PERCHÉ SHINZO ABE È STATO ASSASSINATO: VERSO GLI “STATI UNITI D’EUROPA” E LA LEGA DELLE NAZIONI

DONA A COMEDONCHISCIOTTE.ORG PER SOSTENERE UN'INFORMAZIONE LIBERA E INDIPENDENTE:
PAYPAL: Clicca qui

STRIPE: Clicca qui

Di Cynthia Chung, canadianpatriot.org

Come già discusso nel mio articolo “Is Japan Willing to Cut its Own Throat in Sacrifice to the U.S. Pivot to Asia?“, di cui questo articolo è il seguito, il Giappone è diventato la bomba a orologeria dell’economia mondiale.

Non si tratta di un risultato inaspettato per il Giappone, ma è stato previsto negli ultimi 50 anni come prospettiva politica della Commissione Trilaterale (anche se non è limitata a questa istituzione). È infatti la visione della Lega delle Nazioni che è stata sulla lista dei desideri di coloro che hanno iniziato la Prima Guerra Mondiale nella speranza che il mondo accettasse un unico governo mondiale di regionalizzazione al servizio di un impero. È ciò che ha orchestrato la Grande Depressione per tentare di nuovo l’attuazione di una prospettiva da Lega delle Nazioni attraverso l’ascesa di un fascismo di stampo “nazionalsocialista” come quello italiano e tedesco (che non sarebbe stato possibile senza una crisi economica). E fu questo che diede il via alla Seconda Guerra Mondiale, nel disperato tentativo di imporre con la forza una simile visione al mondo (per saperne di più, si veda qui e qui).

Si è sempre trattato di ottenere un’organizzazione tipo Lega delle Nazioni per il mondo e coloro che si definivano democratici si sono spesso trovati nella stessa stanza di coloro che si definivano fascisti per portare a termine tale visione.

Come scrisse il conte Richard Coudenhove-Kalergi, il padre del Paneuropeismo (che era anche filofascista), nella sua autobiografia del 1943 “Una crociata per la Paneuropa”:

“Gli antifascisti odiavano Hitler… eppure… spianarono la strada ai suoi successi. Perché questi antifascisti riuscirono a trasformare Mussolini, il più forte nemico di Hitler negli anni 1933 e 1934, nel più forte alleato di Hitler. Non biasimo gli antifascisti italiani e spagnoli per la loro lotta coraggiosa e molto naturale contro i loro spietati nemici politici. Ma biasimo i politici democratici, soprattutto in Francia… hanno trattato Mussolini come un alleato di Hitler finché non lo è diventato.”

Secondo Kalergi, e secondo molte altre “élite” con un pedigree simile, era inevitabile che si verificasse un dominio fascista paneuropeo e Kalergi espresse il suo chiaro disprezzo per la resistenza antifascista e democratica a questa “inevitabilità”. Dal punto di vista di Kalergi, a causa della resistenza antifascista e democratica a un trasferimento più “pacifico” al fascismo, essi avevano creato una situazione in cui il fascismo avrebbe dovuto essere imposto con la forza. Agli occhi di Kalergi si trattava di una tragedia che si sarebbe potuta evitare se questi Paesi avessero semplicemente accettato il fascismo a condizioni “democratiche”. Il conte Richard Coudenhove-Kalergi scriverà nell’altra sua autobiografia “Un’idea conquista il mondo” [enfasi aggiunta]:

L’uso dell’ipnotismo di massa a fini propagandistici ha maggior successo nei momenti di crisi. Quando il nazionalsocialismo fece la sua scalata al potere, milioni di tedeschi erano stati completamente sbilanciati: le famiglie della classe media erano sprofondate al livello del proletariato, mentre le famiglie della classe operaia erano senza lavoro. Il Terzo Reich divenne l’ultima speranza per gli appiedati, per coloro che avevano perso il loro status sociale e per quegli esseri senza radici che cercavano una nuova base per un’esistenza ormai priva di senso… Lo sfondo economico del movimento hitleriano diventa evidente quando si ricorda che le due rivoluzioni di Hitler coincisero con le due grandi crisi economiche della Germania: l’inflazione del 1923 e la recessione dei primi anni Trenta, con la sua ondata di disoccupazione. Nei sei anni successivi, relativamente prosperi per la Germania, il movimento hitleriano fu praticamente inesistente.”

Il padre del paneuropeismo e padre spirituale dell’Unione Europea, il conte Richard Coudenhove-Kalergi, parlava spesso bene del fascismo austriaco e italiano e persino del fascismo cattolico e quindi la sua citazione assume un ulteriore livello di inquietudine. Kalergi riconosce che l’ascesa di Hitler non sarebbe stata possibile se non ci fossero stati due periodi di estrema crisi economica per la Germania. La domanda è: queste crisi furono organiche nel loro verificarsi o piuttosto architettate?

Nell’autobiografia del 1954 “Un’idea conquista il mondo”, Kalergi scrive: “Non c’è dubbio che la popolarità di Hitler si basò principalmente sulla lotta fanatica che egli condusse contro il Trattato di Versailles”.

Se guardiamo all’ecosistema politico in cui Kalergi navigava, otteniamo alcuni indizi di una simile domanda, che includeva uomini come Max Warburg, il barone Louis Rothschild, Herbert Hoover, il Segretario di Stato Frank Kellogg, Owen D. Young, Bernard Baruch, Walter Lippmann, il colonnello House, il generale Tasker Bliss, Hamilton Fish Armstrong, Thomas Lamont, il giudice Hughes. Tutti questi uomini sono citati direttamente da Kalergi come sua base di sostegno negli Stati Uniti nella sua autobiografia. Essi sostenevano fermamente il paneuropeismo di Kalergi, alias “Stati Uniti d’Europa”, erano convinti sostenitori della visione della Lega delle Nazioni e furono artefici della Conferenza di pace di Parigi (1919-1920), responsabile del Trattato di Versailles che lanciò la Germania nella sua prima ondata di estrema crisi economica (per saperne di più su questa storia si veda qui).

