E adesso che cosa farà l’Impero?

 

Steven Brown – The Duran – 18 agosto 2021

 

Un egemone mondiale non ama essere messo in ridicolo. E la reazione globale al vergognoso ritiro degli Stati Uniti dall’Afghanistan è stata davvero dura. Ma la reazione interna dello Stato di Sicurezza alla perdita della sua narrazione militarista può provocare una risposta ancora più dura. Senza dubbio la “Stazione Doha” (sede CIA in Qatar, n.d.t.) deve pianificare qualcosa di nuovo; adesso, subito. Questo perché hanno sbagliato. La CIA è stata giocata dai talebani e ha perso la narrazione militarista degli Stati Uniti. Ed è questo ciò che il “CIA-Stato” odia più di ogni altra cosa.

Mentre l’invasione della Baia dei Porci della CIA è stata sostanzialmente sconfitta in due giorni, l'”Operazione Ciclone” della CIA ha creato il caos per più di quarant’anni, e potrebbe continuare a farlo. Per quanto riguarda l’accordo di ritiro degli Stati Uniti, tutto era scritto. L’accordo è stato già fatto, e una data fissata: 11 settembre 2021. Una data altamente simbolica. I talebani erano d’accordo. Eppure… i talebani hanno rotto quell’accordo e hanno deciso di fare irruzione a Kabul, conoscendo bene le conseguenze. È questo il vero scenario?

Se è vero che la Stazione Doha non aveva idea che le forze talebane stavano per penetrare a Kabul molto prima della data di ritiro degli Stati Uniti, allora la CIA è stata davvero presa in giro… una cosa intollerabile per la classe arrogante. Soprattutto quando è stata giocata da ragazzi che, con le loro capacità militari, hanno ferito e ingannato anche gli sciocchi all’interno dello Stato americano. Tale disfatta ha permesso alla Russia e alla Cina di migliorare i rapporti con i talebani, e questa è una ferita [all’orgoglio] quasi più grande per il CIA-Stato e i suoi superiori, quanto i buffi cappelli in parata nella sconfitta di un esercito nazionale afgano “addestrato” e finanziato dagli USA…. (più avanti su questo).

Non ho idea di cosa stia pianificando la CIA. Ma potete essere certi che gli arroganti di Doha stanno sicuramente pianificando qualcosa. E qualsiasi cosa la CIA pianifichi, sarà un ulteriore abominio per l’umanità. Per esempio: Israele ha appena attaccato la regione di Quneitra, che è stata bombardata più e più volte, dicendo che Hezbollah era lì. Possiamo supporre che le “informazioni” israeliane sui bombardamenti non provenissero solo dall’AMAN ma anche da Doha. Anche ora il Libano si trova in una situazione disastrosa. Ma qualcuno crede che Israele invaderà di nuovo il Libano? No, Israele preferisce gli stati falliti a qualsiasi cosa passi per i suoi confini. A meno che non possa annettere il Golan o la Valle del Giordano. Tuttavia, Israele potrebbe tentare di provocare l’Iran con l’assassinio di un altro leader iraniano, all’interno dell’Iran nazione, come ha fatto in passato. O assassinare un alto leader di Hezbollah all’interno del Libano. Anche questa non è una novità, è esattamente quello che fa Israele. Se è così, potete scommettere che la CIA e i suoi superiori saranno coinvolti. È anche possibile che la CIA e Israele inscenino un altro attacco sotto falsa bandiera su una nave lacchè che ha bisogno di un risarcimento assicurativo. Questo per provocare, deviare e distrarre il ciclo delle notizie. Si tratta di riconquistare la narrazione globale del dominio militarista degli Stati Uniti.

Nel frattempo, l’Impero del Male sa di non poter affrontare militarmente la Cina, ma farà comunque casino a proposito del Mar Cinese Meridionale; e forse anche di Taiwan, come faceva il precedente regime. Harris andrà in Vietnam tra dieci giorni e vedremo come va; sarà sicuramente interessante valutare come il ragno cerca di attirare la mosca nella sua ragnatela (*).

