Home / Attualità / Il linfoma di Lloyd “Goldman Sachs” Blankfein e una orrenda visione

Il linfoma di Lloyd “Goldman Sachs” Blankfein e una orrenda visione

DI PAOLO BARNARD

paolobarnard.info

Avete mai posto attenzione a come i ‘superDei’ del pianeta parlano della loro morte?

Lloyd Blankfein è il CEO di Goldman Sachs, la banca più potente e aggressiva del mondo – ho già scritto cento volte del potere di questa banca che fu l’innesco di una pagina di orribile Storia mondiale quando esplose la crisi del ’29, poi nella modernità possiede storicamente percentuali dal 20% al 40% del governo USA (suoi insiders nei ministeri), poi ha spaccato le finanze dell’Italia, ha decretato la morte di Gheddafi, e Goldman in pratica è proprietaria della Grecia, ride in faccia alle Commissioni Finanze del Senato USA come fosse nulla. E Oddio, questo è solo lo 0,1% del potere che ha.

Un giorno Lloyd Blankfein, CEO di Golman Sachs, ha sta tosse fastidiosa che proprio non se ne va. In palestra sente dolorini vari mentre fa fitness, poi perde qualche chilo di troppo. Il medico – e uno dei 4 uomini più potenti del mondo non ha il medico delle mutua – gli dice di prendere questo e quello. Non passano i fastidi. Lloyd si rivolge ai Doc da 10.000 dollari a visita e fa una TAC. Era in strada con auto blindata per una conferenza stampa, di quelle che spostano le economie di 11 o 23 Paesi, ma al cell il grande Doctor lo chiama e gli dice: “Dopo la conferenza vieni qui e ti attacchiamo alla chemio, nel senso che non passi neppure da casa a prendere lo spazzolino da denti. Hai un linfoma mortale avanzatissimo, se non ti attacchiamo a una chemio fra 2 ore sei un uomo morto.”

Lloyd Blankfein CEO di Goldman Sachs fa la conferenza stampa, poi con giacca e cravatta è scaraventato in un letto d’ospedale, con una possibilità di crepare entro un annetto vicina al 100%. Fermi, non correte, stiamo su questo passaggio.

La scena è all’incirca questa: Dio (Blankfein) sta discutendo dell’universo, lui è Dio chi lo disturba? Ma una voce gli dice che no, non è Dio (lui non lo sapeva), c’è un DIO SUPERIORE di cui nessuna scrittura parla, e che gli dice che ora lui, Dio Blankfein, è carnaccia qualsiasi e anche molto putrefatta. “Hey Dio Lloyd”, gli dice la voce del DIO SUPERIORE, “sai che sei come quel coglionazzo di taxista di San Giovanni in Persiceto, o della periferia di Sofia? Sai che sei carne che si è messa a marcire?”. OK, ora noi ci chiediamo: per un Dio sentirsi dire una roba così è uno shock? Non lo sappiamo.

Io (ve lo rivelo) guardo tutte le notti da 2 mesi una foto di Lloyd Blankfein che ho tratto dall’intervista dove quest’uomo racconta cosa ha fatto nel quarto d’ora in cui un altro Dio SUPERIORE gli disse brutalmente che lui non era Dio, ma era carne che stava tumorizzandosi alla velocità della luce come succede a un operaio della fabbrica d’alluminio Tzolioneteci in Lettonia, o a una signora di Livorno. Io passo mezze ore a guardare la sua faccia.

Ma la cosa diventa ancor più interessante. Non sarebbe una novità se Lloyd, come un famosissimo clinico di cui seppi o come un popolano qualsiasi, avesse reagito alla notizia negandola radicalmente. Nel caso del clinico di cui seppi (per nulla un’eccezione fra i medici) egli vide in TAC la massa di 8 cm di tumore ai suoi polmoni che aveva, e disse di fronte ai colleghi “Ah, vedo, è una banale polmonite…”. L’altro, il tizio x, non fa una singola domanda vera all’oncologo perché non ha la più pallida idea di cosa gli sta succedendo, fidatevi, non ce l’ha. Poi magari gli va di fortuna e vive altri 12 anni, o se no 15 mesi.

