Home / Notizie dall'Europa / L’Italia getta il guanto di sfida all’Establishment di Bruxelles

L’Italia getta il guanto di sfida all’Establishment di Bruxelles

DI ARKADY SAVITSKY

strategic-culture.org

L’Unione Europea di recente si è trovata a dover gestire non pochi problemi in quanto, alcuni suoi membri, tra i quali Polonia e Ungheria, hanno sfidato apertamente l’ordine stabilito. Questa volta siamo di fronte ad una situazione molto seria, Bruxelles deve affrontare le sfide da parte dell’Italia,  la terza potenza economica nazionale nell’Eurozona e l’ottava economia globale in termini di PIL nominali. Con una popolazione di oltre 60 milioni di abitanti, l’Italia è una nazione europeista e membro fondatore dell’UE.

Il governo italiano ha respinto le richieste da parte dell’EU di rivedere la bozza di bilancio per l’anno 2019, proposta che prevede un deficit PIL al 2,4% e che potrebbe minacciare il debito pubblico nazionale. La coalizione di governo di Roma, costituita dalla Lega e dal Movimento populista 5 Stelle, hanno deciso di incrementare il prestito allo scopo di poter finanziare le promesse elettorali, come la riduzione dell’età pensionabile e l’aumento dei pagamenti delle prestazioni previdenziali.

Lo scorso mese la Commissione europea ha lamentato che questi obiettivi di spesa vanno contro le norme dell’UE. Su Roma pesa un enorme debito pubblico che la posiziona al secondo posto nell’Eurozona. La differenza tra prestiti e produzione economica è  al 131,8%  ma il governo è comunque convinto che riuscirà a raggiungere una crescita economica sostanziale, sebbene le previsioni europee siano piuttosto cupe. Il 13 novembre scorso era il termine per presentare una revisione della bozza di bilancio, Roma non si è attenuta a tale termine. Ora la leadership europea sta minacciando l’Italia con sanzioni, fino a quando questa non risulterà adempiente: uno schiaffo per l’Italia che potrebbe dover versare una multa pari a 3,4 miliardi di Euro.

Il governo italiano sta intraprendendo una linea indipendente in merito a diverse tematiche. Viene visto come filo russo nelle sue richieste di abolizione, o almeno di diminuzioni, delle sanzioni contro la federazione russa. Il primo ministro italiano Giuseppe Conte sostiene che Mosca debba essere riammessa al G7. Il primo ministro lo scorso ottobre ha visitato Mosca, poi ha definito la Russia quale soggetto globale essenziale ed ha invitato Putin a visitare l’Italia. Nonostante le misure punitive che l’EU ha imposto, Conte ha sottoscritto diversi accordi commerciali e d’investimento.

Lo scorso anno, il partito di maggioranza parlamentare russo, Russia Unita, insieme alla Lega Nord italiana, membro della coalizione di maggioranza, hanno firmato un accordo di collaborazione. Il consiglio regionale in Veneto, dove il vice primo ministro Matteo Salvini detiene una posizione di forza, nel 2016 ha riconosciuto Crimea come parte della Russia.

L’Austria è un altro membro dell’EU amico della Russia. Persino il recente “scandalo di spionaggio”, chiaramente messo in scena da forze esterne per rovinare quella relazione bilaterale, non è riuscito a danneggiare quel rapporto. “Siamo un paese con dei buoni contatti con la Russia, siamo aperti al dialogo, non cambierà in futuro” ha dichiarato il cancelliere austriaco Sebastian Kurz, di fronte ai giornalisti il 14 novembre. Il partito popolare conservatore e l’estrema destra il Partito della Libertà – entrambi membri della coalizione di governo – sono ben disposti nei confronti di Mosca e non sono sostenitori delle politiche di sanzione promesse dall’UE.

