Bibi, Pfizer e le elezioni

 

Gilad Atzmon – The UNZ Review – 20 febbraio 2021

 

Il più grande organo di informazione israeliano, Ynet, ha riferito poche ore fa che nel paese, che si è trasformato volontariamente nel campo di prova di Pfizer, “il 75,4% delle persone diagnosticate ieri aveva meno di 39 anni. Solo il 5,5% aveva più di 60 anni.”Il numero di pazienti critici è sceso a 858 – il più basso dal 4 gennaio. Tuttavia, questo numero è più del doppio di quello di metà dicembre, appena prima che Israele iniziasse il suo esperimento “pionieristico” di vaccinazione di massa. Ynet riporta oggi che “In Israele il 59,9% dei pazienti critici ha più di 60 anni. Il 18,2% ha un’età compresa tra i 50 e i 59 anni. Inoltre, il 10,8% ha tra i 40 e i 49 anni e il 7,5% ha 30 anni. Ad oggi, più di un terzo dei pazienti critici ha un’età compresa tra i 30 e i 59 anni“.

Il significato di quanto sopra può difficilmente essere negato o almeno richiede un’attenzione immediata. Il paese che guida la gara delle vaccinazioni di massa evidenzia un cambiamento radicale nella natura della pandemia. Non ci vuole un genio per sospettare che ci possa essere una correlazione tra la campagna di vaccinazione di massa e la crescente vulnerabilità delle fasce di età più giovani, compresi i neonati e le donne incinte. La biologia qui è anche lontana dall’essere troppo complicata. Il virus, che inizialmente mieteva vittime tra gli anziani e i vulnerabili, si è trasformato attraverso la mutazione e ora è abbastanza adatto per attaccare altri segmenti della società e in particolare i gruppi di età più giovani.

Fino al 20 dicembre, il giorno in cui Israele ha lanciato la sua campagna di vaccinazione di massa, il paese aveva registrato 3.074 morti. In meno di due mesi di “successo” della vaccinazione di massa quel numero è quasi raddoppiato. Al momento di scrivere questo articolo, si trova a 5.526. Questo spettacolare aumento dei decessi (80% in meno di due mesi) è avvenuto quando il paese era in isolamento; quindi, non si può proprio dire che sia stato “l’incontrarsi socialmente” a favorire la diffusione del virus. L’unica cosa che si stava diffondendo in Israele in questi due mesi erano i vaccini della Pfizer e il cosiddetto mutante britannico che, apparentemente, è più popolare a Bnei Brak che nel Kent. La domanda inevitabile qui è se c’è una connessione tra la vaccinazione e le mutazioni, ma questa è l’unica domanda che, in Israele, nessuno è autorizzato a fare.

Nel novembre 2020 i dati del Ministero della Salute israeliano segnalavano che Israele aveva rilevato 400 casi di coronavirus in bambini di età inferiore a due anni. Nel febbraio 2021, quel numero è cresciuto fino a 5.800. Abbiamo a che fare con un aumento netto di circa il 1.300%, decisamente impressionante. Il sito Ynet riporta che in tutto il mondo si segnala questo tipo di aumento della di morbilità dei neonati per Covid-19. Ho tentato di approfondire il tema ma non sono riuscito a trovare alcuna conferma se ciò sia vero. In Gran Bretagna, per esempio, tutto quello che ho trovato sono rapporti su un “baby boom di Covid-19” e alcune preoccupazioni riguardanti un aumento dell’obesità infantile. In effetti, nessuno riferisce di un aumento del 1.300% di Covid-19 nei neonati, tranne Israele.

Non sono in grado di determinare cosa ha portato gli israeliani a diventare cavie per un gigante farmaceutico con una storia dubbia in materia di etica e di sicurezza. Bisogna considerare la possibilità che in Israele il successo di una campagna di vaccinazione di massa potrebbe essere la manovra primaria di Netanyahu e del suo partito in vista delle prossime elezioni. Netanyahu affronta una seria battaglia legale, e vincere le elezioni va ben oltre la politica per lui. È una battaglia esistenziale per la sopravvivenza. Credo che Bibi abbia dovuto scegliere tra la guerra con l’Iran e un vaccino Pfizer. Aveva sicuramente buone ragioni per supporre che la Pfizer fosse di gran lunga un’opzione migliore e più pacifica.