No. Lloyd Blankfein, alla domanda dell’intervistatore “Ma le dissero che era mortale?”, risponde “Certo che lo è, ed è fra i peggiori Linfomi. Non per nulla manco mi fecero slacciare la cravatta prima di mettermi in chemio”. Blankfein sa tutto, eccome che lo sa.

Un’osservazione. Chi non capisce di Borse e Mercati non sa che questi uomini, la cui salute conta per gli investitori come l’allarme di un’epidemia di Peste Nera contava nel Medioevo, non possono, NON POSSONO MAI MAI MAI mostrarsi deboli, in pericolo di vita, mostrare che non sono in totale controllo. Un minimo accenno sui Mercati e Borse che questi uomini hanno un incidentino significa per l’azienda che comandano un’apocalisse di soldi al cesso. Ora sapete perché tutti gli Agnelli Senior, pur ormai ridotti a corpi decomposti, non fecero mai trapelare nulla. Ora sapete perché anche nel piccolissimo patetico caso pollitalico di Veronesi e impero IEO ci è dato sapere che l’oncologo è morto a 90 anni di…. di cosa cazzo è morto Veronesi? Ma… di serenità! Operava fino a 43 secondi prima di spirare, certo! Lo IEO non poteva permettersi altra versione.

Immaginate poi un uomo che governa uno dei ‘governi mondiali’ come Lloyd Blankfein di Goldman Sachs cosa ha dovuto mandare giù davanti a fotografi e telecamere la settimana dopo il primo ciclo devastante di chemio, con fra l’altro l’idea che non sapeva se sarebbe mai arrivato a leggere i dati del prossimo semestre del GDP USA.

Ma io lo guardo in quell’intervista, e cerco di capire come uno degli esseri che si sente più vicini a Dio su questa terra racconta quella strizzata d’occhi con la Morte. Come lui pronuncia le parole “Non mi fecero neppure slacciare la cravatta… è un Linfoma aggressivissimo e altamente mortale”. E cerco di capire com’era la sua faccia in bagno in calzini e mutande a casa, con le braccia blu di buchi da aghi, e quella diagnosi in testa. Immagino quei momenti di silenzio, solo interrotti dal rumore dello sciacquone del gabinetto mentre lui si trascina al letto appoggiandosi alla specchiera da 80.000 dollari, solo, con se stesso. Il suo BlackBerry che pompa messaggi, grafici, calls da Tokyo Parigi Manhattan, Ministeri, ma lui ha le vene blu nere e la morte probabile a 8, 24 mesi, e ha appena vomitato la milza. Lo guardi nell’intervista e pensi a quello, non pensi a ciò che dice nell’intervista.

Lloyd Blankfein non è il cittadino Baldini a cui un medico USL dice “stia tranquillo, poi ci vediamo fra 3 mesi per il controllo del suo carcinoma, salve Baldini… entri il prossimo paziente”, e Baldini te lo ritrovi quella sera al Bar Moretti, 15 kili in meno traballante, ma ok lo ha detto il dottore che è ok, e sta lì a vedere Inter-Roma e sta normale. Lloyd invece sa tutto. Lloyd così come conosce a memoria le percentuali dei Credit Spread di circa 115 Nazioni del mondo, Lloyd sa le statistiche di paralisi, epilessia, epatiti letali, sincopi, premorienza anche solo dei farmaci che fa, e sa perfettamente che un cancro con un 10% di possibilità di non crepare subito non se ne andrà mai più. Lui SA. Non va a letto tranquillo. Ma va a letto differente – a differenza del signor Baldini di Vicenza che va a letto senza sapere il 90% della sua malattia se non che ha un cancro ma per ora va benino.

Ma COME Lloyd va a letto differente?

