Home / Attualità / La falsa realtà costruita per gli americani è veramente orwelliana

La falsa realtà costruita per gli americani è veramente orwelliana

DI PAUL CRAIG ROBERTS

Considerate la costante mutazione della “minaccia musulmana”: da al-Qaeda ai talebani, da al-Nusra ad ISIS, da ISIL a Daesh, con una spruzzatina di Russia. All’improvviso, dopo 16 anni di guerre in Medio Oriente contro “terroristi” e “dittatori”, il problema è diventato la Russia, il paese più minacciato dal terrorismo musulmano e il più capace di cancellare dalla faccia della terra gli Stati Uniti ed il suo impero vassallo.

A livello nazionale, gli americani si sono convinti che, grazie al quantitative easing della FED, il paese abbia goduto di una ripresa economica dal giugno ’09. Il che deve essere uno dei recuperi più lunghi della storia, stanti l’assenza di crescita dei redditi medi, la crescita dei prezzi, la disoccupazione, la mancanza di elevati valore aggiunto, produttività e salari.

Il “recupero” è più che un mistero. È un miracolo. Esiste solo sulla stampa fake news.

Secondo la CNN, massima esponente delle notizie false, Jennifer Tescher, presidente ed amministratore delegato del Centro per l’Innovazione dei Servizi Finanziari, riferisce che circa la metà degli americani spende come o più del proprio reddito. Tra quelli tra i 18 e gli 25 anni, oberati dagli student loans, il 54% dice che i loro debiti sono uguali o superiori ai loro redditi. Ciò significa che metà America ha reddito discrezionale ZERO. Quindi cosa di preciso sta guidando il recupero? Niente.

Neanche i più vecchi hanno reddito discrezionale. Per un decennio ci sono stati sostanzialmente interessi zero sui risparmi degli anziani. Se credete, come me, a John Williams di shadowstats.com, i tassi reali sono stati zero, se non negativi.

In altre parole, gli americani stanno subendo una contrazione sia nei propri risparmi che nello standard di vita.

Il report sull’occupazione di venerdì scorso è solo un’altra bugia del governo. Il rapporto dice che il tasso di disoccupazione è del 4,4% e che a giugno ci sono stati 222.000 nuovi posti di lavoro. Un quadro roseo. Ma, come ho appena dimostrato, non ci sono fondamenti per sostenerlo. È solo un’altra balla del governo, come le armi di Saddam, l’uso di armi chimiche da parte di Assad contro il proprio popolo, l’invasione russa dell’Ucraina e così via.

Il tasso di disoccupazione è al 4,4% perché i lavoratori che non hanno cercato un posto di lavoro nelle ultime quattro settimane non sono considerati disoccupati.

Il Bureau of Labor Statistics ha una seconda misura di disoccupazione, conosciuta come U6, raramente segnalata dai presstitute finanziari. Secondo questa misura ufficiale il tasso di disoccupazione degli Stati Uniti è circa il doppio di quello riportato.

Perché? Perché il tasso U6 conta lavoratori scoraggiati che sono stati scoraggiati da meno di un anno.

John Williams conta i lavoratori scoraggiati da lungo termine (da più di un anno) che prima erano contati ufficialmente. Quando si includono gli scoraggiati da lungo tempo, il tasso sale al 22-23%. Ciò è confermato dal palese fatto che il tasso di partecipazione alla forza lavoro è calato nel corso del presunto “recupero”. Di solito, questo aumenta durante i periodi di ripresa economica.

È molto facile per il governo segnalare un basso tasso di disoccupazione: basta falsare il conteggio dei disoccupati.

Nonostante il governo stesso dica che la disoccupazione reale sia all’8,6%, i media finanziari, bugiardi seriali, continuano a dire che sia al 4,4%.

Andiamo a guardare i lavori che il BLS afferma si stiano creando. Ricordate, la maggior parte di questi presunti posti di lavoro è il prodotto del modello nascita/morte, che per costruzione aggiunge circa 100.000 posti di lavoro al mese. In altre parole, questi lavori vengono da un modello, non dalla realtà.

Quali sono questi lavori? Servizi domestici a basso costo. L’assistenza sanitaria e sociale, circa la metà dei quali lavori sono “servizi sanitari ambulatoriali”, ha fornito 59.000 posti di lavoro. Il tempo libero e l’ospitalità 36.000, di cui 29.300 costituiti da cameriere e baristi. Le amministrazioni locali 35.000. La produzione, una volta la spina dorsale dell’economia, ha fornito una miseria di 1.000 posti di lavoro.

Come vado dicendo da un decennio o due, gli americani stanno diventando una forza lavoro da terzo mondo, dove gli unici posti di lavoro sono a basso costo, non esportabili e che non pagano abbastanza per fornire un’esistenza indipendente. Questo è il motivo per cui il 50% dei 25enni vive a casa coi genitori e per cui ci sono più americani di 24-34 anni che vivono coi genitori di quelli che vivono indipendentemente.

Questo non è il profilo economico di una “superpotenza”, cosa che gli idioti neocon dicono che gli Stati Uniti siano. L’economia americana creata dall’offshoring e dalla finanziarizzazione non è in grado di sostenere l’enorme onere debitorio. È solo questione di tempo e circostanze.

Dubito che gli U.S.A. continueranno ad essere la prima economia mondiale. I cittadini si sono seduti e i loro “leader” li hanno distrutti.

