Home / Attualità / L’ultima previsione di Hawking: Una Razza di Superumani artificiali conquisterà il Mondo

L’ultima previsione di Hawking: Una Razza di Superumani artificiali conquisterà il Mondo

DI TYLER DURDEN

L’ultima previsione del fisico Stephen Hawking prima di morire, sette mesi fa, fu che la razza umana si sarebbe divisa : esseri  “superumani” ricchi e geneticamente modificati che dominavano esseri “non migliorati”.

Hawking, che è morto a marzo, ha lasciato  una raccolta di saggi e di articoli su quelle che chiamava  “le grandi domande“, che servivano per preparare un libro che verrà pubblicato martedì prossimo. Con delle Brevi Risposte alle grandi domande, H. immagina che le persone benestanti presto avranno la possibilità di scegliere se modificare il proprio e il DNA o quello dei loro figli per creare degli esseri super-umani con  una memoria maggiorata, con una maggior resistenza alle malattie, con più intelligenza e longevità. –The Times

“Sono certo che nel corso di questo secolo si scoprirà come modificare sia l’intelligenza che gli istinti come l’aggressività”, ha scritto Hawking. “Probabilmente ci saranno leggi  contro l’ingegneria genetica per gli esseri umani, ma qualcuno non riuscirà a resistere alla tentazione di migliorare le proprie caratteristiche, come la memoria, la resistenza alle malattie e la durata della vita.”

“Una volta che questi super-umani appariranno”, ha aggiunto Hawking, “ci saranno grossi problemi politici con gli esseri umani non migliorati, perché non saranno più in grado di competere e, forse, moriranno o diventeranno ininfluenti. Invece, nascerà una razza-che-si-auto-progetterà e che continuerà a migliorarsi a un ritmo sempre crescente.

Hawking faceva riferimento a certe tecniche di manipolazione del DNA come il Crispr, una tecnologia nota già da sei anni che consente agli scienziati di manipolare i geni scartando quelli dannosi o aggiungendone altri nuovi.

La tecnologia Crispr è già in uso, ad esempio al Great Ormond Street Hospital for Children di Londra si utilizzano tecniche di editing genico per trattare una forma  di leucemia che altrimenti sarebbe incurabile.

Molti scienziati adorano  questa idea

“Probabilmente gli umani sono arrivati ad un momento critico”, ha detto Chris Rapley,  professore di Scienze del clima  dell’University College di Londra. “Siamo andati oltre, influenzando il pianeta a livello di paesaggio, interferendo con il suo stesso metabolismo su scala globale e tutte le indicazioni dicono che le possibilità del cervello umano, sia individuale che collettivo, non ci permettono di continuare ad affrontare questa sfida. Su questa base il futuro sembra disperatamente cupo. ”

Forse gli scienziati ingegnerizzano geneticamente un sistema circolatorio che ci permetterà di sopravvivere in un ambiente  con poco ossigeno  come sarà quello della terra quando il fitoplancton si sarà estinto?

Il testo di questo articolo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali, citando la fonte  comedonchisciotte.org  e l’autore della traduzione Bosque Primario

Pubblicato da Bosque Primario

18 Commenti

  1. Bene, vorrà dire che alla superrazza artificiale bisognerà contrapporre la superrazza naturale, e poi vediamo chi la spunta. Intendo dire che noi normodotati siamo pronti, prontissimi, ad automodificarci nello spirito per adattarci finalmente alla pacifica e fruttuosa convivenza sul nostro pianeta, o quel che ne rimane. E’ da qualche migliaio di anni che alcuni saggi ci indicano la strada, ma fin’ora ha prevalso il rettile che è in noi, e dal quale deriviamo. Se siamo ancora vivi è solo grazie al fatto che non avevamo ancora abbastanza potenza (tecnologica) per autodistruggerci. Ma ora le cose sono cambiate, molto rapidamente, e quindi anche la nostra trasformazione in esseri adulti diventa urgente, improcrastinabile. Sperem.

  2. ma se non riescono a curare neanche un morbillo… anzi non riescono a curare nulla. La complessitá organica e la “tecnologia” molecolare che sta dietro alla natura è avanti milioni di anni rispetto alle possibilitá attuali della nostra scienza/tecnologia.

