Home / Cinema / CINEMA: “THE ROAD” E “2012”

CINEMA: “THE ROAD” E “2012”

DI BRIAN KALLER
Restoring Mayberry

Hollywood ha un enorme potere sulla percezione del mondo da parte del pubblico – Ghandi è uno dei miei eroi, ma quando me lo immagino mi viene in mente Ben Kingsley. Noi invece vogliamo che il pubblico rifletta e sia preparato ad un futuro difficile. Quindi dovremmo prestare attenzione alle produzioni Hollywoodiane che parlano di come potrebbe essere il domani.

Sfortunatamente l’immagine che Hollywood ci dà dell’avvenire è di solito abbastanza triste: quasi tutti i negozi di film hanno una sezione che si chiama “horror-science fiction”, a dimostrare che il futuro che mostrano è abbastanza spaventoso. Solo negli ultimi anni sono state girate pellicole come The Book of Eli, The Road, 2012, I Am Legend, Children of Men, 28 Weeks Later, Resident Evil, Terminator, film e serie televisive, e anche Wall-E, il primo film per bambini di ambientazione post-apocalittica.Nessuna di queste produzioni è particolarmente realistica, comunque alcune sono buone storie (Wall-E), altre no (Resident Evil). Lo scorso inverno, con The Road e 2012, abbiamo avuto un esempio di entrambe.

The Road riesce ad essere sia un ottimo film che un rispettabile adattamento di un libro quasi impossibile da trasporre al cinema. Sfortunatamente sembra che il trailer abbia tratto in inganno molte persone, che sono andate al cinema con aspettative sbagliate.

Il trailer inizia con un montaggio sgranato composto di spezzoni di immagini d’archivio di catastrofi varie –fulmini, uragani, tornado, vulcani, foreste in fiamme, file di poliziotti che corrono verso un incidente. Come molte anteprime che vengono proposte in questi giorni, semplicemente mette insieme un po’ di cose a caso dichiarando che si troveranno nel film; nessuna di queste catastrofi naturali appare nel film, essendo apparentemente messe lì per sfruttare la scia del successo del blockbuster 2012.

Ancora peggio, riguardo l’ambientazione temporale del film, in uno di questi trailer si dice con titoli in bianco e nero e con lo sfondo di un tonfo in surround, “FRA 10 ANNI”. Gli eventi del libro e del film si svolgono diversi anni dopo la Fine Del Mondo, ma è più uno scenario astratto che una profezia in stile Nostradamus. E’ più un difetto degli studios che di chi ha realizzato il film, ma sminuisce l’impatto del film ed arriva in un momento in cui non abbiamo bisogno di fantasie più oscure.

Il film ci parla di un futuro terribile senza spingersi nei territori del fantastico. Tutto ciò che non è umano è estinto –è implicito un inverno nucleare, anche se mai nominato- e non ci sono più né piante, né animali né vita. Il cielo è coperto “come un freddo glaucoma che rende sfocato il mondo”, la terra è coperta da uno spesso strato di cenere, le foreste sono distese di alberi anneriti che si spezzano e cadono uno dopo l’altro.

Gli esseri umani rimasti sono diventati cannibali e i pochi che rimangono sono quasi tutti sopravvissuti a dure battaglie. Ciò che caratterizza i personaggi principali –chiamati semplicemente L’Uomo e Il Bambino- è che non ricorreranno a questo neanche quando ciò significasse la loro sopravvivenza. E’ la linea morale che si rifiutano di oltrepassare mentre si aggirano in un paesaggio ostile di viandanti senza nome, riempito con scarsi dialoghi.

Non sembrerebbe una storia molto interessante, ma milioni di persone hanno pensato che la prosa dell’autore, vincitore del Premio Pulitzer, sia così ben rifinita da sembrare leggerissima, tanto che spinge il lettore a proseguire lungo la trama tortuosa.