Nel mio precedente articolo, “Is Japan Willing to Cut its Own Throat in Sacrifice to the U.S. Pivot to Asia?”, ho discusso di come questo sia l’obiettivo della Commissione Trilaterale: creare crisi economiche per far passare riforme strutturali estreme.

L’analista finanziario e storico Alex Krainer scrive:

“La Commissione [Trilaterale] è stata co-fondata nel luglio del 1973 da David Rockefeller, Zbigniew Brzezinski e un gruppo di banchieri americani, europei e giapponesi, funzionari pubblici e accademici tra cui Alan Greenspan e Paul Volcker. Fu istituito per promuovere una stretta cooperazione tra le nazioni che costituivano l’architettura a tre blocchi dell’odierno impero occidentale. Questa ‘stretta cooperazione’ era intesa come il fondamento stesso dell’’agenda a tre blocchi’ dell’impero, come formulata dagli amministratori del non-morto impero britannico.”

La sua formazione sarebbe stata organizzata dalla mano britannica in America, il Council on Foreign Relations (CFR), (alias: la progenie del Royal Institute for International Affairs, il principale think tank della Corona britannica).

Il 9 novembre 1978, il membro della Commissione Trilaterale Paul Volcker (presidente della Federal Reserve dal 1979 al 1987) avrebbe affermato in una conferenza tenuta all’Università di Warwick, in Inghilterra: “Una disintegrazione controllata dell’economia mondiale è un obiettivo legittimo per gli anni ’80”. Tuttavia, non sarebbe più stata chiamata con questo nome, ma piuttosto come “integrazione gestita” [1]. Questa è anche l’ideologia che ha dato forma alla “Terapia d’urto” di Milton Friedman. All’epoca dell’amministrazione Carter, la maggioranza del governo era gestita da membri della Commissione Trilaterale.

Nel 1975 il CFR lanciò uno studio pubblico sulla politica globale intitolato Progetto 1980. Il tema generale era la “disintegrazione controllata” dell’economia mondiale e il rapporto non cercava di nascondere la carestia, il caos sociale e la morte che la sua politica avrebbe portato alla maggior parte della popolazione mondiale.

Questo è esattamente ciò che sta subendo il Giappone e che l’economista Richard Werner ha dimostrato nel suo libro Princes of Yen, da cui è stato tratto un documentario omonimo. L’economia giapponese fu sottoposta ad una bolla speculativa per creare una crisi economica che avrebbe poi giustificato la necessità di una riforma strutturale estrema.

Discuteremo ora brevemente di come anche gli Stati Uniti, le Tigri Economiche e l’Europa siano state sottoposte allo stesso processo di crisi economica artificiale e di cosa questo significhi per il mondo di oggi, di quali siano state le conseguenze per l’Europa nel seguire un modello di “Stati Uniti d’Europa” e di come il modello di governo unico mondiale di una Lega delle Nazioni differisca dal quadro multipolare composto da Stati nazionali sovrani. Concluderò questo articolo con alcune osservazioni sul perché Shinzo Abe è stato assassinato.

Colonialismo 2.0: La crisi economica asiatica delle Tigri Economiche

Il Giappone non è stata l’unica economia asiatica ad alto rendimento a trovarsi negli anni ’90 nella più profonda recessione dai tempi della Grande Depressione. Nel 1997, le valute delle Tigri Economiche del Sud-Est asiatico non sono riuscite a mantenere un tasso di cambio fisso con il dollaro statunitense. Nel giro di un anno crollarono del 60-80%.

Le cause di questo crollo risalgono al 1993. In quell’anno, le economie delle tigri asiatiche (Corea del Sud, Thailandia e Indonesia) attuarono una politica di deregolamentazione aggressiva dei loro conti capitali e l’istituzione di strutture bancarie internazionali, che permisero ai settori aziendali e bancari di contrarre liberamente prestiti dall’estero, per la prima volta nel dopoguerra. In realtà, le economie delle tigri asiatiche non avevano bisogno di prendere in prestito denaro dall’estero. Tutto il denaro necessario per gli investimenti interni poteva essere creato in patria.

Il documentario Princes of Yen osserva che:

“In effetti la pressione per la liberalizzazione dei flussi di capitale veniva dall’esterno. Fin dall’inizio degli anni ’90, il FMI, l’Organizzazione Mondiale del Commercio e il Tesoro degli Stati Uniti hanno esercitato pressioni su questi Paesi affinché consentissero alle imprese nazionali di contrarre prestiti dall’estero. L’economia neoclassica aveva dimostrato che il libero mercato e la libera circolazione dei capitali aumentavano la crescita economica.

Una volta deregolamentati i conti dei capitali, le banche centrali si sono impegnate a creare incentivi irresistibili per le imprese nazionali a contrarre prestiti all’estero, rendendo più costoso il prestito in valuta nazionale rispetto a quello in dollari.

Le banche centrali sottolinearono nelle loro dichiarazioni pubbliche che avrebbero mantenuto tassi di cambio fissi con il dollaro americano, in modo che i mutuatari non dovessero preoccuparsi di restituire nella loro valuta nazionale più di quanto avevano originariamente preso in prestito. Alle banche fu ordinato di aumentare i prestiti. Ma si trovarono di fronte a una minore domanda di prestiti da parte dei settori produttivi dell’economia, perché queste imprese erano state incentivate a contrarre prestiti all’estero. Le banche dovettero quindi ricorrere ad un aumento dei prestiti ai mutuatari a più alto rischio.

