US Secretary of State Mike Pompeo arrives at the Prince Sultan air base in Al-Kharj, in central Saudi Arabia Thursday, Feb. 20, 2020. Pompeo met with Saudi Arabia's King Salman on Thursday in a visit focused primarily on discussing shared security concerns about regional rival Iran. (Andrew Caballero Reynolds/Pool via AP)

Guerre Permanenti: Nuovi edifici militari USA in Arabia Saudita dopo 17 anni

di Alan Macleod

mintpressnews.com

 

In mezzo alle crescenti tensioni con l’Iran, gli Stati Uniti stanno aumentando la loro presenza militare in Arabia Saudita – separata dalla Repubblica Islamica [Iran] solo dal Golfo Persico. Circa 2.500 truppe sono arrivate nella loro nuova casa, la Prince Sultan Air Base, a circa 60 km a sud-est di Riyadh. Sull’Iran, ha detto il generale John Walker, comandante del 378° Stormo di Spedizione Aerea della base: “Abbiamo di fronte un nemico pensante che sta giocando un vero e proprio conflitto regionale, e sono molto bravi”.

Mentre il governo degli Stati Uniti non ha dato alcuna indicazione di quanto tempo si aspetta che le sue forze siano presenti, le strutture temporanee sono state sostituite con strutture più consistenti, e l’arrivo dei jet da combattimento suggerisce che si stiano preparando per il lungo termine. Anche le strade vengono ristrutturate da e verso la base.

Più di mezzo milione di truppe americane sono state inviate in Arabia Saudita durante la prima guerra del Golfo negli anni Novanta. Una delle principali motivazioni dell’attacco di Al-Qaeda agli Stati Uniti nel 2001 è stata la sua presenza militare permanente in Arabia Saudita, sede di molti dei luoghi più sacri dell’Islam. L’organizzazione aveva annunciato: “Gli Stati Uniti hanno occupato le terre dell’Islam nel più sacro dei luoghi, la Penisola Arabica, saccheggiando le sue ricchezze, dettando ai suoi governanti, umiliando il suo popolo, terrorizzando i suoi vicini, e trasformando le sue basi nella Penisola in una punta di diamante attraverso la quale combattere i popoli musulmani vicini”.

La mossa arriva in mezzo a nuove tensioni che hanno messo ancora una volta l’Iran nel mirino americano. Il 3 gennaio il generale e statista iraniano Qassem Soleimani è stato ucciso da un attacco mirato di droni americani a Baghdad, in Iraq.

Il segretario di Stato Mike Pompeo ha giustificato la mossa sulla base del fatto che Soleimani stava preparando un “imminente attacco” contro gli Stati Uniti, cosa che sembra contraddire altre dichiarazioni del governo. Questa motivazione è stata contraddetta anche dal primo ministro iracheno Adil Abdul-Mahdi, che ha dichiarato che Soleimani era volato in Iraq per partecipare ai colloqui di pace regionali. Inoltre, Abdul-Mahdi ha affermato di aver chiesto e ottenuto l’autorizzazione dall’amministrazione Trump per farlo.

In risposta, l’Iran ha lanciato una serie di missili balistici contro le basi occupate dagli Stati Uniti in Iraq, causando danni specifici, ma senza vittime, poiché gli Stati Uniti erano stati avvertiti dell’imminente risposta. Il Pentagono ha dichiarato che decine di truppe hanno subito lesioni cerebrali come risultato, ma Trump ha sminuito, dichiarando che si trattava di poco più di un comune mal di testa.

Forse la ricaduta più importante del conflitto, tuttavia, è stata in Iraq. Il 5 gennaio il parlamento iracheno ha approvato all’unanimità (con molte astensioni) una risoluzione che chiede l’espulsione di tutte le truppe statunitensi. E in risposta a quello che molti hanno visto come un altro esempio di arroganza imperiale americana, si stima che 2,5 milioni e mezzo di persone abbiano marciato attraverso Baghdad e altre città con lo stesso messaggio: “Get out America”. Quelle persone probabilmente non sono rimaste impressionate dalla risposta di Trump. “Non ce ne andremo se non ci ripagano… Se ci chiedono di andarcene, se non lo facciamo in modo molto amichevole, addebiteremo loro sanzioni come non le hanno mai viste prima” ha risposto il presidente, riferendosi alle sanzioni che si stima abbiano fatto morire di fame un milione di iracheni negli anni Novanta. Le forze armate statunitensi hanno quasi subito annunciato che, lungi dall’andarsene, stavano costruendo tre nuove basi, tutte molto vicine al confine iraniano.

Anche se una guerra reale con l’Iran è stata finora evitata, un conflitto online continua a infuriare. Il mese scorso il media iraniano Press TV ha fatto cancellare definitivamente il suo account YouTube. Su Twitter, gli americani che sostengono Trump hanno incrementato i messaggi anti-Soleimani, mentre Instagram e Facebook hanno annunciato che tutti i contenuti pro-Soleimani saranno cancellati. “Noi operiamo secondo le leggi sulle sanzioni degli Stati Uniti, comprese quelle relative alla designazione da parte del governo degli Stati Uniti del Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Iraniane (IRGC) e della sua leadership”, ha detto Facebook, spiegando che le nuove sanzioni di Trump sull’Iran hanno essenzialmente reso illegale il supporto dell’Iran sui siti web americani. Questo crea una situazione difficile, dato che oltre l’80% degli iraniani ha visto il generale con favore, il che significa che il governo degli Stati Uniti è riuscito a fare pressione sulle società statunitensi per mettere a tacere gli iraniani che condividono le opinioni di maggioranza verso altri iraniani in Iran.

Gli Stati Uniti sono stati il principale finanziatore straniero dell’Arabia Saudita per molti decenni, fornendo al governo armi per mantenerlo al potere. Il segretario di Stato Pompeo ha visitato la nuova base aerea americana, dicendo ai giornalisti che “i sauditi condividono i nostri obiettivi strategici. Sono un alleato e un partner importante”. Il Dipartimento di Stato ha commentato che “il rapporto di sicurezza USA-Saudita di lunga data” è forte e la nuova base “riafferma la determinazione dell’America a stare con l’Arabia Saudita di fronte al comportamento maligno iraniano”. Gli Stati Uniti sono stati anche un partner cruciale nella guerra saudita contro lo Yemen, fornendo, mantenendo e addestrando i sauditi ad usare le armi americane contro le milizie Houthi. Queste nuove basi in Medio Oriente rappresentano un preoccupante accumulo di forza militare per coloro che si preoccupano di prevenire un altro conflitto nella regione già devastata dalla guerra.

Alan MacLeod è uno Staff Writer per MintPress News. Dopo aver completato il suo dottorato di ricerca nel 2017 ha pubblicato due libri: Bad News From Venezuela: Twenty Years of Fake News and Misreporting e Propaganda in the Information Age: Still Manufacturing Consent. Ha anche contribuito a Fairness and Accuracy in Reporting, The Guardian, Salon, The Grayzone, Jacobin Magazine, Common Dreams the American Herald Tribune e The Canary.

 

Fonte: mintpressnews.com

28.02.2020

Link: https://www.mintpressnews.com/us-military-building-presence-saudi-arabia/265343/

Traduzione per ComeDonChisciotte a cura di Riccardo Donat-Cattin

Pubblicato da Riccardo Donat-Cattin

Sociologo e media analyst. Consiglia Kropotkin e Malatesta.
Precedente Le aziende ti ucciderebbero letteralmente per realizzare un profitto
Prossimo Il coronavirus è una pandemia? Qualcuno a Wall Street non vuole sentire quella parola