I produttori hanno compiuto un ottimo lavoro nel portare questo mondo sullo schermo: facce familiari come Viggo Mortensen, Robert Duvall e Guy Pearce sono irriconoscibili sotto le incrostazioni di sporcizia, e la colonna sonora è appropriatamente scarna. C’è un’adesione reverenziale alla trama asciutta ed episodica, che rifugge dalla solita azione moraleggiante e compiacente di Hollywood o alle facili soluzioni. Piuttosto hanno preso la direzione opposta, omettendo la scena più scioccante del libro, forse attenti a tenersi alla larga dallo stile troppo appariscente dei filmetti slasher.

Comunque il mondo descritto nella pellicola è probabilmente impossibile: nessuno ha avuto modo di sperimentare un vero inverno nucleare, ma anche sotto un cielo costantemente coperto probabilmente alcune piante potrebbero crescere –esiste vegetazione anche nel sottobosco quasi buio della jungla, e negli angoli più oscuri delle caverne. Neanche il freddo avrebbe la capacità di impedire la crescita delle piante: qualche erba e alcuni alberi sopravvivono nelle regioni polari dove quasi ogni giorno dell’anno la temperatura è sotto zero e c’è oscurità per sei mesi, quindi la pioggia gelata descritta nel libro non potrebbe eliminare la vita sulla terra. Nemmeno le radiazioni lo potrebbero fare: come ha fatto notare Alain Weisman nel suo libro “The World Without Us”, l’area radioattiva intorno a Chernobyl è diventata un parco naturale lussureggiante. Al massimo la nostra scomparsa improvvisa produrrebbe una abbondanza di vita che attualmente noi stiamo eliminando.

Anche se dovessero morire tutte le piante della terra rimarrebbero comunque funghi ed insetti, come ha fatto notare lo scrittore Ran Prieur –i funghi sono citati una volta nel libro, gli insetti mai.

Mi sono soffermato su questi dettagli per dare risalto al fatto che questo mondo è solo frutto della fantasia di Cormac McCartthy, come l’estrema conseguenza del suo scavare attraverso scenari tetri. La Science-Fiction si è misurata con tali ipotesi di scrittura creativa: cosa succederebbe se tutti perdessero la memoria? Cosa succederebbe se una generazione fosse nata cieca e sorda? Cosa succederebbe se svanissero tutte le piante?

Se The Road cerca di essere una storia personale in uno scenario puramente immaginario, 2012 è l’opposto: 200 milioni di dollari fumanti di assurdità distillate con la pretesa di essere profezie, infarcite con un budget così alto che sarebbe sufficiente a dare da mangiare a un numero di bambini affamati del terzo mondo pari a cinque volte quello degli abitanti di Chicago. Il risultato è un pacchetto patinato che invita ad emozionarsi quando il romantico lascia passare una palla di fuoco, fare il tifo per il cucciolo salvato all’ultimo minuto, tirare un sospiro di sollievo quando i personaggi “brutti e cattivi” muoiono stando discretamente fuori dallo schermo.

La storia comincia con due scienziati che spiegano con voce roca che “i neutrini sono mutati in un’altra particella!” al che tutti si chiedono cosa possa questo significare, ad ogni modo apparentemente “sta colpendo il centro della terra come microonde”. Più tardi una video-testimonianza ci avvisa che alcune cose vagamente definite fanno si che la crosta terrestre cambi ogni 640 mila anni –vediamo un T-Rex animato che dice “Un’altra volta No!” La narrazione poi racconta che il geologo Charles Hapgood credeva in questa idea, che Einstein la sosteneva, che i Maya sono stati i primi a scoprirlo, e che i Cristiani lo hanno chiamato l’Estasi.

