Israele costruirà centinaia di nuovi alloggi nelle colonie

23 ottobre 2003 16:28:12
Libération

JERUSALEM – Il governo israeliano ha diffuso giovedì una gara
d’appalto per la costruzione di 323 nuovi alloggi in due
colonie ebraiche di Cisgiordania, nonostante il congelamento di qualsiasi
attività di colonizzazione raccomandato dalla “Road Map” per la pace
nella regione.
Un responsabile del ministero dell’Edilizia ha precisato che le gare
d’appalto riguardano 143 nuovi appartamenti nella colonia di Karnei
Shomron, nel nord della Cisgiordania, e altri 18O in quella di Givat
Zeev, vicino di Gerusalemme.

Traduzione di www.comedonchisciotte.net


Pochi giorni fa apparse anche la notizia di 530 nuovi alloggi in un’altra colonia, Beitar Elit vicino Betlemme e di altre decine in molte parti del territorio palestinese.

Da Indymedia (Fonte: Il Manifesto):


Placet Usa, silenzio Ue-Onu. Sharon accelera i lavori per la barriera e per le case dei coloni

L’Autoritá nazionale palestinese chiede aiuto, lancia un grido disperato, di fronte alla costruzione del muro in Cisgiordania da parte di Israele e la colonizzazione dei Territori occupati che prosegue senza sosta. Fermate la costruzione del muro perché quella barriera significa «un colpo definitivo» ad ogni speranza di pace nella regione. E’ questo il senso dell’appello inviato dall’Anp ieri al Quartetto (Usa, Russia, Ue e Onu) e alla comunitá internazionale affinché scendano in campo direttamente contro la decisione presa due giorni fa dal governo israeliano di estendere fino alla colonia di Ariel la costruzione del «muro dell’apartheid». «Questa barriera non intende separare, é solo una barriera in mezzo ai palestinesi, il cui obiettivo é quello di distruggere la visione di una coesistenza possibile tra due Stati vicini», ha protestato il negoziatore capo palestinese, Saeb Erekat. Continuare a costruire il muro, ha aggiunto Erikat, significa «demolire il processo di pace». Da parte sua il presidente palestinese Yasser Arafat ha denunciato quello che ha definito il «un muro di razzismo che distrugge la pace». «La decisione israeliana prolunga il muro di razzismo che ha usurpato più del 60% delle nostre terre finora», ha detto Arafat dopo un incontro con il rappresentante russo nei Territori occupati, Serghei Peskov. «Ciò distrugge e sabota il processo di pace», ha aggiunto.

Ma la comunitá internazionale resta in silenzio mentre il Quartetto é dominato dagli Stati uniti che hanno scelto di non criticare pubblicamente Israele per la costruzione del muro e rimangono ambigui sulla possibilitá di tagliare dai crediti americani destinati a Israele fondi pari a quelli investiti da Sharon per finanziare la barriera. E di fronte al silenzio internazionale, il governo israeliano si sente libero di lanciare nuove offensive. Il ministro dell’edilizia ha prontamente indetto ieri una gara d’appalto pubblica per la costruzione di oltre cinquecento nuovi alloggi all’interno di tre colonie ebraiche in Cisgiordania. Di questi alloggi, 530 saranno costruiti nella colonia di Beitar Elit vicino Betlemme, 11 nell’insediamento di Maale Adumim a est di Gerusalemme, 24 ad Ariel, la colonia vicino Nablus dove passerá una sezione del muro. Il movimento pacifista israeliano Peace now ha denunciato l’annuncio fatto dal ministero dell’edilizia, sottolineando che con questi nuovi alloggi Israele ha indetto dall’inizio dell’anno gare d’appalto per complessivi 1.300 abitazioni che potranno accogliere non meno di 5mila nuovi coloni. Peace now accusa il governo Sharon di «fare da maestro di bottega ai coloni», mentre, oltre ai palestinesi sarà anche la comunità israeliana nel suo insieme che dovrà pagare il prezzo, economico e politico dell’intensificazione della colonizzazione.

L’analisi della politica di annessione e colonizzazione portata avanti da Sharon e dal ministro della difesa Shaul Mofaz, deve tuttavia andare oltre la semplice somma dei «costi» economici e politici. Il premier israeliano ha realizzato nel giro di poco piú di due anni al potere, una buona parte dei progetti che illustrava da anni: ha annullato gli accordi di Oslo, sta procedendo alla annessione di ampie porzioni della Cisgiordania e prosegue la colonizzazione del resto dei Territori occupati. Con il tracciato del nuovo troncone di muro, approvato due giorni fa, Sharon é riuscito, in anticipo su qualsiasi negoziato con i palestinesi, ad includere l’80% dei coloni israeliani in Cisgiordania (circa 220.000 persone, altri 200.000 coloni vivono a Gerusalemme est) all’interno di Territori occupati che Israele intende annettersi. Di fronte a ció gli Stati uniti fanno un passo indietro e dicono «prego, fate pure». Il quotidiano israeliano Maariv, ieri ha riferito che gli Usa intendono «ridurre il loro coinvolgimento» nel negoziato in Medio Oriente e che pertanto il piano di pace noto come Roadmap verrà «messo nel congelatore». L’obiettivo degli americani, ha proseguito Maariv sarà quello di limitarsi a seguire a distanza il conflitto «a bassa intensitá» che esiste al momento tra le parti, almeno fin dopo le elezioni presidenziali Usa del novembre 2004. Prova del «diminuito coinvolgimento» della Casa bianca sarebbero anche i «contatti ridotti al minimo» con il premier incaricato palestinese Abu Ala (che presenterá il suo governo domenica o lunedí), di fatto delegati al solo console generale statunitense a Gerusalemme est.

Nel frattempo i negoziati a distanza tra Israele e il movimento sciita libanese Hezbollah per uno scambio di prigionieri «proseguono e stanno entrando nella fase decisiva». Lo ha riferito oggi la radio di stato israeliana aggiungendo che, sulla base delle informazioni fornite dai mediatori, l’ostaggio israeliano Elhanan Tannenbaum sarebbe stato torturato dai suoi carcerieri. Anche numerosi prigionieri libanesi detenuti in Israele hanno piú volte denunciato di aver subito torture e sevizie.

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x