Home / ComeDonChisciotte / CONTROLLO DELLA MENTE ?

CONTROLLO DELLA MENTE ?

GLI SCIENZIATI HANNO SCOPERTO COME USARE LE NANOPARTICELLE PER CONTROLLARE A DISTANZA IL NOSTRO COMPORTAMENTO.

DA END OF THE AMERICAN DREAM

Stiamo entrando in un’epoca in cui gli straordinari progressi fatti in campi quali la nanotecnologia, la neurologia, la psicologia, l’informatica, le telecomunicazioni e l’intelligenza artificiale saranno usati dalle autorità governative per controllare la popolazione? Già adesso molti governi nel mondo usano la minaccia del “terrore” come scusa per sorvegliarci, controllare i nostri movimenti e le nostre comunicazioni elettroniche, e costringerci a sopportare “misure di sicurezza” così estreme che persino George Orwell non sarebbe stato in grado di escogitarle. Dunque, cosa accadrà il giorno in cui qualche individuo impazzito farà esplodere realmente un’arma di distruzione di massa in una grande città? La tentazione di usare queste tecnologie emergenti per controllare la gente diventerà pressoché irresistibile. Oggi “controllo della mente” è una brutta parola per molti, ma dopo la prossima serie di “eventi stile 11 settembre” la popolazione chiederà a gran voce che si faccia qualcosa per garantire la sicurezza. Quando la società fronteggerà una vera e propria catastrofe, negli anni successivi i governi di ogni parte del mondo saranno tentati di fare qualsiasi cosa, controllo mentale incluso, per riportare l’ordine. È per questo che alcuni dei più recenti progressi nel campo della nanotecnologia sono così agghiaccianti.In particolare, ciò che ha scoperto un team di ricercatori dell’Università di Buffalo è veramente allarmante. Ciò che segue è un estratto del loro recente comunicato stampa…


Gruppi di nanoparticelle riscaldate e magnetiche indirizzate sulle membrane cellulari possono controllare a distanza i canali ionici, i neuroni e persino il comportamento animale, secondo una ricerca pubblicata dai fisici dell’Università di Buffalo su Nature Nanotechnology.

Usare le nanoparticelle per controllare a distanza il comportamento animale?

Non serve un dottorato per capire le implicazioni di una tale tecnologia.

Cosa succederebbe se i “nanorobot” che hanno la capacità di controllare le menti umane fossero programmati per individuare e attaccare aree importanti del cervello umano?

Tali “nanorobots” sarebbero così piccoli da non poter essere visti dall’occhio umano e la gente potrebbe venire “infettata” da queste creature senza saperlo.

Orde di questi nanorobot potrebbero essere rilasciate nell’atmosfera o in aree pubbliche e infettare migliaia (o persino milioni) di persone senza che qualcuno se ne accorga.

Se i governi riuscissero a trovare un modo per usare i nanorobot per controllare a distanza le menti della popolazione, potrebbe essere attuato un programma di controllo mentale di massa senza che la gente se ne accorga.

Sì, è proprio così temibile questa tecnologia.

Ma c’é anche di peggio.

Vedete, la nanotecnologia è qualcosa di molto più pericoloso di quanto possiamo immaginare.

Per esempio, se qualcosa va storto e sviluppiamo dei nanorobots auto-assemblanti a crescita velocissima di cui perdiamo il controllo, teoricamente essi potrebbero divorare la vita intera sulla Terra in un battibaleno.

Pensate alla scena finale del recente film di Keanu Reeves intitolato “Ultimatum alla terra” e moltiplicatela per un milione.

Ma anche se non si verificherà uno scenario simile, il potenziale del controllo mentale della nanotecnologia è già abbastanza sgradevole.

Non che altre tecnologie di controllo mentale non siano ugualmente pericolose.

La verità è che si stanno sviluppando tecnologie di controllo mentale di ogni tipo.

I creatori di videogames sono impegnati nello sviluppo di giochi che non siano controllati con joystick o gamepad, bensì con le onde cerebrali. Una tecnologia del genere potrebbe, un giorno, essere usata in senso inverso?

Sicuramente molte persone ormai avranno sentito parlare del MK-ULTRA e di altri programmi di controllo mentale un tempo sviluppati dalla CIA e da altre agenzie governative.

Il governo USA insiste nel sostenere che quei programmi sono stati abbandonati.

Ma dicono la verità?

E cosa stanno sviluppando in segreto altri governi nel mondo?

Ci sono anche altre tecnologie di controllo mentale ugualmente pericolose.

Infatti, molti sostengono che le onde elettromagnetiche, potenzialmente, potrebbero essere usate per controllare i pensieri e influenzare il comportamento. Pensate a cosa potrebbe fare un solo terrorista con una tecnologia del genere.

Ma uno dei progressi più inquietanti è la fusione sempre più crescente di uomo e macchina.

La gente cerca un modo per rimanere più “connessa” a Internet e per molto tempo, e ora qualcuno ha proposto di trovare un modo per connettere direttamente il cervello a Internet. Un recente articolo del sito di Science Channel la mette così…

E se fosse possibile connettere il cervello a Internet, con o senza fili, scaricare informazioni digitali ad alta velocità, e tramutarle automaticamente in formule chimiche che possano essere salvate dalle cellule cerebrali come memoria?

Lo stesso articolo spiega i vantaggi di una tale connessione…

Se potessimo assorbire dati direttamente nella materia grigia a, poniamo, 50 Mb/s – la velocità massima offerta da uno dei principali provider Internet statunitensi – saremmo capaci di leggere un libro di 500 pagine in soli due decimi di secondo.

E i pericoli?

Se Internet finisse per controllarci?

Se un virus veramente aggressivo fosse scaricato nel cervello?

