L’Ucraina tornerà alla neutralità o dovrà affrontare la spartizione o l’annientamento

La ridicola conferenza di pace di Zelensky.

DONA A COMEDONCHISCIOTTE.ORG PER SOSTENERE UN'INFORMAZIONE LIBERA E INDIPENDENTE:
PAYPAL: Clicca qui

STRIPE: Clicca qui

Mike Whitney
unz.com

La portavoce del Ministero degli Esteri cinese, Mao Ning, ha accettato di partecipare alla conferenza di pace sull’Ucraina che si terrà il mese prossimo in Svizzera, ad una condizione: che la Russia sia invitata. Mao ha dichiarato che Pechino sostiene la “tempestiva convocazione di una conferenza di pace internazionale che sia riconosciuta sia dalla parte russa che da quella ucraina”.

Sembra ragionevole: dopo tutto, ci si aspetterebbe che i negoziati di pace includano i rappresentanti delle parti in conflitto. Ma non è questo il caso. Mentre più di 90 Paesi hanno confermato che parteciperanno ai prossimi incontri, il Presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha escluso l’unica nazione la cui presenza potrebbe fare la differenza. La Russia.

Naturalmente, molti analisti sono perplessi per la posizione di Zelensky, che preclude ogni possibile soluzione o fine delle ostilità. In poche parole, i combattimenti continueranno fino a quando Russia e Ucraina non condurranno negoziati bilaterali e non raggiungeranno un accordo.

Allora, cosa sta succedendo?

Sta succedendo che Zelensky sta perpetrando una frode. È chiaro che non c’è alcuna intenzione di trovare un accordo con la Russia o di porre fine ai combattimenti. Come potrebbe esserci? Dopo tutto, la Russia non è stata invitata. Quindi, dobbiamo presumere che la conferenza di pace sarà usata per qualche altro scopo, come demonizzare Putin o raccogliere ancora più sostegno per la guerra.

Ciò ci dice che né Zelensky né i suoi referenti a Washington hanno abbandonato l’idea di infliggere una sconfitta strategica alla Russia. Non stanno gettando la spugna e non stanno certo cercando aree di compromesso reciproco. No, stanno solo esplorando modi più creativi per raccogliere sostegno per la loro fallimentare crociata. La cosiddetta “conferenza di pace” serve proprio a questo, ad attirare altre reclute sul carro dell’Ucraina.

Va detto, tuttavia, che la Russia sa esattamente cosa sta facendo Zelensky e non si fa illusioni su dove porterà tutto questo. Guardate questo breve spezzone di un’intervista con il Ministro della Difesa russo Sergey Lavrov:

La conferenza svizzera è stata convocata con l’unico scopo di discutere la formula di pace di Zelensky, che verrà presentata sotto forma di ultimatum. Non è casuale che gli stessi svizzeri, compresi i diplomatici svizzeri, affermino che la conferenza non si concentrerà sulla “costruzione di ponti” per la pace, ma sul sostegno all’Ucraina.

Josep Borrel ha dichiarato che la formula di pace è l’unica iniziativa in discussione. (Nota: le altre iniziative di pace di Cina, Brasile e Lega Araba sono state tutte ignorate).

Abbiamo accesso a informazioni che, normalmente, non sono destinate al pubblico. Alla fine di aprile, discutendo della conferenza svizzera con gli ambasciatori stranieri a Kiev… Zelensky ha trascorso la maggior parte del tempo blaterando in modo quasi isterico e incoerente e implorando il sostegno per la sua formula di pace come mezzo per mettere la Russia in ginocchio. Quando una persona non sente il bisogno di controllarsi, tende a dire la verità. Coloro che ora vengono corteggiati e spinti ad andare in Svizzera, per creare una folla e a posare per una “foto di famiglia” per poter poi blaterare di un ampio sostegno alla formula di pace di Zelensky, dovrebbero essere consapevoli del luogo in cui vengono attirati. Ci si aspetta che sostengano un ultimatum che sarà poi presentato alla Russia. Questo è ridicolo.

Il Presidente Vladimir Putin ne ha parlato di recente. Questi giochi, come altre mosse di politica estera dei nostri partner occidentali che hanno perso le loro capacità diplomatiche, non hanno nulla a che fare con la diplomazia. Sergey Lavrov, Foreign Minister Press Conference

Quindi, i russi non si lasciano ingannare da queste sciocchezze, sanno che si tratta di una truffa. Sanno anche che l’intera faccenda è stata probabilmente architettata dalle agenzie di intelligence in collaborazione con i loro consulenti mediatici. Così come sanno che gli incontri saranno probabilmente usati per puntellare l’immagine ormai a brandelli di Zelensky e, ancora una volta, per trascinare la Russia nel fango. Una cosa che abbiamo già visto. Ma la realtà è che, più tempo viene sprecato in questi fiaschi di pubbliche relazioni, più la carneficina continua sui campi di battaglia dell’Ucraina orientale. Ed è questa la vera tragedia, che Zelensky continui a giocare a questi stupidi giochi mentre i suoi connazionali vengono massacrati senza un motivo apparente. Forse dovrebbe smettere di esibirsi e risolvere il problema? Forse dovrebbe pensare seriamente alla pace?