Le importazioni cominciarono a ridursi, perché le banche centrali avevano accettato di ancorare le loro valute al dollaro americano. Le economie sono diventate meno competitive, ma il saldo delle partite correnti è stato mantenuto grazie ai prestiti emessi dall’estero, che nelle statistiche della bilancia dei pagamenti vengono considerati come esportazioni. Quando gli speculatori hanno iniziato a vendere il baht thailandese, il won coreano e la rupia indonesiana, le rispettive banche centrali hanno risposto con inutili tentativi di mantenere l’ancoraggio fino a quando non hanno esaurito praticamente tutte le loro riserve valutarie. In questo modo, i finanziatori stranieri hanno avuto ampie possibilità di ritirare il loro denaro ai tassi di cambio sopravvalutati.

Le banche centrali sapevano che se i Paesi avessero esaurito le riserve valutarie, avrebbero dovuto ricorrere al FMI per evitare il default. E una volta arrivato il FMI, le banche centrali sapevano cosa avrebbe chiesto questa istituzione con sede a Washington, poiché le sue richieste in questi casi erano state le stesse per i tre decenni precedenti: le banche centrali sarebbero state rese indipendenti [e sottomesse al diktat del FMI].

Il 16 luglio il ministro delle Finanze thailandese si recò a Tokyo per chiedere un salvataggio al Giappone. All’epoca il Giappone disponeva di 213 miliardi di dollari di riserve valutarie, più delle risorse totali del FMI. Il Giappone era disposta ad aiutare, ma Washington bloccò l’iniziativa del Giappone. Qualsiasi soluzione alla nascente crisi asiatica doveva provenire da Washington attraverso il FMI.

Dopo due mesi di attacchi speculativi, il governo thailandese fece fluttuare il baht.

Ad oggi, il FMI ha promesso quasi 120 miliardi di dollari alle economie in difficoltà di Thailandia, Indonesia e Corea del Sud. Subito dopo l’arrivo nei Paesi in crisi, i team dell’FMI hanno aperto uffici all’interno delle banche centrali, da dove hanno dettato le condizioni di una vera e propria resa. Il FMI ha richiesto una serie di politiche, tra cui la limitazione della creazione di credito da parte delle banche centrali e delle banche, importanti modifiche legislative e forti aumenti dei tassi di interesse. Con l’aumento dei tassi di interesse, i mutuatari ad alto rischio cominciarono a non onorare i loro prestiti.

Gravati da grandi quantità di crediti inesigibili, i sistemi bancari di Thailandia, Corea e Indonesia sono andati praticamente in bancarotta. Anche le imprese altrimenti sane hanno iniziato a soffrire della crescente contrazione del credito. I fallimenti aziendali sono aumentati. La disoccupazione è salita ai livelli più alti dagli anni ’30”.

Il FMI sapeva bene quali sarebbero state le conseguenze delle sue politiche. Nel caso coreano, aveva persino preparato studi dettagliati ma non divulgati, che avevano calcolato quante aziende coreane sarebbero fallite se i tassi di interesse fossero aumentati di cinque punti percentuali. Il primo accordo del FMI con la Corea prevedeva un aumento dei tassi di interesse esattamente di cinque punti percentuali.

Richard Werner ha dichiarato in un’intervista: “Le politiche del FMI non mirano chiaramente a creare una ripresa economica nei Paesi asiatici. Esse perseguono un’agenda ben diversa, che consiste nel cambiare i sistemi economici, politici e sociali di quei Paesi. Di fatto, gli accordi del Fondo Monetario Internazionale impediscono ai Paesi interessati, come la Corea e la Thailandia, di riflettersi.”

Intervistatore: “Interessante. Quindi sta dicendo che sta l’FMI peggiorando la crisi e sta suggerendo che abbia un’agenda nascosta?”

Richard Werner risponde: “Beh, non è molto nascosta questa agenda, perché il FMI chiede chiaramente che i paesi asiatici interessati debbano cambiare le leggi in modo che gli interessi stranieri possano comprare qualsiasi cosa, dalle banche ai terreni. E di fatto, i sistemi bancari possono essere ricapitalizzati, secondo gli accordi del FMI, solo utilizzando denaro straniero, il che non è affatto necessario, perché finché questi Paesi hanno banche centrali, possono semplicemente stampare denaro e ricapitalizzare i sistemi bancari. Non c’è bisogno di denaro straniero per questo. Quindi l’agenda è chiaramente quella di aprire l’Asia agli interessi stranieri.”

L’FMI ha chiesto che le banche in difficoltà non venissero salvate, ma che venissero chiuse e vendute a basso costo come attività in difficoltà, spesso a grandi banche d’investimento statunitensi. Nella maggior parte dei casi, le lettere di intenti dettate dal FMI affermavano esplicitamente che le banche dovevano essere vendute ad investitori stranieri.

In Asia, i salvataggi organizzati dal governo per mantenere in vita le istituzioni finanziarie in difficoltà non erano ammessi. Ma quando, un anno dopo, una crisi simile si è abbattuta in America, le stesse istituzioni hanno reagito in modo diverso.

Le osservazioni del documentario Princes of Yen:

“L’hedge fund Long-Term Capital Management, con sede nel Connecticut, che accettava come clienti solo investitori individuali e istituzioni con un elevato patrimonio netto, aveva fatto leva sui suoi 5 miliardi di dollari di capitale dei clienti, per oltre 25 volte, prendendo in prestito più di 100 miliardi di dollari dalle banche mondiali. Quando le sue perdite hanno minacciato di mettere in crisi le banche che le avevano prestato, con la possibilità di una crisi bancaria sistemica che avrebbe messo in pericolo il sistema finanziario e l’economia degli Stati Uniti, la Federal Reserve ha organizzato un salvataggio simile ad un cartello, chiedendo a Wall Street e alle banche internazionali di contribuire con fondi per evitare il default.