  3. Le fiction fantascientifiche anni 60/70 prospettavano un progresso lineare dell’evoluzione scientifica e, quindi, delle ricadute tecnologiche. Qualche previsione si è avverata, qualche applicazione non era stata neppure prevista ma la realtà dei fatti è che il 2018 reale non somiglia neppure lontanamente al 1999 dell’omonima serie televisiva. Qualcosa è andato storto? non penso, è che la visione lineare del progresso è chiaramente una cantonata tanto quanto le previsioni apocalittiche da fine del mondo imminente.
    Morale della favola: verosimilmente non ci sarà alcuna super razza, non andremo a vivere sulla luna o su marte e non avremo né il teletrasporto né il motore a curvatura ma, tra mille difficoltà e problemi a non finire, l’umanità tirerà a campare come fa da migliaia di anni magari con un bel microchip impiantato, ammesso che, per problemi tecnici, le élite non tornino all’utilizzo delle tradizionali catene metalliche…

  4. Mi ricorda il teorema di Giorgio, mio collega: “I ricchi sono più belli dei poveri”, perchè i ricchi sposano le donne belle e quindi avranno figli belli e ricchi che sposeranno altre donne belle.

    Teorema suggestivo ma scarsamente confortato dalle evidenze, ho visto molte donne ricche con l’aspetto di vacche e donne povere bellissime.

    Nel merito dell’ultimo delirio di Hawking, non ho dubbi che i ricchi ci provano a essere geneticamente superiori ai poveri, ma solitamente funziona molto meglio la ricombinazione genica tra innumerevoli individui che l’ingegneria genetica. In quanto alla possibilità di creare una “razza” dei ricchi ne abbiamo un esempio oggi in Arabia Saudita. Ma anche i “nostri” Savoia potrebbero essere un eccellente esempio.
    Si potrebbero anche fare esempi più adeguati su come il rinchiudersi in una razza provochi stupidità diffusa e crimine, ma sarebbero visti da molti come politicamente scorretti.

  5. Che stupidaggine!!!! La superiorità é un concetto che in assoluto non esiste! È tutta relativa all’ambiente circostante!!!
    Creeranno questa razza superiore e poi si accorgeranno che hanno migliorato una cosa e peggiorato un’altra. Quanto ad Hawking devo confessare la mia ignoranza: non ho capito se é stato veramente una grande mente o semplicemente la sua condizione fisica lo ha involontariamente promosso a uomo marketing del “niente é impossibile”. Concetto che le elites ci iniettano nel cervello per far sì che non abbandoniamo semplicemente il gioco quando scopriamo che é truccato.

  6. Io ho previsioni migliori basate su situazioni sociopolitiche e psicosociali in degenerazione.

    Avremo 3 secoli di regimi fascisti in tutto l’occidente. Con schiavitù monetaria ed economica, obbligo a lavorare tutta la vita per produrre inutilities, e nessun diritto a parte consumare tutta quella merda inutile.
    Questa situazione porterà ad una guerra nucleare in cui oltre metà Europa sarà spazzata via.

    Nei 700 anni successivi popoli anglo-scandinavi ripopoleranno le zone che via via diventeranno abitabili dopo l’armageddon nucleare.

    Dopo 1000 anni finalmente il risveglio di consapevolezza ed una nuova razza umana dove quasi il 100% avrà Anima contro il 20% di adesso. E questa nuova razza comincia ad eliminare la tecnologia per fare spazio al nuovo umanesimo, dove l’altissima tecnologia è ridotta all’essenziale dell’infrastrutturale, il trasporto, la comunicazione e la facilitazione della vita quotidiana. Oltre ovviamente l’automazione spinta per lasciare più tempo libero possibile a più persone possibile.

    L’eliminazione dei sistemi economici basati sul denaro, per sostituirli con quelli sulla condivisione e l’utilizzo progressivo delle risorse.

    E tra 1900 anni avremo il culmine di una nuova civiltà fuori dall’attuale neo-medioevo, peggiore del primo medioevo, che storicamente si sa non era neppure tanto buio.

  7. Se vediamo quanti ricchi e benestanti hanno buttato soldi su una branca della scienza abbastanza rozza come la criogenia allo scopo di sconfiggere la morte io non avrei tanti dubbi sul fatto che persone con ingenti ricchezze non andranno a buttare soldi su queste tecniche molto più evolute che comunque sono ancora allo stadio embrionale.
    Hawking sembra molto sicuro su risultati nel relativamente breve periodo io sono molto più scettico ma quello che dice non è assolutamente frutto di uno fuori di testa senza contatto con la realtà.