Netanyahu ha probabilmente capito che il successo di una campagna di vaccinazione di massa gli avrebbe assicurato la vittoria. Questa era effettivamente una considerazione ragionevole da parte sua, e potrebbe rivelarsi corretta. Vale la pena menzionare che nessuno degli avversari politici di Netanyahu nella sinistra o nel centro israeliano, ormai in via di estinzione, ha osato sfidare la politica dei vaccini di Netanyahu. Inoltre, non una sola istituzione di sinistra in Israele ha preso le difese dei molti israeliani riluttanti a farsi vaccinare (attualmente più del 50%). Non un solo politico si è schierato dalla loro parte e ha difeso i loro diritti elementari.

Nel frattempo, il governo vuole disperatamente assicurarsi che l’intera nazione sia vaccinata e non esiterà a introdurre misure totalitarie. Il Jerusalem Post ha riportato oggi che “verrà richiesto un passaporto verde per entrare in determinati luoghi e per partecipare a determinate attività. Solo persone state vaccinate o guarite dal coronavirus potranno ottenerlo. Come parte del programma, “palestre, teatri, hotel, concerti e sinagoghe registrate potranno operare a partire dalla prossima settimana“. Israele ha già firmato accordi con paesi che consentiranno l’accesso solo agli israeliani in possesso di passaporto verde.

Ci si può chiedere perché il governo israeliano sia così ossessionato dal vaccinare l’intera popolazione, compresi i giovani, l’esercito e altri segmenti che non sono necessariamente ad alto rischio. Una possibilità è che il governo israeliano conosca ormai le reali implicazioni del vaccino. Israele non può chiudere un occhio sull’aumento del 1.300% dei casi di Covid-19 nei neonati. Non può nemmeno ignorare che il numero di morti per Covid-19 dall’inizio della campagna di vaccinazione è uguale a quello dei militari caduti nella guerra dello Yom Kippur del 1973, una guerra da cui il paese è ancora traumatizzato.

È possibile che la leadership israeliana riconosca ora l’errore fatale che ha fatto distribuendo il vaccino su larga scala. Può essere plausibile che l’unica soluzione che ha trovato sia quella di vaccinare l’intera popolazione, sperando che questo possa fornire una protezione almeno temporanea, che possa durare fino alla data delle elezioni di marzo.

Se c’è qualche validità nella mia oscura rappresentazione della realtà israeliana, è ragionevole concludere che, con Bibi al timone e Pfizer con un ago, gli israeliani non hanno davvero bisogno di nemici.

Link: https://www.unz.com/gatzmon/bibi-pfizer-and-the-election/

 

Traduzione di Arrigo de Angeli per ComeDonChisciotte

 

46 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Tonguessy
Tonguessy
2 Marzo 2021 2:10

Beh, è davvero interessante che Bibi si ritrovi a scegliere tra bombardare l’Iran e decimare i suoi concittadini: tanto sempre di sterminio del popolo eletto(rale) si tratta.

Sull’aumento dei positivi neonatali non ho alcuna idea, mentre sull’aumento dei contagiati giovani posso solo ricordare cos’è successo a mia figlia: positiva per tre tamponi di seguito, al quarto le hanno detto che anche se positiva poteva tornare alla vita normale. Qualcosa di strano? No, se è vero che stanno amplificando troppo i frammenti di DNA al punto di rilevare come covid anche residui irrilevanti (fossero anche di antiche influenze)

gix
gix
Risposta al commento di  Tonguessy
2 Marzo 2021 2:27

Provare a disinfettarsi bene naso e bocca prima di fare il test…Metodo da streghe? e perchè, i vaccini attuali cosa sono, in assenza di dati sperimentali certi? D’altronde che siamo nel campo degli incantesimi lo sa lo stesso ministero, se ammette che dopo 21 giorni dal primo contagio senza sintomi ci si può considerare liberi da quarantene o altro, anche in caso di test positivi. Per quanto riguarda la terra promessa, non ci andrò in vacanza, me ne farò una ragione…

