L’aggressione nazista e lo squilibrio militare della Blitzkrieg

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

Di Shane Quinn, Geopolitica.ru

I tedeschi impararono di più dalla sconfitta nella prima guerra mondiale di quanto gli alleati avessero imparato dalla vittoria. Durante gli anni tra le due guerre (1918-1939), i militaristi tedeschi prestarono molta più attenzione al potenziale del carro armato (panzer) e alle tattiche di infiltrazione rispetto agli inglesi o ai francesi.

A Berlino, nel 1938 fu deciso che alla testa delle punte di diamante invasori non sarebbe stata posta la fanteria, che si muoveva a 3 miglia orarie, ma piuttosto panzer che avanzavano a 30 miglia orarie.

Le opinioni del colonnello tedesco Heinz Guderian, esposte nel suo libro del 1937 “Achtung Panzer”, hanno avuto un peso significativo nel plasmare il pensiero della Wehrmacht, attraverso il quale Guderian ha delineato in dettaglio le vaste possibilità dell’armatura meccanizzata in guerra. “Colpisci duro e rapidamente e non disperdere le tue forze”, scrisse Guderian riassumendo i metodi Blitzkrieg. Non tutti gli alti ufficiali tedeschi erano d’accordo senza riserve in tali opinioni. Ciò che si è rivelato fondamentale nell’adozione della Blitzkrieg da parte della Wehrmacht è stato, va detto, il partito nazista e il suo autocrate di estrema destra, Adolf Hitler.

L’analista militare Donald J. Goodspeed ha scritto:

“Se non fosse stato per Hitler e per l’intero clima di opinione portato dal partito nazista, la Wehrmacht avrebbe potuto dimostrarsi poco più illuminata sulle possibilità della guerra corazzata rispetto a quella britannica e francese. I nazisti, tuttavia, come uomini adatti che si consideravano rivoluzionari, erano tutti per ciò che era nuovo, audace e moderno e l’idea di grandi forze di carri armati catturò la loro immaginazione. La guerra corazzata e meccanizzata aveva un’enorme attrazione per loro. La Blitzkrieg si adattava alle politiche naziste come un guanto si adatta ad una mano”

La causa nazista era stata aiutata dalla qualità inferiore dell’opposizione: un esercito polacco antiquato e poco equipaggiato e un esercito francese afflitto da dottrine obsolete della prima guerra mondiale con un atteggiamento incentrato sulla difesa. [I francesi] Avevano dimenticato uno dei motti preferiti di Napoleone: “Il lato che sta all’interno delle sue fortificazioni è battuto”.

Le forze armate francesi non si erano riprese dagli ammutinamenti, che si erano diffusi tra i suoi ranghi durante la primavera e l’estate del 1917. Entro il 9 giugno 1917 erano scoppiati ammutinamenti in 54 divisioni francesi, roba da piangere. Anche in quelle unità in cui non si erano verificati ammutinamenti, più della metà dei soldati francesi di ritorno dal congedo si era dichiarata ubriaca. Piuttosto che i problemi fossero portati allo scoperto, discussi e possibilmente curati, gli ammutinamenti furono insabbiati. Il morale scarso rimase diffuso nell’esercito francese, quando i tedeschi invasero il 10 maggio 1940. I francesi avevano deciso, nel 1917, che il costo della guerra non valeva il prezzo pagato con il sangue.

La Blitzkrieg aveva promesso i risultati di cui i tedeschi avevano più bisogno: vittorie brevi e definitive, che non avrebbero messo a dura prova la loro manodopera limitata e le loro risorse minerarie. I nazisti aggiunsero i loro tocchi alla Blitzkrieg prevista da Guderian. Sotto l’influenza fascista, la Blitzkrieg fu progettata per disorganizzare e sopraffare il nemico, le città sarebbero state bombardate, i rifugiati sarebbero stati presi di mira dagli aerei lungo le strade, le quinte colonne avrebbero diviso e indebolito l’opposizione, sarebbe stata usata la propaganda mentre il terrore sarebbe seguito sulla scia dell’occupazione.