Si può scrivere un libro con tutte le incongruenze contenute in queste poche righe, ma, solo per fare alcuni esempi:

Se la vita sulla terra viene cancellata ogni 640 mila anni, stanno dicendo che la vita poi riparte da zero ad ogni ciclo? Che gli ominidi di nuovo dovranno evolversi da zero? Stanno dicendo che uno di questi cicli ha estinto i dinosauri 65 milioni di anni fa ma mai prima, o che sono morti 640 mila anni fa, o cosa?

E’ esistito realmente un Charles Hapgood la cui teoria era sostenuta da Einstein –menzionato probabilmente perché Einstein è l’unico scienziato che la gente conosce. Da quello che so, comunque, Hapgood non ha mai detto nulla riguardo l’anno 2012 o l’Estasi –la sua teoria del cataclisma cercava di spiegare perché sembra che i continenti siano stati diversi nel passato, prima che gli scienziati dimostrassero che si muovono lentamente. Einstein, da parte sua, era un fisico, non un profeta mistico.

Stando ad ogni archeologo che parla di Maya che ho letto, i Maya non hanno mai profetizzato che il mondo sarebbe finito nel 2012 –stando ad alcuni, infatti, non avevano una concezione della fine del mondo come ce l’abbiamo noi. Anche se ce l’avessero avuta, perché credere in qualcosa perché lo facevano loro? Dovremo forse cominciare a sacrificare schiavi agli dei iracondi?

Il film lascia intendere che il nome Estasi sia uno dei punti fondamentali della dottrina cristiana, sia introducendola nella sceneggiatura che nell’insensibile scritta sul poster “Sarai lasciato indietro?” ma L’Estasi, contrariamente alla credenza popolare, non è l’idea tradizionale cristiana sulla fine del mondo; è un’escatologia specifica inventata nel 19° secolo dal capo di una setta inglese chiamato John Darby, resa popolare tra gli hippies negli anni ’70 dal libro di Hal Lindsay “The Late Great Planet Earth” e reso poi in voga dalla serie “Left Behind” negli anni ’90. Non è nemmeno lontanamente quello in cui credono o in cui hanno creduto la maggior parte delle chiese cristiane, ed è solo un’idea New Age come quella del 2012 stesso.

Potrei menzionare molte altre sciocchezze sui disastri mostrati nel film –eruzioni solari, pozzi ribollenti, maremoto con onde sopra l’Himalaya (!), e una larga parte del Nevada che sprofonda dentro a …uhm… un’enorme vortice che sembra partire dall’interno della terra. Ci si può comunque fare un’idea di questo –nei paragrafi qui sopra ho prestato più attenzione a passare in rassegna le idee di chi ha realizzato il film o le idee che supponevano dovessero avere gli spettatori della pellicola.

Se la storia fosse solo ovvia finzione, quello che ho detto non avrebbe molta importanza –la gente l’avrebbe presa come uno sfizio per evadere la realtà, e si sa che i produttori devono fare affari. Ma come la serie Left Behind, in 2012 l’atteggiamento è quello di chi predice qualcosa di terribile che accadrà presto in questo mondo reale. L’unica differenza è che nella serie televisiva gli autori sembrano veramente credere a qualcosa di ridicolo, mentre qui i produttori sembrano speculare sulle paure della gente per fare soldi. Possono giustificarsi dicendo che il film è solo una finzione, ma non hanno messo assieme un altro ridicolo film come The Core o Volcano: hanno invece cavalcato un’onda di reale paranoia diffusa tra gente preoccupata.

Ho dedicato spazio a questo argomento perché, come dicevo sopra, Hollywood influenza il modo in cui vediamo le cose, volenti o nolenti. Noi meritiamo storie che abbiano a che fare con quello che le famiglie dovranno realmente affrontare negli anni a venire, e che ci diano un’immagine confortante di quello che la vita potrebbe essere. Se si pensa che ciò non possa essere fatto, dovrebbe essere Hollywood a dirlo.

Quindi che tipo di storie futuristiche proporrei io? Dirò di più la prossima settimana.