Forse morire è differente per i semiDei. Forse Blankfein sa che se anche strappa, rosicchia alla vita quei 21 giorni in più, saranno 21 giorni da semiDio, e questo gli fa la differenza. Sono ancora 21 giorni d’IMMORTALITA’. O forse no? O non è così? O Lloyd andò a letto ancor più devastato del signor Baldini di Vicenza? Perché magari Lloyd si rese conto che 21 giorni da semiDio, alla fine, contano nulla, mentre Baldini semplicemente non pensa perché non sa. Quale delle due?

Dio come vorrei saperlo. Cerco la notte di spiare la risposta dai suoi occhi. Il perché faccio questo è d’importanza fondamentale per me, o forse anche per quei 7 italiani su 60 milioni che meritano di leggere queste righe. E’ di un’importanza da definire STORICA E MOLTO PIU’ CHE STORICA.

Perché se nelle menti come quelle del CEO di Goldman Sachs Lloyd Blankfein, perché se nelle menti di questi semiDei come Kissinger, Cossiga, Riina, Breznev, Angelli, Andreotti, Mitterrand, Stalin, Draghi, come i tanti generali dei Carabinieri che sapevano tutto delle stragi in Italia ma sono crepati zitti, o degli AD di Monsanto, ThyssenKrupp, Google, Union Carbide, nella testa di uno come Beria, come Pinochet, come Yahya Khan in Bangladesh…

… perché se nelle menti di sti uomini la Morte NON E’ ALTRO CHE UN OLOGRAMMA CHE LI SFIORA all’ultimo battito del loro cardio di semiDei, ma loro pensano CHE NON LI RIGUARDA VERAMENTE, allora capiamo perché un Cossiga è spirato senza dirci nulla, perché Obama affrontò una colonscopia con sospetti di carcinoma del colon mentre firmava stragi d’innocenti, perché il cancro di Provenzano non lo smosse di 1 mm dalla sua bestialità, perché George Soros è la bestia disumana che è pur essendo a poco da una bara, perché Pinochet si erse dalla carrozzella per 7 secondi di patetico tripudio quando Londra lo liberò ma lui era già decomposto. Sappiamo perché il Potere non si ferma mai, mai, mai, neppure di fronte a sorella Morte, anzi, le ride in faccia, e, se può, a 21 respiri dalla fine fisica ancora esso firma decreti che ammazzano le vite di 23.000.000 milioni di noi.

Chi di voi, chi fra gli esimi accademici, chi fra i politologi, chi fra i cosiddetti ‘umanisti’ ha mai fermato il suo pensiero su queste cose?

Io spio di notte il volto del Dio di Goldman Sachs Lloyd Blankfein per capire questo. Nulla è più importante.

 

Fonte: www.paolobarnard.info

Link: http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=1640

18.02.2017

Pubblicato da Davide

  • Mirko Gagliano

    Be’… anche gli dei, dunque, muoiono. Bene: c’è speranza…

  • cedric

    ll buon paolo barnard mi sembra un tantino ingenuo cercando implicazioni metafisiche di presunti superdei, già non si sa cosa sia un dio, figurarsi un superdio.

    La realtà è molto più banale e prosaica: di fronte al tumore il tizio di Goldman Sachs non fa una piega ed inizia il trattamento chemioterapico senza neppure togliersi la cravatta perchè non vuole che qualcuno gli freghi il posto dicendo in giro che non può più fare il proprio lavoro. I colleghi sono pronti a reclamare il suo posto al minimo accenno di debolezza o malattia.