Perché gli Stati Uniti dovrebbero fare richieste a nazioni straniere in nome del libero mercato, quando non hanno intenzione di far rispettare le stesse regole all’interno dei propri confini?

Gli esempi della crisi giapponese e di quella asiatica illustrano come le crisi possano essere architettate per facilitare la ridistribuzione della proprietà economica e per attuare cambiamenti legali, strutturali e politici.”

Il motivo per cui è stato vietato il salvataggio delle banche asiatiche è stato quello di consentire l’acquisizione delle economie asiatiche da parte di stranieri. Chi aveva bisogno della British East-India Co. quando ora c’era il FMI a garantire gli obiettivi coloniali dell’impero?

L’agenda “non tanto nascosta” del FMI e della Commissione Trilaterale

Il FMI ha chiaramente puntato su un’acquisizione bancaria occidentale dell’Asia, ma qual era l’“agenda” per l’Europa e gli Stati Uniti che si trovavano all’interno di questa sfera di influenza? Erano destinati a beneficiare dei saccheggi dell’impero?

La risposta breve, che dovrebbe essere ormai evidente, è no.

Le crisi create negli Stati Uniti e in Europa avevano lo scopo di accentrare ulteriormente il potere in un gruppo sempre più ristretto e chiaramente non a beneficio delle persone, o diciamo dei sudditi della terra, che vivono in queste regioni.

L’Europa si è particolarmente rovinata a causa della sua adesione alla visione degli “Stati Uniti d’Europa”. I Paesi del blocco valutario dell’euro hanno rinunciato al diritto di avere una moneta nazionale e hanno ceduto questo potere alla Banca Centrale Europea (BCE), la più potente e segreta di tutte le banche centrali.

In questo sistema, nessun Paese europeo ha il controllo della propria economia ed è completamente esposto a qualsiasi decisione della BCE.

Richard Werner ha osservato che: “La BCE deve concentrarsi maggiormente sulla creazione di credito piuttosto che sui tassi di interesse. La BCE ha molto da imparare dai suoi errori passati, perché fondamentalmente non credo che abbia guardato con sufficiente attenzione alla creazione di credito. Mentre in Spagna e in Irlanda c’è stata una massiccia espansione del credito, sotto la sorveglianza della BCE, i tassi d’interesse sono ovviamente gli stessi nell’Eurozona, ma la quantità del ciclo del credito è molto diversa… C’è un unico tasso d’interesse per l’intera area dell’euro, ma nel 2002 la BCE ha detto alla Bundesbank [banca centrale della Germania] di ridurre la creazione di credito del più grande importo della sua storia e ha detto alla banca centrale irlandese di stampare tanto denaro come se non ci fosse un domani. Cosa vi aspettate che succeda? Lo stesso tasso di interesse. La crescita sarà la stessa? No. Recessione in Germania, boom in Irlanda. Quale variabile ve lo dice? La creazione di credito.”

Dal 2004, sotto il controllo della BCE, la crescita del credito bancario in Irlanda, Grecia, Portogallo e Spagna è aumentata di oltre il 20% all’anno e i prezzi degli immobili sono saliti alle stelle. Quando il credito bancario è diminuito, i prezzi degli immobili sono crollati, i costruttori sono falliti e i sistemi bancari di Irlanda, Portogallo, Spagna e Grecia sono diventati insolventi.

Il documentario Princes of Yen osserva che:

“La BCE avrebbe potuto prevenire queste bolle così come avrebbe potuto porre fine alle conseguenti crisi bancarie ed economiche. Ma si è rifiutata di farlo fino a quando non sono state fatte importanti concessioni politiche, come il trasferimento dei poteri fiscali e di bilancio da ogni Stato sovrano all’Unione Europea.

Sia in Spagna che in Grecia la disoccupazione giovanile ha raggiunto il 50%, costringendo molti giovani a cercare lavoro all’estero. Le delibere degli organi decisionali della BCE sono segrete. Il solo tentativo di influenzare la BCE, ad esempio attraverso dibattiti e discussioni democratiche, è vietato dal Trattato di Maastricht.

La BCE è un’organizzazione internazionale al di sopra e al di fuori delle leggi e delle giurisdizioni di ogni singola nazione. Il suo personale di alto livello ha passaporti diplomatici e i dossier e i documenti all’interno della Banca Centrale Europea non possono essere perquisiti o sequestrati da nessuna forza di polizia o pubblico ministero.

La Commissione europea, un gruppo non eletto il cui obiettivo è costruire gli ‘Stati Uniti d’Europa’, con tutti gli orpelli di uno Stato unificato, ha interesse a indebolire i singoli governi e l’influenza dei parlamenti democratici europei. Si scopre che le prove dell’indipendenza delle banche centrali, su cui si è fatto affidamento nel Trattato di Maastricht, provengono da un unico studio commissionato nientemeno che dalla stessa Commissione europea”.