È possibile?

È possibile.

Immaginate per un attimo se Zelensky fosse sincero nel voler porre fine alla guerra. Quanti sforzi e quanti sacrifici sarebbero davvero necessari?

Non molti. Certo, sarebbe osteggiato da Washington e dagli ultranazionalisti di estrema destra del suo governo, ma il prezzo effettivo che dovrebbe pagare in termini di sangue e risorse sarebbe trascurabile. È vero, non riconquisterà mai la Crimea o il Donbass (circa il 20% dell’ex territorio ucraino), ma questo è il prezzo da pagare per una guerra di due anni con la Russia. Putin non può essere biasimato per questo. (Ricordiamo che Zelensky era pronto a firmare un accordo di pace con Putin già un mese dopo l’inizio della guerra, ma Boris Johnson aveva fatto saltare l’accordo). In ogni caso, quei territori sono andati per sempre. Il punto è salvare ciò che resta dell’Ucraina prima che i suoi confini si riducano ulteriormente. È su questo che Zelensky dovrebbe concentrarsi: preservare ciò che resta del suo Paese finché è possibile. Più la guerra si trascina, più è probabile che l’Ucraina venga divisa o trasformata in una landa desolata e inabitabile. Il momento di agire è adesso.

La buona notizia è che Putin è pronto a trattare. Nonostante la disinformazione dell’Occidente, vuole lasciarsi alle spalle questo pasticcio. Vuole porre fine alla guerra.

E le richieste di Putin non sono irragionevoli. Vuole solo garanzie sulla sicurezza della Russia, il che significa che non permetterà la presenza di postazioni missilistiche della NATO sul confine occidentale [dalla Russia]. È una richiesta che Zelensky può soddisfare a costo zero.

Cos’altro vuole Putin?

Forse vi sorprenderà, ma l’accordo che Putin cerca con Zelensky può essere ridotto ad una sola parola: neutralità. L’Ucraina deve essere uno Stato neutrale, il che significa che non deve diventare membro di un grande blocco militare come la NATO, perché la NATO è un’alleanza militare ostile, anti-russa, che ha condotto guerre di aggressione in Jugoslavia, Afghanistan e Libia. È una alleanza aggressiva, a cui deve essere impedito di mettere le sue basi, le sue truppe da combattimento o i suoi sistemi d’arma al confine con la Russia. Punto. Così come gli Stati Uniti non permetterebbero mai alla Cina di piazzare sistemi missilistici al confine settentrionale del Messico, non si può permettere alla NATO di dislocare i missili di Washington al confine con la Russia. È la stessa cosa.

Zelensky ritiene che l’Ucraina “abbia il diritto” di prendere qualsiasi accordo di sicurezza che ritenga più utile per i propri interessi nazionali. Sembra una proposta ragionevole, ma non lo è. Perché, in termini pratici, la determinazione dell’Ucraina ad aderire alla NATO ha reso il Paese meno sicuro, anzi, la probabilità di adesione alla NATO ha portato il Paese sull’orlo dell’annientamento. Quindi, se l’intenzione di Zelensky era quella di aumentare la sicurezza nazionale dell’Ucraina, questa è la prova inconfutabile che ha preso la decisione sbagliata.

Ecco una buona regola per qualsiasi nazione piccola e poco potente che condivida il confine con una superpotenza nucleare: non fare cose che spaventino il tuo vicino. Non fare cose che facciano sentire il tuo vicino minacciato. E, soprattutto, non minacciare di unirsi ad alleanze ostili anti-russe che esprimono regolarmente il loro profondo disprezzo e la loro avversione per la Russia. Questa è la corsia preferenziale per l’annientamento. Se Zelensky non lo sapeva prima, dovrebbe saperlo ora. Guardate questo estratto da un articolo del Geopolitical Monitor:

L’Ucraina non è esattamente una sconosciuta quando si parla di neutralità. All’indomani del crollo dell’Unione Sovietica, nella dichiarazione di sovranità del 1° luglio 1990, il Paese aveva espresso l’intenzione di diventare uno Stato permanentemente neutrale, che avrebbe evitato di partecipare a blocchi militari e si sarebbe impegnato per la denuclearizzazione. Questo status di non allineamento si era tradotto in una politica estera vacillante, che tuttavia era apparsa favorevole al perseguimento di relazioni amichevoli sia con l’Unione europea (UE) che con la Russia, prima di essere infine abbandonata nel dicembre 2014 in seguito all’annessione della Crimea da parte della Russia e all’inizio della guerra del Donbass. Nel febbraio 2019, con la schiacciante approvazione della Verkhovna Rada (il Parlamento dell’Ucraina), la Costituzione ucraina era stata modificata, avviando così il Paese verso la piena adesione all’UE e alla NATO. Tuttavia, alla fine di marzo 2022 il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy era ancora pronto a discutere la possibilità che l’Ucraina assumesse una posizione neutrale come parte di un potenziale accordo di pace con la Russia per fermare l’invasione. A Neutral Ukraine Is Not the Answer, Geopolitical Monitor

