La rivoluzione femminista e l’inverno demografico

DONA A COMEDONCHISCIOTTE.ORG PER SOSTENERE UN'INFORMAZIONE LIBERA E INDIPENDENTE:
PAYPAL: Clicca qui

STRIPE: Clicca qui

Di Santiago Gascó Altaba, lafionda.com

Inverno demografico è il termine coniato per descrivere l’invecchiamento, ovvero l’aumento dell’età media, della popolazione, ovvero la mancanza di natalità. Ci vuole un tasso di natalità di 2,1 figli per donna per mantenere la popolazione. In Italia il tasso di natalità è di 1,3 figli per donna circa, più della metà delle donne in età fertile non ha neanche un figlio. La Plasmon ha realizzato un cortometraggio, “Adamo”, sull’ultimo bambino che nascerà in Italia fra una generazione. «Se le nascite in Italia proseguissero il percorso di diminuzione con il ritmo osservato nel decennio scorso ci troveremmo a entrare nella seconda metà di questo secolo con reparti di maternità del tutto vuoti». A Genova, la città più vecchia d’Europa, per venti giorni consecutivi non c’è stata nessuna nascita. Ci sono 269 anziani per ogni 100 bambini, i morti sono il triplo dei nati, per due negozi della linea per bambini Prénatal ci sono una quindicina tra punti vendita e supermercati per animali delle catene Arcaplanet e Fortesan. «La città che presto potrebbe svanire nel nulla», intitolano i media. Ma l’inverno demografico non riguarda unicamente l’Italia.

In Giappone il mercato dei pannoloni per anziani da anni surclassa quello per bambini. Qualche giorno fa c’è stato un professore dell’Università di Yale che ha suggerito il suicidio di massa dei vecchi per risolvere il problema dell’invecchiamento in Giappone. Anche qui il tasso di fecondità è di 1,3 figli per donna circa, le nascite totali sono cadute nel 2022 per la prima volta nella storia del paese sotto le 800.000. La popolazione sotto i 15 anni è al minimo storico, 11,7%, a fronte di un numero crescente di persone con più di 65 anni, 29%. Il paese con il tasso di fecondità più basso al mondo è la Corea del Sud, era di 0,81 figli per donna nel 2021, nel 2022 è crollato ancora fino a 0,78 figli per donna. Nel 2022, nel paese ci furono 249.000 nascite e 372.800 decessi. Nel frattempo l’età media delle madri continua a protrarsi fino a 33,5 anni nel 2022. In Italia, 33,1 anni per le italiane e 31 anni per le cittadine straniere. In 16 anni il governo della Corea ha speso più 200.000 milioni di dollari allo scopo di aumentare la popolazione senza riuscirci. Tra alcune delle misure elencate dagli esperti per capovolgere la situazione e aumentare le nascite ci sono la promozione sociale delle famiglie monoparentali, l’accesso delle donne single a trattamenti di fecondazione in vitro e il riconoscimento del matrimonio tra persone dello stesso sesso.

madre piedi bimbo

Il denaro non inverte la tendenza.

L’inverno demografico rappresenta uno sconvolgimento della società di una portata incalcolabile. Non solo mette a rischio la salute del sistema pensionistico, o può provoca lo spopolamento di certi territori e cittadine e il deterioramento dei loro servizi, fino ad arrivare addirittura alla completa sostituzione e scomparsa della cultura autoctona per altre di popolazioni immigranti. Dalla crisi demografica e dalla sparizione dei legami familiari ne derivano nuovi fenomeni dovuti all’isolamento sociale, una volta sconosciuti, come è ad esempio la “morte in solitudine”. Si tratta di persone che muoiono da sole, il corpo talvolta scoperto dopo giorni o settimane. Alcuni paesi, come il Giappone o il Regno Unito, hanno emanato delle normative per prevenire “la morte in solitudine”. Sempre in Corea del Sud il fenomeno riguarda migliaia di persone, fenomeno in aumento. Nel 2021 ci furono 3.378 morti di questo tipo, a fronte di 2.412 nel 2017. I gruppi sociali più a rischio sono gli anziani e gli uomini. Nel 2021 il numero di uomini che sono morti da soli è stato 5,3 volte superiore a quello delle donne, in precedenza il numero era solo 4 volte superiore. Oltre alla mancanza di figli, il rischio «aumenta rapidamente a causa della perdita del lavoro e del divorzio».