    Dalle stelle alle stalle (si fa per dire) la stessa identica cosa accade col facchino, il bracciante ed anche con gli impiegati della classe media dopo il jobs act: guai a dire di essere ammalati e si lavora anche con un polso slogato e la bronchite altrimenti il tuo collega è pronto a fregarti il turno migliore e la ditta a licenziarti per dare il tuo posto a chi produce meglio.
    http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/03/10/brindisi-licenziato-per-troppe-malattie-in-cura-per-tumore-cervello/1494662/

  • orckrist

    Possono pensare quello che vogliono, possono sentirsi dio fino all’ultimo respiro, possono pensare che la morte non li riguardi, possono non avere rimorsi ma alla fine l’unica cosa che attanaglierà le loro viscere e la loro coscienza sarà l’horror vacui al momento del trapasso.
    Gli unici che ho visto andarsene “serenamente” sono quelli morti di morte improvvisa e quelli aggrappati ad una fede ferrea.

  • Adriano Pilotto

    Barnard è la coscienza infelice di questo goldmaniano di cui va scrivendo, solo un rigurgito, ma pur sempre un prodotto da ascrivere alla coscienza goldmaniana.

  • Al momento della morte il corpo sottile del signor Blankfein abbandonerà il corpo fisico e, in accordo col suo karma, affronterà un altro piano di esistenza. Il suo falso ego potrà anche non accettare tutto ciò, ma il suo vero io, che non è diverso dal vero io che abita in tutti gli esseri, dovrà fare esperienza delle conseguenze di ogni suo atto fisico, mentale o verbale.

    • Sepp

      Augurati che il diafano spirito non si installi
      subito in un altro corpo appena nato.
      Altrimenti saranno altri secoli di orrore.

      • Truman

        Perchè mai? Secoli di orrore per uno scarafaggio? (Perchè col suo karma un probabile corpo nuovo sarà quello di uno scarafaggio)

        • Sepp

          Gli scarafaggi o scarafone, vengono anche mangiati, bisogna avvertire gli utenti. Mandiamo un Twitter.

  • Invisible man

    Molto poetico. E profondo.. Ma quindi?

  • gianni

    ma il tizio della foto e’ umano ??

    • gilberto6666

      Mi hai rubato la domanda, ti giuro che stavo per scrivere la stessa cosa..

      • gianni

        io lo ho scritto prima di leggere l’ aricolo , e’ malato di cancro , forse e’ per quello che ha quell’ aspetto , o forse e’ un ibrido meta’ umano e meta’ alieno messo ai vertici dell’ umanita’ , ahahhahah

        • Sepp

          si dice androide, nel suo caso specifico: golem.

  • Nicolass

    A me l’unica cosa che mi interessa è leggere il suo necrologio…. magari prima possibile.

    • Sepp

      Magari… in questo momento, uscito dall’ambiente malsano
      in cui ha vissuto, vuole redimersi, distruggendo il sistema

      dall’interno….. e tu lo vuoi subito morto?
      In questa pasqua…………

      • Nicolass

        non credo nel pentimento dell’ultima ora

        • Sepp

          Io sono convinto ( con i miei limiti) che per
          distruggere il mostro ci vuole o il sabotaggio
          interno o una grossa meteorite.
          Altre idee non ne ho.

  • furibondius

    Paolino Barnard, con i suoi sensi di inferiorità, calca la mano sull’esaltazione di miti mafiosi, sui medici da 10000 a visita, e disprezza il medico della mutua, quasi a non sapere che tutt’e due (e tre) t’ammazzano con la chemioterapia e con consapevolezze bacate…..
    Di decomposto qui c’è sopratutto il senso critico e intimamente democratico del giornalista……

    • Sepp

      Paolino, sa il fatto suo, purtroppo come tutti i profeti
      che gridano nel deserto rimane inascoltato.

  • Holodoc

    Non so se c’entra qualcosa, ma questa storia mi richiama alla mente Angelina Jolie e le sua amputazioni anticancro.
    Per caso qualcuno ha visto sul suo corpo qualche cicatrice? E se fosse tutta una farsa, se fosse stata pagata fior di milioni per propagandare la chirurgia preventiva???

    Se anche Barnard, dall’alto della sua cultura e (presunta) disillusione è stato portato a pensare: “se i VIP si affidano alla chemio allora è la cura migliore che esista”, figuriamoci chi ha un basso livello di istruzione e si affida alla TV per informarsi!

