Nasce il partito della corruzione: “Siamo per un governo di impunità nazionale”

DI ACCATTONE IL CENSORE

comedonchisciotte.org

È giunta per errore sulla nostra scrivania – in un plico che reca in bella evidenza l’IBAN del mittente, evidentemente destinato ad elettori più facoltosi — una missiva che rendiamo pubblica.

 

Gentile Elettore,

 Le scriviamo per metterLa a parte della nostra commendevole iniziativa.

È finita l’era dell’ipocrisia e del perbenismo: nasce il partito della corruzione.

In un mondo che ha smarrito la coerenza, abbiamo un unico valore: la corruzione. E saremo per sempre fedeli al nostro ideale.

Non è vero che la corruzione appartiene solo alla casta: è alla portata di tutti. Parafrasando un famoso adagio: a ciascuno secondo i suoi bisogni, ma, soprattutto, da ciascuno secondo le sue possibilità.

La corruzione è ovunque, ma non dappertutto riceve l’attenzione e la cura che le può assicurare una classe dirigente adeguatamente formata.

Cominceremo fin dalla scuola: non si parlerà più di correzione– concetto appartenente ad un vieto moralismo- bensì di corruzione dei compiti, in base al lignaggio e facoltà delle famiglie, in armonia con il motto ciceroniano: “tot capital, tot sententiae”.

La corruzione, infatti, è collante sociale e palpitante forza propulsiva: arriviamo in ogni luogo: la vera “banda larga” è la nostra.

Sosteniamo posizioni  improntate ad un sano realismo: non vagheggiamo di iperboree città celesti od oppressive dittature sanitarie: il nostro è un ideale discreto, raggiungibile e concreto e trae linfa dalla nostra tradizione antropologica più viva. Noi siamo il partito dell’impunità nazionale.

Un mondo di corruzione realizzata non è una vuota promessa, né concetto astratto, ma qualcosa che chiunque ha potuto, almeno una volta, toccare con mano, radicato nei nostri gesti più quotidiani e genuini: la corruzione è ciò che rende felice il portiere d’albergo come il capitano d’industria, il piccolo ragioniere come il responsabile del piano regolatore.  

Allo stesso tempo, non c’è afflato di umanitarismo più sincero: ci priviamo volentieri di qualcosa in cambio di qualcos’altro, pur di illuminare al sorriso il volto di chi ci tende una mano aperta e piena di speranza.

E, se c’è un corrotto, c’è sempre anche un corruttore, in una esemplare relazione di reciprocità che permette di oliare il meccanismo economico e di far partecipare tutti allo sviluppo del Paese, creando un circolo virtuoso che favorisce la circolazione monetaria e supera odiose farragini burocratiche e interessate resistenze.

Possiamo infatti dire, come già Vittorio Gassman nel film “In nome del popolo italiano”, che “la corruzione è essa stessa progresso”.

Veniamo ai punti salienti del nostro programma, che speriamo possa interessarLe:

Unici nel panorama politico, siamo per lo sbarramento al 50%: se risulterete eletti nelle nostre liste ci verserete solo la metà dello stipendio.

Siamo per il sistema maggioritario: in Parlamento vogliamo una maggioranza di corrotti. Così snelliremo finalmente i processi decisionali.

E ci spingeremo a cambiare addirittura il calendario: l’8 Dicembre istituiremo una nuova festa nazionale: l’Immacolata concussione.

 

Ci rivolgiamo soprattutto ai disillusi e ai rassegnati: non disperate: la corruzione, come la povertà, ha sempre un avvenire.

Nessuno resterà indietro. Se andremo al governo, la legge sarà indefettibile: chi corrompe, paga.

 

Distinti saluti,

xxxx xxxxx

Accattone il Censore

19 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Leonardo Ferrari
Leonardo Ferrari
31 Gennaio 2021 13:09

Grande, grande, grande Accattone il Censore. Forse dagli anni ’50 del secolo scorso non c’era in Italia un umorista di questo calibro: bisogna scomodare Maccari, Longanesi, Flaiano. Speriamo che CDC gli affidi una rubrica fissa.

giggi251
giggi251
31 Gennaio 2021 13:14

Sarò incorruttibile: darò ragione a Chi mi paga di più. 😂😂😂😂

uparishutrachoal
uparishutrachoal
31 Gennaio 2021 14:36

La corruzione non è solo prendere mazzette per favorire pratiche..impieghi e posti in prima fila.. La corruzione è essere pagati per fare del male..eseguendo ordini ingiusti solo per fine veniale.. Il poliziotto che multa chi vuol lavorare o chi va a trovare la madre..o chi non porta la mascherina è stato corrotto.. Chiunque fa qualcosa che reputa sbagliato solo per salvare il posto..è corrotto..c’è poco da fare.. E per quanto possa sembrare assurdo..l’unica possibilità.. oltre a quella di finire disoccupato..è quella di essere talmente fiscale da suscitare sdegno nel popolo per favorire la rivolta.. Visto che non possiamo.. in genere.. scegliere tra essere corrotti o finire senza stipendio.. escluso qualche eroe..l’unica strada è quella di mostrarsi disumani..e non compassionevoli.. Nel primo caso la gente si sveglia non potendola farla franca..e nel secondo caso si addormenta vedendo che si può aggiustare.. Il corruttore e il corrotto non sono sullo stesso piano..ma ambedue sono corrotti da chi è superiore a entrambi..e bisogna risalire all’anello principale a cui tutti gli altri sono collegati.. C’è qualcuno che corrompe senza avere necessità di farlo..e se non cade questo..gli anelli terminali possono essere sostituiti e il gioco va avanti.. Questo rende la nostra società il regno… Leggi tutto »

gnorans
gnorans
31 Gennaio 2021 14:48

Cominceremo fin dalla scuola
Bravo, sette più.

