Vaccini anti Covid tra farsa e tragedia: alla Camera dei Deputati svelati i veri effetti sulla popolazione

Il Prof. Giovanni Frajese mostra in commissione gli studi di Nature e The Lancet, che spiegano punto per punto le anomalie vaccinali. Draghi e Speranza hanno convinto gli italiani a vaccinarsi fornendo dati scientifici completamente falsi. La magistratura non può più fare finta di niente.

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

Di Megas Alexandros (alias Fabio Bonciani), per ComeDonChisciotte.org

Come sapete la mia materia non è la medicina, ma pur non essendo esperto in materia, appena ho ascoltato la deposizione del dott. Giovanni Frajese – avvenuta durante una seduta della Commissione parlamentare d’inchiesta sui vaccini anti-covid – sono stato subito in grado di comprendere la portata di quanto da lui esposto.

Se dovessi dare, con una sola parola, la sentenza finale, su cosa sia di fatto la pandemia in base alle parole del prof. Frajese, non ho il minimo dubbio ad affermare che è stata e tutt’ora continua ad essere: una farsa.

Ascoltiamole subito le parole del prof. Frajese (Qui sotto il video estratto dalla fonte ufficiale – Camera dei Deputati)

Una farsa, che però oggi, se gli studi riportati dal professore, venissero confermati, potrebbe, nostro malgrado, trasformarsi in una vera e propria tragedia umanitaria.

Come sappiamo il prof. Frajese non si esprime mai con opinioni personali, ma lo fa sempre seguendo dati scientifici pubblicati: e così è stato anche di fronte ai componenti della commissione.

Per questo il prof. Giovanni Frajese, endocrinologo e docente all’Università di Roma “Foro italico”, esordisce subito nel suo intervento con una raccomandazione: “Sarebbe il caso che questi dati scientifici vengano presi in considerazione da parte delle Istituzioni”

Il professore inizia subito andando al sodo, cercando di dare una risposta esaustiva ai temi controversi, su cui si è basata tutta la storia pandemica, ovvero vaccinazione obbligatoria, green pass e tutte quelle misure restrittive messe in atto dai governi nei confronti degli italiani.

“Tutto è stato basato sul fatto che i vaccini fornissero una protezione dall’infezione del 95% afferma il Prof. Frajese – “già un anno fa avevo spiegato in Senato come questo non fosse un dato assoluto, ma era relativo al placebo – e che in realtà il valore di efficacia assoluto di questa vaccinazione dopo due mesi di sperimentazione – prima che, soprattutto i medici e poi i magistrati, fossero obbligati ad entrare in questa sperimentazione – cosa che neanche la Germania nazista, secondo me avrebbe fatto – era dello 0,84%” (dati di Piter Doshi pubblicati sul Lancet).

Già questi dati basterebbero a farci capire come niente di scientifico ha mosso tutte le decisioni e le misure conseguenti del nostro governo.

Poi il professore è passato ad analizzare, attraverso un grafico, l’efficacia del vaccino nel tempo: “un vaccino che viene studiato per 60 giorni e poi reso obbligatorio è stata una cosa che di scientifico non ha nulla – ancora mi vengono i brividi oppure le risate, a seconda del momento – a sentire le persone che dicono io ho fede o credono nella scienza. La scienza di 60 giorni che poi mi obbliga ad entrare in una sperimentazione, perfetto!

Il grafico fa riferimento alla Svezia e riguarda la protezione offerta dopo la seconda dose.

Dopo sei mesi, i dati ci dicono che la protezione è zero e tra il settimo e l’ottavo mese la protezione diventa addirittura negativa.

Questo, ci dice il prof. Frajese è un evento che mai si è verificato in nessun tipo di vaccino prima di quelli attuali per la Covid.

Il fatto che la protezione diventa negativa ha un significato devastante: le persone vaccinate si ammalano e si infettano più di quelle che non sono vaccinate.

In pratica i vaccini dal settimo mese ottengono l’effetto diametralmente opposto a quello per cui sono stati creati. Ovvero hanno il potere di infettare invece che proteggere dal contrarre l’infezione.