Suicidio demografico, declino demografico, denatalità, invecchiamento della popolazione, insomma, inverno demografico, in questi ultimi anni gli articoli sul tema si stanno moltiplicando velocemente. Infatti, si tratta di un fenomeno con accelerazione costante, i suoi effetti seguono una progressione geometrica: se 20 anni fa gli effetti sembravano trascurabili e ora sono preoccupanti, tra 20 anni possono essere diventati sconvolgenti, oltre che inarrestabili. È normale dunque che l’inverno demografico riceva sempre di più l’attenzione dei media. Questi articoli solitamente seguono lo stesso pattern: elencano dei dati preoccupanti, avvertono sugli effetti devastanti, ipotizzano le cause e citano le misure che i governi hanno intrapreso o pensano di intraprendere per combatterle. Ed è proprio sulle cause che voglio richiamare l’attenzione del lettore e che riguardano i temi che trattiamo su questo sito. Evidentemente si tratta di un fenomeno multifattoriale. Secondo la visione prevalente di questi articoli e dei governi la causa principale è economica, il fenomeno può essere invertito solo mediante un consistente sostegno economico a favore delle donne che decidono di avere dei figli: creazioni di asili nido, sostegno della carriera lavorativa, gravidanza e maternità retribuite, ferie pagate per trascorrere con i figli, assegni per i figli, agevolazioni per l’affitto e l’acquisto della casa, conteggio dei figli per la pensione… In altre parole, oltre 200.000 milioni di dollari spesi dal governo della Corea del Sud che non sono serviti a invertire il fenomeno, al contrario, è peggiorato nel tempo. E chi dice la Corea dice il Giappone, la Germania, il Portogallo, il Regno Unito, l’Italia…

padre bambino

I giovani non vogliono figli.

Qualcuno avrà notato che nelle misure economiche proposte dalle istituzioni pubbliche mai, o quasi mai, compare la figura paterna. L’aspetto economico per promuovere la natalità è spesso legato al concetto dello sviluppo dei diritti delle donne. Per qualche misteriosa ragione, natalità e femminismo devono camminare di pari passo. Per far crescere la natalità, si deve agevolare la carriera lavorativa delle madri, sostenere i loro redditi, garantire la loro libertà, a tutte le madri, anche a quelle single, e in qualsiasi contesto familiare. Quindi si tratta di promuovere le famiglie monoparentali, la fecondazione in vitro per le donne single, la maternità surrogata e i matrimoni tra persone dello stesso sesso. Se è vero che è stata osservata e ammessa una forte correlazione negativa tra il tasso di natalità e la partecipazione del lavoro femminile, questa presunta incompatibilità (tra maternità e carriera) non viene messa in discussione da nessuno. Al contrario, come è stato già detto, i governi continuano a promuovere il lavoro femminile. Parimenti succede su un altro  fattore, innominabile, che gravita intorno ai diritti delle donne: l’aborto, raramente accennato. Per quanto riguarda invece la coppia tradizionale, l’uomo dovrebbe essere coinvolto di più nella crescita e nelle cure dei figli e dei lavori di casa. Il mutamento dei comportamenti inadatti dei padri, mediante la loro rieducazione, a sostegno delle madri, oberate di impegni, gioverebbe alla crescita della natalità.