    • Sepp

      Tu non hai letto bene quello che ha scritto Paolino, nessuna difesa
      alla chemio, parla di uno potente e vuol sapere come si sente,
      anche il potente sa che niente cambiar’ il suo corso tranne che
      non cambia abitudini, magari avra’ letto Hammer.

  • gix

    Il buon Barnard non si è posto la domanda fondamentale: ma stiamo parlando di esseri umani normali, come tutti gli altri? Non c’è nulla di umano nel non arrendersi all’evidenza e pensare che comunque si deve continuare a fottere gli altri, anche se si sta seduti su montagne di soldi e si potrebbe morire domani. Ci sono mille risposte a questa domanda, ma nessuna presuppone che si abbia a che fare con esseri umani come noi, magari solo un po’ più ricchi. Per quanto ne sappiamo questa gente non si caca sotto di fronte a un cancro, come farebbe chiunque, solo perché in qualche modo conosce il segreto dell’immortalità (o almeno crede di conoscerlo). Può essere che la loro personalità, sotto qualsiasi forma la vogliamo intendere, venga clonata e trasportata pari pari in un nuovo corpo, o altre cose del genere che nessuno immagina. Arrendersi all’evidenza, come qualunque umano farebbe, non è un segno di debolezza o di mancanza di dignità e coraggio di fronte alla morte; c’è tanta gente comune che affronta il male con una dignità e con un coraggio invidiabili. Quindi il problema non è questo e tantomeno si tratta di spirito di servizio verso la parrocchia satanica di cui hanno fatto parte per tutta la vita.

    • Sepp

      Sono esserti umani di altra levatura, aspetta ancora un po’
      e queste nuove generazioni saranno degni successori del
      tizio in cura.

  • Pedro

    Senza andare troppo sul filosofico o addentro a personalità da semidei, vecchi proverbi hanno fatto la storia dell`umanità.
    L`erba grama non muore mai, ecco forse essere dei veri bastardi, come il sopracitato, ti aiuta.

    • Sepp

      A volte sono compliementi che rivolgiamo anche a noi stessi.
      jerba tinta nuun mori mai,

  • alex70

    Caro Barnard.

    Guardi la foto di Blankfein come Rommel guardva quella di Montgomery . Ma sappiamo tutti com’e’ finita. Il potere vince sempre ed e’ per questo che giustifico l’azione anche disordinata , sovversiva e imprudente dei rivoluzionari . Di qualsiasi colore . Che fossero Camice Nere e manganelli o Bolscevichi incazzati che sezionavano con le asce i resti dei Romanov. La sola arma e’ l’insurrezione violenta verso le elite dominanti.

    • Invisible man

      Poveri Romanov che pena però, anche se sono d’accordo con ciò che hai scritto.

    • Sepp

      Complimenti, conoscenza della storia vicino allo
      zero assoluto.

      • alex70

        ” poi arrivano quelli che hanno letto i libri che dicono a quelli che non hanno letti i libri , qui ci vole un cambiamento. e la gente fa il cambiamento cosi’ quelli che hanno letto i libri si mettono attorno ad un tavolo a discutere , a discutere e a mangiare e intanto cosa succede a quelli che non hanno letti i libri???? ”

        Cara Sapp utella lascia in pace la storia . Anche tu probabilmente hai il tarlo della maestrina comandina. E non hai letto il senso delle mia parole. Amen.

        • Sepp

          Ma la sotira non la scrivono i vincitori?
          Io non mi fido nei dei vinti ne dei perdenti,
          la storia e’ davanti agli occhi ogni giorno.
          Caso mai maestro, non credo al gender free.

          • alex70

            certo, i vincitori la scrivono, ma anche uno Spartacus qualunque a volte.

            Sul gender ti do pienamente ragione. I

            ll tono delle tue risposte, non a me in particolare ma in generale in questo sito, mi ha sempre dato l’idea di commenti scritti da una donna. Se non lo sei me ne scuso subito.