  8. Resta prima da verificare se ci sarà un futuro per l’umanità, oppure un’estinzione totale.

  9. Tutti gli scienziati, o quasi tutti, nel corso o al loro capolinea terrestre si fanno prendere dalla sindrome che per semplicità e notorietà chiamerei di Philip K.Dick : cominciano a sognare le pecore elettriche. Suppongo che noi attuali scriventi non ci saremo in quel futuro, mi figuro però una bella vita di ‘merda’ (mi scuso per il termine), molto peggiore di quella che molti,moltissimi stanno vivendo nel mondo attuale.

  10. innanzi tutto bisogna capirlo, sarà stato pure un genio ma era proprio messo male (anche se ha tradita la prima moglie con l’infermiera che lo accudiva … misteri dell’animo femminile)
    poi se proprio vogliamo fare una previsione sul futuro dell’umanità sono più propenso a pensare a un numero sempre minore di persone normali circondate da un numero crescente di persone degradate mentalmente e fisicamente

  11. Hawking parla di “esseri “superumani” ricchi e geneticamente modificati”. Non so, penso proprio fosse ricco e temo geneticamente modificato, visto com’era ridotto. Superumano? Chi, Hawking?

  12. Speriamo non gli assomiglino,però..
    Intanto a dirci quanto è lunga e lontana ancora la strada per arrivare al successo di queste pratiche da Demiurgo elettrochimico, il co-fondatore di Microsoft è deceduto alla bella età di 65 anni nonostante tutti i suoi soldi e tutte le sue conoscenze…

  13. Mi sembra che Hawking abbia odiato il genere umano con ogni possibile diabolica insinuazione, e le sue previsioni lo dimostrano.

  14. Abbiamo un grosso problema: la distribuzione della ricchezza.
    Ricchezza vuol dire anche salute.
    Se un domani l’eugenetica progredisce, i vantaggi saranno per tutti? E se così non fosse dobbiamo augurarci che malattie e vecchiaia siano incurabili?
    Il nodo che va affrontato subito è il limite della proprietà privata. Una bella elite esiste già, se le cose continuano così i ricchi non li fermerà nessuno, hai voglia a dire che sono illusi, che muoiono anche loro e che Hawking ha toppato.

  15. Sono sempre più convinto che se non si giunge ad un regolamento di conti spietato nonchè intransigente la feccia capitalista ne studierà di fetenzie ai ns danni! Poi fate un pò come ca..zo vi pare! Ricordate sempre che il male, cioè il denaro quasi se non sempre malsano prodotto di speculazione e non di lavoro, è il male da annientare! Anche in questo caso fate come c..zo vi pare ma basta alti lai, querimonie e niente altro!! E non lo dico per me bensì per i gggggiiiiiooooovvvvaaaannnniiii!

  16. Andro’ un po controcorrente rispetto ai commenti sinora fatti. Ritengo non improbabile un futuro del genere. Ricerche, esperimenti ed applicazioni a livello genetico sono gia’ in atto da anni, come lo stesso articolo riferisce. Non si sta discutendo la giustizia o meno ti tale cosa, ma la sua possibile inevitabilita’. Che la salubrita’ e l’allungamento della vita umana possano essere uno dei maggiori campi di interesse in questo senso mi appare ovvio. Al tramontare delle religioni, cosa possibile entro la fine di questo secolo, tutto cio’ apparira’ molto piu’ logico e possibile, benche’ capisca un certo rifiuto in questo tempo. Che i piu’ ricchi possano accedere alle “cure” migliori, esiste gia’ ora. Il punto fondamentale e’ che ne’ le migliori cure ne’ la vita piu’ lunga ti potranno dare il valore spirituale e la consapevolezza della tua esistenza. Se cio’ sono “noccioline” e cio’ che conta e’ “altro”, in questo caso avra’ ragione Hawking.

  17. Ma ci rendiamo conto che “in Occidente” non c’è altro che questa spazzatura?
    Non c’è altro che sofferenza, vera o minacciata… è un farsi male l’uno con l’altro… realmente un girone Dantesco!

  18. Vincenzo Siesto da Pomigliano

    Questa è paranoia allo stato puro! Sindrome d’onnipotenza al parossismo! Negazione totale della Vita! Nichilismo galoppante. Follia che “spruzza ” da personalità rimaste allo stato infantile affette dalla “Sindrome di Sansone”!