Non si simpatizza più per Londra

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

blankEssendo una persona molto vicina a Londra dopo gli attentati del 17 Luglio, devo confessare che quella compassione che provavo si sta rapidamente dissolvendo. Trovo totalmente disumano e disgustoso il fatto che dopo aver brutalmente sparato ad un uomo innocente sulla faccia a bruciapelo, la Polizia Metropolitana non consideri minimamente di cambiare la propria politica di “kill-on-suspicion” (uccidere soltanto sulle basi di un semplice sospetto). Il fatto che non ammetteranno mai di aver fatto qualcosa di male, è una sicurezza che lo potranno fare e che lo faranno di nuovo.

Si “pentono” dell’errore, anche se l’errore non è stato colpa loro e non poteva essere evitato. Tutti gli sbagli, gli errori e i casini sono da imputare comodamente a un qualche Dio onnipresente. “Sono stati fatti degli errori.” NON, “Abbiamo commesso un errore.” Questa è logica torturata. Quanti danni collaterali devono esserci perché la gente realizzi che si tratta di incompetenza –nell’ipotesi più ottimistica– e di assassinio –in quella più pessimistica–????
Nella migliore delle ipotesi, questo è stato senza dubbio un caso di “tracciamento del profilo” razziale. Il ragazzo, che nelle foto appare moro, sarebbe un Mediorientale agli occhi dei poliziotti. E lo stesso vale per il giubbotto pesantemente imbottito – la temperatura quel giorno era sui 70. Non tutti pensano che facesse troppo caldo per indossare un giubbotto, soprattutto per quelli provenienti dai paesi equatoriali. Ho conosciuto persone che si congelavano se la temperatura scendeva sotto i 78. (La storia che lui sia stato già oggetto di sorveglianze è probabilmente una menzogna per salvarsi la faccia.)

Ed è ancora più disgustoso il fatto che i giornali londinesi e il cosiddetto sindaco di sinistra “Red Ken” Livingston stiano difendendo la politica. Credo che “Ken il Rosso” dopotutto si sia rivelato un ennesimo difensore dei “danni collaterali”. O forse questo dimostra soltanto che chiunque può trasformarsi in un fascista della sicurezza nazionale se si spaventa abbastanza. Ken Livingston, nell’accusare i terroristi del 7 Luglio della morte del giovane brasiliano, non è che falso e sfacciato proprio come Bush e Blair.

E la cosa ancora più disgustosa è che il popolo di Londra non si è riversato nelle strade a protestare per quell’omicidio.

Durante l’anniversario della guerra in Iraq, sono sceso in piazza per manifestare insieme al popolo di Londra, contro la guerra e contro Tony “Bla bla”. Dov’è andata a finire quella compassionevole solidarietà???

In passato, neworkesi e non hanno manifestato contro la brutalità delle forze dell’ordine sventolando sturalavandini e portafogli. Stavolta i londinesi dovrebbero utilizzare almeno “cappotti imbottiti”, e SFIDARE i poliziotti a sparargli.

Se ai londinesi non interessa neanche fare questo, allora sarà sempre più difficoltoso per me interessarmi a loro.

Vorrei soltanto che ci fossero più brasiliani a Los Angeles, così il consolato britannico sarebbe circondato. Con giacchetti pesanti, naturalmente!!

Se indossare un giacchetto pesante significa automaticamente sentenza di morte, allora metterò il mio. È come portare una stella gialla in Danimarca durante la seconda guerra mondiale. Non ci possono ammazzare tutti!

Se il Regno Unito sta diventando un paese dove gli agenti segreti abbattono impuniti la gente in pubblico a loro piacimento, allora non ha più bisogno di essere salvato dai terroristi. Infatti i terroristi hanno vinto, e attualmente detengono il potere secondo me.

Ciò che vi terrorizza di più? Una bomba con scarse probabilità di scoppiare nel vostro treno, con scarse probabilità di colpirvi, i cui ideatori hanno un’alta probabilità di essere catturati e puniti; o uno stato fuori controllo e forze di polizia col potere di ucciderti a sangue freddo in qualsiasi momento senza mai subirne le conseguenze, che addirittura difendono con veemenza il loro pieno diritto di farlo?????

London è Baghdad. La Baghdad di Saddam.

(NOTE: Ho scritto questo articolo prima di sapere della protesta alla Stockwell Station. Dato che c’erano solo 50 persone, resto della mia opinione.)

Fonte: http://www.indymedia.org.uk/en/2005/07/319493.html

Tradotto per comedonchisciotte.org da MIMOSONAMIA

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
1 Commento
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
1
0
È il momento di condividere le tue opinionix