Titolo originale: “Video review: The Road and 2012”

Fonte: http://restoringmayberry.blogspot.com
Link
27.04.2010

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di TEMUJIN

Pubblicato da Das schloss

  • anonimomatremendo

    The Road fa pensare .2012 fa cagare.

  • Eurasia

    Cormac si è ispirato al racconto di Jack London, scritto nel 1912, La peste scarlatta… “Anno 2013. Il mondo è dominato dal Consiglio dei Magnati dell’industria. Scoppia un’epidemia che cancella la razza umana. La civiltà sparisce e quel che resta dell’umanità piomba nell’età della pietra. In questo scenario apocalittico si riuniscono i sopravvissuti alla fine del mondo. Intorno al fuoco il più vecchio racconta ai ragazzi i giorni della fine e l’arrivo dalla crudeltà e della barbarie (…)” continua qui: http://www.lankelot.eu/letteratura/london-jack-la-peste-scarlatta.html

  • Nemesi

    MA PERCHE’ NON RAGIONATE

    La vena catastrofista e meglio di un filone d’oro, negli anni ’70 si parlava di nuova era glaciale, a partire dagli anni ’90 si è parlato di surriscaldamento della terra e che avremo visto i cammelli andare a spasso per i sobborghi di Stoccolma!.
    Per non parlare della guerra nucleare!
    Chernobyl ha fatto al massimo una ventina di morti, e l’OMS ha dovuto ammettere che non ha registrato un’aumento di nessuna forma di tumore nell’area colpita dall’esplosione.
    Anche grazie all’immediata evaquazione delle zone colpite dalle radiazioni.
    A Hiroshima e Nagasaki le città sono state ricostruite la dove sono state sganciate le bombe!!
    Sono morte migliaia di persone per le intense radiazioni ma nessuno ha mai pensato di far evacuare le due città giapponesi.
    Anche se si sganciassero tutte le bombe possedute negli arsenali del mondo aree come sud-America, Sud Africa e parte dell’Asia non verrebbero scalfite .

    Tenete presente che una esplosione nucleare può completamente distruggere un area che mediamente è di 70-100 kilometri quadrati e provocare devastazioni dovute all’onda d’urto per una superficie massima di 500 kilometri quadrati.
    Anche se sganciassero tutte e 23.000 le testate che sono possedute negli arsenali nucleari di tutto il mondo al massimo si devasterebbe il 5% delle terre emerse!!!
    Se anche ci fossero piogge radiottive, un periodo di diversi decenni di freddo nucleare scatenata dalle polveri proiettate nella stratosfera, sopravviveranno centinaia di milioni di uomini
    .
    Non vi preoccupate per il genere umano…sopravviverà

  • Jack-Ben

    cito: “Chernobyl ha fatto al massimo una ventina di morti” i primi 4 secondi ha fatto 20 morti, ma dopo e’ stata un’ecatombe e lo e’ tuttora. forse hai qualche azione in qualche ditta o societa’ dell’Ethernit?? per scrivere certe frivolezze. La situazione e’ al collasso; per bloccare l’Europa basterebbero 3-5 funghetti nei posti giusti che tutto il resto collasserebbe come un Domino. Per farti un esempio elementare: basta ricordarsi qualche anno fa’ quell’albero in Svizzera caduto sulla linea elettrica il quale ha parallizzato lo Stivale per una giornata. Pensa che al posto di un alberello ci fosse stata una Suppostina di 15 megatoni… Ricordati che l’80% delle persone in Occidente abita in Citta’ e in caso di calamita’ estrema solo il 2-3% avrebbe forse e dico forse la possibilità’ di tirare a campare qualche mesetto…. ma dico solo forse non illuderti e sopratutto non illudere gli altri.