vegavega
vegavega
Risposta al commento di  Tonguessy
2 Marzo 2021 4:05

I 21 giorni, sono una “prassi” anche per altri virus, anzi soprattutto, per altri virus. Mi è capitato di leggerlo nel libro Spillover di David Quammen, un tomo di cinquecento e rotte pagine, sui maggiori virus al mondo e la loro storia. È il tempo trascorso il quale, senza aver sviluppato sintomi in isolamento, si viene considerati innocui anche per ebola ad esempio. Quanto all’amplificazione dei frammenti, hai ragione. Il test Pcr (sempre secondo le spiegazioni del giornalista autore del libro) non è inattendibile perché impreciso, ma perché “troppo” sensibile a una qualsiasi contaminazione esterna (ambientale,umana,logistica). Viene normalmente usato dai ricercatori virologi in laboratori di un certo livello di sicurezza, proprio per evitare errori e contaminazioni. Se pensiamo (parlo per esperienza diretta) ai parcheggi aperti e ai moduli mobili in cui a me l’hanno fatto nell’arco di un mese e mezzo, si capiscono tante incongruenze.

Tonguessy
Tonguessy
Risposta al commento di  vegavega
2 Marzo 2021 5:39

Infatti usare tecnologie da camera bianca in ambienti inquinati è la cifra della scienza postmoderna

fiurdesoca
fiurdesoca
2 Marzo 2021 2:23

ciò che non riuscì a hitler riuscirà a bibi?

adestil
adestil
Risposta al commento di  fiurdesoca
2 Marzo 2021 12:03

il gran mufti di Gerusalemme consigliò a Hitler di eliminare gli ebrei (oltre a creare truppe di rastrellamento mandate in Europa) lo ha affermato Bibi Netanyahu che non possiamo mettere in dubbio perchè ha messo in discussione il motivo per cui esiste Israele.Ovviamente in ottica anti inglese che occupava la Palestina ma anche per motivi di contrasto di antiche etnie.

emilyever
emilyever
2 Marzo 2021 3:24

France soir riprende l’analisi dei dati israeliani fatta in un blog che ipotizza che sia avvenuta una specie di Lancegate come per l’articolo sui morti per la clorochina in cui si erano inventati delle cifre. I conti non tornano per loro, su un campione di poco più di 3 milioni di persone analizzate, divise per fasce di età e per vaccinate e non vaccinate. I morti fra le persone non vaccinate con più di 70 anni, per esempio, risulterebbero per numero superiori a quelle che erano a disposizione per lo studio. Le conclusioni a cui arrivano che più della metà dei dati, e sicuramente i due terzi del gruppo dei più di 70 anni dove si concentrano i decessi, siano cifre virtuali, inventate. Confesso però che io in tutti questi dati e statistiche mi sono persa, ma vi posto il link in francese dell’articolo, se qualcuno sa districarcisi meglio di me

https://www.francesoir.fr/opinions-tribunes/un-parfum-de-lancetgate-letude-israelienne-sur-lefficacite-du-vaccin-bute-sur-des

lady Dodi
lady Dodi
2 Marzo 2021 2:39

Ma infatti! Perché mai fa una cosa del genere? Spera nell’immunità per il mese di marzooooo?! Ma è impazzito?

Violetta
Violetta
2 Marzo 2021 2:51

Mah.
Attenzione a certi articoli.
Basta guardare le curve.
In Israele il trend era in crescita ed ha continuato cosi per un mese dopo l’inizio della campagna vaccinale. Dopo il picco del 20/01 ha iniziato a scendere.

https://gisanddata.maps.arcgis.com/apps/opsdashboard/index.html#/bda7594740fd40299423467b48e9ecf6

Violetta
Violetta
2 Marzo 2021 2:51

Mah.
Attenzione a certi articoli.
Basta guardare le curve.
In Israele il trend era in crescita ed ha continuato cosi per un mese dopo l’inizio della campagna vaccinale. Dopo il picco del 20/01 ha iniziato a scendere.

