La guerra mondiale del gas: il bello deve ancora arrivare!

Dmitry Orlov
cluborlov.wordpress.com

Il prezzo spot del gas naturale in Europa ha appena superato il livello, psicologicamente importante, dei 1000 dollari per mille metri cubi, o un dollaro al metro cubo. Questo ha già avuto alcuni risultati significativi in tutta Europa. Nel Regno Unito, gli impianti che producono fertilizzanti non possono funzionare a questi prezzi e hanno chiuso. Questo causerà, a tempo debito, un’inflazione nei costi dei prodotti alimentari, ma l’effetto immediato sarà quello di privare i consumatori di carne confezionata e birra a causa della carenza di ghiaccio secco, un sottoprodotto della produzione dei fertilizzanti. Nel frattempo, dall’altra parte di ciò che resta dell’Unione Europea, negli Stati Baltici i prezzi dell’energia elettrica sono ora 10 volte più alti che in Russia, appena oltre il confine. Naturalmente, [i Baltici] sarebbero i benvenuti se volessero comprare elettricità economica e abbondante dalla Russia, ma questa dovrebbe passare attraverso la Bielorussia e la Lituania e i Lituani hanno strategicamente distrutto le relazioni con la Bielorussia ospitando la latitante Tikhanovskaya, la “massaia,” una sorta di Juan Guaidó bielorusso.

Dall’altra parte della Bielorussia si trova l’Ucraina, dove le cose sono ancora più divertenti. Già nella primavera del 2019, l’Ucraina aveva rifiutato la generosa offerta della Russia di acquistare gas a 240-260 dollari per mille metri cubi (un quarto dell’attuale prezzo spot) e aveva invece optato per comprarlo sul mercato spot. Il risultato è che l’Ucraina ha bisogno di 13 miliardi di metri cubi di gas in stoccaggio per superare la stagione del riscaldamento, ma, attualmente, ne ha meno di 5. Ma può sempre comprare quello di cui ha bisogno sul mercato spot, giusto? Sbagliato! L’Ucraina è al verde e con un budget uguale a zero per questa operazione. Fortunatamente può ancora comprare elettricità a buon mercato dalla Russia, almeno fino a quando i nazionalisti ucraini non decideranno di far saltare le linee di trasmissione verso la Russia, come avevano fatto con quelle verso la Crimea russa un po’ di tempo fa, provocando carenze di energia nella penisola e costringendo i Russi a costruire un ponte energetico dalla terraferma, un processo che ha richiesto quasi un anno.

Ma, a differenza dell’Ucraina, che è al verde, i paesi dell’UE non devono congelare perché possono semplicemente comprare il gas di cui hanno bisogno sul mercato spot, sotto forma di gas naturale liquefatto, giusto? Sbagliato! Il mercato del GNL è globale e i concorrenti europei dell’Asia orientale – Cina, Corea del Sud e Giappone – possono sempre fare offerte più alte per le forniture disponibili. Questi tre Paesi hanno un deficit strutturale con gli Stati Uniti ormai da decenni e hanno accumulato un’immensa quantità di debito federale statunitense. Con gli Stati Uniti ormai vicini alla bancarotta nazionale e/o a scatenare l’iperinflazione del dollaro permettendo al proprio debito nazionale di superare la soglia dei 30 trilioni di dollari, sono ansiosi di scaricare quanto più possibile di questo gruzzolo, scambiandolo con materie prime necessarie, come il gas naturale. A loro non importa molto quanto costerà il gas, perché il prezzo finale del debito USA sarà zero e qualcosa è sempre meglio di niente. Così, c’è una buona probabilità che l’UE, quest’inverno, batta i denti al buio, in solidarietà con l’Ucraina.

Ma le cose vanno molto meglio negli Stati Uniti che, dopo tutto, sono un fiero esportatore di gas naturale grazie a ciò che resta della loro industria del fracking. Sbagliato di nuovo! L’Industrial Energy Consumers of America (IECA), un gruppo lobbisticdo dell’industria chimica e alimentare, ha appena chiesto al Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti di porre dei limiti alle esportazioni di GNL. Altrimenti, dicono, i prezzi molto alti del gas naturale [sul mercato interno] renderebbero numerose imprese americane non competitive e le costringerebbero a chiudere. I prezzi sono già saliti del 41% nell’ultimo anno. Ma questo non è stato sufficiente per stimolare la produzione: l’estrazione di gas naturale negli Stati Uniti sta scendendo insieme al numero di piattaforme di perforazione e la quantità di gas in deposito è attualmente del 7,4% al di sotto della media degli ultimi cinque anni. Il tentativo di porre dei limiti alle esportazioni di GNL provocherà gli alti lai dei lobbisti dell’industria energetica, che hanno molta influenza a Capitol Hill, e risulterà in lunghe battaglie politiche in un Congresso USA già fortemente diviso e conflittuale.