Indipendentemente da ciò, la Blitzkrieg aveva ancora un effetto più psicologico che fisico. I raid aerei tedeschi hanno inflitto danni minori rispetto ai bombardamenti aerei angloamericani, che sono stati eseguiti sempre più con enormi velivoli quadrimotore. Il blitz tedesco della Gran Bretagna, durato 8 mesi fino al maggio 1941, provocò tra 40.000 e 43.000 morti. In poco più di una settimana, durante la tarda estate del 1943, il bombardamento britannico e americano di Amburgo (operazione Gomorra) uccise quasi lo stesso numero di persone, tra 34.000 e 43.000 morti. Tra gli altri edifici distrutti ad Amburgo, 24 ospedali e 277 scuole sono stati rasi al suolo dagli angloamericani nell’operazione Gomorra.

Si ritiene convenzionalmente che, affinché un’offensiva militare abbia successo in modo decisivo, gli attaccanti dovrebbero superare i difensori di 3 a 1. Quasi dall’inizio della guerra nazista-sovietica, i tedeschi erano in inferiorità numerica in termini di manodopera, carri armati, aerei e artiglieria. Gli eserciti a guida tedesca invasero l’URSS il 22 giugno 1941 con 3.767.000 uomini, mentre in URSS a quel tempo l’esercito sovietico era composto da 5.373.000 uomini. All’inizio dell’attacco, 11.000 carri armati sovietici si opposero immediatamente a 4.000 carri armati dell’asse tedesco; c’erano 9.100 aerei da combattimento sovietici nell’URSS occidentale contro 4.400 aerei da combattimento dell’asse tedesco e 19.800 pezzi di artiglieria sovietici rispetto a 7.200 pezzi di artiglieria dell’asse tedesco.

In tutta l’URSS, l’Armata Rossa aveva ben 23.100 carri armati nel giugno 1941, insieme a 20.000 aerei. Mawdsley ha fornito le cifre. C’era una lealtà discutibile e un’intenzione subdola nei confronti della Russia sovietica negli Stati baltici, che erano stati assorbiti dall’Unione Sovietica solo l’anno prima, nel giugno 1940. In Estonia, l’autore inglese Chris Bellamy ha ricordato come: “Subito dopo l’attacco tedesco, i soldati estoni cominciarono a disertare in gran numero dalle basi sovietiche.”

Uno scenario simile si è svolto nella vicina Lettonia, nei giorni successivi allo scatenamento dell’operaizone Barbarossa. Bellamy, nel suo studio sulla guerra nazi-sovietica continuò:

Solo circa 3.000 soldati lettoni si ritirarono con l’Armata Rossa: il resto, sia come individui che come intere unità guidate dai loro comandanti, disertò, e poi iniziò ad attaccare l’Armata Rossa e le unità NKVD

Hitler era deciso a trattare le popolazioni baltiche e dell’Europa orientale come cittadini di seconda classe, soggetti ai loro padroni coloniali tedeschi. La fredda brutalità del dominio nazista si sarebbe rivelata un fattore secondario nell’eventuale sconfitta della Wehrmacht.

La Blitzkrieg sembrava inizialmente funzionare senza intoppi nei Paesi baltici. Il 56° Corpo Panzer del generale Erich von Manstein avanzò di 155 miglia in 4 giorni, per raggiungere Daugavpils nel sud-est della Lettonia il 25 giugno 1941. Eppure l’innato squilibrio militare della Blitzkrieg divenne evidente nel gigantesco terreno dell’Unione Sovietica. I panzer di Manstein dovettero aspettare 6 giorni a Daugavpils, prima che la fanteria tedesca della 16a armata potesse raggiungerli. Questo problema sarebbe emerso più e più volte.

Goodspeed ha osservato sulla Blitzkrieg che “c’era sempre qualcosa di un po’ ingannevole e fraudolento, qualcosa di militarmente malsano, che poteva avere successo solo con bluff e spacconeria.”

Stalin fu colto alla sprovvista quando iniziò l’attacco tedesco. Quando fu svegliato e informato degli attacchi dell’artiglieria tedesca su larga scala, Stalin “mormorò che lo scoppio delle ostilità doveva aver avuto origine in una cospirazione all’interno della Wehrmacht”, scrisse Robert Service, storico e biografo di Stalin. Hitler aveva pianificato seriamente la sua invasione per quasi un anno, dalla seconda metà di luglio 1940. Hitler meditava di attaccare l’URSS nell’autunno del 1940 ma fu convinto di non farlo dal 58enne feldmaresciallo Wilhelm Keitel, che sulla guerra sapeva più del Führer. Keitel ha implorato che la logistica non sarebbe stata pronta in tempo.