          • Sepp

            Spartaco sai che e’ un simbolo politico?
            e’ l’evoluzione di masada.
            Viviamo un progetto o grande opera
            che va avanti, per quel che si sa, da
            almeno duemilanni, una guerra fra sette.
            Io dubito sempre, perche’ anche se
            so non approffito mai dell’innocenza
            degli altri.

  • natascia

    Il tempo. La consapevolezza che anche un’ora può fare la differenza. Questa è la vera forza di chi opera sulle sorti dell’ignava umanita’. Nel bene come nel male. Oggi il bene ha perso,smarrito questo istinto e gli esiti sono ai nostri occhi. La forza del bene sarebbe immensa , superiore a quella el male.

  • vocenellanotte

    Il mistero è nel perché ogni tanto vengono al mondo delle innocenti creature che conducono una vita di morte. La loro vita non è diversa dalla loro morte. L’ignomia di vedersi morti in vita li rende così.

    • Sepp

      Non buttiamola sul fantastico, c’e’ il gregge e la mandria, che
      servono per sfamare il branco,

      • Georgejefferson

        Non sappiamo nemmeno del cosidetto Dio su cosa “serva” e cosa no, con intenzionale agire metafisico. Pero ognuno e’ libero di credere quello che vuole, a volte bastano equazioni semplici, banali metafore sempre buone alla persuasione, per esempio :” l’ innocente muore come la foglia che cade dall’ albero”…”serve” all’ albero, e’ “evidente” ecc..

        • PietroGE

          Un Dio, senza il “cosiddetto”, è molto più reale delle fantasticherie umane. È ciò che da senso ad ogni cosa, è Lui che taglia via le elucubrazioni sull’ ordine che viene dal caos, sul come e perché di questa vita, sul bene e sul male. Il caos è infinitamente più probabile dell’ordine e se si vede quest’ultimo, è necessaria una spiegazione. La statistica non spiega nulla, un codice genetico non sorge spontaneamente dalla Chimica e il pensiero non emerge dalla complessità. L’unica spiegazione è Dio. “Quando hai eliminato l’impossibile, qualsiasi cosa resti, per quanto improbabile, deve essere la verita’.” Diceva quel tale.

          • Georgejefferson

            Cosidetto perchè cosi lo chiamano tanti uomini, pur in lingue diverse, poi ho citato il “cosidetto” anche per sottolineare l’aspetto superstizioso (e fantastico) di tante credenze. Il senso l’ uomo se lo può inventare secondo le sue ragioni, cosi come probabilmente ha sempre fatto, pur tacendolo nel senso comune cosciente…non essendo scritto da nessuna parte che debba vivere come un infante bisognoso della manina di presunti soggetti esterni non dimostrabili . Spesso le ragioni sono state egoistiche e violente, e questo e’ un dramma che ha portato e porta ancora barbarie e tragedie e che mostra l’ ancora fase fanciullesca dell’ uomo. Non e’ detto che cresca, ma le possibilità ci sono, tranne per chi crede il contrario. L’ accusa di elucubrazioni la si può fare ad ogni tradizione, religiosa, mistica, atea o materialista, c’e’ sterminata letteratura che mostra “elucubrazioni” di ogni specie in ogni dove, quindi non e’ un’argomento. Non so quale interpretazione danno altri al senso “ordine dal caos”, potrebbe sottolineare in forma aforitica il possibile (possibilità non e’ certezza) miglioramento di tanti aspetti derivante dal dinamismo del reale, che essendo dinamico, e’ sempre possibile di cambiamento, in bene, in male e’ un’altro (ovviamente importantissimo) discorso. Auspicherei in meglio ovviamente, credere la realta come statica, fissa e intrasformabile (come un cosidetto dio che decide, sempre uguale a se stesso, per esempio) significa non auspicare nulla dall’ uomo, quindi nemmeno in sè stesso, perchè crede che l’ uomo non possa trascendere se stesso dandosi da sè un senso giusto e auspicabile. Allora si affida “agli interpreti” del presunto dio, che fanno lo stesso lavorio di trascendenza, ma di nascosto, spesso anche da sè stessi, per paura, o convinzione di essere “eletti”.

