Jay Bhattacharya dalla Stanford University: perché i lockdown sono inutili e anzi dannosi

di Alessandra Gargano Mc Leod
comedonchisciotte.org

43.000 (quarantatremila, si avete capito bene) medici e scienziati di medicina hanno oramai firmato la Dichiarazione di Great Barrington, che contesta – sulla base di fatti oggettivi verificabili da chiunque – la narrazione Covid. Non contestano l’esistenza del virus, bensì i lockdown (non hanno alcun senso, anzi) e le decisioni dei governi. I giornalisti, tutti corrotti o pavidi, non ve lo raccontano.

Jay Bhattacharya è professore di medicina presso la Stanford University, dove ha conseguito sia un M.D. che un Ph.D. in economia. È anche ricercatore associato presso il National Bureau of Economics Research, senior fellow presso lo Stanford Institute for Economic Policy Research e presso il Freeman Institute for International Studies e direttore dello Stanford Center on the Demography and Economics of Health della Dichiarazione di Great Barrington, la sua ricerca è stata pubblicata su riviste di economia, statistica, legge, medicina, salute pubblica e politica sanitaria.

Quanto segue è adattato da una presentazione del panel il 9 ottobre 2020 a Omaha, Nebraska, in un Forum sul mercato libero dell’Hillsdale College.

Il mio obiettivo oggi è, in primo luogo, presentare i fatti su quanto sia mortale COVID-19; secondo, per presentare i fatti su chi è a rischio per COVID; terzo, presentare alcuni fatti su quanto siano stati mortali i blocchi diffusi; e quarto, raccomandare un cambiamento nell’ordine pubblico.

Nel discutere la mortalità di COVID, dobbiamo distinguere i casi di COVID dalle infezioni da COVID. Molta paura e confusione sono derivate dal non aver compreso la differenza.

Abbiamo sentito parlare molto quest’anno del “tasso di mortalità dei casi” di COVID. All’inizio di marzo, il tasso di mortalità negli Stati Uniti è stato di circa il tre per cento: quasi tre persone su cento che sono state identificate come “casi” di COVID all’inizio di marzo sono morte per questo. Confrontalo con oggi, quando il tasso di mortalità di COVID è noto essere inferiore alla metà dell’uno per cento.

In altre parole, quando l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha detto all’inizio di marzo che il tre per cento delle persone che contraggono il COVID muore a causa di esso, si sbagliavano di almeno un ordine di grandezza. Il tasso di mortalità COVID è molto più vicino allo 0,2 o 0,3 percento. La ragione per le prime stime altamente imprecise è semplice: all’inizio di marzo, non stavamo identificando la maggior parte delle persone che erano state infettate da COVID.

Il “tasso di mortalità dei casi” viene calcolato dividendo il numero di decessi per il numero totale di casi confermati. Ma per ottenere un tasso di mortalità COVID accurato, il numero al denominatore dovrebbe essere il numero di persone che sono state infettate – il numero di persone che hanno effettivamente avuto la malattia – piuttosto che il numero di casi confermati.

A marzo, solo la piccola frazione di persone infette che si sono ammalate e sono andate in ospedale sono state identificate come casi. Ma la maggior parte delle persone infettate da COVID presenta sintomi molto lievi o non presenta alcun sintomo. Queste persone non sono state identificate nei primi giorni, il che ha portato a un tasso di mortalità altamente fuorviante. E questo è ciò che ha guidato la politica pubblica. Ancora peggio, continua a seminare paura e panico, perché la percezione di troppe persone su COVID è congelata nei dati fuorvianti di marzo.

Allora come possiamo ottenere un tasso di mortalità accurato? Per usare un termine tecnico, testiamo la sieroprevalenza, in altre parole, testiamo per scoprire quante persone hanno nel flusso sanguigno prove di aver avuto COVID.

Questo è facile con alcuni virus. Chiunque abbia avuto la varicella, ad esempio, ha ancora quel virus che vive in loro: rimane nel corpo per sempre. COVID, d’altra parte, come altri coronavirus, non rimane nel corpo. Qualcuno che è stato infettato da COVID e poi lo cancella ne sarà immune, ma non ci vivrà ancora.

Quello che dobbiamo testare, quindi, sono gli anticorpi o altre prove che qualcuno ha avuto COVID. E anche gli anticorpi svaniscono nel tempo, quindi testarli continua a sottostimare le infezioni totali.