Credete che possa succedere?

Bene, il ricercatore britannico Mark Gasson ha infettato un chip RFID con un virus di computer e ha scoperto che il chip impiantato nella propria mano, una volta infettato dal virus, poteva contaminare i sistemi esterni.

Immaginate se succedesse su larga scala.

E, un giorno, potrebbe.

Soprattutto ora che ci avviciniamo all’epoca che i futurologi chiamano “La Singolarità”.

È difficile definire La Singolarità, ma, in poche parole, molti futurologi credono che la fusione di uomo e tecnologia stia avvenendo a una velocità talmente alta che ad un certo punto i nuovi “trans-umani” diventeranno quasi incomprensibili agli esseri umani. L’idea di base è che fondendo uomo e macchina, i trans-umani diventeranno più intelligenti, più forti, più sani e più potenti di quanto avremmo mai potuto sognare.

Dunque, l’uomo e i computer potranno fondersi completamente un giorno?

Speriamo di no.

Ma persino ora, un numero crescente di persone sviluppa dei modi per marchiare gli umani con microchip RFID.

Infatti, una società chiamata Somark ha sviluppato un inchiostro RFID senza chip all’avanguardia. I loro “tatuaggi RFID” sono applicati usando una matrice geometrica di micro-aghi e un applicatore riutilizzabile con una capsula di inchiostro monouso.

Quanto è facile applicare uno di questi tatuaggi RFID?

Servono da 5 a 10 secondi per tatuare un animale o un umano. Una volta che il tatuaggio è stato applicato, un lettore RFID può leggerlo anche da quattro piedi [ndt. poco più di un metro] di distanza.

Ma chi ha bisogno di un tatuaggio? La IBM ha annunciato che hanno sviluppato un “lettore di codici a barre” che può leggere il DNA.

Molto inquietante.

La verità è che la maggior parte delle persone non vuole farsi leggere il DNA né farsi impiantare dei chip RDIF.

Ma i chip RFID vengono impiantati nelle persone come mai prima.

La realtà è che l’inserimento di microchip negli umani è diventato quasi comune negli Stati Uniti. Per esempio, migliaia di anziani statunitensi che soffrono di Alzheimer, dato che potrebbero allontanarsi da casa e perdersi, hanno impianti RFID. Inoltre, i chip RFID vengono impiantati in molte persone con malattie croniche, cosicché i dottori possono accedere alle loro informazioni mediche velocemente, in caso di emergenza.

La verità è che ci sono persone che si farebbero volentieri mettere un chip. Un editorialista di nome Don Tennant ha recentemente pubblicato un articolo intitolato “Mettimi un chip – per favore!” nel quale ha espresso la sua esaltazione riguardo al fatto che la nuova legge sanitaria di Barack Obama potrebbe includere la copertura per gli impianti di chip RFID che contengono informazioni identificative sul paziente e sulla sua salute. Infatti, Tennant fa questa sbalorditiva ammissione nel suo articolo…

Quello che posso dire è che sarei il primo a mettermi in coda per un impianto.

Quindi questo è il nostro futuro?

Ognuno avrà molti microchip e impianti?

Ci sarà un giorno in cui i microchip e gli impianti diventeranno obbligatori?

Dopo tutto, qual è il modo migliore per identificare veramente qualcuno? Le carte d’identità e i documenti possono essere contraffatti o persi. Ma se inserisci un microchip in una persona, come potrà perderlo?

Comunque, sappiamo tutti che il potenziale di abuso di tutte le tecnologie menzionate in questo articolo è veramente molto grande. Se un giorno un regime tirannico venisse in possesso di questo tipo di tecnologie ultra-potenti il risultato potrebbe essere veramente terrificante.

Titolo originale: “Mind Control? Scientists Have Discovered How To Use Nanoparticles To Remotely Control Behavior!”

Fonte: http://endoftheamericandream.com
Link
09.07.2010

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di GIADA GHIRINGHELLI

Pubblicato da Das schloss

  • brunotto588

    Ecco …. non ho letto qui, ma avevo già letto qualcosa di simile in altra parte ……. CHE SIA VERO O MENO, FREGATEVENE ……!!!!! …. Riprendendo quanto detto sotto: “QUESTI” articoli hanno comunque lo scopo di farvi sentire impotenti e di farvi percepire LORO come INVINCIBILI ( mentre sappiamo che hanno una fottuta paura di noi !!! ) …. Quindi vi prego: FREGATEVENE ALTAMENTE di articoli come questo …. per un duplice motivo: 1) se è vero non potete farci niente, ma il problema si porrà a suo tempo ….. 2) se è falso ha il solo scopo di indurvi nella paralisi emozionale ….. Andate per la vostra strada, e FREGATEVENE !!!!! E non state a dibatterlo, e a cercare prove e fonti, ecc …. FREGATEVENE !!!!!

  • GRATIS

    Se qualcuno ha visto il film BUG di W. Friedkin, ( il regista dell’Esorcista )
    ricorderà qualcosa del genere.

  • anonimomatremendo

    Esattissimamente!

  • brunotto588

    Ciao anonimo …!!!!… Sono contento che una volta tanto siamo d’ accordo …. ECCO: QUESTO E’ IMPORTANTISSIMO: fare spalucce su quello in cui non si è proprio all’ unisono, e VALORIZZARE E AMPLIFICARE quello che unisce …. CERCARE LA COLLABORAZIONE E NON LA DIVISIONE …. ed essere forti del nostro numero e della nostra accresciuta consapevolezza …….. Poi ci sono articoli e articoli …. sta a noi trarne il vantaggio: da questo, per esempio, possiamo trarre l’ indicazione che, comunque sia, il tempo per opporsi non sarà infinito ….. quindi inutile sprecarlo in battibecchi sterili ed idioti. Ciao e bentrovato …!!!

