Home / Attualità / Macedonia del Nord – un’inutile opposizione
Zaev e Soros a Davos. Stampa greca del 24 gennaio 2019

Macedonia del Nord – un’inutile opposizione

DI PANAGIOTIS GRIGORIOU

greekcrisis.fr

In questa serie di articoli, pubblicati dal 20 gennaio in poi e riassunti nel seguito, Panagiotis Grigoriou racconta il succedersi degli avvenimenti riguardo alla questione Slavomacedone (riassunta nel trattato che rinomina in Macedonia del Nord l’attuale FYROM e sblocca il veto Greco sulla sua adesione alla NATO ed alla UE), a partire dall’annunciata manifestazione popolare di protesta di domenica 20 gennaio, fino alle pressioni successive ed alla votazione finale del parlamento di Atene, che – grazie ai deputati “comprati” all’ultimo momento da SYRIZA – ha votato “sì” all’accordo nonostante l’evidente e massiccia opposizione popolare. In Grecia, lo spregio della volontà popolare ha superato ogni precedente limite, così come la forzatura di tutti i meccanismi democratici è ormai palese. E a questo si accompagna l’escalation della rabbia, ormai giunta a livelli di minaccia fisica e pronta ad esplodere, in un modo o nell’altro. Non è questione di “se” tali esplosioni avverranno: è solo questione di “quando” e “come”, mentre le prime analisi geopolitiche e la stipula, avvenuta in contemporanea, del trattato di Aquisgrana da parte di Francia e Germania, fanno sempre più pensare ad una Germania che cerca di riproporre (camuffato) il disegno del terzo Reich anche in chiave militare e di conquiste territoriali.

 

Domenica 20 gennaio 2019

Da “Paese reale” (articolo originale QUI)

Raduno a Sýntagma. Atene, gennaio 20, 2019

La chiamata è stata grande e la folla enorme. “Si tratta di difendere la democrazia e la patria prima del fatto compiuto dell’accordo macedone di Tsípras, di fronte a coloro che tradiscono spudoratamente e senza alcuna legittimità popolare.” “Noi difendiamo la nostra cultura e la nostra storia.” Un grande raduno popolare in Grecia, [come] raramente [si è] visto per grandezza, quasi 600.000 manifestanti ad Atene. E non c’era più un solo autobus disponibile nel nord della Grecia nelle regioni di Macedonia e Tracia, erano tutti noleggiati per portare oltre 100.000 dimostranti ad Atene. “Non siamo fascisti, ma patrioti per difendere il nostro paese e la democrazia. È per la nostra cultura e per la nostra storia “, o anche,”[sì al] referendum, no al Putsch parlamentare. ” Questo è quello che abbiamo visto e sentito questo 20 gennaio posto Sýntagma Ad Atene. Paese reale.

Raduno a Sýntagma. Atene, 20 gennaio 2019 (televisione greca)

Secondo i sondaggi, la stragrande maggioranza dei greci, tra il 67% e il 85% si oppone fortemente a questo “accordo”; Il che accade – va sottolineato – ancora una volta in flagrante violazione della Costituzione, così come dello spirito e della lettera delle procedure democratiche. Il paese reale quindi si oppone e si infuria (…) “150 membri che non rappresentano niente più di sé stessi, non possono decidere il destino del paese, soprattutto contro la volontà del popolo, contro la stragrande maggioranza”, si sentiva dire a Sýntagma Il 20 gennaio 2019. (…)

 

Raduno a Sýntagma. Atene, gennaio 20, 2019

 

Discendenti di combattenti per la Macedonia greca. Atene, gennaio 20, 2019

Mikis Theodorakis In una lettera aperta pubblicata questa settimana, invita i funzionari eletti del Parlamento “a non perpetuare questo crimine contro la Grecia”. Ciò vi causerà un danno irreparabile, e inoltre, il giudizio della storia su di voi tutti sarà feroce e severo.  (…) La composizione di questo raduno, tolta l’estrema sinistra, è, sia per quanto ho visto, sia nelle dichiarazioni degli analisti, molto vicina a quella delle grandi manifestazioni contro la troika e contro i “governi greci” tra il 2010 e il 2013, con tuttavia una presenza più marcata dei sacerdoti e della gente vicina alla Chiesa ortodossa greca, soprattutto monaci. Quelli per esempio dalla delegazione dei monaci del Monte Athos, che erano anche tra gli oratori al raduno.