Una storia persiste da molti anni: dopo aver appreso che i tedeschi avevano invaso, Stalin avrebbe subito un collasso mentale e si sarebbe nascosto. Questo è lontano dalla verità. Quando gli fu detto del bombardamento tedesco, Stalin sperava irrealisticamente che Hitler non ne fosse a conoscenza e che avrebbe annullato l’invasione. Questa sensazione fu dissipata poche ore dopo l’attacco tedesco, quando l’ambasciatore del Terzo Reich in URSS, Friedrich von Schulenburg, riferì la dichiarazione di guerra tedesca a Vyacheslav Molotov, il ministro degli Esteri sovietico.

Sentendo questo Stalin risultò sconvolto, incapace di concentrare la sua mente su questioni essenziali. Per lo shock e l’imbarazzo, Stalin non riuscì a convincere il pubblico russo dell’attacco tedesco. Fu invece Molotov ad annunciare al popolo via radio, a mezzogiorno del 22 giugno 1941, che il loro Paese era stato invaso e poi si sparse la voce su dove fosse Stalin. I registri mostrano, come nel libro degli ospiti di Stalin, che non scomparve ma continuò a lavorare per lunghe ore, consultandosi con una serie di personale militare e politico. Ad esempio, dalle 3:20 del 23 giugno, Stalin ha lavorato per 15 ore senza interruzioni.

Poi, circa una settimana dopo l’inizio dell’invasione, tutto il peso del disastro iniziò a colpire nel segno. Il 27 giugno Stalin aveva appreso durante una visita al Ministero della Difesa che i tedeschi avevano già raggiunto Minsk, la capitale della Bielorussia sovietica. Gli invasori avevano spazzato via le divisioni dell’Armata Rossa situate più vicino al confine nazista, forze che Stalin pensava potessero trattenere i tedeschi. Sembra che in questo momento Stalin temesse che una sconfitta sovietica fosse un’inevitabile. Con un tale stato d’animo il suo morale crollò e si ritirò nella sua dacia all’inizio del 29 giugno. Non fu un esaurimento nervoso, ma una naturale reazione di sconforto.

Il leader sovietico era appena uscito dalla sua depressione, quando Molotov aprì la strada visitandolo nella sua residenza e lo incoraggiò in modo rassicurante a tornare al lavoro. Molotov in seguito ha riconosciuto del suo leader: “Non si può dire che sia caduto a pezzi; certamente stava soffrendo ma non lo ha mostrato. Stalin aveva sicuramente le sue difficoltà. Sarebbe stupido sostenere che non abbia sofferto.”

Mentre l’invasione tedesca si estendeva in settimane, il morale di Stalin si ridusse e si ridusse e probabilmente non fu mai più così basso come lo era stato alla fine di giugno 1941. Uno dei più grandi colpi successivi fu la caduta di Kiev, il 19 settembre 1941. È interessante notare che la Wehrmacht, la potenza militare più forte del mondo, ha impiegato 4 settimane per conquistare Kiev, dal momento in cui Hitler aveva ordinato una mossa verso sud in Ucraina il 21 agosto, attraverso la Bielorussia meridionale e la Russia occidentale. I combattimenti non si sono placati nella regione di Kiev fino al 26 settembre, quindi si potrebbe prolungare la battaglia a 5 settimane.

Dell’attuale situazione ucraina, molti nel mainstream occidentale, analisti militari e commentatori dei media, hanno ridicolmente affermato nelle ultime settimane che le forze russe avrebbero dovuto entrare con successo a Kiev in 2 o 3 giorni. Farebbero bene a consultare i libri di storia. Kiev è pure una città molto più grande oggi di quanto non fosse nel 1941 e ovviamente ci vorrebbe più tempo per sottometterla.

Tuttavia, non si dovrebbe assolutamente fare un parallelo tra le circostanze del 1941 e gli attuali sviluppi in Ucraina. La guerra nazista contro l’Unione Sovietica fu non-provocata, genocida e imperialista fino in fondo, cosa che non si può certo dire dell’intervento militare russo in Ucraina.