  • telethont

    Mi trovo pienamente d’accordo con te, brunotto, (e anche in altre occasioni…) circa il FREGARSENE di articoli come questo… Volendo si può persino discutere sulla verosimiglianza di alcuni contenuti, ma probabilmente non ne vale la pena… E’ chiaramente destinato a un pubblico di Americans ed è pregno di americanismo… Sono andato a curiosare sul sito che l’ha pubblicato, The American Dream… sottotitolo/mission lodevole: Waking People Up And Getting Them To Realize That The American Dream Is Quickly Becoming The American Nightmare… che tradurrei (forse non esattamente) con “Svegliando le persone e facendo loro capire che il sogno americano sta rapidamente diventando l’ incubo americano”… Prima o poi se ne accorgerà anche una buona fetta di loro (the Americans)…
    …nelle colonie, o nei paesi con determinate risorse naturali, invece se ne sono già accorti da un pezzo…
    telethont

  • brunotto588

    Buongiorno, mi sono appena alzato con in testa questa cosa che sto per dire: …….. Da quanto tempo esiste “Come don Chisciotte” ?? Da anni …. Per anni ho aggiornato un mio blog ( Il Linguaggio Dimenticato ) ( sì, è su piattaforna Espresso, ma non formalizzatevi: mi sono introdotto in casa di quello che costituiva il nostro peggior “nemico mascherato da sinistra” …. ) il cui fil rouge era l’ analisi “psicodinamica” dell’ immagine, del linguaggio preverbale, e di come i media usino questo materiale umano come “troyan” per inserire nelle nostre menti il loro messaggio spersonalizzante, atomizzante, collettivamente devastante …… e lo fanno benissimo !!! ….. Per anni, ho cercato di fornire un “cerotto” a tutto questo, INDIVIDUANDONE E SPIEGANDONE I MECCANISMI NON PER PURO GUSTO INVESTIGATIVO – SCIENTIFICO, MA PER OFFRIRE UN’ OPPORTUNITA’ DI DIFESA ……. Ossia: se so come funziona “La Pubblicità” so come funziona il linguaggio subliminale; se so analizzare le dinamiche del sogno ( inteso come “film onirico” che parla a noi stessi in modo ultra-verbale e usando la sola immagine ) so molto di più del funzionamento segreto della nostra mente, e posso usarlo a mio vantaggio ……….. OGGI MI CHIEDO: E’ STATO TUTTO INUTILE ???? ……. per me no, anzi !!!! …… Ma solo perchè ho imparato una cosa: LA CONOSCENZA DA SOLA RIMANE STERILE, finchè non viene portata ad un superiore livello di consapevolezza: ossia finchè non la “capisco con la pancia, con la pelle, con una spiritualità profonda”, chiamatela come volete ……… Ossia, nel caso specifico, finchè non “consapevolizzo e percepisco” esattamente quei meccanismi e posso “rallentarli e congelarli” come un fotogramma …… ed avere ben chiaro il loro funzionamento “sull’ anima” ……. perchè è lì che si innestano, E NON NELLA MENTE COSCIENTE !!!!!!!! ………… Ora, allargando il discorso ……. Da quanti anni esiste Internet, da quanti anni esistono i blog di controinformazione, da quanti anni esiste questo stesso sito ………….. IL LAVORO DA ESSI SVOLTO E’ STATO TUTTO INUTILE ??????? …………… A PRIMA VISTA SI’, A GIUDICARE DAI RISULTATI ………. atomizzazione sociale e robotizzazione di pur sapientissimi individui ……. CHE NON COMUNICANO PIU’; MA NON FANNO CHE ATTACCARSI SU TUTTO, POLEMIZZARE ALL’ INFINITO, ANDARE ALL’ INFINITA ED ESASPERANTE RICERCA DELL’ ENNESIMA “NOTIZIA” …….. A scuola ( ricordate ? ) si parlava di imparare ( ed insegnare ) in modo “nozionistico” o “mayeutico”, intendendo con questo termine il metodo socratico del “far nascere” ………. ECCO: E’ NEL MODO DI UTILIZZO IL LIMITE DEI MEZZI SOPRACITATI …….. di Internet, di questo sito ……. IL LIMITE E’ ESATTAMENTE IL MODO IN CUI SAPREMO USARLI ………. ed è proprio in questo senso che siamo ancora a dover capire come funziona la ruota ….!!!!!!! …… Ossia: A CAPIRE CHE “L’ INFORMAZIONE” E’ FUNZIONALE SOLO SE METABOLIZZATA, E NON MERAMENTE “CONSUMATA” ……. Già “consumata” ….. come vedete, i media hanno lavorato benissimo sul nostro inconscio …….. trasformandoci in voraci consumatori di tutto, divoratori di novità che non cambiano di una virgola le nostre posizioni “emotive, affettive, spirituali”, ossia di “comprensione profonda” ……………………………………….. ECCO: la chiave di volta della questione sta, secondo me, in un diverso approccio, ossia: “come posso UTILIZZARE la conoscenza che questo blog, sito, ecc mi sta fornendo” ??????? ….. E questa è anche la risposta indiretta ai tanti che si chiedono “Che fare ?” …….. ( Continua )

  • oldhunter

    Beh, una buona notizia: da noi lo spreco di risorse pubbliche necessario ad impiantare dei microchip in ogni italiano ce lo possiamo risparmiare.
    Bastano (ed avanzano) le TV possedute o controllate dal cavaliere…

  • brunotto588

    “TUTTE” le Tv attuali, tutti, indistintamente, i media attuali ….. Non farti bidonare dal gioco del Milan contro Inter, o del “dibattito conflittualizzato” alla tronisti, opinionisti, pseudopolitici, ecc …..