Per inciso, il mistero in questa equazione è la NATO. Gli Stati Uniti non hanno impiegato la NATO per cavare le castagne dal fuoco in Afghanistan e, guardando le cose da un altro punto di vista, la distruzione della Libia da parte di Clinton ha segnato un fallimento anche per la NATO. Sulla base di questa storia, per ora non vediamo alcuna minaccia posta dalla NATO, che potrebbe essere impiegata dagli Stati Uniti nel tentativo di riconquistare la sua narrazione militarista dominante (forse un’altra invasione di Grenada?? – ndr). E la CIA non può coinvolgere di nuovo l’Europa in un’avventura militarista di alto profilo per salvare la faccia, quando gli Stati Uniti considerano l’Europa attuale completamente irrilevante.

Naturalmente, questa è la tragedia della circostanza: che gli Stati Uniti possono mostrare “forza” solo attraverso la potenza militare, supponendo che non si tenga conto della potente influenza di Re dollaro. In questo mondo del Vecchio Testamento, la narrativa è che solo la forza crea il diritto … ed è una narrativa che gli Stati Uniti stanno perdendo. Quindi, per distrarre la gente da questa sconfitta, la CIA deve tentare nuovi trucchi. Che ne dite della pressione USA-Israele applicata per creare le distrazioni di più alto profilo disponibili. Idee? Iran. Venezuela. Hezbollah/Libano. Mar Cinese Meridionale. Hong Kong. Attacchi sotto falsa bandiera. Certamente, la Siria e l’Iraq non sono in corsa per riconquistare la narrativa USA “la forza crea il diritto”! Missione non compiuta.

Ma i ragazzi della CIA sembrano averla superata. Non possono evitare che i nomi della loro base compaiano in TV. Se siano abbastanza intelligenti da giocare in futuro tali carte geopolitiche potenziali (e ottenere la distrazione di cui hanno bisogno, per riconquistare la loro narrativa) è una questione ancora aperta. Tuttavia, gli Stati Uniti devono riconquistare la loro narrativa militarista globale e lo devono fare al più presto. Questo potrebbe non accadere dato, che la maggior parte della gente non si beve le disperate stronzate fumanti dei media che gli Stati Uniti producono quotidianamente. Ma finché la riserva globale di dollari USA è viva e vegeta (e l’egemone respira) continuerà a infestare il mondo con il suo insidioso fetore militarista “la forza crea il diritto”, attraverso i media occidentali corrotti. Senza dimenticare, inoltre, i circa quarantamila mercenari che hanno perso la vita in battaglia in Afghanistan. Che si tratti di uzbeki, ugandesi, sudanesi, ciadiani, tagiki o mercenari colombiani… migliaia di mercenari sono stati uccisi in battaglia, non contati nelle cifre ufficiali. Questo è tragico non solo a causa del tentativo degli Stati Uniti di costruire l’esercito nazionale afgano; anche i talebani impiegano combattenti stranieri.

E che cosa sarà ora dell’Afghanistan? La spaventosa rappresentazione dei media occidentali del popolo Pashtun come mostri feroci è imprecisa. L’occidente trancia un giudizio morale del popolo Pashtun, ma dimentica completamente completamente l’equivalenza morale con altri nella regione, incluso l'”alleato” USA: l’Arabia Saudita, mentre finanzia e provoca le guerre in Siria e Iraq, e avalla molte altre occupazioni in tutto il mondo. Che si tratti di Pashtun o di qualsiasi altro popolo indigeno, il popolo dell’Afghanistan ha diritto all’autodeterminazione. L’autodeterminazione è stata negata al popolo afgano per secoli, dall’intervento straniero. Ancora, le grandi multinazionali lamentano l’indisponibilità del litio per l’uso nelle auto elettriche dell’Occidente, mentre gli Stati Uniti hanno congelato i conti bancari governativi dell’Afghanistan per impedire al nuovo governo di accedere a quei fondi. Ma possiamo forse sperare di vedere la fine di una pluri-decennale avventura della CIA nel male, che intendeva provocare l’URSS e “far sanguinare i sovietici, per quanto e più a lungo possibile” (**).

Ma chi è che sanguina ora?

(*) Senza offesa al Vietnam o al suo popolo!

