Finirà in una guerra tra Stati Uniti e Iran?

Mentre Israele si prepara al confronto con Hezbollah, i falchi della guerra americani si leccano le labbra.

 

Kelley Beaucar Vlahos – The American Conservative – 27 giugno 2024

 

I falchi di Washington potrebbero finalmente ottenere la loro guerra con l’Iran.

Le possibilità che Israele ed Hezbollah vengano alle mani in una guerra totale sono ora maggiori che in qualsiasi altro momento dal 7 ottobre, e gli esperti militari e regionali avvertono che potrebbe essere più brutta e cinetica di quella del 2006, quando un conflitto di 34 giorni uccise più di 1.300 libanesi e 165 israeliani.

L’escalation è davvero significativa e, a mio avviso, ci troviamo in un momento pericoloso. Qualsiasi errore, qualsiasi errore di calcolo da parte di una delle due parti può davvero spingere il confronto, che finora si è limitato a scontri di confine“, ha dichiarato Randa Slim, che questa settimana ha parlato con DW News in Germania, notando che le milizie sostenute dall’Iran in Iraq e Siria, parte del cosiddetto “asse della resistenza“, si stavano già schierando e avevno promesso sostegno militare.

Il governo israeliano ha segnalato ovunque la possibilità di lanciare un’operazione contro Hezbollah in Libano quest’estate e che l’Iran non sarà molto lontano.

Siamo in una guerra esistenziale su sette fronti“, ha dichiarato lunedì il Primo Ministro Benjamin Netanyahu alla Knesset. Netanyahu ha affermato che questa guerra è guidata dall’Iran, che “sta lavorando in modi evidenti per distruggerci“.

A qualsiasi costo e in qualsiasi modo, ostacoleremo le intenzioni dell’Iran di distruggerci“, ha dichiarato.

L’ala militante degli Hezbollah sciiti, potente blocco politico del governo libanese, è sostenuta dall’Iran sciita. Secondo alcuni, un’invasione israeliana del Libano, soprattutto se rappresentasse una minaccia esistenziale per Hezbollah, sarebbe una “linea rossa” per l’Iran e Teheran dovrebbe essere coinvolta a un certo livello per mantenere la credibilità come importante patrono della sicurezza. La determinazione dell’Iran a riavviare un programma di armi nucleari sarebbe ulteriormente rafforzata.

È qui che entrano in gioco gli Stati Uniti. In quanto alleato principale di Israele e avversario di lunga data dell’Iran, se la Repubblica islamica dovesse intervenire – direttamente o attivando le milizie “dell’asse della resistenza” contro i mezzi e le truppe statunitensi nella regione – Washington sarebbe costretta a raccogliere la sfida, dicono gli esperti, e probabilmente si sta preparando oggi a questo scenario.

Ciò soddisferebbe, in modo perverso, il desiderio a lungo coltivato da molti a Washington – persone come Nikki Haley, John Bolton, H.R. McMaster, il senatore Lindsey Graham (R-SC), il senatore Roger Wicker (R-MS) e altri che hanno insistito sul fatto che gli Stati Uniti devono “tagliare la testa” dei problemi in Medio Oriente, compresa quella di Hamas a Gaza. Quella testa è l’Iran.

Credo sia molto importante che sia chiaro al mondo che se Hezbollah intensifica la sua attività e va contro Israele, l’obiettivo (per la rappresaglia) non sarà solo Beirut, ma Teheran. Sto dicendo ai miei colleghi del Senato che dovrebbero pensarla in questo modo“, ha dichiarato Graham, che questa settimana ha dettto che presenterà una risoluzione che riterrà l’Iran responsabile di qualsiasi attacco totale da parte di Hezbollah.

I principali quotidiani americani stanno incitando Israele a spingere per lo scontro descritto sopra. Sul The Wall Street Journal di martedì, Seth Cropsey, ex ufficiale della Marina, ha scritto che Israele dovrebbe attaccare Hezbollah ora attraverso l’Iran, con o senza il sostegno di Washington: “Dovrebbe prendere la forma di una campagna aerea su larga scala che colpisca i nodi di comando iraniani e gli alleati iraniani in Siria e in Libano. Le condizioni strategiche non sono ideali, ma aspettare non le migliorerà“.