  • backtime

    Non daccordo, di più!

  • brunotto588

    Ciao backtime, e grazie di cuore: le conferme, perlomeno di un riscontrato interesse, sono assolutamente vitali e danno forza, così come gli attacchi non giustificati uccidono …. TENIAMOLO PRESENTE, cercando di costruire un “SITO” ( ossia un “luogo”, circolo, bar o piazza ) che sia una vera e propria “comunità di persone e di discussione”, e non un semplice distributore di Coca-Cola ….. Ecco: anche questo è uno dei principi fondamentali per UMANIZZARE L’ INFORMAZIONE, E RENDERLA “FATTIVA E PARTECIPATIVA” …… Il mezzo può essere infernale o paradisiaco: sta a noi saperlo usare, sta a noi non aggrapparci a false contrapposizioni statiche ed utopiche, ma sapere che “bene e male” saranno sempre mescolati in un modello dinamico e “reale” …… e che vanno armonizzati. Del resto, non ci rimangono altre opportunità altrettanto potenti: SPRECARE QUESTA OPPURTUNITA’, quello sì, sarebbe veramente diabolico. Ciao, scusa se non sono stato chiarissimo, ne parleremo ancora.

  • brunotto588
  • oldhunter

    Sono assolutamente d’accordo… ma nella mia battuta non potevo inserire i media della sinistra (o di chiunque altro) semplicemente perchè non ne controllano nessuno di rilevante a livello nazionale.
    Daltronde, per quanto riguarda noi, la massa o popolo, che differenza fa se i media sono controllati da De Benedetti, Berlusconi o Rupert Murdoch? C’è rimasta solo una certa borghesia più o meno radical chic che si vuole mascherare da ilntellettuale a credere che sia fine e alternativo leggere La Repubblica o L’Espresso…

  • brunotto588

    Riguardo al tema di “consapevolizzare l’ informazione verso finalità superiori”, proseguo con argomentazioni e proposte che potrebbero essere interessanti al forum: https://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=Forums&file=viewtopic&p=59857#59857

  • brunotto588
  • brunotto588

    Diciamo che ho in mente una specie di esperimento: LA SPERIMENTAZIONE / REALIZZAZIONE di un “BUONGOVERNO VIRTUALE” ( poi gli troveremo un nome meno schifoso ) AVVALENDOMI DEI FREQUENTATORI DI QUESTO SITO …..

    Ossia: Non cambieremo mai niente all’ esterno se non sappiamo cambiarlo in un ambito come questo: piccolo, ma dove valgono le stesse dinamiche di una piccola comunità che si deve governare ….

    E FARNE UNO SPAZIO DI STUDIO ribaltando l’ importanza “ufficiale” delle notizie ( che propongo di utilizzare solo come “spunto”, e non come “consumo coatto” ) e dando molta più importanza “di crescita partecipativa” nei commenti …..

    E’ QUANTO PERSONALMENTE STO GIA’ FACENDO, cercando di portare il “sito” ad essere un “LUOGO” ( ossia un circolo, bar o piazza ) che sia una vera e propria “comunità di persone e di discussione”, e non un semplice distributore di Coca-Cola …..

    Ecco: anche questo è uno dei principi fondamentali per UMANIZZARE L’ INFORMAZIONE, E RENDERLA “FATTIVA E PARTECIPATIVA” …… Il mezzo può essere infernale o paradisiaco: sta a noi saperlo usare, sta a noi non aggrapparci a false contrapposizioni statiche ed utopiche, ma sapere che “bene e male” saranno sempre mescolati in un modello dinamico e “reale” …… e che vanno armonizzati.

    …………. Inoltre, ciò costituirà un ottimo esercizio per affrancarci dal “consumo mediatico”, dalla fruizione dell’ informazione così come ci è stata inculcata: UN ESPERIMENTO REALE, CHE DOVREBBE PORTARE DAPPRIMA AD UNA MAGGIOR INTERIORIZZAZIONE E POI ALLA NASCITA DI UN VERO E PROPRIO “ORGANISMO” COLLETTIVO, UNITO ANCHE SE ESPRIMERA’ CONTRAPPOSIZIONI, VARIEGATO MA CON UNITA’ D’ INTENTI …. insomma, uno “Stato” in piccolo …

    Insomma: si tratta di creare “in vitro” quello che “dovremmo” saper fare “fuori di qui” …!!! E sarebbe la risposta perfetta alla domanda “Che facciamo ????” …. o ci riusciamo qui, o non ci riusciremo mai, in nessun modello sociale esterno ……..

    Del resto, non ci rimangono altre opportunità altrettanto potenti: SPRECARE QUESTA OPPURTUNITA’, quello sì, sarebbe veramente diabolico.
    Ciao, scusate se non sono stato chiarissimo, ne parleremo ancora.

  • Zret

    Tutte le verità taciute diventano velenose. (F. Nietzsche)

  • alinaf

    A me sembra che la verità sia , come dice Brunotto, che abbiano effettivamente paura di noi . Lo scenario paventato dall’articolo in questione non è inoltre nuovo, è da tempo che circolano simili ipotesi.
    Non hanno ancora capito che di consapevole ne basta solo uno ? 🙂
    E ormai ce ne sono tanti !
    Non vinceranno mai.
    Ciao ciao.

  • brunotto588

    CERTO, anche questo assioma è indiscutibile …. si tratta quindi di “mediarlo” con quanto da me sostenuto, non di “negarlo” ….. Ecco un primo bellissimo compito per l’ esperimento da me sopra proposto !!!! ( “Democrazia in un bicchiere” è un titolo più bello: vedi al Forum: Portare la consapevolezza a un livello superiore: https://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=Forums&file=viewtopic&t=27686 ) …………. Qualcuno vuole provare a “svolgere il compito ???