Holodoc
Holodoc
31 Gennaio 2021 14:54

Non so quanto abbia ormai senso parlare di corruzione, dato che è integrata nel sistema e non più un’eccezione.

Il termine “corrompere” significa “alterare, deteriorare, guastare”.
Quindi si presuppone che chi viene corrotto parta da una condizione iniziale di integrità.

Ai tempi d’oggi nessun politico o poliziotto o magistrato o medico viene corrotto. Solo per essere dov’è significa, salvo rare eccezioni prontamente “normalizzate” o represse, non possedere integrità morale. Quindi nella società di oggi non c’è corruzione, c’è solo una condizione primigenia, cronica ed invariabile di putridità morale.

Prendiamo ad esempio i medici: sono così marci dentro da non riuscire nemmeno più a proteggere la propria salute rifiutando di farsi iniettare un veleno, figuriamoci come tutelano quella dei pazienti.

William Farnaby
William Farnaby
Risposta al commento di  Holodoc
31 Gennaio 2021 17:45

ti dirò, quando la cosidetta tangentopoli emerse attorno al ’92 ero abbastanza giovane e completamente ingenuo riguardo al mondo.
ricordo che vidi un pezzo in tv: intervista a uno dei tanti piccoli-medi imprenditori raggiunti da avvisi di garanzia.

il tizio era genuinamente su di giri. “ma come, ieri per avere un appalto e poter lavorare dovevo pagare le commissioni a questo e quest’altro; oggi invece di commissioni le chiamate tangenti e mi dite che sono illegali; e domani mi vogliono arrestare? ma di cosa state parlando???”

per me fu un colpo allo stomaco, direi la la prima red pill o looking through the glass che dir si voglia.

Mario Poillucci
Mario Poillucci
31 Gennaio 2021 16:19

Sempre Grande Grandissimo stimatissimo Accattone il Censore! Leggerla è sempre fonte di immenso piacere!!!! Bravissimo!!!!!! Sempre così!!!!

Accattone il Censore
Accattone il Censore
Risposta al commento di  Mario Poillucci
31 Gennaio 2021 16:29

La ringrazio infinitamente, è un grande piacere ricevere le Sue lodi.

Leonardo Ferrari
Leonardo Ferrari
Risposta al commento di  Mario Poillucci
1 Febbraio 2021 3:10

Purtroppo, oramai non ci resta che il sarcasmo.

Primadellesabbie
Primadellesabbie
31 Gennaio 2021 20:29

Prendere e tenere una posizione contro la corruzione, intesa come generico malcostume, non é facile nel nostro Paese, vi trovate moralmente coinvolti senza nemmeno rendervene conto, anche solo frequentando il Bar Sport.

Da molto sono giunto alla convinzione che la ragione principale della diffusione di questa attitudine, sia da ricercarsi nel fatto che lo Stato, attraverso i suoi organi ed il suo apparato burocratico, non mostra un volto leale nei rapporti con il cittadino (a differenza dei Paesi che posso dire di conoscere).

Marco Tramontana
Risposta al commento di  Primadellesabbie
1 Febbraio 2021 2:42

Purtroppo hai ragione. L’ultima parte del tuo commento in special modo, mi ha riportato storicamente ai tempi dei Borboni etc… come prima associazione mentale.

Predator
Predator
1 Febbraio 2021 1:56

Il partito dei PROSTITUTI.

Tonguessy
Tonguessy
Risposta al commento di  Predator
1 Febbraio 2021 2:37

Il Pirlamento è la sede dove si svolgono le attività dell’arco prostituzionale

lady Dodi
lady Dodi
1 Febbraio 2021 5:06

Ho già avuto modo di apprezzare Accattone che è immenso, ed io adoro lui e il suo umorismo, tipico delle persone molto intelligenti.
Detto questo, per me che cerco persino di evitare la politica italiana, non ho potuto non notare con stupore, che non sono riusciti a comprare, corrompere e quant’altro, nemmeno quella decina di Senatori ( vabbè, Tabacci è in caso clinico), per mandare avanti il Governo Conte. Almeno finora.
E si che Mattarello, EU e compagnia varia, avrebbero fatto carte false pur di mantenere in carica questo governo, ed evitare che si voti.
Non credo che tutti siano in vendita.

Accattone il Censore
Accattone il Censore
Risposta al commento di  lady Dodi
1 Febbraio 2021 6:25

Probabilmente, è merce scaduta. La ringrazio di cuore per i complimenti: per chi scrive (specialmente in Italia), le soddisfazioni sono veramente rare.

mystes
mystes
1 Febbraio 2021 6:06

Lodevole iniziativa. E’ l’unico partio che, nel caso si presentasse alle elezioni, potrebbe contare sulla maggioranza assoluta dei voti. Finirebbero così i giochi sporchi dei vari Renzi, Conte, Grillo e compagnia cantando.

Sandro Secci
Sandro Secci
1 Febbraio 2021 6:13

per trovare il 50% di corrotti in parlamento non ci sono problemi, la cosa è già abbondantemente risolta; il problema è che sono individualisti, ciascuno per sè, o al massimo per un piccolo gruppo; bisognerebbe far valere un solo ideale comune.

Bertozzi
Bertozzi
1 Febbraio 2021 8:09

Finalmente qualcosa di realistico e democratico. Bello.

danone
danone
1 Febbraio 2021 12:13

Nel Sistema italiano i magistrati vengono educati con metodi Montessori avanzati, tipo educare col giuoco. Il giuoco più praticato vede due varianti, palla avvelenata e palla prigioniera. Ultimamente è stata introdotta una terza variante che sta avendo un successone, la palla amara.