Nel frattempo, lo stesso giorno, il comitato editoriale del WSJ si è lamentato del fatto che gli Stati Uniti stiano frenando Israele, sottolineando i commenti riportati da C.Q. Brown, Capo dei Capi di Stato Maggiori Riuniti, in cui “ha detto che gli Stati Uniti non saranno probabilmente in grado di aiutare Israele a difendersi da una più ampia guerra contro Hezbollah così come hanno aiutato Israele a contrastare una raffica di missili e droni iraniani in aprile“.

Questo è un segnale rosso calcolato per Israele – non contare sull’aiuto degli Stati Uniti, ma conta sull’ira dell’Iran – ma quale messaggio sta inviando il generale a Hezbollah? Nel bunker del leader del gruppo, Hassan Nasrallah, probabilmente suona come: “Andate avanti. Puoi farla franca ancora di più“, ha protestato il WSJ.

Gli esperti che hanno parlato con The American Conservative dicono che questo è ciò che Israele e i suoi più accaniti sostenitori qui negli Stati Uniti vogliono, che l’attenzione si concentri sull’Iran.

Hezbollah è il più importante alleato dell’Iran e un gruppo sciita, e l’Iran reagirà con forza, perché altrimenti perderà tutta la credibilità. Credo che l’amministrazione Biden non voglia questa guerra, ma se Israele la inizierà e l’Iran reagirà con forza, e lo farà, l’Iran e gli Stati Uniti saranno in rotta di collisione“, ha affermato l’osservatore iraniano Muhammad Sahimi, che insegna all’Università della California del Sud, in un e-mail alla nostra redazione.

E si è spinto oltre. “Israele ha sempre voluto iniziare una guerra con l’Iran per coinvolgere gli Stati Uniti. Questo è particolarmente vero da quando l’ultimo round di guerra tra Israele e il popolo palestinese è iniziato il 7 ottobre“, ha detto. “Questo è ovviamente anche ciò che vogliono i falchi dell’Iran negli Stati Uniti, come Lindsey Graham e (il senatore) Tom Cotton“.

Questo discorso crea preoccupazione in altri; gli esperti militari, specialmente, che ritengono che una guerra tra Hezbollah e Israele, che da otto mesi sta bruciando il proprio arsenale in assalti aerei quotidiani e attacchi di terra a Gaza, non assomiglierebbe affatto al 2006. Oggi si stima che il gruppo disponga di 150.000 razzi e missili, che potrebbero travolgere l’Iron Dome di Israele senza assistenza. Le milizie “dell’asse della resistenza” hanno i loro droni e razzi che potrebbero essere attivati all’istante.

Qualsiasi escalation con Hezbollah sarebbe molto più significativa di quella che abbiamo visto con Israele e Hamas, e gli Stati Uniti dovrebbero probabilmente intervenire direttamente per difendere Israele dal robusto arsenale di razzi e missili di Hezbollah“, ha dichiarato Michael DiMino, ex analista militare e ufficiale antiterrorismo della CIA.

Una grande guerra tra Hezbollah e Israele è stata la mia più grande paura riguardo a uno scenario plausibile che potrebbe portare a una conflagrazione regionale fin dal primo giorno di questo conflitto, e gli Stati Uniti e la comunità internazionale dovrebbero fare tutto il possibile per evitarlo. Non sarebbe un vantaggio per Israele, per gli Stati Uniti e per la sicurezza globale in generale“.

Al momento, per quanto il The Wall Street Journal e gli altri abbiano fatto pressioni, l’amministrazione Biden sembra decisa a non permettere che si arrivi a quel punto. Tuttavia, come scrive Paul Pillar mercoledì su Responsible Statecraft, “i suoi sforzi di pacificazione, tuttavia, hanno solo scarse prospettive di successo“. Ciò è dovuto principalmente al fatto che la Casa Bianca continua a inviare messaggi contrastanti sul sostegno a Israele e non prende sul serio il fatto che le operazioni continue a Gaza, che hanno provocato un evidente incubo umanitario, non possono essere eliminate dall’equazione.