https://gisanddata.maps.arcgis.com/apps/opsdashboard/index.html#/bda7594740fd40299423467b48e9ecf6

lurisia
lurisia
Risposta al commento di  Violetta
3 Marzo 2021 10:24

Ciao Violetta, perdonami ma sono andato a vedermi i grafici e se guardi i morti giornalieri (non i contagiati) si vede che dopo il 25 di dicembre la situazione peggiora esponenzialmente per almeno un mese. Poi come dici tu la situazione migliora, ma se compari i grafici di Israele e Uk vedi lo stesso andamento, se invece prendi anche solo l’Italia (dove la situazione vaccini è in ritardo) non ci sono gli stessi picchi.

Violetta
Violetta
Risposta al commento di  lurisia
3 Marzo 2021 13:17

mi pare che la tendenza della curva fosse quello non c’è stata una impennata.

lurisia
lurisia
Risposta al commento di  Violetta
3 Marzo 2021 15:18

No, allora vuol dire che non hai esaminato i grafici, se vedi la media dal 7/11 al 23/12 (45 giorni) è 10 morti al giorno circa, dal 23 in poi si arriva al 29/12 a 36 e il 12/1 a 67 (raddoppia ogni 10 giorni circa infatti il 20/1 siamo a 101). Se questo lo compari al grafico dell’Italia noterai che il divario aumenta.

Violetta
Violetta
Risposta al commento di  lurisia
5 Marzo 2021 0:14

ascolta il trend di crescita non è diverso dalla ondata precedente e dalle altre ondate degli altri paesi.
Non posso postare immagini non so se si puo fare nè come ma la cuva non è una curva anomala in cui si apprezza dall’inizio della vaccinazione alcuna impennata particolare.

AlbertoConti
AlbertoConti
2 Marzo 2021 3:59

Che le varianti si producano e si impongano più del solito in seguito alle campagne vaccinali è più che plausibile sul piano logico (evoluzione spontanea dei virus in generale) e più che probabile in base ai fatti osservati in molti paesi, non solo Israele.
Normalmente le varianti spontanee dei virus più aggressivi tendono a ridurre la loro agressività verso l’ospite (il corpo umano). Questo però non è un virus normale, è un arma biologica ingegnerizzata ad hoc, e come tale potrebbe fare eccezione, producendo varianti altrettanto o anche più pericolose per l’ospite parassitato. Non ci sarebbe da stupirsi, ma non è ancora detto che sia così, stando ai fatti trapelati nonostante la censura mediatica.
Quanto agli israeliani che hanno scelto il mostro come loro leader politico, vale l’antico detto: chi di spada ferisce di spada perisce ( o “di ago perisce”, che è la variante tecnologica dell’offesa).

AlbertoConti
AlbertoConti
2 Marzo 2021 4:13

Ricordo, a proposito della aumentata vulnerabilità al virus dei più giovani, prima del tutto immuni ai suoi danni e sintomatologie, che il primario di pediatria dell’ospedale dei bambini Buzzi di Milano, che è anche preside di facoltà di medicina e candidato a sostituire Gallera in giunta regionale, ha spalancato le porte dello storico presidio sanitario pediatrico alla sperimentazione da 1 a 18 anni del nuovo vaccino della Johnson&Johnson.
Questa “brava persona”, figlio di operai e laureato con lode, si basa su pochissimi casi per giustificare una sperimentazione di massa sulle nuove generazioni lombarde, nella “speranza” di diventare esempio e traino per il resto del Paese. Parliamo di un individuo stimatissimo dalla lega, dai modi “politicamente corretti” e particolarmente moderati, che induce fiducia in chi lo ascolta. Io lo metterei sullo stesso piano di Bibi. Più che sul piano lo metterei al muro.

Cataldo
Cataldo
Risposta al commento di  AlbertoConti
2 Marzo 2021 9:51

Alberto bada bene nei commenti di non utilizzare metafore e immagini tipo “mettere al muro” et simili, non indispensabili alla comunicazione e che servono solo a segnalarti nei database globali.