  • ranxerox

    Gradirei che mi citasse le sue fonti d’informazione, altrimenti dovrei supporre siano Topolino od in seconda battuta Berlusconi. Con stima, Lopez

  • Truman

    “Chernobyl ha fatto al massimo una ventina di morti”: questa è da delirium tremens o da overdose di altra droga. Di tutto si può discutere, ma i morti ci sono stati davvero. Che ci siano state esagerazioni e/o numeri non dimostrabili da parte dell’OMS è accettabile, ma io a Kiev ci sono stato e non era difficile trovare persone ammalate a causa dell’esplosione della centrale. Anche la frase sulle ammissioni dell’OMS mi appare molto discutibile.

  • cris79

    confermo 2012 è una cagta.
    the road per me, uno dei più bei film visti quest’anno

  • Nemesi

    Datevi una svegliata, io sono un anti-nuclearista ma non vivo con le fette di prosciutto davanti agli occhi!!
    Nel primo anno dell’incidente di Chernobyl morirono in totale 28 persone più ne morirono altre 19 fra il 1986 e il 2004 a oggi i morti certi correlati all’incidente di chernobyl sono 65 (qualcuno dice 58) a questi vanno aggiunti i “presunti” morti.
    Cioè a quelli causati dall’incremento di tumori, leucemie in particolare, dovuti alle radiazioni, questo aumento di morti è stimato in uno 0,3% vi prego di leggere bene il numero perché si legge zero-virgola-tre-per-cento.
    I morti dovuti alle radiazioni di Chernobyl dovrebbero essere circa 1300 ma dovete pensare che dal 1986 al 2010 nell’area colpita dalla nube di Chernobyl sono morti 430.000 persone di tumore, che un dato più che normale rispetto alle medie di paesi che non hanno centrali nucleari.
    La morti di tumore e leucemia sono normalmente il 20% delle cause naturali di morte, questo vuol dire che nell’area di Chernobyl saranno pari allo 20,03%!!!!!!
    Questo significa che secondo l’OMS i morti presunti nei prossimi 80 anni saranno 4.000 (quattromila).
    Ci tengo a precisare che statisticamente parlando quello 0.3 % è un numero fin’anche impossibile da misurare con certezza, perchè l’incidenza di tumori dipende da tanti e tali fattori che ci sono aeree in cui non si è mai vista una centrale nucleare ma l’incidenza di tumori è ben più alta dell’area di Chernobyl.
    Dovete pensare che l’aumento di tumori nelle aree industriale dove sono presenti impianti termoelettrici o acciaierie sono dello 2,5%, senza che salti in aria nessuna centrale nucleare.
    Ci tengo a precisare che sempre l’OMS afferma che in alcune aree industriali si hanno degli incrementi eccezionali di tumore, con picchi in Italia a Brindisi (+55% dei tumori per i maschi), a Crotone (+46%), a Taranto (+22%), a Massa-Carrara (+21%), Augusta-Priolo e Napoli (+15%).
    Ci tengo a precisare che questi dati sono stati pubblicati al “Chernobyl Forum” svolto a Vienna il 3 febbraio 2003 c’erano oltre all’OMS un’altra mezza dozzina di organizzazioni ONU compreso la FAO!!!
    Per dirla in poche parole il numero di morti che fa una centrale termoelettrica a carbone e otto volte superiore ad una centrale nucleare.
    Ripeto che io non amo il nucleare e chi lo supporta perché ritengo che energeticamente parlando in un paese come l’italia è impossibile montare un numero di centrali come per la Francia (85% dell’energia elettrica dal nucleare) e le centrali nucleari hanno una vita stimata e dei costi semplicemente da “fuori-di-testa” ed è molto più conveniente puntare ad altri metodi di produzione dell’energia (fossile o non), ma non voglio starmi a perdere in discussioni tecniche.
    Voi mi sembrate come quelli che leggono dei “cerchi nel grano” o i cerchi di pietra Stonehenge e non si rendono conto che sono dei falsi o rimaneggiamenti, malgrado nel caso dei “cerchi di grano” gli stessi burloni che hanno lanciato la moda hanno ammesso e dimostrato la burla e i semplici metodi che hanno usato per produrre quei cerchi.
    Meno male che questo vorrebbe essere un sito di informazione alternativa!!