Raduno a Sýntagma. Atene, gennaio 20, 2019
Raduno a Sýntagma. Atene, gennaio 20, 2019

La gente non ha perso questo appuntamento, e ha fatto bene. Nel Pireo, le imbarcazioni provenienti da Creta, il Dodecaneso e le isole del Mar Egeo, sono arrivate piene fin dalla sera del 19 gennaio. La giunta del regime SYRIZA e i mondializzatori alla Soros, i deputati vicini alla Merkel, così come l’ambasciatore degli Stati Uniti, hanno osteggiato questo raduno, in odio alla gente. Oggi, Atene è brulicante di spie, agenti stranieri e dello stato greco molto profondo, piuttosto nelle mani dei poteri (…) A Lesbo il Commissario locale di polizia ha formalmente dato istruzioni di contare i cittadini che si muovono dall’isola, passando attraverso il porto o l’aeroporto per partecipare, naturalmente, alla manifestazione ad Atene.(…)

Raduno a Sýntagma. Atene, gennaio 20, 2019

(…)

Referendum, non il Putsch parlamentare. Atene, 20 gennaio
Raduno a Sýntagma. Atene, gennaio 20, 2019
[dal blog di Olivier Delorme]

“Il Viaggio della Merkel la scorsa settimana aveva solo questo scopo reale, come quello che aveva fatto a Skopje poco prima della Referendum: il cancelliere del Reich è in agonia a casa, ma lei guarda golosamente alle sue nuove colonie… È stato quindi necessario trovare gli apostati necessari per fare il lavoro. “Questo termine di apostati ha una forte risonanza storica in Grecia dal momento che si riferisce all’acquisto in dollari [depositati sui] conti svizzeri, dal Palazzo e dalla CIA, dei deputati della prima maggioranza [necessaria] per far cadere il governo costituzionale di Papandreou nel 1965 e sostituirlo con un altro di ‘centro’, (…) la crisi politica dovuta all’apostasia, condusse direttamente al colpo di stato dei colonnelli” Olivier Delorme, il 19 gennaio 2019 sul suo blog.

Grande folla, grande gente. Gli organizzatori del raduno, vale a dire le organizzazioni culturali dei greci che vivono nella loro regione storica di Macedonia in Grecia e la diaspora, hanno ripetutamente sottolineato che il loro messaggio non è un messaggio di ostilità o di odio verso gli slavi dell’ex Repubblica iugoslava di Macedonia. Il disaccordo, naturalmente, persiste, ma dal lato greco, non c’è brama territoriale, contrariamente all’irredentismo esibito che caratterizza per il momento i nostri vicini.

Vicino ai palazzi del primo ministro e il Presidente. Atene, gennaio 20, 2019

La chiamata è stata grande e la folla era enorme. Tanto quanto la volontà di rompere questo slancio popolare. La giunta di Tsípras e il suo pseudo-potere ha immediatamente fatto uso del suo piano, vecchio come… il peggio del mondo politico. Individui appartenenti alla nebulosa Antifa e assimilati, da quello che abbiamo capito sul posto e secondo quello che i media hanno riferito (90,1 FM tra gli altri), si sono infiltrati come per caso, nelle file di manifestanti pacifici, per gettare oggetti, pietre e pentole di vernice. Quelli della polizia allora hanno potuto fare un uso sproporzionato… del loro [armamentario] chimico usuale, (…) sfogandosi sui dimostranti, invece di neutralizzare gli autori dei fatti (…) mentre molti pullman del nord della Grecia erano stati, certo per caso, fermati ai caselli dalle forze dell’ordine del regime dittatoriale dei burattini, [cioè] una volta i colonnelli, attualmente … Syriza.

Provocazione orchestrata. Sýntagma, 20 gennaio 2019 (stampa greca)
Manifestanti colpiti. Sýntagma, 20 gennaio 2019 (stampa greca)

(…)  I manifestanti hanno lasciato molti feriti dietro di loro, dei giornalisti sono stati picchiati, (rapporti delle radio e la stampa greca su Internet la sera stessa del 20 gennaio), e un uomo è stato pugnalato più lontano nel centro della città, vicino al quartiere di Exárchia. (…) Come nel tempo delle grandi manifestazioni contro la troika tra il 2010 e il 2013, questi stessi “anarchici e sinistri”, furono utilizzati in modo che la paura potesse far scappare i dimostranti, le famiglie, i vecchi bambini tra gli altri.

Raduno a Sýntagma. Atene, gennaio 20, 2019
La folla enorme. Raduno a Sýntagma. Atene, 20 gennaio 2019 (stampa greca)

(…)

Diremo ai nostri figli che è per la nostra storia e per la nostra cultura!