(**) Citazione diretta di Zbigniew Brzezinski

 

Link: https://theduran.com/whats-next-for-empire/

Traduzione di Francesco Paparella per ComeDonChisciotte

 

Notifica di
28 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
JA
Utente CDC
24 Agosto 2021 9:12

Spero si lecchino le ferite e comincino ad imparare perché oramai è assodato, dopo decenni di fallimenti internazionali: gli euro-americani, sotto regia delle lobbies sioniste che li conducono alla rovina, come si muovono fan disastri. La loro incompetenza politico-militare ha dell’incredibile non fossimo abituati ai nostri blablanti centroculisti che però, e per fortuna, valgono meno del due di picche.

gix
Utente CDC
24 Agosto 2021 9:32

Una spiegazione un pò semplicistica, secondo logiche americane abbastanza consuete (presumo l’autore sia americano), con qualche particolare che strizza l’occhio a questioni apparentemente senza risposta. La questione afgana, probabilmente è molto più ingarbugliata di quello che sembra in apparenza, o meglio, nasconde realtà impensabili per la maggior parte della gente. Non sappiamo quale America si sia accordata con i talebani, e quale abbia permesso (?) il loro ingresso anticipato a Kabul (lasciando miliardi di attrezzature militari intonse ai talebani stessi), è possibile che siano due entità diverse. Per non parlare di quello che avverrà ora in quelle zone, anche con russi e cinesi. Intanto alla nostra informazione il massimo che è concesso è riportare storie strappalacrime riguardanti donne abusate e sottomesse, oltre a profughi maltrattati dai talebani cattivi. Per il momento (sarebbe troppo ridicolo…), non una parola sugli assembramenti, sul mancato uso delle mascherine da parte dei talebani e altre scemenze vaccinali, ma è possibile che ci arriveremo presto, se tutta la farsa del virus non crolla prima, anche grazie all’occupazione dei tg da parte dei talebani stessi.

PietroGE
Utente CDC
24 Agosto 2021 10:16

-Gli USA hanno consegnato l’Afghanistan ai talebani, lo dimostrano gli accordi di Doha, le tonnellate di armi e di equipaggiamento moderno che gli hanno lasciato nelle basi e il fatto che sapevano benissimo che l’esercito afgano era uno scherzo che sarebbe scomparso alla prima avvisaglia di combattimento, come infatti è avvenuto. -L’alternativa ai talebani poteva essere una guerra tribale che avrebbe distrutto il Paese e provocato ancora più migranti di quanti ce ne saranno e sarebbe diventato il santuario ideale per organizzazioni terroristiche. A quel punto meglio i talebani. Con l’offensiva all’ultimo momento hanno ottenuto una vittoria di immagine che assicura loro il rispetto del mondo islamico e allontana lo spettro di contingenti militari di altre nazioni sul loro territorio, come sta succedendo in Libia. -Alla lobby che controlla la politica estera americana non interessa un fico secco dell’Afghanistan, loro hanno nel mirino l’Iran, l’unico dei nemici di Israele ancora in piedi. L’uscita dall’Afghanistan serve a concentrare gli sforzi su una possibile guerra contro l’Iran, che ovviamente Israele non ha nessuno intenzione di combattere ma spinge come al solito gli USA a farlo al posto suo. Dopotutto a questo servono le lobby. -E noi europei? Noi dobbiamo pensare ai migranti… Leggi tutto »

Cataldo
Utente CDC
24 Agosto 2021 10:36

Poche idee ma confuse, in questo articolo.

Rigel21
Utente CDC
24 Agosto 2021 11:23

La brutta figura l’han fatta! Come? Chi se ne….come immagine hanno fatto schifo, hanno fatto fuori 3000 connazionali ,per niente!!!!! . Come dovunque abbiano provato a rompere le scatole……i talebani meritano tanto di cappello, non mi sono proprio simpatici, ma chiunque in qualche modo, nel bene e nel male schiaffeggi gli yankees, ha tutta la mia stima.

Cloretta
Utente CDC
24 Agosto 2021 11:32

La cosa che stupisce della riconquista talebana non è la riconquista in sé (già concordata da anni con i vertici statunitensi), bensì la narrativa che ne è stata data attraverso i media. Tale narrativa è sicuramente costruita a tavolino, come lo sono tutte le storie che TV e giornali danno in pasto alla massa acefala. In questo caso, stranamente, sembra che tutto sia stato sceneggiato per gettare il massimo discredito sugli USA e sull’amministrazione in carica. Si è scelto di utilizzare immagini che richiamano in modo inequivocabile il disastro di Saigon del 1975, in modo da evocare sinistre e sgradevoli associazioni nell’immaginario del pubblico. Si sono utilizzate le stesse scene standardizzate di panico all’aeroporto, di evacuazione disordinata, perfino l’elicottero Chinook che sorvola l’ambasciata. L’abbandono di enormi quantità di mezzi militari, anche ad alta tecnologia, nelle mani del nemico è una catastrofe che nessun esercito della storia, per quanto sgangherato, ha mai dovuto subire e che si fatica a immaginare dovuto a semplice inettitudine. Il fatto che i media abbiano sottolineato questo disastro, rivoltando il coltello nella ferita, non può essere dovuto a semplice disattenzione degli sceneggiatori dei notiziari, ma fa sicuramente parte del castello di nozioni artificiali da indurre nei… Leggi tutto »