  • gabro

    Caro Nemesi, una cozzaglia così gonfia di puttanate non ci lascia altro da immaginare che tu sia un PESSIMO DISINFORMATORE…per chi lavori? Ieri rispondendo ad un tuo post ho provato a mantenere un tono calmo e compassionevole pur immaginando il motovo del tuo scrivere qui, ma dopo questo intervento lascio ad altri la compassione e la misericordia e ti tratto per come meriti, tu e tutti voi completi ignoranti disinformatori…avete così poca conoscenza delle cose storiche, tecniche, scientifiche, morali che un mio cuginetto di 5 anni in confronto può considerarsi un maestro asceso!

  • gabro

    The Road non l’ho visto, purtroppo però ho visto 2012. Approfitto quindi del momento per analizzare quella che secondo me è stata la parte più disgustosa del film…la Arche. Disgusto che nasce nel vedere che secondo Hollywood sarebbe assolutamente logico immaginare che gli unici a potersi (o doversi) salvare in una ipotetica fine del mondo, dovrebbero essere le èlite (minuscolo volontario) dei Paesi occidentali ed i super ricchi che possono pagare 1 miliardo di dollari per un biglietto sull’Arca. Quello è forse il messaggio nascosto (neppure molto) che ci hanno voluto trasmettere, per farci capire ancora una volta, chi conta davvero in questo mondo. Vogliamo poi parlare del primo ministro italiano (cos’ come viene chiamato nel film) che rinuncia a salvarsi per rimanere a Roma a pregare con la sua gente??!!! FANTASTICO!
    Hollywood è una macchina creata per la manipolazione della coscienza delle masse….usare con cautela.

  • Nemesi

    A VOI LE FONTI

    http://www.who.int/ionizing_radiation/chernobyl/en/

    http://whqlibdoc.who.int/publications/2006/9241594179_eng.pdf

    Caro gabro i link sono dell’OMS o meglio Organizzazione Mondiale della Sanità.
    Fermo restando che l’OMS è stata anche più volte accusata di esagerare sempre in eccesso i suoi rapporti, vedasi “epidemia aviaria” ecc.
    C’è da dire che raramente l’OMS sottostima un pericolo
    IL rapporto è solo in inglese ma se ti fai un giretto sul web qualche volenteroso lo avrà di sicuro tradotto in italiano.
    Sono sempre dell’idea che nessun rapporto o informazione vada preso per oro colato.
    Ma se tu hai qualcosa di meglio dell’OMS sarei felice di visionarlo

    In quanto ai cerchi di grano e Stonehenge dato che le ho ritenute sempre delle sciocchezze per giornalisti , se vuoi le fonti che ti dimostrano quello che ti ho detto….me le devi chiedere per favore e con tono un pò più dimesso!
    Ma devi essere convincente
    Io non insulto mai nessuno, l’unica cosa che forse ti vorrei consigliare è quella di rivalutare immediatamente il tuo nipotino di 5 anni

  • Truman

    Dice Nemesi: Meno male che questo vorrebbe essere un sito di informazione alternativa!!.
    Questo è un sito di informazione. Non è alternativa.
    Per chiarire: RAI, Mediaset, Repubblica, Libero e così via sono parte di un sistema commerciale che vende merci a dei consumatori e contemporaneamente vende un’audience a chi ha bisogno di pubblicità. Lì non c’è informazione. Al massimo c’è pubblicità.