————————————————————————————-

Martedì 22 gennaio 2019

Da “Tsipras Comprato”  (Articolo originale QUI)

Al Monte Athos, gennaio 2019

Ci siamo quasi. (…) Il grande raduno popolare di domenica [è stato] disperso violentemente (…) Il gioco dei quattro cantoni è in corso nel “Parlamento” per permettere la ratifica dell’accordo macedone di Tsípras, i piccoli partiti (…) non hanno abbastanza membri per formare un gruppo parlamentare. Indipendentemente da ciò, è il loro ruolo che finisce. I cosiddetti casseurs [NdT: personaggi incappucciati che si infiltrano tra i manifestanti e spaccano tutto] e Alba Dorata  hanno fatto il loro “lavoro” sul terreno; Ora i politici lobbisti hanno completato il loro pacchetto: paura, amarezza, o addirittura impotenza. (…)

Dispersione della manifestazione, foto di Kostis Ntantámis. Stampa del 20 gennaio

I deputati lasciano i loro piccoli partiti per appoggiare SYRIZA, ora in minoranza (…). [come] Thanássis Papachristópoulos, eletto al partito dei greci indipendenti che si è detto disgustato e ha annunciato le sue dimissioni… ma solo dopo aver prima votato a favore dell’accordo…

(…) Secondo l’Unione dei fotogiornalisti della Grecia, l’attacco ai giornalisti fotografici durante la manifestazione ad Atene era “premeditato”, essendo questi ultimi “tra gli obiettivi degli aggressori”.

(…) Gli organizzatori (…) hanno pubblicato alcune foto dei cosiddetti casseurs, (…) [che] la stampa, soprattutto internazionale, ha ancora una volta dato come immagine dominante (…)

Raduno a Sýntagma. Atene, gennaio 20, 2019
Casseurs e connessi vicino Sýntagma. Atene, 20 gennaio (stampa greca)
La dispersione del raduno. Atene, 20 gennaio (stampa greca)

(…) Martedì mattina, il giornalista Georgios Trángas Su 90,1 FM evoca con amarezza: “questi milioni di dollari o di euro pagati (…) dalle potenze e dalle lobby a Soros, proprio per far passare questo accordo. Tsípras è troppo ansioso di completare il lavoro e mostra troppo, forse, che le valigie [con i soldi] sono già arrivate. Kamménos è furioso, ma probabilmente è troppo tardi per lui.

“Una sera sono stato invitato da Kamménos, quando era ancora ministro della difesa. Ho posto direttamente la domanda: ‘Quando lascerà questo governo la cui politica – si vede con il dossier macedone – è così palesemente contraria agli interessi fondamentali del paese?’ Risposta di Kamménos: “Quando gli Stati Uniti e Israele mi daranno il segnale” Cari ascoltatori, non posso dire di più finché sono in terra… greca. (…) Non dobbiamo illuderci, i nostri unici alleati sono gli alleati della seconda guerra mondiale, vale a dire, gli americani e gli inglesi, e dobbiamo convincere loro: i tedeschi sono sempre stati nemici della Grecia “, 90,1 FM, zona di mattina di 21 Gennaio 2019.

Fra i miei amici, alcuni trovano queste analisi pubbliche insopportabili, poiché, per quanto possano essere vere, non provocano una reazione collettiva, sana e salvatrice. (…) Kamménos ha dichiarato pubblicamente “che l’accordo macedone non è stato imposto dagli Stati Uniti, ho posto la questione direttamente a quelli dell’amministrazione Trump perché li conosco e sono un amico degli Stati Uniti, [la risposta è stata] no, per questo accordo sono la Merkel e l’Europa che premono. E vorrei anche dire che l’accordo è anche capace di far saltare gli accordi di Yalta relativi ai Balcani, e vi dico, potrebbe anche finire male, forse in un bagno di sangue, Media Greci del 22 gennaio 2019.

[Ancora dalla trasmissione di Trangas] “Tsípras è cresciuto in una famiglia di immobiliaristi che hanno fatto affari con i colonnelli e quindi, sotto una patina di uomo di sinistra, è un clone dei colonnelli, per non parlare delle famiglie greche che si sono arricchite sotto occupazione e che i tedeschi hanno sempre aiutato e protetto ad Atene (…)”.