Ultimo aggiornamento 1 mese fa effettuato da Cloretta
danone
Utente CDC
Risposta al commento di  Cloretta
24 Agosto 2021 13:10

Seguiamo la narrativa mainstream nelle prossime settimane e vediamo se le critiche vanno più all’amministrazione Biden o ai vertici militari, per ora sembra che siano indirizzate più alla gestione politica.
Di sicuro c’è uno scollamento fra certi ambienti del Pentagono e la presidenza Biden, se è vero che all’indomani dell’elezioni, voci di corridoio dicevano che a Biden non lo facevano nemmeno entrare al Pentagono.

Ultimo aggiornamento 1 mese fa effettuato da danone
BrunoWald
Utente CDC
Risposta al commento di  Cloretta
24 Agosto 2021 19:51

Analisi impeccabile. È comunque frustrante riconoscere la manipolazione, ma non riuscire a intuirne i reali obiettivi, se non confusamente. Chi controlla i media, e dunque la narrativa? La lobby sionista è troppo visibile per essere l’istanza ultima. Diciamo che sono la punta separata dal resto della piramide, che si vede nelle banconote. Sono gli stessi che hanno imposto un presidente come Biden, e potrebbe esserci una relazione tra tale investitura e gli eventi afghani.
D’altra parte, chi controlla veramente i vertici militari USA? Da cosa si origina lo scollamento con la Casa Bianca cui accenna danone? Esiste un conflitto interno al deep state o anche questo è teatro?
Se consideriamo che la rete è piena di allarmismi su un collasso del dollaro più o meno prossimo, potremmo assistere a una graduale riorganizzazione delle strutture di comando imperiali, un pò come nell’antica Roma. L’ipotesi più complottista è che il grande parassita occulto si prepari a mollare gli USA al loro destino e infestare un altro organismo ospite.

Mark.Twain
Utente CDC
Risposta al commento di  Cloretta
24 Agosto 2021 20:42

Ottima analisi, a differenza di chi ha scritto l’articolo.
Qualcosa non quadra e sicuramente tutto è voluto, soprattutto l’analogia con lo smacco vietnamita. Nessuno lascia mezzi e armi al nemico. Ok, scappare ma, uno dei primi doveri di un militare e non lasciare niente al nemico che sia funzionante.
Che il tempo di Bidet sia agli sgoccioli?

Bertozzi
Utente CDC
Risposta al commento di  Cloretta
25 Agosto 2021 15:06

Mi accodo ai complimenti per il commento e ai più chiedo: ma la Kamala che fine ha fatto? In tanti avevano previsto che sarebbe stata lei la vera presidente e che avrebbe subito sostituito il Manciuriano Demente invece no, sparita e se la si va a cercare anche nel mainstream si leggono solo pessime notizie su disaccordi con lo staff e figure barbine in giro per il mondo…

ton1957
Utente CDC
24 Agosto 2021 11:33

Dalla fretta con cui stanno scappando si direbbe che qualcosa o qualcuno gli ha vivamente consigliato di tornarsene a casa che la casa brucia. Le ipotesi possono essere tante sul chi o che cosa li ha convinti alla fuga, sebbene é risaputo che, grazie al Covid, il G7 di oggi si svolgerá nel reparto sminchiati da demenza senile, escluderei la causa ”rinco”. Sarei piú orientato,principalmente, verso due ipotesi, la prima é il dollaro che a furia di stampare a gogo, forse non é piú moneta di riserva (per i Cinesi) ma é divenuto moneta che se te la metto in circolazione in America si torna al baratto ( testate nucleari per grano e microcip). La seconda é legata alla scomparsa del microcip, che solo adesso lo sveglio occidente si accorge che senza litio e terre rare, non si riesce piú neppure a fare la pizza e pure i vaccini. A tal proposito sorge spontanea una riflessione anche alla luce dalla fuga di mezzanotte dall’Afghanistan, terre rare e litio sono ormai nelle mani dei soli cinesi o ancora peggio si sono esauriti anche prima del petrolio? Non vorrei vedere una green economy con auto elettriche che funzionano a spinta, in discesa… Leggi tutto »

Bertozzi
Utente CDC
Risposta al commento di  ton1957
25 Agosto 2021 15:08

G7 di oggi si svolgerá nel reparto sminchiati da demenza senile’
ahahah, mi hai fatto morire.