  • brunotto588

    Fai un salto al forum: “Portare la consapevolezza a un livello superiore” ( https://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=Forums&file=viewtopic&t=27686 ) ……. potrebbero uscirne idee nuove ed interessanti ! ciao !

  • dana74

    lo scopo di questo articolo non è affatto di intimidire ma di informare per schivare le loro mosse.
    Piuttosto illudere che siano tutte balle può indurre a “fregarsene”, prendere sotto gamba questi avvertimenti e toglierci ogni possibilità di difesa.

    Se dicessi che l’Rfid non esista e non è vero che vogliono impiantarcelo, non mi porrei domande a riguardo e mi sottoporrei ad ogni cosa il governo mi obbligasse a fare.
    Grazie a chi ha informato a riguardo sò cosa fare per non farmelo impiantare, a meno che non li mettano in vaccini o chissà cos’altro.
    La nanotecnologia è pericolosissima.

  • brunotto588

    CIAO DANA, sono contento che ci troviamo con argomentazioni differenti ( non opposte, ma differenti dal punto di vista dell’ approccio ) senza per questo scannarci !!!! Questo è proprio il quid di quanto sto cercando di esporre al forum: “Portare la consapevolezza a livello superiore” ( https://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=Forums&file=viewtopic&t=27686 ), e attraverso l’ esperimento che voglio chiamare “DEMOCRAZIA IN UN BICCHIERE”, descritto al seguito …. CI FAI UN SALTO ??? Ciao !

  • brunotto588

    ANCHE QUESTO e’ VERISSIMO !!!!! Dunque si tratta di “mediare” tra due diversi “approcci alla notizia” ( il mio “fregatevene” non vuol dire “è falso”, ma suggerisce di seguire una tattica forse più utile nell’ immediato rispetto a “questa” informazione … ) …… MEDIARE: è nel confronto aperto e corretto che si può crescere ….. ( e tutto quell’ interrogarsi sul “fare” trova qui la prima e più importante risposta ).

  • Zret

    Conoscere è sempre meglio di ignorare. Sì!!! Evitiamo SEMPRE le tre i: ignoranza, indifferenza, ipocrisia. Certo, se ricorrono alla tecnologia, significa che sono disperati, perché la tecnologia non può aggredire l’anima. E’ bene comunque sapere, perché chi sa eviterà le sirene della nanotecnologia (assai pericolosa) e le contrasterà in ogni modo.

    Freccia prevista vien più lenta, scriveva Dante. E’ chiaro che non bisogna disperare, ma nemmeno sottovalutare. In medio stat virtus.

  • Zret
  • brunotto588

    PERFETTO: conoscere per TROVARE e STABILIRE DELLE STRATEGIE D’ EVITAMENTO ( il che è moooolto diverso dal “farsi psicologicamente condizionare” verso qualsiasi senso di “paralizzante inferiorità” ) ….. mi trova perfettamente d’ accordo. Ciao !

  • Zret

    Ciao Brunotto, sottoscrivo. Portare la conoscenza verso la consapevolezza e l’informazione verso l’azione, sia interiore sia esteriore.

    Ciao

  • anonimomatremendo

    Il vero salto di qualitá avverrá quando alle balle maintsream si smetterá di contrapporre balle ancora piú grosse.Un esempio:alla balla galattica del “noi non centriamo niente”riguardo ai fatti dell` undici settembre si contrappone la balla megagalattica del “avete fatto tutto voi” e giú coi missili e demolizioni controllate sistematicamente sbufalati e ridicolizzati da mezzo mondo.Un altro esempio potrebbe essere quello dei fatti in medioriente:alla balla galattica dell`”esportazione di democrazia” si contrappone la megapanzana dell”antiimperialismo mussulmano”.Cosí non fate altro che alimentare contrapposizioni ideologiche da “guerra fredda”,e sappiamo tutti dove portano.Per quando riguarda il “che fare” é meglio non farsi illusioni. Basta e avanza NON FARE MINCHIATE .

  • alinaf

    Siccome sono una nana-tecnologica non sono riuscita a commentare nel forum 🙁
    Comunque : il processo di consapevolizzazione è inevitabile, costoso, lento ma inesorabile. Scaturisce da quella qualità per la quale vale la pena vivere la vita. Quando la quantità di persone consapevoli avrà raggiunto la massa critica non ci sarà più niente da fare ! Il nostro nemico è come noi, i meccanismi sono gli stessi ma noi non siamo macchine , siamo molto ma molto di più e siamo insondabili. Anche noi stessi non ci conosciamo, figuriamo se qualcuno dall’esterno può conoscerci e sapere perfettamente tutto di noi !
    Uno solo basta, uno solo.
    Ciao ciao

  • andyconti

    non ho capito bene che cosa intendi dire, comunque non e’ cosi’ difficile distanziarsi dalle balle contrapposte e verificare i fatti: l’11 settembre e’ stato analizzato obiettivamente da molti studiosi e quindi, balle o non balle, si sa cosa e’ successo.

  • Earth

    Concordo e hai spiegato benissimo.