            Il Caos più probabile dell’ ordine dipende, di certo non e’ fonte affidabile le percezioni, poni l’ ipotesi che all’ 80 % delle informazioni e suggestioni che riceviamo, siano derivanti dalle liste numerosissime di giuste e nobili azioni che tutti i giorni succedono nel mondo, e la nostra percezione cambia, cosi infatti si domina l’ ordine del discorso. Sarebbe giusto una equa ripartizione, ma da una parte, le giuste azioni non vengono amplificate e vengono svalorizzate, e in secondo luogo e’una guerra (in senso lato) scorretta a monte.

            Sui codici genetici dalla chimica, o pensieri dalla complessità (questa ultima sembra probabile)…sono ipotesi difficili da esaurire, se non col rifugio riduttivo del cosidetto Dio che non spiega nulla. Quel tale probabilmente ha certezza che “tutto” e’ possibile, io no.

            Ma poco sopra, Pietro, l’argomento era : qualcosa o qualcuno “serve” a…che ci siano ingiustizie dettate dall’ egoismo e privilegio, lo sanno anche i sassi, ma quando il postulato riguarda una ragione obbligatoria (la metafora del gregge che “serve” per sfamare), e’ una credenza sul fato che viene citata, senza argomentazioni.

        • Sepp

          dette in parole povere?

  • Robin Unzi

    Anche Jamie Dimon della Jp Morgan nel 2014 gli avevano diagnosticato un cancro alla gola.
    E tutt’ora vivo e vegeto ed in sella
    Lloyd Blankfein ha un cancro anche lui curabile
    Di che si parla?

  • World Libre

    Lo ritroviamo entro l’orbita bassa…….

  • Cataldo

    Non comprendo come uno che dovrebbe avere esperienza delle cose del mondo, come Barnard, si soffermi tanto sui singoli, quando lui stesso parla di un sistema di potere: cosa si aspetta di individuare di nuovo nel personale umano che lo incarna di volta in volta ?
    Questo concentrarsi sull’aspetto umano della singola rotella dell’ingranaggio mi appare futile.

  • adestil

    soprattutto non ha capito che costui non fa parte della vera elite..altrimenti non sarebbe stato sottoposto alla chemio che è solo per il popolino…visto che ti ammazza lei prima del tumore..
    alcuni chemioterapici derivano dal gas mostarda usato nella prima guerra mondiale come terribile arma asfissiante(o che uccideva per cancrena in un secondo tempo) le cosiddette ”mostarde azotate”,la ciclofosfamide
    nello stesso foglietto illustrativo di questo chemioterapico ampliamente usato a dosi massicce è scritto ”pare provochi tumori secondari” ossia metastasi
    http://www.my-personaltrainer.it/salute-benessere/ciclofosfamide.html

    la stessa OMS ammette che l’intera chemioterapia è cancerogena
    http://www.rinomastromauro.it/index.php?option=com_content&view=article&id=95:loms-dichiara-che-la-chemioterapia-ecancerogena-2015&catid=46:articoli&Itemid=67

    le vere elite non si vedono o non si conoscono o li conosciamo ma non sappiamo siano le elite…
    i vari bill gates,soros,i vari ceo sono solo dipendenti…

    • Truman

      Si, questo fatto della chemioterapia che avrebbe dovuto salvarlo ha insospettito anche me. Raramente la chemio fa qualcosa di bene (ai pazienti intendo, perchè a big pharma la chemio fa bene).

  • marco schanzer

    E dietro tutto questo , potentissimo , nulla…….c’e’ il fallimento della scuola….e il disinteresse della gente che non vale nulla , per il , futuro fallimento , della scuola che ha fallito con loro .