Nel frattempo, nell’UE, c’è qualcosa che può essere fatto immediatamente per evitare questa crisi: attivare l’appena completato NordStream2, mettendo da parte i protocolli burocratici europei che allungheranno il processo di certificazione e gettando alle ortiche la restrizione, veramente demenziale, che sia usato solo al 50% della capacità. La russa Gazprom sarebbe perfettamente disposta a firmare un accordo di fornitura a lungo termine ad un prezzo ragionevole, proprio come ha fatto con l’Ungheria solo pochi giorni fa. Ma, per ora, un tale cambiamento sembra improbabile. Da un lato i fondamentalisti del libero mercato sono ancora pieni di fede cieca che il libero mercato, in qualche modo, impedirà alla loro gente di congelare; dall’altro, gli ambientalisti sembrano credere che il congelamento sarebbe un atto virtuoso che aiuterebbe a salvare il pianeta dal surriscaldamento. La prossima primavera, lo scioglimento della neve potrebbe rivelare un paesaggio politico disseminato di cadaveri congelati di ambientalisti e fanatici del libero mercato. Naturalmente, dovremmo tutti augurare loro buona fortuna, che lo meritino o no.

Dmitry Orlov

Fonte: cluborlov.wordpress.com
Link: https://cluborlov.wordpress.com/2021/09/28/global-gas-wars-the-fun-has-just-begun/
28.09.2021
Scelto e tradotto da Markus per comedonchisciotte.org

Notifica di
22 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
sbregaverse
Utente CDC
30 Settembre 2021 13:23

Grandi fagiolate casalingue e gas autarchico.
Se poi bio è il legume: BIOGAS.
Prezzo spot o meglio sspprrott:aggratis!

Ultimo aggiornamento 15 giorni fa effettuato da sbregaverse
Tianos
Utente CDC
Risposta al commento di  sbregaverse
30 Settembre 2021 15:21

Lei ci scherza, ma non è detto che questo inverno l’unico modo per scaldarsi non sia scoreggiare sotto le coperte.
Mi rincuorano le varie profezie che parlando dei tempi prima della fine (citando Irlmaier) “a gennaio le zanzare danzeranno”

sbregaverse
Utente CDC
Risposta al commento di  Tianos
1 Ottobre 2021 11:46

A questo punto le pernacchie di culo sono più espressive ed …….. esiziali di quelle di bocca!

Ultimo aggiornamento 14 giorni fa effettuato da sbregaverse
fulvio margoni
Utente CDC
Risposta al commento di  sbregaverse
1 Ottobre 2021 14:21

stoppini lunghi per non ustionarsi li dei e mutandoni antifiamma per non ustionarsi gli zebe dei

Eugiorso
Utente CDC
30 Settembre 2021 13:54

Alle bestie ambientaliste green occidentaloidi e ai satanici fondamentalisti del libero merkato io, personalemente, taglierei la testa dopo lunghe torture. Il gas russo avrebbe potuto essere la salvezza ai tempi degli accordi in materia fra Eni e Gazprom, ma per ragioni politiche sono stati fatti saltare … perché la demokrazzzia amata dagli elitisti occidentaloidoi è più importante di assicurare alle masse una vita dignitosa e … il riscaldamento invernale a costi ragionevoli. Sto scherzando, ma non proprio, perché la demokrazzia (parola odiosa, per me una bestemmia) è nient’altro che la p*****a politica del “libero merkato” e, in suo nome, si sono commessi tanti crimini e paesi come l’Italia rischiano il disastro sociale. Se ci fate caso, mentre si prospettano aumenti insostenibile di luce e gas non calmierati dall’orrdio proconsole elitista draghi, in piazza sono arrivati gli zombi giovani a supporto di questo sistema, manifestando per il “klima” … le comparse gretine di m**da hanno ricevuto, oltre a qualche bastonata da una polizia vigliacca, anche l’approvazione di draghi stesso, l’anima nera principale in Italia. Perché? Péresto detto, perché con il “klima” si fanno dimenticare le grandi e reali questioni sociali aperte, la pressione fiscale in crescita sui redditi di lavoro (pensioni,… Leggi tutto »

fuffolo
Utente CDC
30 Settembre 2021 15:44

Un po di legna da parte, una casa che si calda con poco e qualcuno da abbracciare sotto le coperte.
Bentornato inverno!