Sembra anche molto improbabile, per quanto riguarda l’Ucraina, che il Cremlino abbia mai potuto fare progressi diplomatici con l’Occidente. I russi sono stati ripetutamente frustrati dalla doppiezza occidentale, guidata in modo schiacciante da degli Stati Uniti aggressivi ed espansionisti, che continuano a dominare gran parte del mondo, spesso attraverso la diplomazia delle cannoniere.

L’avanzata militare russa in Ucraina, da nord, est e sud, è arrivata come reazione a plausibili preoccupazioni di sicurezza a Mosca: relative all’incessante allargamento USA-NATO fino ai confini della Russia, insieme alla crescente militarizzazione occidentale in corso e la politicizzazione dell’Ucraina stessa, il suo popolo in larga misura sottoposto al lavaggio del cervello dalla propaganda occidentale nonostante sia un territorio con legami storici e culturali secolari con la Russia e non con l’Europa o l’America.

L’Ucraina è della massima importanza geostrategica per lo Stato russo

Un secolo fa la socialista rivoluzionaria di origine polacca, Rosa Luxemburg, criticò in particolare quello che chiamava “stupido nazionalismo ucraino”. La Luxemburg affermò che il nazionalismo ucraino era molto diverso dal nazionalismo ceco, polacco o finlandese perché il nazionalismo ucraino non era “nient’altro che stravaganza, vano orgoglio di una dozzina di intellettuali piccolo-borghesi senza alcuna radice nella situazione economica, politica o spirituale del Paese e senza tradizione storica”; poiché l’Ucraina “non aveva mai costituito una nazione o uno Stato ed era priva di una cultura nazionale.”

La Luxemburg ha osservato che “il nazionalismo nell’Ucraina russa non aveva rappresentato nulla fino alla rivoluzione bolscevica dell’ottobre 1917. Era una bolla di sapone, la vanità di una dozzina di professori e avvocati, la maggior parte dei quali non sapeva nemmeno leggere l’ucraino”. Qui stanno le radici del nazionalismo ucraino.

La Luxemburg credeva che il leader del partito bolscevico, Vladimir Lenin, avrebbe dovuto mantenere l’integrità territoriale dell’impero russo, sotto il patrocinio della rivoluzione socialista. Come prevedeva la Luxemburg, la prospettiva dell’autodeterminazione divideva l’Ucraina in piccole sfere pretenziose e prevedeva che l’Ucraina avrebbe svolto un “ruolo fatale” nel destino della rivoluzione russa.

Di Shane Quinn, Geopolitica.ru

NOTE

Evan Mawdsley, “Thunder in the East: The Nazi-Soviet War, 1941-1945” (Hodder Arnold, 23 Febbraio 2007)

Donald J. Goodspeed, “The German Wars” (Random House Value Publishing, 3 Aprile 1985)

Greig Watson, “Operation Gomorrah: Firestorm created ‘Germany’s Nagasaki’”, BBC News, 2 August 2018 https://www.bbc.com/news/uk-england-43546839

Chris Bellamy, “Absolute War: Soviet Russia in the Second World War” (Pan; Main Market edition, 21 Agosto 2009)

Luiz Alberto Moniz Bandeira, “The World Disorder: US Hegemony, Proxy Wars, Terrorism and Humanitarian Catastrophes” (Springer; Prima Edizione, 4 Febbraio 2019)

Robert Service, “Stalin: A Biography” (Pan; Ristampa, 16 Aprile 2010)

David C. Gompert, Hans Binnendijk, Bonny Lin, “Blinders, Blunders, and Wars: What America and China Can Learn”, Capitolo 7 “Hitler’s Decision to Invade the USSR”, 2014, Edito da Rand Corporation, p. 4 of 12, Jstor
https://www.jstor.org/stable/10.7249/j.ctt1287m9t.14?seq=4#metadata_info_tab_contents

29.03.2022

link fonte:
https://www.geopolitica.ru/en/article/nazi-aggression-and-blitzkriegs-military-imbalance

Traduzione di Costantino Ceoldo, ComeDonChisciotte.org

Pubblicato da Jacopo Brogi per ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
14 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
14
0
È il momento di condividere le tue opinionix