AlbertoConti
AlbertoConti
Risposta al commento di  Cataldo
2 Marzo 2021 14:04

Grazie. La prossima volta dirò, al posto di “lo metterei al muro”,”lo metterei davanti al muro del pianto”. Così si capisce anche meglio l’attinenza comportamentale al personaggio “Bibi”.

Maria Di Monti
Maria Di Monti
2 Marzo 2021 3:37

Un ragionamento che non mi torna, con tutta la stima che ho per l’autore.

lady Dodi
lady Dodi
2 Marzo 2021 3:55

Ma perché fare un azzardo del genere? Atzmon da una giustificazione a mio avviso un po’ debole. Provo io. Ormai la Politica ha rinunciato al suo ruolo e si affida e delega tutto agli economistoni, agli scienziatoni persino ai sondaggisti, e insomma a chiunque tranne a se stessa. Va da sé che questi non sono veri politici e, devo aggiungere che è anche colpa nostra. Col denigrare e criticare costantemente ogni politico, questi si sono ritirati e acquattati dietro troppi “esperti”.
E così, senza più Politica che è passione, ci avviamo al gran galoppo verso la Società degli Insetti.

Filippo Candio
Filippo Candio
Risposta al commento di  lady Dodi
2 Marzo 2021 4:52

Se il politico si nasconde dietro gli ” espertoni” vuol dire che è un ” ignorantone” e, sopra tutto, un incapace, proprio a livello politico. Sono questi momenti dove i veri leader si mostrano.

lady Dodi
lady Dodi
Risposta al commento di  Filippo Candio
2 Marzo 2021 5:14

Speriamo. Ma se han fatto fuori Trump…..un altro se lo cucinano al tegamino.

ant85
ant85
Risposta al commento di  lady Dodi
2 Marzo 2021 7:23

” Ormai la Politica ha rinunciato al suo ruolo e si affida e delega tutto agli economistoni, agli scienziatoni persino ai sondaggisti, e insomma a chiunque tranne a se stessa”

Appunto, sc.emi noi che ancora parliamo di poltroncine, stipendi da 20.000 euro e vitalizi vari come se la fonte dei loro guadagni fosse solo quella. Chiediamoci piuttosto quanto guadagnano per farsi dettare le leggi dalle multinazionali.

oriundo2006
oriundo2006
2 Marzo 2021 5:08

Cito: ”..cosa ha portato gli israeliani a diventare cavie per un gigante farmaceutico ..”, Pfizer ( tedesco ) ?
Risposta: coazione a ripetere. Freud la sapeva lunga sui suoi correligionari. Questo tratto fondamentale va unito allo stress pre-traumatico e alla paranoia con delirio di onnipotenza ( uno dei sei classici deliri ) per capire i soggetti con cui abbiamo a che fare oggi.
( Da Wiki: L’azienda Pfizer nacque a New York nel 1849, quando i cugini Charles Pfizer e Charles Erhardt, di origine tedesca..ecc. ecc. ).
Ah, ce n’e’ anche per noi ( sempre da Wiki ): ”..alcuni suoi funzionari sono stati sospettati di essere mandanti di omicidi ai danni di attivisti per i diritti civili..”. Vi prego di non aprire alla porta a sconosciuti specie se con una siringa in mano…anche se lo fanno a fin di bene, naturalmente.

lady Dodi
lady Dodi
Risposta al commento di  oriundo2006
2 Marzo 2021 5:17

A me risulta che Pfiter fosse un ebreo di Salonicco. Un poverissimo emigrato in America ecc ecc secondo lacrimevole storia raccontata in tivù.
Ma può darsi falsa, ovviamente.

lady Dodi
lady Dodi
2 Marzo 2021 5:28

Ma, a parte tutto, Bibi conta di essere rieletto per questo?

danone
danone
2 Marzo 2021 5:32

Sicuramente verrà fuori che la Pfifer per diffondere le varianti mutanti ha collaborato con la Marvel Comics, leader mondiale nel settore mutanti.
D’altronde se è vero che usano ancora il tampone farlocco per tracciare i contagi, significa che il fantasy collabora ancora integralmente col reale per produrre il creduto.
Un mondo alla Space Jam o alla Roger Rabbit per capirci, giusto per rimanere in tema di bianconigli e di paesi in cui accadono meraviglie.
Quando finirà la favola non vorrei essere il covidiota che si sveglierà e si accorgerà di essere stato lui il personaggio dei fumetti in TV, insieme a Nick Carter, Spider Man e il Gruppo T.N.T., e saranno veri dolori interiori, mica come lo stato ipno-condriaco prodotto dal fanta-virus mutaforma dei fumetti in TV, fumetti in TV-uuu.