Le radici fasciste degli Stati Uniti d’Europa

Il 15 febbraio 1930, Churchill pubblicò su The Saturday Evening un articolo intitolato “Gli Stati Uniti d’Europa”, in cui scriveva [2]:

“…La resurrezione dell’idea paneuropea è in gran parte identificata con il conte Coudenhove-Kalergi… La Lega delle Nazioni, dalla quale gli Stati Uniti si sono così imprudentemente assentati – considerando i loro vasti e crescenti interessi – è diventata di fatto, se non nella forma, principalmente un’istituzione europea. Il conte Coudenhove-Kalergi propone di concentrare le forze, gli interessi e i sentimenti europei in un unico ramo che, se crescesse, diventerebbe il tronco stesso, acquisendo così un’evidente predominanza. Pensate infatti a quanto è potente l’Europa, se non fosse per le sue divisioni! Lasciate che la Russia scivoli indietro, come propone il conte Kalergi e come è già in gran parte un fatto, verso l’Asia. Che l’Impero britannico, escluso dal suo piano, realizzi il proprio ideale di estensione mondiale, pure, la massa dell’Europa, una volta unita, una volta federata o parzialmente federata, una volta autocosciente a livello continentale, l’Europa, con i suoi possedimenti e le sue piantagioni africane e asiatiche, costituirebbe un organismo senza paragoni.” [enfasi aggiunta]

In “Un’idea conquista il mondo”, il conte Richard Coudenhove-Kalergi scrive [enfasi aggiunta]:

“Scoprii con sorpresa che il sentimento di coscienza europea si era manifestato per la prima volta durante le Crociate. Dopo la caduta dell’Impero romano, le Crociate rappresentarono la più vigorosa manifestazione di solidarietà europea. Per un certo periodo, le faide tra re, principi e città furono sommerse da una causa comune… Infine, nel 1834, Mazzini fondò la Giovane Europa, un movimento destinato a coordinare tutti i movimenti rivoluzionari esistenti al fine di costruire un’Europa nuova e unita su una base di nazionalismo e democrazia.”

È interessante notare che Kalergi scriverà che Giuseppe Mazzini, che considerava il più moderno organizzatore di un’“Europa unita su basi di nazionalismo e democrazia”, era anche considerato il precursore del fascismo in Italia. Kalergi infatti scrive [enfasi aggiunta] [3]:

“Il fascismo a quel tempo [in Italia] non aveva ancora rotto con il parlamentarismo e la democrazia. Il nuovo governo italiano era un governo di coalizione; rispettava il principio della monarchia costituzionale, fingendo solo di dargli nuovo vigore e autorità. Si appellava agli istinti eroici della gioventù, allo spirito di sacrificio e all’idealismo. Cercò di ripristinare il rispetto dei valori religiosi e delle gloriose tradizioni dell’antica Roma. Salutò la memoria di Mazzini come precursore del fascismo.”

Il tema dei crociati sarebbe stato centrale nell’idea di Kalergi di una Pan-Europa, per la quale egli incorporò persino il simbolo dei crociati nella sua bandiera per la causa paneuropea.

Nella sua autobiografia del 1943, Kalergi espande ulteriormente il tema del crociato della Pan-Europa [enfasi aggiunta] [4]:

“Scelsi il segno della croce rossa sovrapposta a un sole dorato come emblema del nostro movimento. La croce rossa, che era stata la bandiera dei crociati medievali, sembrava il più antico simbolo conosciuto di fratellanza europea sovranazionale. In tempi più recenti è stata riconosciuta anche come simbolo dell’opera di soccorso internazionale. Il sole è stato scelto per rappresentare le conquiste della cultura europea nel contribuire a illuminare il mondo. Così, l’ellenismo e il cristianesimo – la croce di Cristo e il sole di Apollo – figurano fianco a fianco come i due pilastri duraturi della civiltà europea.”

Questa idea di “Stati Uniti d’Europa”, la visione “paneuropea” di Kalergi, era un abile e disonesto gioco di parole. In origine gli Stati Uniti esistevano sotto forma di 13 colonie legate all’Impero britannico. Tuttavia, quando gli Stati Uniti hanno cercato di ottenere l’indipendenza dall’Impero Britannico organizzandosi in uno Stato nazionale sovrano, i padri fondatori hanno unificato la nuova repubblica attorno a un sistema di banche hamiltoniane. Questa innovazione nell’economia politica ha convertito i debiti impagabili in un nuovo sistema di credito federale, ha attuato il protezionismo federale per favorire la crescita industriale locale e ha orientato le banche verso investimenti che migliorassero il benessere generale.

In questo modo, gli Stati Uniti furono in grado di formare una moneta e una banca nazionale per facilitare gli scambi commerciali e sostenere la sovranità economica della nazione appena creata.

Questa organizzazione economica hamiltoniana influenzò a sua volta “Il sistema nazionale di economia politica” dell’economista tedesco Friedrich List, che portò allo Zollverein. Anche la Germania dell’epoca era divisa in regioni come gli Stati Uniti (fino a quel momento la Germania non era mai stata una vera e propria nazione) e lo Zollverein permise alla Germania di iniziare a costituirsi come Stato nazionale sovrano per la prima volta nella storia. Friedrich List si era direttamente riferito al sistema economico hamiltoniano come sua ispirazione per la Germania. Questo sistema aveva influenzato anche Sun Yat-sen, padre della Repubblica cinese, nel suo “I tre principi del popolo”, che era un riferimento diretto al programma economico di Lincoln/Henry C. Carey, a sua volta una continuazione dei principi economici di Alexander Hamilton. Questi principi sono stati ripresi anche dagli economisti americani pro-Lincoln in Giappone, che hanno contribuito a organizzare il programma di crescita industriale iniziato con la Restaurazione Meiji.

Questo è ciò che continua a fare il quadro multipolare, la difesa e la crescita di Stati nazionali sovrani. Sì, c’è la cooperazione regionale. È necessaria la cooperazione regionale per i grandi progetti infrastrutturali, come la ferrovia, che coinvolgono numerose nazioni. Ma la cooperazione regionale non deve essere confusa con la visione della Lega delle Nazioni e si può facilmente distinguere tra le due cose in termini di proposte politiche ed economiche. Nel prossimo futuro scriverò un articolo per affrontare più direttamente questo argomento, ma per il momento rimando il lettore qui per un approfondimento.