Astronauta
Utente CDC
24 Agosto 2021 14:41

Bisogna vedere dopo il 31 agosto che succede.
L ultimatum talebano è per questa data.
Nel frattempo, siccome notizie dall’ Afganistan non ne arrivano, il mainstream di scatena contro i talebani come se conoscessero l Afganistan da sempre.

https://voxnews.info/2021/08/23/governo-trasferisce-in-italia-unintera-citta-afghana-5mila-islamici-in-aereo-da-kabul/
Portare in Italia interi paesi afgani è da pazzi.
Lo era tempo fa quando i meridionali venivano mandati al nord. Ma erano ialiani, non afgani islamici.
Questo non è altruismo ma un becero buonismo rivoltante in cui il Vaticano fa la sua sbagliata parte.

l articolo parla del litio.Questo glii Usa lo trovano sotto casa in sudamerica, dove provvedono a destabilizzare interi paesi per la bisogna.

Ultimo aggiornamento 1 mese fa effettuato da Astronauta
cedric
Utente CDC
24 Agosto 2021 16:09

Sembra che serva qualcosa di davvero grosso per distogliere in fretta l’attenzione mondiale dalla fuga americana dall’Afghanistan. Che ne dite di quella bomba B61 dimenticata a … di cui (quasi) tutti ignorano l’esistenza? Un bel fungo che sparge polveri radioattive sulle mucche olandesi, sulle vigne francesi, sui suini tedeschi e sui pomodori italiani, oltre che sul grano ucraino che nutre l’europa, riempirà i notiziari e chi ci penserà piu’ agli americani in fuga?

Intanto 5 milioni di afghani disperati si stanno incamminando verso l’europa. A loro si aggiungeranno anche i 3 milioni che si sono già rifugiati in Iran(!) da qualche anno. Gli afghani sono di etnia indoeuropea e se si tagliano barba e capelli ed indossano giacca e cravatta di Armani sono indistinguibili da un francese o da un italiano. Da secoli i soldati di Alessandro e i mercanti di mezza europa hanno lasciato i loro geni in Afghanistan ogni volta che stupravano una donna locale (proprio come accadde in sicilia con le invasioni normanne).
Adesso i pronipoti tornerano alla casa dei loro avi.

Ultimo aggiornamento 1 mese fa effettuato da cedric
uparishutrachoal
Utente CDC
Risposta al commento di  cedric
24 Agosto 2021 16:54

I pashtun sono indoeuropei ben prima di Alessandro e mi sa che abbiano conservato i valori arcaici, a differenza di noi, ricoprendoli con l’Islam.
Sono gli ultimi rappresentanti di un’etnia che sta scomparendo, per questo suscitano ricordi di orgoglio ancestrale con la loro resistenza eroica.

cedric
Utente CDC
Risposta al commento di  uparishutrachoal
25 Agosto 2021 20:50

Giustissimo.
Fu proprio per questo che la Forschungsgemeinschaft Deutsches Ahnenerbe di Himmler, Wirth e Darrè ando’ a cercare le radici ariane in Tibet ed Afghanistan. Tornarono a casa a mani vuote perchè cercavano le cose sbagliate, ma la realtà era sotto i loro occhi, bastava saper guardare.

In effetti ci servirebbe un po’ di Pashtunwali per ridare dignità all’italica gente…

mimmo002
Utente CDC
Risposta al commento di  cedric
25 Agosto 2021 21:41

il Pashtunwali faceva parte della cultura meridionale fino a due o tre generazioni fa. (uno dei motivi delle faide familiari)

cedric
Utente CDC
Risposta al commento di  mimmo002
26 Agosto 2021 17:13

E’ fin troppo facile citare il solito nyaw aw badal (la vendetta) e dimenticarsi delle altre 10 regole: ospitalità senza distinzione di etnia, diritto di asilo per chiunque, coraggio, giustizia, fede, orgoglio, protezione delle donne, difesa dei deboli e difesa della nazione. Sembra quasi una omelia del sor Bergoglio…
Ormai come cultura oscurantista (e’ un ossimoro!) quelli che abitano le remote valli piemontesi, lombarde e trivenete nonchè le acquitrinose pianure del nord italia hanno superato parecchio i vecchi meridionali di una volta….