Paul Craig Roberts
Fonte: /www.zerohedge.com
Link: http://www.zerohedge.com/news/2017-07-11/paul-craig-roberts-warns-ever-more-official-lies-us-government

11.07.2017

Traduzione per www.comedonchisciotte.org di HMG

Pubblicato da Davide

  • Gino2

    ancora con sti USA e con PCG?

    • Tipheus

      Non minimizzare. Finché avrai centinaia di testate nucleari loro sotto il culo, c’è da parlarne.
      Quando se ne saranno andati, pace all’anima loro.
      Ma quelli che dicono che parlare sempre di USA non ha senso, ormai gli USA chi se ne frega, poveretti, sono finiti,…. io quelli non li capisco proprio. ANCORA gli USA sono pericolosi. Lo capiamo o no?

      • Gino2

        io non ho mai detto “poveretti sono finiti”.

      • Vamos a la Muerte

        Proprio così.
        Giusto smettere di parlare di Hollywood e delle sue attricette, delle fesserie sparate da Madonna o della poppettara di turno, ma riguardo alla situazione economica e sociale di questo Paese che fa letteralmente Paura, è doveroso continuare a parlarne.
        Anche perché il Disastro Prossimo Venturo che si preannuncia all’orizzonte partirà proprio da Washington.

        • natascia

          Hollywood e il fondamentalismo consumista retrostante, sono un’ arma Usa alla stregua delle testate nucleari. È impossibile non comprenderlo. Un’arma che sta distruggendo la nostra gioventu’. Il nichilismo e la sua immobilita’ derivano largamente dai modelli sociali imposti dalla pubblicità di scuola hollywoodiana.

  • robespierre

    La disoccupazione effettiva (lo dissero in un documentario dello scorso inverno) negli USA e’ attorno ai 100 milioni di persone, ovvero il 30% degli abitanti: disoccupato deve essere definito chi lavora meno di 180 giorni l’anno.

  • GioCo

    Stavo per realizzare un breve articolo che in parte coglie il concetto della falsa realtà, che è una falsa economia, una falsa ideologia, una falsa tecnologia , etc.
    Siccome è tutto falso la prima reazione è “solito discorso da complottisti”, cioè esistono dei fantomatici poteri forti che dominano il mondo e bla bla bla.
    A me invece viene da concentrare l’attenzione su un altro dato che se è un potere dovremmo probabilmente chiamarlo “potere della zanzara” o qualcosa di simile. Questo potere non si basa sulla sua forza, è evidente che non c’è nulla di più delicato e fragile di una zanzara, ma sull’efficacia rispetto l’obbiettivo. In un certo senso la zanzara sfrutta al meglio le ombre sesoriali delle sue prede. Non agisce quindi come il Leone anche se il fine è simile: dare la caccia alle prede. Ma se fosse solo così non otterrebbe più di quello che ottiene una pulce umana, animale praticamente quasi estinto. In verità non solo la zanzara non si estingue, ma differentemente da tutte le forme di vita parassite dell’uomo, prospera. A me piace pensare che sulla materia comanda il pensiero o se preferite colorare al faccenda di un tono più mistico “lo spirito”. Questo significa che se prevale la zanzara a livello globale c’è qualcosa in noi che gli permette di prevalere.Teniamo conto che la maggioranza dei suoi successi dipende dai nostri interventi sull’ambiente e sulle nostre “disattenzioni” rispetto tutta una serie di pratiche igeniche che ne prevengono la proliferazione o anche solo il raggiungimento del suo scopo predatorio. Se analizziamo poi meglio l’animale nel suo atto predatorio notiamo che non c’è niente di più straordinariamene complesso del cocktail di sostanze che inietta con tanta efficacia per poter ottenere sangue. Il principio è che queste iniziano a infettarsi solo DOPO che la bestia ha preso quanto gli occorrerva. Quindi ci si accorge del danno DOPO che l’insetto ha agito e senza poter fare altro che porre rimedio al danno. Guarda che caso, proprio come le politiche neoliberiste. Però dobbiamo andare oltre e chiarire che il danno non consiste nell’infezione, ma nel prurito conseguente. Infatti grattare CREA il danno e allo stesso tempo aumenta il prurito. Proprio come la vendita di NULLA che sul mercato crea denaro fittizio. Quindi la zanzara è delicata e fragile, ma agisce nell’ombra dei nostri radar sensoriali (opportunamente messi in scacco da distrazioni di massa) facendo un piccolo danno, quasi del tutto impercettibile e giustamente trattato come materia per complottisti che però poi noi tutti contribuiamo attivamente a rendere ingovernabile gonfiando a dismisura il danno, perché tale azione alimenta pruriti (l’idea di guadagno dai derivati ad esempio) associati al danno che giustamente poi “le zanzare” dicono essere colpa di chi ha dormito sugli allori economici non della zanzara che di suo ha fatto solo un minuscolo e quasi impercettibile danno.

    • virgilio

      il rimedio contro le zanzare ce basta aplicarlo se non fai niente le zanzare continueranno a pungerti………..svegliatevi gente perche e quando dormite che loro agiscono al meglio!!
      seno andate su “google” e li ve lo spiegheranno!

    • natascia

      A mio avviso l’attività neoliberista è più studiata perché abbraccia il controllo mentale e il condizionamento di massa. Appluado però alla tua analisi perché sono convinta che molte delle idee con cui potremo salvarci e con cui ci stanno massacrando provengono dall’osservazione della natura.

  • Adriano Pilotto

    Realista.