La sieroprevalenza è ciò su cui ho lavorato nei primi giorni dell’epidemia. Ad aprile ho condotto una serie di studi, utilizzando test anticorpali, per vedere quante persone nella contea di Santa Clara, in California, dove vivo, erano state infettate. A quel tempo, c’erano circa 1.000 casi COVID identificati nella contea, ma i nostri test sugli anticorpi hanno rilevato che 50.000 persone erano state infettate, cioè c’erano 50 volte più infezioni rispetto ai casi identificati. Questo era enormemente importante, perché significava che il tasso di mortalità non era del tre percento, ma più vicino allo 0,2 percento; non tre su 100, ma due su 1.000.

Quando è uscito, questo studio di Santa Clara è stato controverso. Ma la scienza è così, e il modo in cui la scienza mette alla prova studi controversi è vedere se possono essere replicati. E in effetti, ora ci sono 82 studi simili di sieroprevalenza in tutto il mondo, e il risultato mediano di questi 82 studi è un tasso di mortalità di circa lo 0,2 per cento, esattamente quello che abbiamo trovato nella contea di Santa Clara.

In alcuni luoghi, ovviamente, il tasso di mortalità era più alto: a New York City era più dello 0,5 per cento. In altri luoghi era inferiore: il tasso in Idaho era dello 0,13 per cento. Ciò che questa variazione mostra è che il tasso di mortalità non è semplicemente una funzione della mortalità di un virus. È anche una funzione di chi viene infettato e della qualità del sistema sanitario. All’inizio del virus, i nostri sistemi sanitari gestivano male COVID. In parte questo era dovuto all’ignoranza: abbiamo perseguito trattamenti molto aggressivi, ad esempio, come l’uso di ventilatori, che in retrospettiva avrebbero potuto essere controproducenti. E in parte è stato dovuto a negligenza: in alcuni luoghi, abbiamo permesso inutilmente che molte persone nelle case di cura venissero infettate.

Ma la linea di fondo è che il tasso di mortalità COVID è intorno allo 0,2%.

L’unico fatto più importante sulla pandemia COVID – in termini di decidere come rispondere ad essa su base sia individuale che governativa – è che non è ugualmente pericolosa per tutti. Questo è diventato chiaro molto presto, ma per qualche motivo i nostri messaggi sulla salute pubblica non sono riusciti a divulgare questo fatto al pubblico.

Sembra ancora essere una percezione comune che COVID sia ugualmente pericoloso per tutti, ma questo non potrebbe essere più lontano dalla verità. C’è una differenza di mille volte tra il tasso di mortalità negli anziani, dai 70 anni in su, e il tasso di mortalità nei bambini. In un certo senso, questa è una grande benedizione. Se fosse una malattia che uccide preferenzialmente i bambini, io per primo reagirei in modo molto diverso. Ma il fatto è che per i bambini piccoli questa malattia è meno pericolosa dell’influenza stagionale. Quest’anno, negli Stati Uniti, sono morti più bambini per l’influenza stagionale che per COVID di due o tre volte.

Mentre COVID non è mortale per i bambini, per gli anziani è molto più mortale dell’influenza stagionale. Se si esaminano gli studi in tutto il mondo, il tasso di mortalità COVID per le persone di età pari o superiore a 70 anni è di circa il quattro percento, quattro su 100 tra coloro che hanno 70 e più, rispetto a due su 1.000 nella popolazione complessiva.

I blocchi diffusi che sono stati adottati in risposta a COVID sono senza precedenti: i blocchi non sono mai stati tentati prima come metodo di controllo della malattia. Né questi blocchi facevano parte del piano originale. La motivazione iniziale per i blocchi era che il rallentamento della diffusione della malattia avrebbe impedito agli ospedali di essere sopraffatti. Ben presto divenne chiaro che questa non era una preoccupazione: negli Stati Uniti e nella maggior parte del mondo, gli ospedali non correvano mai il rischio di essere sopraffatti. Eppure i blocchi sono stati mantenuti e questo si sta rivelando avere effetti mortali.

Coloro che osano parlare dei tremendi danni economici che sono seguiti dai blocchi sono accusati di mancanza di cuore. Le considerazioni economiche non sono niente in confronto al salvare vite umane, si dice. Quindi non parlerò degli effetti economici, parlerò degli effetti mortali sulla salute, a cominciare dal fatto che le Nazioni Unite hanno stimato che 130 milioni di persone in più moriranno di fame quest’anno a causa della crisi economica danni derivanti dai blocchi.