In altre circostanze, Trángas sarebbe considerato un complottista estremista. Molto tempo fa sarebbe stato così, ora, il puzzle si è completato da solo… e soprattutto non avrà bisogno di noi, se non per essere disfatto. Trángas certamente non dice tutta la verità, ed è dichiaratamente vicino agli anglo-sassoni, ma nessuno smentisce, né lo denuncia in tribunale, e il suo racconto quadra [con gli avvenimenti].

Da parte sua, il filosofo e teologo accademico Christos Yannarás non scrive niente di diverso su Kathimeriní, autorevole mezzo di stampa, con altro stile, ma stessa sostanza:

“(…) Non hanno esitato a ignorare un referendum popolare che essi stessi hanno provocato per trasformarsi senza alcuna vergogna [in ciò che volevano] i mercati finanziari e la NATO, (…) o la Merkel. (…) la storia non è più scritta dal epigoni di Tucidide, ma da questi ‘ intellettuali organici ‘, questi mandarini (…) [come una] processione funebre. (…) siamo stati governati da concittadini dalla psiche malata(…) Oggi è palese “, Quotidiano “Kathimeriní” – 20 gennaio 2019.

Un primo bilancio al caffè. Atene, gennaio 20, 2019

Dimitris Konstantakópoulos, (…) consulente per la difesa e gli affari esteri per SYRIZA, prima della sua salita al potere, giornalista ed esperto, raffinato analista delle realtà greche e geopolitiche del nostro tempo, si rivolge [in modo] molto pesante, dal suo Blog contro Tsípras:

“Sono andato alla manifestazione domenica, come l’anno scorso. Voglio, ogni volta che posso, vedere con i miei occhi e così sentire quello che la gente ha da dire, parlare con loro e farmi la mia opinione. Nonostante le dichiarazioni fuorvianti e ridicole della polizia, la manifestazione è stata imponente e (…) [con una] presenza massiccia di giovani. (…) i manifestanti (…) per la maggior parte erano normali cittadini greci. Niente di più, niente di meno. (…)questo accordo macedone (…) tocca la più profonda identità del popolo greco. Fin dall’inizio, quando la questione è stata sollevata nel gennaio 2018, ho sottolineato che può essere risolto solo attraverso un referendum. (…) Questa è l’unica soluzione che conserverà la democrazia come il suo funzionamento attraverso il nostro sistema politico, tanto quanto l’unità nazionale del popolo greco e [può] prevenire l’emergere di fattori che favoriscono lo scisma, la divisione.” (…) Dimitris Konstantakópoulos sul suo Blog, 21 gennaio 2019.

La fine della manifestazione. Atene, 20 gennaio 2019 (stampa greca)

(…) La sera del 22 gennaio, quando i (presunti) partiti di opposizione hanno chiesto il testo finale degli emendamenti che quelli di Skopje avrebbero portato alla loro costituzione, per verificare eventuali articoli apertamente irredentisti a scapito dei paesi confinanti (Grecia e Bulgaria), in presenza dei quali l’accordo macedone non avrebbe dovuto nemmeno essere discusso in Parlamento, Katroúgalos, ministro degli affari stranieri e vieppiù strani, ha presentato la versione in inglese, stampata e scaricata dal sito del Parlamento di Skopje, affermando che le modifiche non sono incluse perché nel paese confinante, sono messe come degli allegati alla fine del testo di base. Ha anche promesso [che sarebbe arrivata presto] la traduzione in greco. Stampa greca del 21 gennaio 2019. Impressionante.

[Così] come per i testi del memorandum della troika, [i parlamentari] (…) non lo avranno nemmeno letto. E sarà stato fatto di proposito, il che conferma l’opinione generale che Tsípras e gli altri sarebbero stati comprati (…) Questo è un crimine, e più precisamente quello di alto tradimento. (…) Nei caffè, nei media, in strada, i greci sempre più spesso evocano i termini dell’articolo 120 della nostra Costituzione: “(…) Il rispetto della Costituzione è affidato al patriottismo degli Elleni, che hanno il diritto e il dovere di resistere con tutti i mezzi a chiunque voglia intraprendere la sua abolizione con la violenza”. [Intenzione o] semplice consolazione?

Ringrazio i lettori e gli amici del Blog per il loro sostegno essenziale in questi momenti terribili.