  • oldhunter

    “Anche noi stessi non ci conosciamo, figuriamo se qualcuno dall’esterno può conoscerci e sapere perfettamente tutto di noi”. Non restarci male, ma a mio avviso, nessuno vuole davvero conoscerci. Probabilmente, neppure coloro che dicono di amarci. Per le élite, poi, sarebbe una insulsa perdita di tempo. Infine è certo che, come singoli individui, siamo insignificanti e non riscuotiamo alcun interesse. Se non quello delle nostre eventuali capacità e proprietà (lavorative, intellettuali, di danaro e beni, ecc.) di cui appropriarsi al minor costo possibile. A chi ci vuole dominare basta solo che tutti noi, singolarmente, si ubbidisca agli ordini (compra, uccidi, vota, ecc.). E questo lo possono ottenere perché ormai conoscono bene i meccanismi che ci fanno rispondere a certi ordini che, generalmente, sono nascosti, subliminali.
    Per capire quanto affermo si legga ‘Propaganda’ di Bernays e ‘Trust Us We’re Experts’, di Stauber e Rampton o anche il breve articolo divulgativo qui http://www.disinformazione.it/propaganda.htm

  • oldhunter

    Ho dimenticato di dirlo. Quanto ho detto comporta che gli unici interessati a conoscerci realmente siamo proprio noi stessi. Da qui però può partire tutto: una consapevolezza umana di base per prima cosa, per finire nella consapevolezza superiore dello spirito ove l’ego sparisce e si annulla in quanto parte di un tutto onnicomprensivo che, se vuoi, potresti chiamare amore o dio (d-io).

  • Earth

    Secondo me le cose non sono opposte, ma complementari. Io ora me ne frego, ma non significa che ho cancellato dalla memoria questo articolo. Inoltre se utilizzassero la nanotecnologia, ci sarebbero veramente pochi centri al mondo in grado di scovarli, figurati poi quelli liberi di parlare. Se un giorno uscira’ fuori qualche ricercatore con le prove di un attacco tecnologico ci credero’ e colleghero’ le informazioni.

  • anonimomatremendo

    l’attentato é stato pianificato dai “terroristi” e gli americani sapevano e hanno lasciato fare e qualcuno ha dato anche qualche “suggerimento”,quindi in un certo senso é stato si un “autoattentato”,ma non come descritto dai “complottisti” con le loro sparate missilistiche e supertermiti trancianti.Insomma la vicenda é piu simile a quella di Pearl Harbor piuttosto che a quella dell’incendio del Reichsteig.Ciao.

    PS:questi ti sembrano i resti di un missile?

    http://11-settembre.blogspot.com/2008/04/rottami-nel-e-drive-del-pentagono-11.html

    http://www.aerospaceweb.org/question/conspiracy/q0290.shtml

  • alinaf

    Sì, ma c’è sempre qualcuno che agli ordini non ubbidisce ,che non risponde ; c’è un qualcosa di più nell’uomo, al di là del condizionamento che è senza dubbio una gabbia feroce. C’è un sentire che non è dettato dalla mente , al quale non interessa il denaro o tutto ciò che fa da specchietto per le allodole ; un potere enorme , un’illuminazione che è in grado di porsi al di fuori dei pensieri e di osservarli facendo loro lo sberleffo.” Pensano ” di sapere come veramente è fatto l’uomo ma non lo sanno , nessuno lo sa . Ciao

  • oldhunter

    Certo che c’è quel qualcuno! E menomale! Di certo non è la moltitudine, l’uomo comune indottrinato dal sistema, affascinato dai milioni di rutilanti bugie e inutili cose e falsi scopi ed interessi di cui siamo circondati. Quel qualcuno è il Maestro che, se non si ha la fortuna straordinaria di incontrare realmente e di persona, è là, altrettanto vero, nascosto dentro di noi nel più profondo del cuore.
    Un saluto

  • alinaf

    🙂

  • brunotto588

    Sì, attenzione comunque a non cadere nell’ estremo opposto, ossia nella semplificazione che “tutto si risolverà per il meglio” …..!! ….. Non è detto che sia così ( sicuramente non nel breve termine ), non è detto che sia facile, non è detto che sia automatico …….. Quello che io propongo è UN METODO, applicabile innanzitutto a se stessi e poi ai sistemi …. e certamente nulla potrà mai cambiare finchè la massa, la gente non comincerà ad essere maggiormente cosciente della propria forza ……. Poi, le componenti ( geopolitiche, energetiche, strategiche, ecc ) che agiscono a livello globale sono complesse, e quasi certamente andremo incontro a stravolgimenti dell’ attuale stato …… Ciò non cambia la sostanza, ossia che il “popolo” viene sempre tenuto nell’ ignoranza decisionale e abbindolato con la propaganda ed altri artifici …… ECCO: CONTRO QUESTO POSSIAMO EFFETTIVAMENTE FARE QUALCOSA, ed una popolazione meno instupidita potrà certamente porsi con un diverso peso sulla bilancia delle forze in gioco. Ciao !

  • alinaf

    Non semplifico, non semplifico Brunotto !
    Le battaglie sono tante e non tutte si vinceranno ma vedrai tra poco come a tutti si acuiranno i sensi ! 🙂

  • telethont

    Pianificato dai “terroristi”? Quali “terroristi” (viste viste le tue virgolette)? Quelli a sei punte o quelli a mezza luna? ☺!!
    Premetto che sono più che d’accordo sul fatto che le contrapposizioni ideologiche in stile guerra fredda non portino lontano e anche sul “che fare” (“…meglio non farsi illusioni, poiché basta e avanza NON FARE minchiate…”) …☺.
    Per il resto non condivido le tue “certezze” (la fonte Pentagono è diventata sempre attendibile?)…
    Non mi appagano le versioni ufficiali, le “spiegazioni” “ad sbufalandum” di un Paoletto o di un Enrichetto, e anche alcune fra le “teorizzazioni cosiddette complottiste”, …in sostanza continuo ad avere un sacco di dubbi su come possano essere andate effettivamente le cose…
    Tuttavia conservo la netta (nettissima) impressione che “settori alti” dell’apparato militare e di governo USA abbiano avuto un ruolo attivo (cioè ben OLTRE la semplice copertura) nei tragici eventi di 11/9. Magari mi sto sbagliando, è possibile…
    Quanto alle “balle e controballe” siamo purtroppo TUTTI sotto costante e assiduo bombardamento mediatico di “PROPAGANDE” (ad altri popoli va molto peggio, sperimentano anche altre tipologie di bombardamenti). Possiamo difenderci solo ragionando in toto con la ns. testa e la ns. piccola esperienza di vita, prendendo “con le pinze” (con estrema cautela) sia qualsiasi verità ufficiale o dominante che qualsiasi opposta interpretazione, diffidando di qualsiasi esperto o presunto tale …e anche così a volte non basta…
    Il controllo della mente (il tentativo di …) si materializza mediante svariate forme di condizionamento… però talvolta rilevo con piacere qualche bella forma di opposizione e resistenza umana… per tutti gli altri ci sono sempre i “rassicuranti” pagliaccioni mainstream o i più subdoli “gatekeepers”…