Ultimo aggiornamento 29 giorni fa effettuato da cedric
Divoll
Utente CDC
24 Agosto 2021 16:42

Cocci di un ex impero. Non potra’ fare altro che spezzettarsi ulteriormente

filcon
Utente CDC
25 Agosto 2021 0:47

SVEGLIAAAAA!!!!! Con mossa magistrale l’Impero ha buttato il cadavere puzzolente dell’Afghanistan nel salotto buono di Russia, Cina ed Iran, che saranno costretti a dissanguarsi per decenni per stabilizzarlo ed impedire che gli ‘Stan uno dopo l’altro cadano in preda al disordine causato dalla certa guerra civile afghana (ad arte già avviata con Massoud e ‘contractors’ strategicamente piazzati). Nel frattempo la (vice) Presidente Harris è in tour in Asia a preparare le alleanze e distribuire i compiti ed i futuri premi che verranno dalla prossima ‘sistemazione’ della Cina (breve guerra e poi occupazione distruttiva a cui seguirà lo smembramento, Tibet di nuovo libero, Uighuri con il loro stato circa fantoccio, disarmo e deindustrializzazione). La Russia ormai conta poco, le prossime elezioni saranno disconosciute come illegittime dall’Occidente ed avremo un governo in esilio (per poco tempo). Navalnij presidente… Perché credete che abbiano lasciato completare il NordStream2? Fra un paio d’anni GAZPROM sarà una controllata (venduta a prezzo di saldo dal nuovo e democratico governo russo) di qualche compagnia petrolifera USA. Gli USA fanno grandissima strategia dal 1781: la loro espansione ha mai subito battute d’arresto!!! 13 colonie, poi Louisiana da Napoleone, guerra al Messico e prendono il sudovest, comperano l’Alaska dai Mugiki,… Leggi tutto »

Cloretta
Utente CDC
Risposta al commento di  filcon
25 Agosto 2021 11:33

A me il “cadavere puzzolente dell’Afghanistan” sembra fin troppo vitale, a giudicare dagli eventi, semmai è l’Impero che puzza di putrefazione lontano cento anni luce. Russia, Cina e Iran sembrano piuttosto entusiaste, nonché ansiose, di intrattenere relazioni con i talebani, non fosse altro che per la ricchezza mineraria del paese e per la sua importantissima posizione strategica (per tacer dell’oppio, per il quale spero che i Russi, e soprattutto i Cinesi, vista l’esperienza storica, nutrano la maggiore avversione possibile). Massoud Jr. al momento è un insetto piuttosto insignificante per le armate talebane e penso che il giochetto del divide et impera della CIA sia ormai obsoleto per qualunque gruppo militare. La Harris al momento risulta bloccata a Singapore per motivi imprecisati, per cui l’impressione piuttosto netta è che siano altri a controllare il gioco. Sulla scarsa rilevanza della Russia e di Gazprom non mi pronuncio nemmeno, penso che siano i fatti a parlare. “Navalnij presidente” però me lo segno, perché merita. E’ vero, gli USA hanno seguito una strategia espansionistica di successo per ben due secoli e mezzo. Anche Francia e Inghilterra lo avevano fatto, ai loro tempi, e poi sono crollate, come prima o poi accade a tutti gli… Leggi tutto »

Ultimo aggiornamento 30 giorni fa effettuato da Cloretta
Cloretta
Utente CDC
Risposta al commento di  Cloretta
25 Agosto 2021 11:50

Divertente anche l’idea di una “breve guerra” e poi “occupazione” della Cina da parte degli USA. Ci sono voluti 20 anni di stragi, massacri e sperpero di risorse per tentare di sottomettere un paese del terzo mondo come l’Afghanistan, e alla fine l’Impero ha dovuto fuggire a gambe levate e nella massima vergogna. E’ bello immaginare come potrebbe essere la loro “breve guerra” contro un paese di un miliardo e mezzo di abitanti (sei abitanti per ciascun americano), armato fino ai denti e grande quanto un continente. Sarebbe una goduria se fossero così cretini da provarci davvero. Peccato siano solo sogni.