Grazie. In Attica, gennaio 2019
Il vostro… blog poi osserva sbalordito. Mimi e Hermes di Greekcrisis, 2019 gennaio

—————————————————————————————–

Venerdì 25 gennaio 2019

Da “Dai rifiuti al disgusto” – Articolo originale QUI

Parlamento UFO. Atene, gennaio 2019

(…) Ore pesanti, giornate storiche. Il “Parlamento-burletta” ad Atene è protetto dietro un imponente cordone di sicurezza, istituito dalla polizia. L’accordo macedone di Tsipras è stato definitivamente ratificato venerdì 25 gennaio. Il testo ha potuto raccogliere i 151 voti necessari, esattamente 153 su 300 membri eletti (…) grazie agli otto apostati dei piccoli partiti. Tsípras (…) “Ephialtes” come è frequentemente soprannominato nel suo paese natale.

Manifestazione ad Atene. Sýntagma, 24 gennaio 2019

Cittadini in piazza la sera del 24 gennaio ad Atene come in Macedonia greca, e immediatamente, l’annuncio  del posticipo del voto al venerdì (…) per spegnere l’ardore delle persone (…) La situazione era caotica nel centro di Atene, e in Macedonia greca, le case di molti parlamentari di SYRIZA erano sotto attacco tra il 23 e il 24 gennaio con bottiglie Molotov. (…) Non lontano dal Parlamento su un piccolo muro, uno slogan appena coniato, sibillino: “Tsípras o carri armati.”

Selfies eseguiti davanti al cordone della polizia che protegge il “Parlamento”. Questo è ciò che rimarrà (…)  ma anche la testimonianza e infine il giudizio, quello degli umili e dei degni. (…)

Davanti al cordone della polizia. Atene, 24 gennaio
Tsípras o carri armati. Atene, 24 gennaio 2019

(…) Tsípras ha pronunciato il suo discorso a favore dell’accordo, colmo di tautologie e controverità. “Con questo accordo, la Grecia riprende il suo posto nei Balcani, il nostro paese diventa così una forza stabilizzante per la regione” (…)

Státhis Stavrópoulos, caricaturista, giornalista della stampa e figura della sinistra greca (…) i motivi di questo accordo sono in primo luogo geopolitici, perché naturalmente, la Grecia è solo un ingranaggio nell’intreccio dei poteri in Europa e non solo nei Balcani. (…)

Quale democrazia? Questo è il Colera. Atene, 2018
Dimissioni del Presidente della Repubblica. Atene, 24 gennaio 2019

“[con l’accordo di Acquisgrana] la Francia possiede come sappiamo un esercito importante, la Germania beneficerà del suo armamento pesante (…) ? Verrà riequipaggiata, come negli anni 1930 ai tempi di Hitler? Oppure è già in procinto di riequipaggiarsi segretamente, come al tempo di Hitler? Naturalmente, le forze militari degli Stati Uniti, della NATO e l’emergente asse militare franco-tedesco sono le nuove realtà di un denominatore comune. (…) E in un tale contesto, il pronto servilismo di Tsípras è meglio spiegato, quando si tratta di risolvere la questione macedone (…) Per comprendere appieno la posta in gioco, basta guardare la mappa, dalla Polonia e dall’Ucraina alla Romania, e fino alla Bulgaria e alla Turchia (qualunque sia l’attuale situazione turca), l’accerchiamento della Russia da parte della NATO si avvicina, va detto, all’asfissia “.

“È solo una fitta area di paesaggi, punteggiata da basi americane e dalla NATO. Ma alle spalle di questa zona, dobbiamo considerare alcune voragini spalancate, come la Siria (…) o anche i Balcani ‘incompiuti’ secondo la Nato, cioè Albania, Montenegro, Kosovo, FYROM e Serbia. Per rendere il territorio della zona compatto ed ottenere la necessaria profondità strategica, queste “questioni in sospeso” devono quindi essere risolte in un tempo breve. ”

Referendum ora. Atene, 24 gennaio 2019
Raduno a Sýntagma. Atene, 24 gennaio

“Il Montenegro entrò nella NATO di notte, e l’Albania si unì all’alleanza grazie al sonno della Grecia con la cura di Tsípras e di Kotziás. Rimaneva da “risolvere” il più presto possibile la questione della FYROM [e poi] il Kosovo [dove] il leader storico dell’UCK e l’attuale Presidente Hashim Thaçi ha dichiarato che «l’accordo tra Tsípras e Zaev Un valore di esempio per la soluzione della questione del Kosovo “. Quindi, una volta risolta la questione macedone e la FYROM, e subito dopo il Kosovo, rimarrà solo la Serbia, isolata dal punto di vista della geostrategia. Una Serbia che può diventare ancora più fragile davanti allo spettro della sua sottomissione finale. “(…)