Astronauta
Utente CDC
Risposta al commento di  fuffolo
30 Settembre 2021 16:55

…e restare al buio abbracciati tutto inverno nel buio pesto sara un lusso!

https://initalia.virgilio.it/allarme-blackout-natale-italia-51891

Per scongiurare che facciamo un natale decente con luci ospiti e gente, gia dicono che ci tagliano la corrente.
Procurarsi candele che,per male che vada, qualcosa possiamo scaldare sopra, oltre ad illuminarci.

sbregaverse
Utente CDC
Risposta al commento di  fuffolo
1 Ottobre 2021 11:56

Ci vuole anche la luganega perchè ciuccirsi le dita non basta.

clausneghe
Utente CDC
30 Settembre 2021 16:30

E noi dobbiamo ringraziare quel volpino 5 stelle che da ministro degli esteri di questa repubblica fondata sul vaccino va a importunare Vladimiro con le menate sui diritti e rovesci che dovrebbero usare in Russia..
Noi aderiamo alle sanzioni e blocchiamo i gasdotti e loro ci raddoppiano il prezzo del gas..Ottimo risultato di questo governo di cialtroni venduti agli interessi altrui, non Italiani.

danone
Utente CDC
30 Settembre 2021 19:18

Povero Jack Torrance (Nicholson) che brutta fine che ha fatto.
Lo sapete perchè, avete visto il film (Shining)?
Per chi non lo ha visto o non si ricorda, glielo dico io.
Ha fatto quella fine non perchè era freddo e lui non aveva di che scaldarsi.
Ha fatto quella fine perchè era totalmente fuori di zucchetto :-))
Non è solo ironia la mia.
Questa foto ci sia da monito, perchè indipendentemente dai problemi di riscaldamento che forse avremo ed anche seri, anche noi tutti (forse non proprio noi-noi, ma cambia poco) siamo completamente fuori di zucchetto, in questo periodo, e la fine che faremo, se non ci ripigliamo in fretta, sarà molto simile a quella del povero e schizzato Jack, morto perchè andato completamente fuori come il lampione del parco in cui si è congelato.
E’ la testa il nostro problema non il gas, senza testa, il gas non serve, con la testa, una soluzione la troviamo :-))

Ultimo aggiornamento 15 giorni fa effettuato da danone
BrunoWald
Utente CDC
Risposta al commento di  danone
30 Settembre 2021 20:06

Un gran film, e un commento da applausi!

Bertozzi
Utente CDC
Risposta al commento di  danone
1 Ottobre 2021 12:07

Però aveva un gran barista e un bar a disposizione.

Hospiton
Utente CDC
Risposta al commento di  Bertozzi
1 Ottobre 2021 12:56

L’hai detto, il leggendario Lloyd, il migliore da Timbuktu a Portland!
https://www.youtube.com/watch?v=IQzq0qBizaU

temo che attori come Jack, film come Shining e scene del genere non ne vedremo più.

Luca VFR
Utente CDC
1 Ottobre 2021 2:45

Inevitabilmente quando pigiando l’interruttore dell’ingresso la lampadina resterà spenta l’ecologia e la greta andranno a farsi friggere. E questo accadrà a breve, sia per la mancanza d’energia (blackout) sia perchè ti disabiliteranno il contatore (da remoto, è telecontrollato) a causa delle bollette arretrate insolute. Eh perché vedremo la Cavalcata delle Bollette, musica di Mario Draghi, da qua a Natale.
Piccola nota di costume: com’è scaduta la Svezia: dalla Greta Garbo alla greta thunberg.

filcon
Utente CDC
1 Ottobre 2021 8:56

Ma che gente siamo diventati noi Occidentali? Il gas sappiamo dov’è prendiamocelo come abbiamo fatto sempre per le terre e le risorse che servono alla nostra Civiltà. O qualcuno ha paura delle armi di cartone dei mugiki?

fulvio margoni
Utente CDC
Risposta al commento di  filcon
1 Ottobre 2021 14:16

vai avanti tu, che a me le armi di cartone fanno ridere…

BrunoWald
Utente CDC
Risposta al commento di  filcon
1 Ottobre 2021 20:32

“Ma che gente siamo diventati noi occidentali”?
Siamo diventati una massa di checche che si inginocchiano, prendono ordini dai sionisti, si lasciano intimidire da femministe e altri dementi assortiti, si fanno invadere dagli africani e, al primo fischiar di proiettili, fuggirebbero in disordine calpestandosi tra loro.