Ultimo aggiornamento 30 giorni fa effettuato da Cloretta
Bertozzi
Utente CDC
Risposta al commento di  Cloretta
25 Agosto 2021 15:14

Una guerrettina con la Cina, così tra il pranzo e la cena.

filcon
Utente CDC
Risposta al commento di  Cloretta
25 Agosto 2021 20:21

Sono stato 6 volte in Russia, sempre da solo ed in moto, da Murmansk ad Astrahan, da Pskov ad Ulan Ude, forse un po’ l’aria del posto l’ho annusata. Segnatelo pure di Navalnij. Lui ed il suo gruppo sono i politici più popolari tra i giovani sotto i trent’anni, con maggioranze potenziali schiaccianti a Mosca e Piter. Se potessero presentarsi alle urne ed i votanti fossero in quel gruppo demografico andrebbero al governo in carrozza. In Russia è in corso una rivoluzione demografica, i giovani sono pochi causa scarsa natalità, è vero, ma sono radicalmente differenti rispetto alla generazione dei Putin e dei Lavrov, vicini ai 70 e che hanno ancora il retaggio sovietico, e si preparano a prenderne il posto. Ai giovani non ‘frega più niente’ della retorica della Guerra Patriottica, considerano la Crimea una seccatura che li taglia fuori da un sacco di cose belle, vorrebbero un governo che costruisca belle case e posti dove svagarsi anziché sprecare denaro e vite in avventure inconcludenti tipo la Siria. Butterebbero la mummia di Lenin in una discarica e tutti i T34 monumentati in giro al primo sfasciacarrozze. La Russia è per loro stantia e chiusa, detestano gli scacchi ed il… Leggi tutto »

Ultimo aggiornamento 30 giorni fa effettuato da filcon
Cloretta
Utente CDC
Risposta al commento di  filcon
25 Agosto 2021 22:11

Non so che cosa pensino i giovani in Russia, ma so che, a meno che non appartengano all’elite, non saranno loro a decidere chi governerà il paese. La democrazia è sempre stata una farsa anche in Occidente, figuriamoci in Russia…

filcon
Utente CDC
Risposta al commento di  Cloretta
26 Agosto 2021 9:16

Mah sai, per certi versi la Russia è più trasparente da quel punto di vista rispetto a noi, in quanto le lobbies sono più controllate e visibili, per cui i centri di potere sono le FF.AA, le Chiesa Ortodossa, i Partiti che non sono telecomandati dalle grandi aziende in quanto non abbiamo là il complesso militare-industriale USA . Le industrie della difesa sono fortemente partecipate dallo Stato ed il ministero della difesa (almeno finchè ci sarà Shoigu) sta piuttosto attento al ‘rapporto qualità/prezzo’. I cosiddetti ‘oligarchi’ sono stati molto ridimensionati nel ventennio putiniano. Un problema vero è che le offerte politiche dei partiti sono molto troppo simili tra loro per suscitare interesse ed affezione da parte della gente, ed anche per dare la possibilità di pensare a strade di evoluzione alternativa per la Nazione. Per fare un esempio gastronomico il partito di Putin è una pasta al pomodoro, i Comunisti una pasta ai frutti di mare e gli Zhirinowskiani una pasta al pesto. Sempre pasta è… E’ anche per quello che Navalnji ha ancora seguito, lo sanno tutti in Russia anche i bambini che è innanzitutto un furbacchione di criminale comune che sarebbe ‘al gabbio’ anche in Svizzera, altro che… Leggi tutto »

Ultimo aggiornamento 29 giorni fa effettuato da filcon
Bertozzi
Utente CDC
Risposta al commento di  filcon
25 Agosto 2021 15:13

Ah beh. È proprio vero che le opinioni sono come il buco del chiulo, ognuno c’ha il suo e gli fa schifo quello degli altri.

Mark.Twain
Utente CDC
Risposta al commento di  filcon
25 Agosto 2021 18:54

La Cina si dissanguerà? Forse non hai sentito cosa è successo alla minoranza uigura, o a quella tibetana…
I talebani lo sanno benissimo e faranno affari con i cinesi.

28
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x