Io sono piuttosto del parere che i governi e i media sbagliano, che la causa principale dell’inverno demografico sia ideologica e possa essere nominata: si chiama femminismo. Il femminismo è l’ideologia di maggior successo e più influente nella società occidentale, per stessa ammissione delle sue stesse seguaci. Da oltre mezzo secolo quest’ideologia promuove e divulga esplicitamente la guerra alla famiglia, alla maternità, al matrimonio, all’allattamento al seno, al compagno sentimentale e padre (uomo)… Il femminismo ha osannato l’aborto, il divorzio, le pratiche sessuali sterili, dalla masturbazione al lesbismo. Quest’ideologia è dichiaratamente anti-natalità. I figli sono una «schiavitù», il desiderio di averli o il sogno femminile di un progetto familiare sono chiaramente vestigia patriarcali. L’amore romantico è un mito patriarcale, e il legame con un uomo in un progetto familiare un “pericolo”. La felicità e la realizzazione delle donne passa unicamente per la carriera lavorativa, se possibile lontana dagli uomini, nella sorellanza, meglio se lesbiche. C’è un’innegabile correlazione nella società tra diffusione del femminismo e crollo della natalità. Da oltre mezzo secolo le nuove generazioni hanno assorbito con un martellamento costante questi insegnamenti, dalle istituzioni, dai media e nelle scuole. I giovani e le giovani non fanno figli principalmente perché non li vogliono. Punto. La questione economica è secondaria. La domande è: perché non li vogliono? Come è stato possibile trasformare una società che prima degli anni ’70 era pro-famiglia e pro-natalità in una società che rifugge la famiglia e i figli?

pro aborto usa

Le conseguenze della rivoluzione femminista.

Risulta assurdo che l’ideologia di maggior successo e più influente di quest’epoca, il femminismo, non abbia alcuna responsabilità per i mali che affliggono sempre di più le società moderne: l’aumento dei suicidi, la diffusione di malattie mentali, della depressione e dell’insonnia, il consumo di analgesici, farmaci e psicofarmaci, l’isolamento sociale, o per l’appunto, l’inverno demografico. Secondo uno studio del 2020 le donne di sinistra in America sono il gruppo sociale che più patisce problemi di salute mentale. Nello specifico, e con differenza rispetto a qualsiasi altro gruppo sociale, oltre il 50% delle donne bianche di sinistra sotto i 30 anni in America ha un problema di salute mentale. Se bombardiamo le giovani menti ogni santo giorno, in special modo quelle delle ragazze, con pericoli reali e soprattutto fittizi che le colpiscono di continuo, vittime della storia, del patriarcato, della violenza, del linguaggio, dell’uomo, del razzismo, dell’inquinamento, della sessualizzazione del corpo, della transfobia, della omofobia, del lgbtfobia… è normale che queste ragazze crescano tra la paranoia giustizialista e il delirio di persecuzione. In questa realtà parallela, quante di queste ragazze potrebbero desiderare avere dei figli in un progetto familiare a lungo termine? Scrive il Corriere sulla denatalità in Cina: «il femminismo delle donne cinesi […] ormai le giovani donne cinesi ignorano gli incentivi alla natalità, non fanno figli e non si sposano. Allevare un figlio in Cina, oggi, è un tremendo sforzo economico, ricade soprattutto sulla donna e c’è un vero femminismo cinese che si ribella alla visione tradizionale della moglie e della madre». L’analisi del Corriere non manca di menzionare il «tremendo sforzo economico», come al solito, per dire successivamente che la vera causa dell’inverno demografico cinese è il rifiuto «delle donne cinesi», ormai «femministe», ad accettare i “malvagi” ruoli tradizionali: «non fanno figli e non si sposano». I soldi c’entrano poco. E in Italia? Lo stesso. I valori nella società sono stati sostituiti, gli effetti sono visibili, ma le istituzioni e i media sono troppo invasi da femminismo per poter fare un semplice lettura critica delle conseguenze della rivoluzione femminista.

Di Santiago Gascó Altaba, lafionda.com

26.03.2023

Santiago Gascó Altaba, scrittore e autore del libro La grande menzogna del Femminismo (Persiani Editore).

Fonte: https://www.lafionda.com/la-rivoluzione-femminista-e-linverno-demografico/

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
71 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
71
0
È il momento di condividere le tue opinionix