Guido Bulgarelli
Guido Bulgarelli
Risposta al commento di  danone
2 Marzo 2021 5:58

Ma il covidiota non si sveglierà mai, nemmeno di fronte all’evidenza più smaccata

fuffolo
fuffolo
Risposta al commento di  danone
2 Marzo 2021 9:29

E la colpa sarà del solito Stanislao Moulinsky

R66
R66
2 Marzo 2021 6:32

Fenomeno che, se vero, si potrebbe spiegare con due frasi opposte:
1) il (fanta)virus si è rinforzato in barba a tutte le teorie precedenti
2) l’ospite si è indebolito
Dato che soltanto in una delle due concorre il vaccino e dato che non può essere messo in discussione, non è difficile supporre quale possa essere la spiegazione da proporre alla popolazione.

cachafaz
cachafaz
2 Marzo 2021 7:44

Io avevo fatto una ipotesi, notando che i paesi piu’ vaccinatori sono israele, gran bretagna ed usa, che dovrebbero essere quelli piu’ sovrani, pur in un mondo in mano agli apolidi globalisti. Ed hanno iniziato la vaccinazione con personale sanitario, della scuola e della polizia, tutta gente che dovrebbe rimanere abbastanza sana in un regime , perche’ gli serve. I vecchietti vaccinati fungono da diversivo per non far capire. Se tra un po’ sorgeranno varianti covid -varianti dicono loro- contro cui il vaccino inoculato successivamente-chiamiamola fase 2) non puo’ nulla, ecco che la gente muore o si ammala per via delle varianti (chi potra’ stabilire che invece potrebbe essere il vaccino fase 2 ?) Intanto quelli vaccinati nella fase 1, pur tracciati e ormai con il corpo sotto controllo, si salvano. Quindi i primi vaccinati, cioe’ i cittadini di israele gran bretagna e usa si salverebbero, alla pari del personale sanitario, forze dell’ordine di tutti i paesi (occidentali).i cittadini vaccinati fase 2, non saprei dire se rischiano la salute o la vita.

Cangrande65
Cangrande65
Risposta al commento di  cachafaz
2 Marzo 2021 14:39

Esatto. Il primo vaccino, per FF.A. etc., è acqua e sale.

Annibal61
Annibal61
2 Marzo 2021 8:25

Secondo me la distinzione è tra ebrei comuni ed ebrei di un certo tipo. I comuni sono coloro che finiscono nei campi di sterminio oppure a colonizzare i paesi arabi quando c’ è da tirar le cuoia, gli speciali sono color che stampano i soldi insieme ad altri ultramiliardari, che non finiscono nei campi e nemmeno in battaglia. Bibì fa parte dei secondi. Il 90% dei cittadini di Israele dei primi…

lady Dodi
lady Dodi
Risposta al commento di  Annibal61
2 Marzo 2021 11:27

Credo anch’io sia così.

adestil
adestil
2 Marzo 2021 11:59

I bambini fino a 6anni sono asintomatici o quasi(tranne eccezioni per immunodepressi o rarità statistiche) sono però infettivi e quindi ovvio che un virus che colpisce giovani e bambini che di sicuro non vivono da soli ma sono in famiglia ed accuditi sono un ottimo cavallo di Troia per infettare l’intera famiglia genitori nonni bisnonni da qui l’aumento di mortalità è sicuro!Un adulto potrebbe anche vivere da solo..un bambino di sicuro no! Non penso sia studiato a tavolino ma lo stesso Crisanti ha detto (una sola volta poi non l’ha ripetuto) :vaccinare durante una pandemia è da folli per crea mutazioni imprevedibili..la vaccinazione è efficace solo se calano i numeri degli infetti (naturalmente o dopo un pesante lockdown ad esempio se proprio si voleva vaccinare lo si doveva fare giugno luglio agosto settembre 2020 e poi fermarsi). https://www.globalist.it/science/2021/01/15/l-allarme-di-crisanti-vaccinare-in-piena-pandemia-puo-favorire-la-mutazione-del-virus-2072218.html Nessun media ha ripreso la notizia.. anzi ormai Cristanti si vede sempre meno…e per poter continuare a lavorare si è dovuto vaccinare(o fare finta)dopo aver detto pochi giorni prima che senza vedere i dati (i dati grezzi di pfizer nessuno li ha visti in quanto sono dichiarati proprietà intellettuale quindi neanche EMA e FDA che hanno visto solo quello che Pfizer e… Leggi tutto »

