino Volodymyr Zelensky, in visita a Washington) alla Casa Bianca il 21 dicembre, il Presidente degli Stati Uniti ha virtualmente ammesso di essere stato costretto a combattere una guerra per procura in Ucraina, perché gli alleati europei non volevano la guerra con la Russia.

“Ora, voi direte: “Perché non diamo all’Ucraina tutto quello che c’è da dare?”. Beh, per due motivi. Uno: c’è un’intera Alleanza che è fondamentale per rimanere con l’Ucraina. E l’idea di dare all’Ucraina materiale fondamentalmente diverso da quello che già c’è, avrebbe come prospettiva la disgregazione della NATO e dell’Unione Europea e del resto del mondo… Ho trascorso diverse centinaia di ore a tu per tu con i nostri alleati europei e con i capi di Stato di quei Paesi, spiegando perché era nel loro interesse continuare a sostenere l’Ucraina… Lo capiscono perfettamente, ma non vogliono entrare in guerra con la Russia. Non vogliono una terza guerra mondiale”. Biden ha poi proseguito: “Daremo all’Ucraina ciò di cui ha bisogno per difendersi, per avere successo e per avere successo sul campo di battaglia”.

A questo punto, Biden si è reso conto che probabilmente aveva “già detto troppo” e ha interrotto bruscamente la conferenza stampa. Probabilmente si è reso conto di aver mostrato la fragilità dell’unità occidentale.

Gli esperti occidentali hanno ampiamente dimenticato che la conquista del territorio non è l’obiettivo centrale della Russia. Lo è l’espansione della NATO, anche se, ovviamente, l’Ucraina è vitale per gli interessi russi.

Putin: Gli Stati Uniti vogliono smembrare la Russia

Di tanto in tanto, il Presidente Putin ripropone il motivo fondamentale per cui gli Stati Uniti fanno quello che fanno. In poche parole, gli americani vogliono indebolire e smembrare la Russia.

Il giorno in cui Biden ha accolto Zelensky alla Casa Bianca, il presidente russo, parlando ad una riunione allargata del collegio del Ministero della Difesa a Mosca, ha fatto riferimento alle guerre cecene degli anni ’90, quando, proprio come oggi,

Gli Stati Uniti hanno dichiarato di condannare Al-Qaeda e altri criminali, ma hanno considerato accettabile il loro utilizzo sul territorio della Russia e hanno fornito loro ogni tipo di assistenza, compresi materiali, informazioni, sostegno politico e di altro tipo, in particolare militare, per incoraggiarli a continuare a combattere contro la Russia

Putin ha una memoria fenomenale. Ha alluso alla scelta prudente di Biden di affidare a William Burns la guida della CIA. È interessante notare che negli anni ’90 Burns era il referente dell’ambasciata di Mosca in Cecenia. Oggi Putin ha ordinato una campagna nazionale per tagliare gli enormi tentacoli che le agenzie di intelligence statunitensi hanno diffuso in Russia a scopo di sovversione interna. Il Carnegie Center, un tempo diretto da Burns, è stato costretto a chiudere il suo ufficio di Mosca e i suoi dipendenti russi sono fuggiti in Occidente.

La Russia ha imparato dagli errori

Il leitmotiv della riunione del collegio del Ministero della Difesa russo, dove è intervenuto Putin, è stata l’affermazione del fatto che il confronto tra Russia e Stati Uniti non si concluderà con la guerra in Ucraina. Putin ha esortato gli alti funzionari russi ad “analizzare a fondo” le lezioni dei conflitti ucraino e siriano.

… “Continueremo a mantenere e migliorare la prontezza di combattimento della triade nucleare. È la principale garanzia che la nostra sovranità e integrità territoriale, la parità strategica e l’equilibrio generale delle forze nel mondo siano preservati”. Quest’anno, il livello di armamento moderno delle forze nucleari strategiche ha già superato il 91%. Continuiamo a riarmare i reggimenti delle nostre forze missilistiche strategiche con sistemi missilistici moderni con testate ipersoniche Avangard.

Putin ha riassunto: “Non ripeteremo gli errori del passato… Non militarizzeremo il nostro Paese o l’economia… e non faremo cose di cui non abbiamo realmente bisogno, a scapito del nostro popolo e dell’economia, della sfera sociale. Miglioreremo le Forze Armate russe e l’intera componente militare. Lo faremo con calma, in modo regolare e coerente, senza fretta”.

Conclusioni

Se i neocon alla Casa Bianca volevano una corsa agli armamenti, ora ce l’hanno. Il paradosso, tuttavia, è che sarà diversa dalla corsa agli armamenti bipolare dell’epoca della Guerra Fredda.

Se l’intenzione degli Stati Uniti era quella di indebolire la Russia prima di affrontare la Cina, gli americani hanno già fallito:

  • gli Stati Uniti si trovano a confrontarsi con la Russia e i legami tra le due grandi potenze potrebbero terminare, mentre i legami tra Mosca e Pechino si sono rafforzati.
  • I neocon si aspettavano una vittoria in Ucraina: la sconfitta della Russia e la fine ignominiosa della presidenza di Vladimir Putin, seguita dal consolidamento dell’unità occidentale con gli Stati Uniti come leader trionfante. Questo potrebbe essere un potente incentivo per l’imminente lotta contro la Cina per il dominio dell’ordine mondiale. Anche in questo caso gli americani hanno fallito.

… “Invece, questo si sta rivelando un classico Zugzwang a fine partita – per prendere in prestito dalla letteratura scacchistica tedesca – in cui gli Stati Uniti sono obbligati a fare una mossa sull’Ucraina, ma qualsiasi mossa facciano non farà altro che peggiorare la loro posizione geopolitica”, ha scritto Bhadrakumar nell’articolo.

Nemmeno minare la Russia dall’interno ha funzionato:

  • Il popolo russo non è in vena di ribellioni nazionali.
  • La popolarità di Putin è ancora forte, mentre la Russia realizza gradualmente i suoi obiettivi in Ucraina.

Pertanto, Biden potrebbe avere la vaga sensazione che la Russia non veda la crisi ucraina come un sistema binario di vittoria e sconfitta, ma si stia preparando a regolare i conti con la NATO una volta per tutte.

A questo punto, l’opzione migliore per gli Stati Uniti sarebbe quella di uscire dal gioco e farsi da parte.

Naturalmente, una simile mossa sarebbe umiliante sia per gli Stati Uniti che per la NATO. La leadership transatlantica di Washington si sgretolerebbe. Ancora peggio, le grandi potenze dell’Europa occidentale – Germania, Francia e Italia – potrebbero iniziare a cercare un “modus vivendi” (una via di coesistenza) con la Russia. La NATO non può vivere senza un nemico.

I neocon della Beltway hanno fatto il passo più lungo della gamba. La loro ultima carta sarà quella di spingere per un intervento militare diretto degli Stati Uniti nella guerra in Ucraina sotto la bandiera di una “coalizione dei volenterosi”.

conclude M. K. Bhadrakumar.

 

Di Olga Lebedeva, pravda.ru

27.12.2022


fonte https://english.pravda.ru/world/155302-putin_nato/

Traduzione di Costantino Ceoldo

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
51 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
51
0
È il momento di condividere le tue opinionix