Ursula Von Der Leyen vuole “un’Identità Digitale Unica” per tutti i cittadini dell’UE

Nogeoingegneria.com

I piani del Presidente della Commissione, a tutti i cittadini dell’Unione europea deve essere data “un’identità digitale europea” che possono “usare ovunque in Europa per fare qualsiasi cosa, dal pagare le tasse al noleggio di una bicicletta”.

Vuole implementare per l’Europa ciò che l’ID2020, il World Economic Forum, la Banca Mondiale e la Sicurezza Nazionale stanno promuovendo in tutto il mondo – per perfezionare la sorveglianza automatizzata della popolazione mondiale.

Nel discorso di Ursula von der Leyen sullo stato dell’Unione del 16 settembre, un altro importante annuncio è stato ignorato, oltre a un obiettivo rafforzato in materia di clima. Il Presidente della Commissione ha detto:
Noi in Europa vogliamo un insieme di regole che metta le persone al primo posto. La Commissione proporrà una legge in tal senso il prossimo anno. Questo include il controllo sui nostri dati personali, che oggi sono troppo pochi. Ogni volta che un sito web ci chiede di creare una nuova identità digitale o di registrarci comodamente tramite una grande piattaforma, non abbiamo davvero idea di cosa succede ai nostri dati.
Per questo motivo la Commissione proporrà presto un’identità digitale europea sicura. Una di cui possiamo fidarci e che i cittadini possono utilizzare ovunque in Europa per fare qualsiasi cosa, dal pagamento delle tasse al noleggio di una bicicletta. Una tecnologia in cui noi stessi possiamo controllare quali dati vengono scambiati e come vengono utilizzati.

Bisogna leggere tra le righe per decifrare il piano perfido. La “proprietà dei dati”, qui espressa come “una tecnologia in cui noi stessi possiamo controllare quali dati vengono scambiati e come vengono utilizzati”, è un escamotage per minare la protezione dei dati europei attraverso la finzione che sia volontaria.

Questo è stato copiato dai cookie e dalle condizioni generali di contratto dei fornitori digitali. Nessuno li legge, e se qualcuno li legge, non ha altra scelta se non quella di accettarli o di rinunciare al servizio. Se i leader di mercato di un segmento richiedono un generoso trasferimento di dati, non avete altra scelta che accettare.

La perdita di un cliente singolo che presenta un’obiezione è comunque sopportabile.

A maggior ragione, naturalmente, se si vuole qualcosa dalla pubblica amministrazione.

Il concetto alla base è stato ideato dalla US Homeland Security insieme ad Accenture e al World Economic Forum sotto il nome di “The Known Traveller Digital Identity Program”. Ne ho scritto diverse volte (n.d.r. trovate informazioni qui) .

Ciò ha riguardato i controlli all’ingresso negli aeroporti, un campo in cui è particolarmente evidente quanto sia falso e momentaneo il carattere volontario della fornitura dei dati. Ma fin dall’inizio il piano era di estenderlo a molti altri campi di applicazione.

Il concetto di identità digitale uniforme per gli abitanti di un territorio il più vasto possibile, o almeno per tutto ciò che accade all’interno di uno Stato, viene portato avanti da un’iniziativa chiamata ID2020.

La cosa veramente importante dell’identità digitale uniforme per le societàmultinazionali dell’informatica, i servizi segreti americani e altri servizi segreti e le autorità di polizia è la creazione indiretta di banche dati centrali nazionali o addirittura sovranazionali in cui tutte le azioni di tutti gli abitanti sono registrate e memorizzate. E tutti i dati memorizzati possono essere identificati facilmente e senza errori. Anche quando i dati vengono raccolti in dossier sui cittadini, non c’è più la minima difficoltà a confondersi.

È vero che le principali agenzie di intelligence, piattaforme e aggregatori di dati hanno già una grande quantità di dati disponibili su quasi tutti. Tuttavia, a causa dei numerosi formati diversi in cui i dati sono disponibili e dell’identificazione talvolta imprecisa, questi dati possono essere analizzati automaticamente solo in misura limitata. L’identità digitale uniforme sarebbe un enorme passo avanti nella sorveglianza.

Un altro elemento, guidato dagli stessi gruppi e istituzioni, è il sistema biometrico. Quando si utilizza un dispositivo o una piattaforma, è necessario identificarsi con l’impronta digitale, la scansione dell’iride o il riconoscimento del volto. In questo modo, i supervisori eliminano in larga misura la possibilità che i dispositivi assegnati a una determinata persona possano essere utilizzati da più persone e dalle persone sbagliate.

Con il suo piano per un’identità digitale uniforme, la Commissione UE segue le orme del governo autocratico dell’India, che con il grande sostegno degli Stati Uniti ha creato un’identità biometrica così uniforme per tutti gli 1,5 miliardi di indiani chiamati Aadhaar. Il sistema si è rivelato un orrore per la protezione dei dati. (n.d.r. un grande fan e sostenitore di Aaadhaar è Bill Gates).

Parallelamente all’identità digitale uniforme, la Commissione UE continua a perseguire la sua roadmap verso una carta di vaccinazione digitale uniforme.

Anche se non fosse introdotta alcuna vaccinazione obbligatoria legale, come ci è stato sacrosantamente promesso, è prevedibile che allora tutti coloro che vogliono ancora andare al teatro o al di là di qualsiasi confine o magari anche in un bar o al lavoro dovranno essere vaccinati.

Traduzione a cura di Nogeoingegneria

FONTE https://norberthaering.de/die-regenten-der-welt/digitale-eu-identitaet/

———

Fonte: https://www.nogeoingegneria.com/motivazioni/sociale/ursula-von-der-leyen-vuole-unidentita-digitale-unica-per-tutti-i-cittadini-dellue/

Pubblicato il 1° Ottobre 2020