    Qui facciamo informazione.
    Però un utente che prima dice “nemmeno 20 morti” e poi dice che i morti sono 65 o forse 58 si contraddice da solo.
    Con tutte le buone intenzioni, ho difficoltà a dare un senso al tuo discorso. Probabilmente hai già deciso dove puntare ed i dati che fornisci servono solo come sostegno al tuo discorso.
    Se pensi che 65 sia uguale a “meno di 20”, vuol dire che ciò che ti interessa è discorso generale, cioé che le migliaia di morti diffuse da alcune fonti sono molto opinabili.
    Ciò potrebbe anche aver senso, ma il modo in cui lo dici porta solo discredito su di te.

  • Eurasia

    3 milioni di litri di petrolio al giorno da 37 giorni fa ad oggi 110 000 000 di litri di petrolio fuoriusciti dalla falla … l’horror science-fiction ormai è diventata la realtà…

  • anonimomatremendo

    20 ,40,60…100 morti.Ma che stiamo dando i numeri?

    E i morenti e le centinaia di migliaia di morti viventi che sopravvivono in quell´area,dove li mettiamo?Ma non preoccupiamoci,tanto gli uomini sopravvivono e sopraviveranno a qualsiasi condizione…come gli scarafaggi.

  • Jack-Ben

    cito: “I morti dovuti alle radiazioni di Chernobyl dovrebbero essere circa 1300 ma dovete pensare che dal 1986 al 2010 nell’area colpita dalla nube di Chernobyl sono morti 430.000 persone di tumore, che un dato più che normale rispetto alle medie di paesi che non hanno centrali nucleari.” ma da 20 adesso siamo a 430.000 che botta…

  • anonimomatremendo

    Ma nooo,non preoccupiamoci,tanto sopravviveranno alcune amebe e noi ci ciberemo del soylent green [www.youtube.com],cosí risolviamo anche il preblema della sovrappopolazione.

  • gabro

    Caro Nemesi, di certo il mio intervento non è stato conciliante e mancando di un’analisi più approfondita, di certo non prpopriamente intelligente. Detto questo credo che l’intelligenza (che secondo Einstein è quello che rimane una volta scordato tutto quello che si è imparato a scuola) debba essere predominante in ogni discussione. Le fonti che tu citi devono essere analizzate per quello che sono davvero ed in questo caso l’OMS, così come i maggiori istituti mondiali riconosciuti, sono organi emanati e dipendenti diretti del “potere”. Ti invito col cuore in mano a prendere consapevolezza di questo, facendo le tue doverose ricerche, per comprendere che esse non hanno scopi differenti dal mantenimento dello status-quo, in cui noi popolo, contiamo niente. La menzogna e la distorsione della realtà attuata da questi “organi” non deve mai predominare sull’intelligenza innata che abbiamo in quanto esseri umani. Tu stesso sottolinei che spesso “esagerano” (che può essere un eufemismo) le situazioni. Domandati il perchè lo fanno. La tua intelligenza deve giudarti lungo il sentiero, fidati solo di lei.

    P.S. equiparare una persona (od il mio cuginetto) ad un Maestro Asceso (come Cristo, Buddha, Krishna, Saint Germain ecc..) è la più alta forma di considerazione possibile, credo.

  • Matt-e-Tatty

    2012 è una cagata pazzesca, ma non avevo grandi aspettative, l’altro non l’ho visto.
    Negli anni 70 usciva un film che si chiama “rollerbaal”, ambientato un futuro con Governo Unico Mondiale che pilota l’informazione, “autorizza” le letture e le informazioni, “autorizza” o vieta parti di storia ecc., le masse nel fim sono addomesticate con la televisione e più precisamente con uno sport violentissimo chiamato rollerbaal, tipo i “giochi” per i romani.
    Recentemente ne hanno fatto una versione moderna in cui si è perso il senso del film, è sparito il governo unico lasciando spazio a delle specie di mafiosi russi… l’ennesima americanata senza ne capo ne coda… consigliato (quello vecchio), chi l’ha pensato ci “vedeva bene”.