  • anonimomatremendo

    Vabbé,se per te quelli sono i resti di un missile…no so piú cosa dirti…buona domenica.Per il resto sono l’ ultimo a sapere come tutto ció sia stato pianificato.Ma nemmeno con tutta la mia fantasia posso mettere in dubbio che sul pentagono si sia effettivamente abbattuto quell` aereo dirottato da quei kamikaze.Comunque sia é chiaro che i complottardi di fatto sono schierati in uno dei due fronti della guerra tra civiltá.Da rabbrividire!

  • Tonguessy

    La verità è che si stanno sviluppando tecnologie di controllo mentale di ogni tipo.

    La verità è che in Grecia si sono incazzati neri, e hanno dimostrato che non ci sono nanotecnologie che tengano quando uno è incazzato nero.
    La verità è che in Islanda si sono incazzati neri, e hanno dimostrato che non ci sono nanotecnologie che tengano quando uno è incazzato nero.
    La verità è che in Italia si sono ammosciati tutti, e non si incazzano mai se non quando viene dato un rigore di troppo. Che sia tutta colpa delle nanotecnologie (ovver delle tecnologie usate dallo psiconano)?

  • telethont

    Macché, stiamo a perder tempo… pertanto, cordialmente buona domenica anche a te. Su una cosa però hai ragione: quelli effettivamente non paiono residui di un missile… sembrano di un aereo (…o magari di un drone ?… brutta tastiera complottarda, statte’bona…)
    Ma siamo sicuri che quelle immagini provengono veramente dal Pentagono ? Tu ne sei certo… io NO. Sai com’è… coi tempi che corrono non mi fido neppure della mia ombra… figuriamoci di immagini o filmati di qualsiasi provenienza…
    Di fantasia in effetti ne ho abbastanza, però al tempo stesso i miei piedini n. 46 li tengo ben saldi a terra.
    La guerra fra civiltà mi pare sia stata una creazione di quel “fine” rimbambito di Huntington, poi altri fenomenali personaggi hanno redatto il P.N.A.C., poi altri burattini hanno mosso affinché il disegno si concretizzasse. In pratica ci vogliono (lo hanno già fatto) MANDARE IN GUERRA.
    Non ci casco, grazie. Non sono in guerra con nessuno… ma sono pronto a combattere alla morte CHIUNQUE mi ci voglia mandare.
    E così diventerei un “complottardo de facto”? Pazienza… me ne farò una ragione.
    Brividi reciproci e più Depleted Uranium per tutti.
    Davvero senza animosità.

  • brunotto588

    … Of course !!!! ( ma non solo dallo psiconano: la maggior parte della persuasione occulta la importiamo dall’ America: ha sempre viaggiato assieme al “consumismo”, formando una specie di binario parallelo ……. trasformandoci in “meri consumatori”, in effetti, ci hanno assolutamente lobotomizzato ). Ciao !

  • Morire

    E faccialibro ci ha dato la mazzata finale: ora l’italiota medio si ribella linkando…

  • Marduk1970

    Le testimonianze di rilevatori all’interno del governo americano, tra i militari e nelle corporazioni, hanno stabilito questo: gli UFO sono una realtà, alcuni di essi sono costruiti nell’ambito di segreti progetti del governo, altri provengono da civiltà extraterrestri, e un certo gruppo ha mantenuto il segreto su tutto questo in modo da mantenere il possesso e il controllo sulla tecnologia che sta dietro agli UFO – sino al momento giusto. Tale tecnologia può eliminare la necessità di petrolio, gas, carbone, energia nucleare ionizzante e altri sistemi energetici centralizzati ed estremamente distruttivi, e credo che alla fine lo farà.

    Questa industria da cinque mila miliardi, energia e trasporti, al momento è centralizzata, misurata e redditizia. E’ quella che manda avanti l’intero mondo industrializzato. E’ la madre di tutti gli interessi particolari. Non è una questione di denaro come molti pensano, bensì di potere geo-politico, il vero e proprio potere centralizzato sul quale attualmente si basa il mondo. Quest’ultimo viene mantenuto in uno stato di guerra continua, di povertà senza fine e di devastazione globale dell’ambiente.

    Per quanto sia grande questo gioco, ce n’è uno che é ancora più grande: il controllo mentale attraverso la paura. Come spiegò il Dr. Wernher Von Braun alla Dr.ssa Carol Rosin (suo portavoce nei suoi ultimi quattro anni di vita), una macchina maniacale, il complesso militare-industriale-intelligence-laboratori, passerebbe dalla Guerra Fredda, agli Stati Canaglia, al Terrorismo Globale (lo stadio in cui ci troviamo oggi), sino all’ultimo asso nella manica: una fasulla minaccia dallo spazio.

    Per giustificare infine la spesa di migliaia di miliardi di dollari in armamenti spaziali, il mondo viene continuamente ingannato con una minaccia proveniente dallo spazio esterno, unendo così il pianeta nella paura, nel militarismo e nella guerra.