Dimostrazione in Macedonia greca, 24 gennaio, stampa greca

(…)

Il giornalista Kalarrýtis aggiunge che “questo accordo è stato adottato nel Parlamento del paese vicino, da una maggioranza rafforzata … con l’aiuto di molti dollari, e [pure] gli eletti greci che stanno per ratificarlo, (…) molto probabilmente [hanno] ottenuto qualcosa in cambio. Per esempio(…) Koundoura, Ministro del turismo, del partito ANEL di Kamménos (…) avrebbero visto estinguersi un debito di quasi un milione di euro (…) che avrebbe avuto difficoltà a rimborsare”(Radio 90,1 FM, 23 e 24 gennaio).(…)

Dimostrazione di alunni. Macedonia greca, 24 gennaio, stampa greca
Evento a Salonicco, 24 gennaio, stampa greca

Va notato che nelle ultime settimane gli ambasciatori degli Stati Uniti e della Germania avevano ricevuto i leader politici dei piccoli partiti, (…) per convincerli della fondatezza dell’accordo Tsípras. (…) His Master Voce!

L’analista Droúgos riporta anche “che il tedesco Arndt Freytag Von Loringhoven, Il primo vice segretario generale della NATO per l’intelligence e la sicurezza, è appena stato spedito dai nostri vicini a Skopje, [dove] ha incontrato i membri del governo (…) Il diplomatico (…) è figlio di Bernd Freytag Von Loringhoven (1914-2007), un famoso funzionario tedesco durante la seconda guerra mondiale e uno degli ultimi a lasciare il bunker di Adolf Hitler. (…)

Gente… dietro le sbarre. Atene, 2018

La tesi di Greekcrisis, come quella di molti storici, soprattutto anglosassoni come Mark Mazower è che [ci sia] una certa continuità con il terzo Reich, [realizzata sia] attraverso le fondamenta e le conseguenze dell’UE sia attraverso la geopolitica effettivamente praticata dalla Germania nel suo insieme (…) con la gentile partecipazione della NATO. (…) E a Davos, il primo ministro della “Macedonia del Nord”, un certo… Senior Zaev trionfante, viene fotografato in compagnia del padrino storico del Macedonismo irredentista e nazionalista, vale a dire, il finanziere Georges Soros. Media greci del 24 gennaio 2019. Teoria della… probabile cospirazione.

Zaev e Soros a Davos. Stampa greca del 24 gennaio 2019

Durante questo giorno oscuro per l’ellenismo, quasi 55 scuole sono occupate in Macedonia greca, come un segno di protesta contro il crimine che gli “eletti” sono stati finalmente in grado di commettere. Stampa greca del 24 gennaio. (…)

Lo scienziato politico e accademico Georgios Kontogiórgis è chiaro nella sua analisi. (…) “In passato, lo stato greco ha sofferto molte sconfitte, essenzialmente organizzate ad Atene. Tuttavia, la sua identità nazionale non è stata mai messa in discussione. Con la capitolazione di Tsípras, e per la prima volta, l’identità nazionale greca è ufficialmente concessa a un paese terzo. (…)

La Grecia oggi. Atene, 2019

“Fondamentalmente, la crisi che sta attraversando il paese greco oggi non è più recuperabile senza un cambiamento di regime. (…) Una mutazione per cambiare il sistema politico, trasformandolo da una monarchia attualmente eletta, a un regime veramente rappresentativo “.Georgios Kontogiórgis, 22 gennaio 2019, estratti dal suo articolo, stampa e Internet greca.

(…)

Una voce raccolta la notte del 24 gennaio, davanti al Parlamento greco [diceva] “guardatelo, lui ci accompagna nelle nostre gioie come nei momenti di sventura. Non abbiamo più niente da sperare, qui, il Parlamento è morto, ma non è morta la nostra speranza. Il vento, il nostro vento, potrebbe cambiare, un giorno.” Buona notte.

Ci accompagna nelle nostre gioie come nei momenti di sventura

 

 

Panagiotis Grigoriou

Fonte: http://www.greekcrisis.fr/

gennaio/febbraio 2019

 

Articoli tradotti per CDC da Franz-CVM

 

 

Pubblicato da Franz-CVM

Parabancario, sindacalista di base, osservatore critico dei fenomeni socio-economici, con ambizioni di analisi sistemica. Traduttore della crisi greca per missione sociale perchè al tempo della "dittatura della narrazione" l'informazione è tutto. In cerca del tempo per diventare ciò che sono. @ferre_franz - https://cosivailmondo.wordpress.com