L’Ungheria è un altro membro dell’UE a sostenere la Russia. Lo scorso mese, il parlamento europeo ha votato a favore dell’avvio delle procedure di sanzione secondo l’articolo 7 contro l’Ungheria. Il governo guidato dal primo ministro Victor Orban è stato accusato di aver messo a tacere i media, di aver bersagliato le ONG e di aver rimosso dal loro incarico giudici indipendenti. L’avvio delle procedure previste da tale articolo apre le porte alle sanzioni; l’Ungheria potrebbe, prima o poi, essere privata del suo diretto di voto all’interno dell’EU. In realtà il Paese viene punito per essersi rifiutato di accogliere immigrati.

Questa è la seconda volta che vengono avviate le procedure secondo l’articolo 7. La prima volta è stata lo scorso anno, quando la Commissione Europea ha dato il via libera all’articolo 7 contro  la Polonia per le sue riforme giudiziarie. Per sospendere il diritto di voto dell’Ungheria e introdurre le sanzioni, è necessaria una votazione unanime e questa mossa rischia di venire bloccata dalla Polonia. A sua volta, l’Ungheria ha detto che starebbe a fianco di Varsavia nel caso in cui l’UE avvii le procedure per punirla. Le due nazioni  sono unite nei loro sforzi per sostenersi a vicenda e respingere gli sconfinamenti di Bruxelles in un momento in cui l’UE sta attraversando uno dei periodi più duri della storia.

Ungheria, Polonia e Russia stanno cercando di attirare l’attenzione dell’Europa sulla minaccia alla pace e alla democrazia proveniente dall’Ucraina, problema che è stato per lo più messo a tacere dalla leadership europea.

La Slovacchia è un altro membro dell’UE che nutre quello che alcuni definiscono, un “legame speciale” nei confronti della Russia. Non si è mai dimostrata a favore delle sanzioni contro la Russia e l’ha dichiarato apertamente. Lo scorso mese, Peter Pellegrini, il suo nuovo primo ministro, ha invitato l’UE a rivedere la politica in materia di sanzioni.

Anche in Grecia è scoppiato un conflitto diplomatico ma, come nel caso dell’Austria, potrebbe avere offuscato quei legami storici che comunque non è riuscita a recidere. Cipro è sempre stato un paese amico della Russia, ma sia Nicosia che Atene non sono in condizioni di poter proteggere la loro indipendenza, in quanto entrambe sono fortemente indebitate e dipendono dai prestiti esteri.

La battaglia tra Bruxelles e Roma giunge nel momento in cui l’Europa si sta preparando per le elezioni del Parlamento Europeo che si terranno a maggio 2019. Le misure punitive intraprese dall’UE contro l’Italia non potranno che condurre ad un crescente sostegno pubblico di quel governo che presta voce contro le pressioni e difende la propria gente.

Questo porterà ad un aumento degli euroscettici italiani che vinceranno seggi in Parlamento. Considerando l’elevato malcontento di molte nazioni nei confronti dell’EU, risulta difficile prevedere i risultati delle elezioni. Presto al comando ci saranno nuove persone con opinioni diverse sui problemi che incombono sull’UE, così come sul futuro degli stati membri. Tutto potrebbe cambiare,  compreso il rapporto con la Russia e le sanzioni che sono diventate così impopolari e hanno portato molti leader nazionali a sfidare apertamente la “saggezza” di tale politica imposta da una élite di potere.

 

Arkady Savitsky

Fonte: www.strategic-culture.org

Link: https://www.strategic-culture.org/news/2018/11/17/italy-throws-down-gauntlet-challenge-brussels-establishment.html

12.11.2018

 

Traduzione per www.comedonchisciotte.org di Elena Scapin

 

 

Pubblicato da Rosanna

Ho insegnato italiano, latino e storia in un Liceo Classico, la mia insolita passione è quella di andare a caccia della "verità" nelle vicende contemporanee, attraverso gli interstizi dell'informazione, il mio vizio assurdo invece consiste nell'amare l'anonimato più della notorietà, la responsabilità più del narcisismo, l'impegno sociale più del letargo intellettuale. Allergica al pelo di capra e alle fake news.