    I programmi coperti che controllano la segretezza sugli UFO, sugli ARV e relative tecnologie, tra le quali quelle adatte a simulare eventi extraterrestri, rapimenti alieni e cose del genere, stanno pianificando di depredare Disclosure Project e gettarlo nel fuoco della paura, mettendo in scena eventi che alla fine presenteranno gli extraterrestri come un nuovo nemico.

    Non fatevi ingannare!

    Queste fesserie, già proposte da molti libri, video, film, documentari e cose simili e che gironzolano liberamente nelle nostre reti, tenteranno di sovrapporsi ai fatti, le prove e le testimonianze di prima mano degli insider del Disclosure Project, e tramite la loro forza diffondere nel mondo il cosmico inganno che descrive gli ET come una minaccia dallo spazio.

    Non fatevi ingannare!

    Combinate tutto questo con l’attuale atmosfera di paura e manipolazione, e c’è il rischio reale che il nostro giudizio collettivo venga offuscato e i nostri diritti costituzionali vengano sospesi.

    Domandina facile facile: cosa credete che ci sia nelle Chemtrail degli aerei? Metalli in forma gassosa, ridotti a nanoparticelle. Percui é vero che non possiamo farci niente, ma é anche vero che saperlo potrebbe in qualche modo far desistere o addirittura smettere di cospargerci chi conduce questo gioco schifoso, magari presi da rantoli di paura sul conscio collettivo. Chissá, tutte balle?

    Aufwiedersehen.

  • Marduk1970

    È vero, il cuore é la casa dell’anima e non il cervello. Si pensa prima con il cuore e poi si reagisce con il cervello. :)Aufwiedersehen.

  • Marduk1970

    😀

  • Marduk1970

    …e anche quelle che vengono fuorviate.:D

  • oldhunter

    Assolutamente d’accordo! Ricordiamoci poi che la via privilegiata di dominio dell’élite su di noi è la paura. E’ necessario esserne sempre profondamente consci e già questo, di per sè, impedisce quasi sempre di cadere nell’agguato. Questo è il motivo per cui la nostra ira è temuta, là in alto: essa chiude le porte della paura e ci consente di fare quanto non faremmo mai nelle condizioni psicologiche normali. Un saluto

  • HanekCaos

    se ci sono nanomacchine nella cocacola basta non berla. risolto

  • HanekCaos

    se ci sono nanomacchine nella cocacola basta non berla. risolto. c’è troppa gente a cui piace credere a questi articoli dal retrogusto di fantascienza, ma se esistono gli ufo allora perchè non gli gnomi?

  • Marduk1970

    Esistono esistono, guarda il presidente del consiglio. 😀

  • ilnatta

    hai fatto centro! non è forse questo il grande dividi et impera? e va bene ad entrambe le parti…

  • Ricky

    “Perché perdere mesi a spremersi le meningi o pagare milioni di dollari uno sceneggiatore? Ora, grazie a CDC, abbiamo le idee per almeno 3 film di sicuro successo”.
    K. e L. Wachowsky, realizzatori della saga Matrix

    “Questo sito, CDC, é un’indecenza. Mette in pericolo le basi stesse della nostra professione.”
    Jim Barrett, Hollywood Scriptwriters Syndicate

    “CDC é una fonte inesauribile. Fosse esistito 10 anni fa, Duchovny e Anderson sarebbero ancora alle prese con l’Uomo Che Fuma, la serie non sarebbe finita cosí presto.”
    Chris Carter, creatore di X-Files.

    “Grazie a comedonchisciotte.org, la mia produttivitá é cresciuta del 120% e la qualitá degli episodi che scrivo é altissima.”
    Jerry Bruckheimer, creatore di CSI e Cold Case.

    “Ammazzeró quei fottuti bastardi.”
    Ian Fleming, per bocca della medium A.F.

    “CDC fa propaganda per addormentare la mente”
    Alan Moore, creatore di V for Vendetta.

  • Ricky

    “Merda. Grazie a CDC ora si accorgeranno di noi. Bisogna fermarli.”
    Doctor No.

  • Zret

    Oltre alle nanomacchine esistono i nanodisinformatori.

  • Zret

    Espellere ricky sarebbe cosa buona e giusta.

  • wld

    ^_^

  • Marduk1970

    Posto. Peró dai!!! ogni tanto toppiamo tutti: Errare umano est, perseverare é ovest. 😀

  • fm

    Brunotto, qui mi sei piaciuto.

    Io questo weekend ho fatto un esperimento. Non ho utilizzato nessun aggeggio elettronico (l’ho battezzato digiuno tecnologico). Ho arrestato il flusso continuo di informazioni a cui ci si sottopone volendo o nolendo quando si sta davanti ad un monitor.

    Effetti ottenuti:

    1) Mente calma, meno nervosa e nevrotica
    2) Maggiore predisposizione a capire gli argomenti di riflessione
    3) Maggiore predisposizione a far propri i concetti (ci se ne rende conto perche` quando se ne parla lo si fa con piu` scioltezza e sicurezza)

    Se questo e` l’effetto di 2 giorni, mi sa che digiunero` piu` spesso e piu` a lungo.

  • fusillo

    ….si può tranquillamente affermare che per controllare miliardi di persone non è poi così difficile….
    già lo si fa da decenni.
    pubblicità televisiva, modelli familiari, scuola e lavoro sono i laboratori del metodo che viene riprodotto quotidianamente da tutti e da decenni.
    noi non siamo più degli uomini. siamo l’ immagine riflessa di quello che ci vogliono far diventare.
    quando la moltitudine avrà preso coscienza della cosa…….allora si che ci sarà da divertirsi: per ora prevale la noia.