Nel caso della visione della Lega delle Nazioni, della Pan-Europa, degli Stati Uniti d’Europa ecc. ecc. si trattava dell’esatto contrario. Si trattava di togliere il potere alla struttura sovrana dello Stato-nazione e di trasformare le nazioni in Stati vassalli asserviti a sistemi di impero. In altre parole, gli “Stati Uniti d’Europa” erano un riferimento disonesto e fuorviante alle 13 colonie americane originarie. Era disonesto perché, invece di promuovere una maggiore sovranità economica nazionale, ci si aspettava che le nazioni europee eliminassero la loro sovranità e fossero soggette a un controllo centralizzato attraverso l’Unione Europea (potere politico centralizzato), la Banca Centrale Europea (potere economico centralizzato) e la NATO (potere militare centralizzato). Nessun Paese europeo avrebbe il controllo del proprio destino politico, economico o militare all’interno di una simile morsa.

Affinché la visione della Lega delle Nazioni possa prendere il sopravvento, gli Stati nazionali sovrani dovranno essere smantellati. Per saperne di più su questa storia, si veda il mio libro “The Empire on Which the Black Sun Never Set”.

Ciò che le crisi economiche americane ed europee ci hanno insegnato è che i contribuenti saranno costretti a pagare per la crescente acquisizione centralizzata di quelle che un tempo erano economie sovrane, al fine di potenziare un gruppo molto ristretto di persone, mentre i diritti e il benessere dei cittadini medi sono sempre più considerati irrilevanti.

Perché Shinzo Abe è stato assassinato

L’ex Primo Ministro del Giappone Shinzo Abe è stato assassinato l’8 luglio 2022 e, sebbene al momento del suo assassinio non ricoprisse più la carica di Primo Ministro del Giappone (essendo stato in carica dal 2006-2007 e dal 2012 al 16 settembre 2020), è stato il Primo Ministro più longevo della storia del Giappone e ha continuato a esercitare una grande influenza sulla definizione delle politiche in Giappone.

La notizia dell’assassinio di Abe è stata accolta in tutto il mondo con una miscela di emozioni molto forti da entrambi gli estremi. Alcuni erano inorriditi dalla sua morte e lodavano ciò che aveva fatto per il Giappone come qualcosa di quasi santo. Altri festeggiarono estasiati la sua morte, pensando che da lui non potesse venire nulla di buono a causa dei suoi tentativi di far rivivere il lato oscuro del passato imperiale del Giappone e delle sue manifestazioni pubbliche di omaggio ai fascisti giapponesi della Seconda Guerra Mondiale. Quando la notizia era ancora fresca e la frenesia della confusione al suo apice, molti hanno persino incolpato la Cina per l’orchestrazione della morte di Abe, pensando che fossero chiaramente i cinesi a trarre vantaggio da un tale atto.

È vero che Abe aveva una missione molto pericolosa e distruttiva: riportare il Giappone al suo status di impero imperialista. Era un insider corrotto che ha spinto per una pericolosa privatizzazione del governo giapponese e ha aumentato il divario tra i cittadini ricchi e quelli della classe media. Tuttavia, è anche troppo semplicistico celebrare la sua morte come un trionfo assoluto. Come possiamo vedere chiaramente sette mesi dopo l’assassinio di Abe, il Giappone non è diventato più pacifico e pronto al dialogo con i suoi partner orientali, ma piuttosto è diventato molto più bellicoso e rigido nella sua cooperazione con le richieste occidentali sempre più frenetiche di guerra. Il Giappone ha anche interrotto notevolmente il cammino verso una maggiore cooperazione economica e politica con Russia e Cina, che stava ancora avanzando quando Abe era in vita.

È interessante notare che Abe è stato assassinato settimane prima del tour circense di Pelosi a Taiwan. Sebbene la provocazione di Pelosi non sia sfociata in un confronto militare, non possiamo dire che non fosse nelle sue intenzioni, né che le cose sarebbero potute andare molto diversamente in termini di confronto militare tra Cina e Stati Uniti.

Al lettore va ricordato che nel 2014 il Giappone ha cambiato o “reinterpretato” la propria costituzione, che ha conferito maggiori poteri alle Forze di autodifesa giapponesi, consentendo loro di “difendere altri alleati” in caso di dichiarazione di guerra nei loro confronti. Gli Stati Uniti, ovviamente, hanno appoggiato pienamente questa mossa e tale “reinterpretazione” della costituzione giapponese lo fece entrare di fatto nella NATO.

Nel dicembre 2022, il Giappone ha annunciato una nuova strategia di sicurezza nazionale. Questa nuova strategia prevede il raddoppio della spesa per la difesa. Il Giappone prevede inoltre di investire in capacità di contrattacco, acquistando anche missili da crociera Tomahawk statunitensi e sviluppando sistemi d’arma propri.

Proprio la visione grandiosa di Abe, che vedeva il Giappone tornare ai suoi giorni di “gloria” come impero, era problematica per la visione della Lega delle Nazioni, perché se il Giappone si vedeva alla pari di altri grandi imperi, o forse anche più grande, significava che in definitiva non intendeva piegare il ginocchio.

In altre parole, Abe non era disposto a svendere il Giappone come una satrapia, ma questo era esattamente ciò che il diktat occidentale chiedeva al Giappone. Secondo questo diktat occidentale, al Giappone veniva ordinato di accettare il suo destino di collasso economico e di sprofondare nella disperazione, di diventare sempre più militarista ed estremista e di condurre una carica kamikaze in una guerra con la Cina e la Russia che avrebbe portato alla rovina della civiltà giapponese. Non sembra che Abe avesse intenzione di seguire questa visione cruda del Giappone.