“Il gas sappiamo dov’è prendiamocelo…”
Cioé, dovremmo scatenare una guerra nucleare con probabile ritorno all’età della pietra per “prenderci” un gas che la Russia ci venderebbe comunque a prezzi stracciati e senza sparare un colpo, se non fossimo dei patetici leccacxli degli yankees e giudei neocon?
Ma tu sei un autentico genio!
Parola mia, rappresenti la prossima tappa dell’evoluzione! Forse c’entrano i Nephilim, bisogna chiedere a Biglino.

fulvio margoni
Utente CDC
1 Ottobre 2021 14:19

beh, menomale, così aumentiamo il PIL e lo riportiamo ai valori anti covid e supermario avrà ancora una volta eseguito la quadratura del cerchio.
O no??

suresh
Utente CDC
1 Ottobre 2021 17:00

grande dimitry, sempre sul pezzo!!

fantelesto
Utente CDC
1 Ottobre 2021 18:57

Non la vedo una gran tragedia, ho vissuto anni all’estero senza riscaldamento d’inverno. Bimbi sani e nessun malanno. Procurarsi mutandoni e maglie di lana di buona qualità. Lavoro, pranzo, cena e a letto.
Eliminare gli zuccheri e preferire i grassi animali.
L’importante è stare sempre in movimento, fermarsi solo per dormire. Buona fortuna.

uomospeciale
Utente CDC
Risposta al commento di  fantelesto
1 Ottobre 2021 23:50

io per fortuna sono resistente al freddo ( l’anno scorso ho acceso il riscaldamento verso fine dicembre) ma vorrei proprio vederli certi soggetti che già sotto i 25 gradi alla sera li vedi girare con maglia e cappotto passare un inverno senza riscaldamento.
io ce la farei senza grossi problemi, ma se la cosa si facesse seria o drammatica morirebbe un bel pò di gente considerando che in Italia ci sono milioni di persone anziane e ammalate che sono letteralmente attaccate alla vita con un filo sottilissimo.
Se veramente dovessimo passare anche un solo mese senza gas ed elettricità altro che covid, non si saprebbe più dove mettere i cadaveri.
Basta farsi un giro guardandosi attorno per vedere ogni giorno decine di persone che sono vive solo grazie al benessere e all’opulenza, di cui godono.
Ma basterebbe tagliargli l’aria condizionata o il riscaldamento e non passerebbero l’estate oppure l’inverno.

cedric
Utente CDC
2 Ottobre 2021 16:50

Finalmente qualcosa di decente da Dmitry.

Pare proprio che col gas a 1 euro a metro cubo ed il petrolio a quasi 80 dollari a barile la faccenda diventi interessante. Con il Nord Stream Due (approvato dagli americani!) ci sono quattrini che entrano nelle casse russe e quattrini che escono dalle casse europee, tranne da quelle francesi dove il riscaldamento è tutto elettrico prodotto col buon nucleare.

Per il littorio suolo ormai votato all’autarchia il vero problema non sono i quattrini ma sono i sindaci italiani che nel loro giardino (NIMBY) non vogliono stoccare qualche miliardo di metri cubi di metano per passare l’inverno .
Forse la cartomante dell’amante del sindaco di turno ha prognosticato una gigantesca esplosione mefitica nel sacro podere del marito con la fascia o forse il sindaco stesso ha avuto in sogno la visione di un angelo che lo ammonisce a non custodire gas comunista (?). Lo so bene che il metano è inodore, ma la cartomante mica lo sa!

Pero’ che tristezza, ormai la geopolitica si fa con la minaccia di impedire il bidè caldo agli avversari, ai bei tempi di K&K si usavano le testate atomiche a cuba ed in turchia…

Ultimo aggiornamento 13 giorni fa effettuato da cedric
22
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x