Rivediamolo: Quando l’Ucraina aveva fatto la sua dichiarazione di sovranità statale, nel luglio 1990, si era impegnata ad essere “uno Stato permanentemente neutrale”. E, finché era rimasta fedele a questo status di neutralità, non c’era stata ostilità tra Mosca e Kiev. Ma non appena gli Stati Uniti avevano rovesciato il governo ucraino con il colpo di Stato del 2014, l’Ucraina aveva rinunciato alla sua neutralità e da allora erano iniziati tutti i problemi. È chiaro che non erano stati i leader ucraini indipendenti a scegliere di abbandonare la neutralità. La decisione era stata presa a Washington dai neoconservatori che volevano spostare il loro esercito globalista più vicino al confine con la Russia. Questa non è una speculazione, è quello che è successo. La NATO aveva mentito sul fatto che “non si sarebbe mossa di un centimetro verso est” dopo la riunificazione della Germania e ha continuato a spingersi verso est fino a trovarsi proprio alle porte della Russia. Alla fine, dopo essere stata messa alle strette, la Russia aveva utilizzato l’unica opzione disponibile e aveva reagito. Il 24 febbraio 2022 la Russia aveva lanciato la sua Operazione militare speciale (OMS).

Naturalmente, molti pensano ancora che Putin voglia ricostruire l’impero sovietico e che l’Ucraina sia solo il primo passo di una lunga marcia attraverso l’Europa. Fortunatamente, il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg aveva sfatato questa credenza in una conferenza stampa nel settembre 2023. Ecco cosa aveva detto:

Il Presidente Putin aveva dichiarato nell’autunno del 2021 e, in realtà, aveva inviato una bozza di trattato che voleva far firmare alla NATO, una promessa di non allargare più la NATO. Questo è ciò che ci aveva inviato. Ed era una condizione preliminare per non invadere l’Ucraina. Ovviamente non l’abbiamo firmato.

“È successo il contrario. Voleva che firmassimo quella promessa di non allargare mai la NATO. Voleva che eliminassimo le nostre infrastrutture militari in tutti gli alleati che hanno aderito alla NATO dal 1997, il che significa che metà della NATO, tutta l’Europa centrale e orientale; dovremmo eliminare la NATO da quella parte della nostra Alleanza, introducendo una sorta di adesione di serie B, o di seconda classe. L’abbiamo respinto.

“Così è entrato in guerra per evitare che la NATO, più NATO, si avvicinasse ai suoi confini. Ha ottenuto l’esatto contrario. Ha ottenuto una maggiore presenza della NATO nella parte orientale dell’Alleanza e ha visto che la Finlandia ha già aderito all’Alleanza e la Svezia sarà presto un membro a pieno titolo.

“Questo è un bene per i Paesi nordici. È un bene per la Finlandia e la Svezia. Ed è anche un bene per la NATO. E dimostra che, quando il Presidente Putin ha invaso un Paese europeo per impedire un aumento della NATO, ha ottenuto l’esatto contrario”. Putin invaded Ukraine to stop NATO, says NATO chief, YouTube

Quindi, Putin non è entrato in guerra per ricostruire l’impero sovietico. È entrato in guerra per impedire che una coalizione militare ostile, contraria alla Russia, si posizionasse sul suo confine, da dove i suoi missili avrebbero potuto colpire Mosca in meno di 7 minuti.

È stato irragionevole da parte sua?

Certo che no. Stava semplicemente agendo nell’interesse del suo Paese su una questione di importanza critica (esistenziale). Guardate questo breve video di 1 minuto di John Mearsheimer che arriva alle stesse conclusioni:

“… Mettiamola in modo diverso: l’Ucraina – secondo la sua Costituzione e la sua Dichiarazione di sovranità del 1990 – era un Paese neutrale. Ha abbandonato la neutralità nel dicembre 2014. Pensateci. Quindi, se l’avessimo lasciata in pace, oggi l’Ucraina sarebbe intatta, compresa la Crimea. E tutte queste persone morte non sarebbero morte”. John Mearsheimer, Would Neutrality Have Prevented the War, You Tube

Per Zelensky, la scelta non potrebbe essere più chiara. L’Ucraina o sarà neutrale o sarà annientata. La scelta spetta a lui. Ma una cosa è certa: la Russia non vivrà con una pistola puntata alla testa. Ormai lo sappiamo.

Mike Whitney

Fonte: unz.com
Link: https://www.unz.com/mwhitney/ukraine-will-return-to-neutrality-or-face-partition-or-annihilation/
29.05.2024
Scelto e tradotto da Markus per comedonchisciotte.org

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
95 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
95
0
È il momento di condividere le tue opinionix