Credo che l’ultima cosa che Joe Biden voglia sia una grande guerra in Medio Oriente proprio prima delle elezioni, specialmente una che coinvolga l’America“, ha dichiarato John Gay, direttore esecutivo della John Quincy Adams Society, sottolineando che i funzionari statunitensi hanno riconosciuto che l’ordine di sospendere gli attacchi delle milizie iraniane contro le forze statunitensi in Iraq e Siria è stato impartito dalla Guida Suprema dell’Iran. L’ordine potrebbe essere revocato in qualsiasi momento.

Significative perdite statunitensi creerebbero la pressione opposta…. [Biden] non vorrebbe apparire debole“, ha aggiunto Gay. “Il precedente mi dice che ordinerebbe di colpire le milizie che lo hanno fatto, non l’Iran stesso. Ma è anche possibile che gli israeliani agiscano in Siria, in Iraq e persino in Iran se ci sarà un grande conflitto nella regione – e questo potrebbe sia ridurre la capacità degli Stati Uniti di separare le nostre forze dal conflitto, sia abbassare i costi previsti di un’azione statunitense più estesa“.

Nonostante i commenti di Brown suggeriscano che gli Stati Uniti non presteranno probabilmente lo stesso tipo di assistenza che avevano prestato in aprile, deviando gli attacchi iraniani contro Israele in rappresaglia all’attentato al consolato in Siria, altri segnali indicano il contrario.

La scorsa settimana, la CNN ha riferito che nei colloqui con i funzionari statunitensi, tra cui il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan e il segretario di Stato Antony Blinken, il ministro israeliano per gli Affari strategici Ron Dermer e il consigliere per la sicurezza nazionale Tzachi Hanegbi hanno ottenuto “garanzie personali” che “se dovesse scoppiare una guerra totale sul confine settentrionale di Israele tra Israele e Hezbollah, l’amministrazione Biden è pienamente pronta a sostenere il suo alleato“.

Greg Brew, analista sull’Iran per l’Eurasia Group, ci dice che “è ancora possibile evitare una collisione – se dovesse emergere un cessate il fuoco a Gaza, è possibile che Hezbollah si attenui e accetti un accordo che permetta ai civili israeliani di tornare nelle città vicino al confine. Nonostante le loro assicurazioni di voler sostenere Israele, gli Stati Uniti stanno impiegando la maggior parte delle loro energie per trovare una soluzione diplomatica che eviti un’escalation“.

Sina Azodi, che insegna alla George Washington University, concorda sul fatto che l’ultima cosa che il team di Biden vuole in questo momento è essere trascinato in una guerra con l’Iran. “In passato (entrambe le parti) sono state in grado di comunicare (indirettamente) attraverso l’Oman e la missione iraniana all’ONU e di tracciare linee rosse“, ha affermato.

Dipenderà se le pressioni per agire con decisione a favore di Israele supereranno la cautela che la Casa Bianca sembra avere nei confronti di una guerra più ampia. Certamente c’è un tira e molla in corso, ma come sottolineano Slim e Pillar, nessuno può prevedere cosa accadrebbe se oggi si verificasse un errore di calcolo o una provocazione al confine tra Israele e Libano.

Gli Stati Uniti sembrano preparare gli Stati arabi proprio per quel momento, insistendo sul fatto che gli Stati Uniti non sarebbero in grado di controllare i loro partner israeliani, nonostante il rischio di un coinvolgimento americano. In un articolo di POLITICO pubblicato martedì, un funzionario americano rimasto anonimo è stato schietto. “Israele deve fare quello che deve fare“.

 

k_b_vlahosKelley Beaucar Vlahos è direttore editoriale di Responsible Statecraft e consigliere senior del Quincy Institute. È stata redattore esecutivo e continua a collaborare con The American Conservative. Ha trascorso 15 anni come reporter politico online per FOX News presso l’ufficio di Washington D.C. del canale, nonché come corrispondente da Washington per la rivista Homeland Security Today.

 

Link: https://www.theamericanconservative.com/a-u-s-iran-war-at-last/

Scelto e tradotto (IMC) da CptHook per ComeDonChisciotte

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
7 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
7
0
È il momento di condividere le tue opinionix