Emanuel Pastreich ha scritto un articolo perspicace intitolato “L’assassinio dell’arciduca Shinzo Abe”, basta leggere il titolo per capire tutto [l’articolo è anche intitolato “When the Globalists Crossed the Rubicon: the Assassination of Shinzo Abe”].

Pastreich scrive:

“[Abe]… era già il primo ministro più longevo della storia giapponese e aveva in programma una terza candidatura a primo ministro, quando è stato colpito.

Inutile dire che i poteri che stanno dietro al Forum economico mondiale non vogliono leader nazionali come Abe, anche se sono conformi all’agenda globale, perché sono in grado di organizzare la resistenza all’interno dello Stato nazionale.

…Nel caso della Russia, Abe ha negoziato con successo un complesso trattato di pace con la Russia nel 2019 che avrebbe normalizzato le relazioni e risolto la disputa sui Territori del Nord (le Isole Curili in russo). È riuscito a ottenere contratti energetici per le imprese giapponesi e a trovare opportunità di investimento in Russia, anche se Washington ha aumentato la pressione su Tokyo per le sanzioni.

Il giornalista Tanaka Sakai osserva che ad Abe non è stato vietato di entrare in Russia dopo che il governo russo aveva vietato l’ingresso a tutti gli altri rappresentanti del governo giapponese.

Abe si è anche impegnato seriamente con la Cina, solidificando i legami istituzionali a lungo termine e portando avanti i negoziati per l’accordo di libero scambio che hanno raggiunto una svolta nel quindicesimo round di colloqui (9-12 aprile 2019). Abe aveva facile accesso ai principali esponenti politici cinesi, che lo consideravano affidabile e prevedibile, anche se la sua retorica era aspramente anti-cinese.

L’evento critico che probabilmente ha innescato il processo che ha portato all’assassinio di Abe è stato il vertice NATO di Madrid (28-30 giugno).

Il vertice della NATO è stato un momento in cui gli attori nascosti dietro le quinte hanno dettato la legge per il nuovo ordine globale. La NATO è in rapida evoluzione, al di là di un’alleanza per la difesa dell’Europa, per diventare una potenza militare non rendicontabile, che lavora con il Global Economic Forum, i miliardari e i banchieri di tutto il mondo, come un “esercito mondiale”, che funziona come la Compagnia britannica delle Indie Orientali in un’altra epoca.

La decisione di invitare al vertice NATO i leader di Giappone, Corea del Sud, Australia e Nuova Zelanda è stata una parte fondamentale di questa trasformazione della NATO.

Queste quattro nazioni sono state invitate a partecipare a un livello di integrazione della sicurezza senza precedenti, che comprende la condivisione dell’intelligence (esternalizzata alle grandi multinazionali della tecnologia), l’uso di sistemi d’arma avanzati (che devono essere gestiti dal personale di multinazionali come Lockheed Martin), esercitazioni congiunte (che creano un precedente per un processo decisionale oppressivo) e altri approcci “collaborativi” che minano la catena di comando all’interno dello Stato nazionale.

Quando Kishida è tornato a Tokyo il primo luglio, non c’è dubbio che uno dei suoi primi incontri sia stato con Abe. Kishida ha spiegato ad Abe le condizioni impossibili che l’amministrazione Biden aveva richiesto al Giappone.

La Casa Bianca, tra l’altro, è ora interamente strumento di globalisti come Victoria Nuland (sottosegretario di Stato per gli Affari politici) e altri addestrati dal clan Bush.

Le richieste fatte al Giappone erano di natura suicida. Il Giappone doveva aumentare le sanzioni economiche contro la Russia, prepararsi a una possibile guerra con la Russia e prepararsi a una guerra con la Cina. Le funzioni militari, di intelligence e diplomatiche del Giappone dovevano essere trasferite al gruppo emergente di appaltatori privati che si riuniscono per il banchetto intorno alla NATO.

Non sappiamo cosa abbia fatto Abe nella settimana precedente la sua morte. Molto probabilmente si è lanciato in un sofisticato gioco politico, utilizzando tutte le sue risorse a Washington D.C., Pechino e Mosca, così come a Gerusalemme, Berlino e Londra, per elaborare una risposta a più livelli che avrebbe dato al mondo l’impressione che il Giappone fosse dietro a Biden fino in fondo, mentre cercava una distensione con la Cina e la Russia dalla porta di servizio”.

Siamo onesti, perché a questo punto il pasticcio dovrebbe essere sotto gli occhi di tutti: coloro che sono nella posizione di spingere le politiche disastrose del FMI, della NATO e del World Economic Forum non sono i cervelli nella stanza. L’imbarazzo dell’ex Primo Ministro britannico Liz Truss, che non sapeva nemmeno distinguere il territorio russo da quello ucraino, rispondendo che non avrebbe mai riconosciuto Rostov e Voronezh come russi, è solo uno dei troppi esempi che si verificano quasi quotidianamente. Questi sono gli strumenti perfetti per queste politiche folli proprio per questo motivo: non capiscono quale risultato stanno in definitiva spingendo. Sono assolutamente sprovveduti e quindi sacrificabili come i ritagli di cartone che sono.

La realtà della situazione è che nessuna nazione potrebbe sopravvivere a questa situazione di stallo.