Cangrande65
Cangrande65
Risposta al commento di  adestil
2 Marzo 2021 12:09

Ben ritrovato, Adestil !

Mi mancavano i tuoi commenti.

gena_ marra
gena_ marra
Risposta al commento di  adestil
2 Marzo 2021 14:13

Ottime osservazioni!

Cangrande65
Cangrande65
Risposta al commento di  adestil
2 Marzo 2021 18:53

Per Adestil.
Lo sapevi che la moglie di Draghi è una Cappello ? Famiglia patrizia veneziana della nobiltà nera?

Pfefferminz
Pfefferminz
Risposta al commento di  adestil
2 Marzo 2021 19:23

(… lo è per forza essendo un vaccino classico proteico quindi non genetico…)

scrivi riferendoti al vaccino russo Sputnik.
Il vaccino Sputnik è “a vettore” e nel genoma dell’adenovirus che viene utilizzato, c’è un segmento di RNA sintetico per produrre la proteina Spike del Sars-CoV-2.
Secondo le mie informazioni, anche il vaccino Sputnik è “su base genica”: per mezzo del “vettore” (adenovirus) viene introdotto un RNA sintetico all’interno della cellula.

Quasar
Quasar
Risposta al commento di  Pfefferminz
2 Marzo 2021 19:29

e’ corretta la valutazione

varia comunque il meccanismo di sintesi della proteina e, da questo punto di vista, sputnik e’ piu’ tollerabile dall’organismo per questo ha anche meno effetti collaterali

comunque ci sono due versioni quella russa e quella per export che sono diverse tra di loro

emilyever
emilyever
Risposta al commento di  Quasar
3 Marzo 2021 5:44

Sai anche in che cosa differiscano? solo per curiosità, perchè non mi inietterò nulla

Quasar
Quasar
Risposta al commento di  emilyever
3 Marzo 2021 8:24

differiscono nel fatto che uno e’ destinato alla popolazione russa (e/o affini) e l’altro al resto del mondo

la Russia copre il “gap” nelle zone non coperte, per ragioni politiche, da us/uk

Deheb
Deheb
Risposta al commento di  emilyever
3 Marzo 2021 10:25

Sono lo stesso vaccino, uno quello classico ha due dosi di somministrazione, l’altro lo chiamano Sputnik “light” perché è prevista solo la monodose, è per l’estero dedicato a chi deve almeno fare la prima dose, poi boh…

Deheb
Deheb
Risposta al commento di  Quasar
3 Marzo 2021 10:23

Non è una valutazione di Pfefferminz ma è un dato oggettivo, il vaccino Sputnik utilizza un Adenovirus umano come vettore, Astrazeneca un adenovirus di scimpanzé ma il meccanismo di sintesi della proteina Spike è analogo, come puoi dire che l’uno è più tollerabile dell’altro se non ci sono dati?

merolone
merolone
2 Marzo 2021 12:23

Probabilmente ha preso soldi per poter sperimentare sul suo popolo l’efficacia di massa del vaccino genico, finora mai sperimentato, e si vede dal numero dei morti che fa.

Juventinoesaurito
Juventinoesaurito
3 Marzo 2021 0:02

Papà Netanyahu aiuto i nazisti….
Il figlio Bibi vuole finire l’opera

Gli ebrei è il popolo più intelligente del pianeta

“Ma mi faccia il piacere” diceva un napoletano