I blocchi diffusi che sono stati adottati in risposta a COVID sono senza precedenti: i blocchi non sono mai stati tentati prima come metodo di controllo della malattia. Né questi blocchi facevano parte del piano originale. La motivazione iniziale per i blocchi era che il rallentamento della diffusione della malattia avrebbe impedito agli ospedali di essere sopraffatti. Ben presto divenne chiaro che questa non era una preoccupazione: negli Stati Uniti e nella maggior parte del mondo, gli ospedali non correvano mai il rischio di essere sopraffatti. Eppure i blocchi sono stati mantenuti e questo si sta rivelando avere effetti mortali.

Negli ultimi 20 anni abbiamo sollevato un miliardo di persone in tutto il mondo dalla povertà. Quest’anno stiamo invertendo questo progresso nella misura in cui – vale la pena ripeterlo – che circa 130 milioni di persone in più moriranno di fame.

Un altro risultato dei blocchi è che le persone hanno smesso di portare i propri figli a vaccinazioni contro malattie come la difterite, la pertosse (pertosse) e la poliomielite, perché erano state portate a temere COVID più di quanto temessero queste malattie più mortali. Questo non era vero solo negli Stati Uniti. Ottanta milioni di bambini in tutto il mondo sono ora a rischio di queste malattie. Avevamo fatto progressi sostanziali nel rallentarli, ma ora torneranno.

Un gran numero di americani, anche se avevano il cancro e avevano bisogno di chemioterapia, non si sono presentati per il trattamento perché avevano più paura del COVID che del cancro. Altri hanno saltato gli screening per il cancro raccomandati. Di conseguenza assisteremo a un aumento dei tassi di mortalità per cancro e cancro. In effetti, questo sta già iniziando a comparire nei dati. Vedremo anche un numero maggiore di decessi per diabete a causa della mancanza del monitoraggio del diabete.

I problemi di salute mentale sono in un certo senso la cosa più scioccante. Nel giugno di quest’anno, un sondaggio del CDC ha rilevato che un giovane adulto su quattro tra i 18 ei 24 anni aveva seriamente considerato il suicidio. Gli esseri umani, dopotutto, non sono progettati per vivere da soli. Siamo destinati a stare in compagnia gli uni con gli altri. Non sorprende che i blocchi abbiano avuto gli effetti psicologici che hanno avuto, specialmente tra i giovani adulti e i bambini, a cui è stata negata la socializzazione tanto necessaria.

In effetti, quello che stiamo facendo è richiedere ai giovani di sopportare l’onere di controllare una malattia da cui corrono pochi o nessun rischio. Questo è del tutto arretrato rispetto al giusto approccio.

La scorsa settimana ho incontrato altri due epidemiologi: il dott. Sunetra Gupta dell’Università di Oxford e il Dr. Martin Kulldorff dell’Università di Harvard, a Great Barrington, Massachusetts. Tutti e tre proveniamo da contesti disciplinari molto diversi e da parti molto diverse dello spettro politico. Eppure eravamo arrivati allo stesso punto di vista: il punto di vista che la diffusa politica di blocco è stato un errore devastante per la salute pubblica. In risposta, abbiamo scritto e pubblicato la Dichiarazione di Great Barrington, che può essere visualizzata, insieme a video esplicativi, risposte alle domande frequenti, un elenco di co-firmatari

La Dichiarazione recita:
In qualità di epidemiologi di malattie infettive e scienziati della salute pubblica, nutriamo gravi preoccupazioni per gli impatti dannosi sulla salute fisica e mentale delle politiche COVID-19 prevalenti e raccomandiamo un approccio che chiamiamo protezione mirata.

Provenienti sia da sinistra che da destra e da tutto il mondo, abbiamo dedicato la nostra carriera alla protezione delle persone. Le attuali politiche di blocco stanno producendo effetti devastanti sulla salute pubblica a breve e lungo termine. I risultati (solo per citarne alcuni) includono tassi di vaccinazione infantile più bassi, peggioramento degli esiti delle malattie cardiovascolari, meno screening per il cancro e deterioramento della salute mentale, che porta a una maggiore mortalità in eccesso negli anni a venire, con la classe lavoratrice e i membri più giovani della società che trasportano il più pesante fardello. Tenere gli studenti fuori dalla scuola è una grave ingiustizia.

Mantenere queste misure in atto fino a quando un vaccino non sarà disponibile causerà danni irreparabili, con danni sproporzionati ai meno privilegiati.