Non si tratta del blocco occidentale contro il blocco orientale. Si tratta della rovina di tutte le nazioni e della formazione di un unico impero o, se preferite, di un unico governo mondiale. Anche in questo caso, si tratta della visione della Lega delle Nazioni, che è stata il sogno bagnato di un gruppo molto ristretto fin dalla Prima Guerra Mondiale.

Non si tratta della democrazia occidentale, del liberalismo o dei sistemi di valori occidentali. Si tratta, e si è sempre trattato, della sola reintegrazione dei sistemi di impero. È questo il senso della Prima Guerra Mondiale, è questo il senso della Seconda Guerra Mondiale ed è questo il senso della Terza Guerra Mondiale.

È interessante notare che vediamo ancora una volta la Germania e il Giappone posizionati accanto alla fune d’inciampo che è pronta a lanciare il globo in un’altra guerra mondiale in piena regola. E indovinate quale sarà il destino di questi due Paesi, la Germania e il Giappone, la cui “leadership” automa pensa così stupidamente di far parte del gruppo di “élite” che in qualche modo sopravviverà dopo aver incendiato il mondo, come hanno stupidamente commesso l’errore di pensare durante la Seconda Guerra Mondiale. Vedranno ancora una volta quanto il loro popolo, la loro civiltà siano sacrificabili per questo gruppo “d’élite” da cui vogliono disperatamente essere accettati.

Una cosa è certa dopo l’assassinio di Abe: il Giappone sta avanzando sempre più rapidamente su un sentiero molto pericoloso che lo minaccia di trovarsi ancora una volta dalla parte sbagliata della storia. La domanda è se la Germania e il Giappone siano così sciocchi da commettere due volte lo stesso errore, perché non dovrebbero pensare di sopravvivere una seconda volta a una simile resa dei conti.

Di Cynthia Chung, canadianpatriot.org

Cynthia Chung è docente, scrittrice, co-fondatrice ed editrice della Rising Tide Foundation (Montreal, Canada).

11.02.2023

Fonte: https://canadianpatriot.org/2023/02/11/why-shinzo-abe-was-assassinated-towards-a-united-states-of-europe-and-a-league-of-nations/

NOTE

[1] Anche se Volcker eviterebbe di continuare a usare il termine “disintegrazione controllata” nel suo discorso, incoraggiando piuttosto a chiamarla “integrazione gestita”, le due cose sono effettivamente uguali e portano allo stesso obiettivo, cioè ad una Lega delle Nazioni (per saperne di più su questo punto si veda la seconda parte di questa serie): “Per me, l’incarico di trovare un sistema senza crisi non poteva essere soddisfatto. Il passare del tempo non ha modificato il giudizio. In un sistema aperto, il vincolo esterno è presente. Se viene ignorato a lungo, si svilupperà una crisi. Ma una crisi può anche essere terapeutica – costringe a una risposta…. I problemi nel raggiungere quell’accordo limitato hanno fornito un ampio avvertimento della difficoltà intrinseca di conciliare i vari obiettivi dei diversi Paesi quando nessun singolo partecipante si sentiva abbastanza forte da assumersi, di fatto, i rischi di sottoscrivere il sistema. A posteriori, sembra ancora un risultato notevole che i paesi industrializzati si siano accordati insieme su una nuova griglia di tassi di cambio… Inoltre, non c’era alcun bisogno di risolvere controversie irrisolte sulla forma e la natura degli obblighi di convertibilità in un nuovo sistema monetario nel pieno della crisi. Così, quando i nuovi tassi furono attaccati dal mercato, l’alternativa di lasciare fluttuare il dollaro per un periodo indefinito non sembrò più un passo così impensabile. I Paesi industriali erano stanchi di cercare di far funzionare un sistema di tassi di cambio fissi, almeno senza raggiungere un accordo fondamentale sulle modalità di funzionamento di tale sistema”. Sembra proprio la teoria della “disintegrazione controllata”. E continua: “Non mi discosto dal forte consenso sul fatto che, su scala mondiale, non abbiamo altra scelta pratica se non quella di lavorare all’interno dell’ampio quadro di un sistema fluttuante – e questo sistema offre il quadro più promettente per ‘gestire l’integrazione’ per quanto possiamo vedere ora”. Il sistema fluttuante ha di fatto eliminato la sovranità economica degli Stati nazionali, che è proprio l’obiettivo della Lega delle Nazioni. Ecco quindi che Volcker riconosce che c’era bisogno di una crisi (naturalmente non la chiama crisi artificiale perché sarebbe giustamente considerata criminale), che c’era bisogno di una crisi per far passare il sistema fluttuante su scala mondiale, come ha detto Volcker, che siccome erano nel pieno di una crisi nessuno avrebbe discusso quello che era di fatto il lancio di un nuovo sistema monetario, e che con il sistema fluttuante ora avrebbero avuto lo strumento necessario per “gestire l’integrazione”. Un’“integrazione gestita” verso cosa? Una Lega delle Nazioni.

[2] Coudenhove-Kalergi, Richard., “Crusade for Pan-Europe: Autobiography of a Man and a Movement”, 1943, G.P. Putnam’s Sons, New York, pagg. 198-200.

[3] Coudenhove-Kalergi, Richard., “Crusade for Pan-Europe: Autobiography of a Man and a Movement”, 1943, G.P. Putnam’s Sons, New York, pag.78.

[4] Coudenhove-Kalergi, Richard., “Crusade for Pan-Europe: Autobiography of a Man and a Movement”, 1943, G.P. Putnam’s Sons, New York, pag. 98.

Traduzione di Costantino Ceoldo: https://www.geopolitika.ru/it/article/perche-shinzo-abe-e-stato-assassinato-verso-gli-stati-uniti-deuropa-e-la-lega-delle-nazioni

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
11 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
11
0
È il momento di condividere le tue opinionix