“Già solo questo – afferma il professore – basterebbe per mandare all’aria tutta la storia che è stata portata avanti e francamente anche da arrabbiarsi per tutto quello che è successo”

“Ma c’è di peggio”, aggiunge il professor Frajese.

Il fatto che i vaccinati abbiano più facilità nel contrarre la malattia rispetto ai vaccinati, ha un solo significato: il loro sistema immunitario è stato alterato.

Il sistema immunitario di un individuo è quell’esercito naturale che consente ad ognuno di noi, di difendersi dalle malattie in generale (virus, batteri, tumori e tutto quello che normalmente può aggredire il nostro organismo).

E’ evidente quindi che una perdita di efficacia del nostro sistema immunitario, si traduca in un aumento dell’esposizione e nell’avanzamento di qualsiasi tipo di patologia.

E’ chiaro che questo dato andrebbe preso immediatamente in seria considerazione per capire se le persone vaccinate abbiano subito alcun tipo di danno. Sperando che in caso di risposta affermativa, per lo meno, abbia caratteristiche di temporaneità.

Certamente non si risolve il problema continuando con ulteriori vaccinazioni, stante il fatto che anche le successive presentano le stesse identiche problematiche.

Tali dati vengono confermati non solo da The Lancet ma anche da ulteriori studi del The New England Journal of Medicine e da Nature.

L’analisi di Frajese approfondisce non solo le carenze nell’efficacia del vaccino ma, come già detto, anche il tema delle alterazioni immunitarie e delle possibili conseguenze avverse della campagna vaccinale.

Secondo lo studio scientifico pubblicato su Nature si è assistito ad un incremento di oltre il 25% degli accessi al pronto soccorso per criticità cardiovascolari nelle fasce di popolazione under 40 in concomitanza con la campagna vaccinale.

Il dato è incontrovertibile non sono mie opinioni. Qualcuno dovrebbe prendere atto che esiste una scienza che a livello internazionale va avanti. Sarà il caso di studiare e non dare diktat senza basi scientifiche

Non solo, il professore invita caldamente il Ministero della Salute, ha prendere seriamente in considerazione questi dati, perché il rischio di patologie per i vaccinati è più che concreto in base ai dati esposti.

Ma la cosa più grave su cui il professore ci rende edotti, è l’assoluta assenza dei dati statistici italiani in riferimento alle problematiche esposte:

i dati italiani, lo sapete tutti, sono secretati oppure proposti in maniera particolare

E qui chiama direttamente in causa il ministro Speranza:

è inutile che vi ricordi, che il ministro Speranza – dopo che Draghi disse, se non ti vaccini muori e fai ammalare le altre persone – si presentò con dei grafici che portavano dei numeri assolutamente falsi. Già questo, secondo me, in un paese civile, sarebbero seguite immediatamente le dimissioni dello stesso ministro – ma per carità, evidentemente il governo dei migliori va avanti così

In conclusione, come potete vedere e sentire dalle parole del Prof. Frajese, la situazione è estremamente seria e tutto quello che ci hanno raccontato i nostri governanti in questi anni, parrebbe rientrare a tutti gli effetti nell’alveo dell’ennesima frode che chi ci comanda continua a perpetrare ai nostri danni.

Ormai non si fanno più scrupoli neanche a giocare con la nostra salute.

Qui siamo di fronte però ad una commissione parlamentare, la quale ha il dovere di andare a fondo e poi relazionare il parlamento e gli italiani su quanto realmente accaduto.

Certo che le parole del professor Frajese nei confronti del governo e del ministro Speranza, sono di una gravità estrema e non credo che il professore sia così sprovveduto da accusare un ministro di fronte al parlamento, di aver fornito dati falsi, senza averne le prove.

La posizione di Speranza si fa veramente pesante.. il popolo italiano ha bisogno di risposte in merito al più presto.

A meno che, qualche magistrato non decida di aprire prima un fascicolo.

Di Megas Alexandros (alias Fabio Bonciani), per ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
52 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
52
0
È il momento di condividere le tue opinionix