Fortunatamente, la nostra comprensione del virus sta crescendo. Sappiamo che la vulnerabilità alla morte per COVID-19 è più di mille volte maggiore negli anziani e negli infermi rispetto ai giovani. In effetti, per i bambini, COVID-19 è meno pericoloso di molti altri danni, compresa l’influenza.

Man mano che l’immunità cresce nella popolazione, il rischio di infezione per tutti, compresi i vulnerabili, diminuisce. Sappiamo che tutte le popolazioni alla fine raggiungeranno l’immunità di gregge – cioè il punto in cui il tasso di nuove infezioni è stabile – e che questo può essere aiutato da (ma non dipende da) un vaccino. Il nostro obiettivo dovrebbe quindi essere quello di ridurre al minimo la mortalità e il danno sociale fino a raggiungere l’immunità della mandria.

L’approccio più compassionevole che bilancia i rischi ei benefici del raggiungimento dell’immunità della mandria, è quello di consentire a coloro che sono a minimo rischio di morte di vivere normalmente la loro vita per costruire l’immunità al virus attraverso l’infezione naturale, proteggendo meglio coloro che sono al massimo rischio. Chiamiamo questa protezione mirata.

L’adozione di misure per proteggere i vulnerabili dovrebbe essere l’obiettivo centrale delle risposte di sanità pubblica al COVID-19. A titolo di esempio, le case di cura dovrebbero utilizzare personale con immunità acquisita ed eseguire frequenti test PCR di altro personale e di tutti i visitatori. La rotazione del personale dovrebbe essere ridotta al minimo. I pensionati che vivono a casa dovrebbero farsi consegnare generi alimentari e altri generi di prima necessità. Quando possibile, dovrebbero incontrare i membri della famiglia all’esterno piuttosto che all’interno. È possibile implementare un elenco completo e dettagliato di misure, compresi gli approcci alle famiglie multigenerazionali, che rientra nell’ambito e nelle capacità dei professionisti della sanità pubblica.

Coloro che non sono vulnerabili dovrebbero essere immediatamente autorizzati a riprendere la vita normalmente. Semplici misure igieniche, come lavarsi le mani e restare a casa quando si ammalano, dovrebbero essere praticate da tutti per ridurre la soglia di immunità della mandria. Le scuole e le università dovrebbero essere aperte all’insegnamento di persona. Le attività extracurriculari, come lo sport, dovrebbero essere riprese. I giovani adulti a basso rischio dovrebbero lavorare normalmente, piuttosto che da casa. Dovrebbero aprire ristoranti e altre attività. Le arti, la musica, lo sport e altre attività culturali dovrebbero riprendere. Le persone più a rischio possono partecipare se lo desiderano, mentre la società nel suo insieme gode della protezione conferita ai più vulnerabili da coloro che hanno costruito l’immunità di gregge.

Il mio punto finale riguarda la scienza. Quando gli scienziati si sono espressi contro la politica di blocco, c’è stata un’enorme opposizione: “Stai mettendo in pericolo vite umane”. La scienza non può operare in un ambiente del genere. Non conosco tutte le risposte a COVID; nessuno lo fa. La scienza dovrebbe essere in grado di chiarire le risposte. Ma la scienza non può fare il suo lavoro in un ambiente in cui chiunque sfidi lo status quo viene chiuso o cancellato.

Ad oggi, la Dichiarazione di Great Barrington è stata firmata da oltre 43.000 scienziati medici e sanitari e medici. La Dichiarazione quindi non rappresenta una visione marginale all’interno della comunità scientifica. Questa è una parte centrale del dibattito scientifico e appartiene al dibattito. Anche il pubblico in generale può firmare la Dichiarazione.

Insieme, penso che possiamo andare dall’altra parte di questa pandemia. Ma dobbiamo reagire. Siamo in un luogo in cui la nostra civiltà è a rischio, dove i legami che ci uniscono rischiano di essere lacerati. Non dovremmo aver paura. Dovremmo rispondere al virus COVID in modo razionale: proteggere i vulnerabili, trattare le persone che vengono infettate con compassione, sviluppare un vaccino. E mentre facciamo queste cose dovremmo riportare indietro la civiltà che avevamo in modo che la cura non finisca per essere peggiore della malattia.
Alessandra Gargano Mc Leod

 

First published: 13 March 2021

Pubblicato da Tommesh per Comedonchisciotte.org