  • Nemesi

    Che la IEA abbia fatto pressioni sull’OMS perché questa desse una versione accomodante del disastro di Chernobyl non è da escludere, ma vi faccio notare che nessuno ha mai prodotto prove in tal senso
    L’industria energetica è la prima industria al mondo e muove interessi economici e politici colossali, non sarei affatto stupito che i seguente rapporto:

    http://www.who.int/ionizing_radiation/chernobyl/en/

    fosse stato “aggiustato” ma rimane che esso è un documento ufficiale, dell’OMS, che dopo anni dalla sua pubblicazione, non ha avuto nessuno smentita o critica convincente.
    Anzi faccio notare come questo rapporto sia quasi sconosciuto ai più.

    Se il rapporto fosse stato semplicemente un tentativo di sminuire il disastro di chernobyl avremo avuto il fior fiore di medici e ricercatori a criticarlo, non sono tutti corrotti!!
    Spesso mi chiedo dove sta la verità, fino ad oggi ci hanno raccontato che i combustibili fossili sono meno inquinanti del nucleare, poi ci dicono esattamente il contrario!
    Altro esempio è l’eolico prima ci raccontano che è una fonte energetica da barzelletta, poi si scopre che con essa si può produrre anche il 15% del fabbisogno mondiale di energia e che è la fonte più economica in assoluto.
    Se avessi la possibilità di postarti una foto ti mostrerei zone di pochi chilometri quadrati in cui ci sono quasi 500 torri eoliche, roba da rimanere senza parole.
    Negli ultimi anni hanno montato torri eoliche alte 60 metri che nei giorni in cui non c’è umidità si vedono, appollaiati sulle creste delle montagne, a 30 chilometri di distanza!!
    Il livello di informazione che viene dato anche dai migliori giornalisti è alquanto basso, quando poi citi i numeri vedi che la stragrande maggioranza delle persone va in tild!
    C’è troppa ideologia in giro, noto che molte persone schierate sono proprio quelle meno adatte per fare certe lotte, in quanto o per troppa sensibilità o per mancanza di carattere scelgono di fare delle lotte troppo più grandi di loro.
    Qualcuno mi ha fatto notare che esistono poteri forti, lasciate che vi dica che la situazione è molto peggiore di quanto voi stessi possiate immaginare.
    Il livello di corruzione e convivenza è così elevato che viene considerato normale, il “sistema gelatinoso” di cui tanto si parla in queste settimane è come il cubetto di ghiaccio che mettete nel vostro bicchiere d’estate rispetto ad un mare pieno di iceberg.
    Non si salva nessuno in nessun ambito, la dove ce un pò di potere (anche minimo) c’è corruzione, siamo oltre il livello potologico, oserei dire che la corruzione è una deformazione della nostra società, in particolare quella italiana.
    Quando un sistema è corrotto ad ogni livello è veramente difficile porvi rimedio. Tantissime persone che si spacciano da onesti sono in realtà marce fino al midollo, credetemi se vi dico che proprio difficile trovare qualcuno che si salvi.

  • 21

    Messaggi sublinali tipo: il mondo è uno yogurt, scade 21.12.2012…

    consumare preferibilmente prima della fatidica data.

    Cinematografia di regime… niente di più.

    Dai, passami la mazza da baseball…

    che è in arrivo il meteorite!

    Ciao ciao 😉

  • 21

    Messaggi subliminali del 3° tipo: il mondo è uno yogurt, scade 21.12.2012…

    consumare preferibilmente prima della fatidica data.

    Cinematografia di regime… niente di più.

    Dai, passami la mazza da baseball…

    che è in arrivo il meteorite!

    Ciao ciao 😉

  • 21

    Grazie admin per cancellare…

    E’ forse possibile introdurre una funzione edit per rettificare le proprie imprecisioni di battuta, tastiera capricciosa, errori, lapsus, ecc.?

  • Nyarlathotep

    mi associo